Skin ADV
Mercoledì 26 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Gallipoli

Gallipoli

di Beatrice Folini



24.06.2019 Valsabbia Provincia

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

26.06.2019 Gavardo Valsabbia

26.06.2019 Gavardo

25.06.2019 Gavardo

24.06.2019 Val del Chiese

24.06.2019

24.06.2019 Roè Volciano

24.06.2019 Gavardo Valtenesi

25.06.2019 Salò Garda



11 Febbraio 2019, 06.37

Racconti del lunedì

A rider in the Smoke Valley - Un cavaliere in Val di Fumo

di Ezio Gamberini
Fatto bollire il riso che servirà per il minestrone di stasera, la nostra pausa pranzo volge al termine, quando Grazia sale a cambiarsi per tornare al lavoro...

Bussano alla porta, apro… è Barbara D’Urso! “Ciao – mi dice – posso fare qualcosa per te?”…

Come no! – rispondo alla prosperosa e procace presentatrice televisiva – Potresti mettere il riso in frigorifero per favore?”, e non so con quale forza d’animo resisto a farle altre richieste, come ad esempio lavare quel cesto pieno d’indumenti che giace in lavanderia e poi stirarli pazientemente. No, dai, le mancherei sicuramente di rispetto!

Mi sorride e fa il suo ingresso in cucina ancheggiando sinuosa (mamma mia, ma quante curve!), afferra la “basgiulina” che contiene il riso, la appoggia su un ripiano del frigorifero, poi si gira, saluta e se ne va.

Grazia è pronta per tornare al lavoro, scende dal piano superiore e mi chiede:
“Ma hai messo via tu il riso in frigo?”.
“Nooooooooooo, pensa che, quando eri su in camera, è stata qui una, un po’ più vecchia di te – al che risponde ‘Ah beh, allora…’ – che ha bussato alla porta; ho aperto, è entrata, l’ha messo via lei e poi se n’è andata…”.

Eh, succede di tutto, in pausa pranzo. Qualche giorno fa ero convinto di aver perso il cellulare:

“Non trovo più il mio telefonino!”, dico a Grazia preoccupato, ma poi ci ripenso: no, non è possibile che l’abbia dimenticato in ufficio o che l’abbia smarrito da qualche altra parte, perché sono sicuro di averlo utilizzato dopo pranzo.

Sulla credenza, dove di solito appoggio il cellulare quando torniamo a casa dal lavoro, curiosamente c’è una scatola di biscotti, che però dovrebbe trovarsi nell’armadietto pensile in alto a sinistra.

Mi viene un sospetto atroce: non vorrei farlo, ma sono costretto dalla necessità, consapevole di aver mangiato un biscotto alla fine del pranzo, e di aver armeggiato con la scatola mentre avevo in mano il cellulare, perciò mi decido ad aprire ‘sto armadietto e affrontare la dura realtà.
Eccolo, il mio telefonino, appoggiato al posto della scatola di biscotti. Ma come ho fatto? Boh!

Grazia mi tirerà in giro per l’intero pomeriggio, e anche buona parte della serata, fin dopo il telegiornale, mentre io, infastidito dalla quantità industriale di interruzioni pubblicitarie, ripenso a quanto erano belli gli intermezzi offerti dal Carosello; tra i più gustosi, l’indimenticabile “Gringo”, la spassosa favola western del pistolero col poncho che combatte il cattivo Black Jack per salvare la bella Dolly, con una geniale miscellanea tra animazione e fotografia, accompagnata da un sottofondo musicale accattivante, e l’immancabile finale allegro, che consisteva del degustare tutti insieme la carne in scatola Montana. Ve lo ricordate?

“Gri-ingo…Gringooo… Gri-ingo… Gringoooooooo!”, con un crescendo imponente e maestoso, quasi solenne.

Ed ecco, come per magia, il pistolero assume le mie sembianze, ma è un pistolero convinto di aver perso il telefonino, e invece l’aveva soltanto appoggiato nel posto sbagliato, allora il coro che lo accompagna inizia a cantare:
“Ri-inco…Rincooo… Ri-inco… Rincoooooooooooooooooooooooooooooo!”.
E poi, tutti a nanna.

Nella foto:
A rider in the Smoke Valley – Un cavaliere in Val di Fumo, cioè io, ritratto nel 1990 dove nasce il fiume Chiese, durante la settimana trascorsa con gli amici della Cooperativa Ai Rucc e Dintorni, in sella a Gilda, la mitica Gilda, la cavalla di razza avelignese più buona della storia equina, e ai suoi piedi Nuvola, moglie di Faro, pastore bergamasco dall’intelligenza mostruosa: con un fischio andava a riprendere le mucche sparse ai piedi dell’Adamello e le riportava in stalla per la mungitura.

Ogni volta che guardo questa foto, ringrazio il cielo per avermi permesso di vivere un’avventura così entusiasmante, in un luogo incantevole che purtroppo non potrò mai più visitare, essendo a duemila metri di altitudine, altezze ormai da dieci anni precluse al mio cuore.
Ma basta il ricordo!

Per chi vuole approfondire, rilegga “La Gilda”, pubblicato su Vallesabbianews il 5 marzo 2012.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/03/2014 06:49:00
Non fate l’onda, non fate l’onda! Grazia ed io siamo tra i fortunati lavoratori che in pausa pranzo riescono a tornare a casa. Nel breve tragitto che ci separa dalla nostra abitazione...

21/09/2015 08:00:00
Ci vediamo domani Quando all’ora di pranzo usciamo dal lavoro, nel breve tragitto che ci separa da casa, Grazia ed io, in macchina, ascoltiamo le notizie del radiogiornale...

07/01/2019 08:00:00
La scuola materna San Giorgio “Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

23/06/2012 17:00:00
L'ultimo ritorno del «Cavaliere oscuro» di Nolan Il 29 agosto esce nelle sali italiane l'ultimo capitolo della saga di Batman iniziata da Christoper Nolan nel 2005 con "Batman Begins" e proseguita nel 2008 con "Il cavaliere oscuro". Ora Bruce Wayne è pronto a tornare per combattere Bane e salvare Gotham City

20/05/2018 09:14:00
Ogni tanto fa bene una «Pausa» Un invito a pranzo speciale quello giunto agli anziani ospiti della Casa di riposo di Bagolino dai gestori del ristorante "Villa La Pausa" di Ponte Caffaro



Altre da Racconti del Lunedì
03/06/2019

I miti greci

Grazia ed io torniamo dalla camminata serale e giunti davanti al cancello incontriamo una nostra vicina che arriva in macchina; si ferma, abbassa il finestrino ed esclama: “Ecco i miei miti, altro che quelli greci!”…


13/05/2019

Caro Macron...

Approfittando del ponte del 25 aprile, con tutta la famiglia abbiamo visitato Parigi e le sue straordinarie magnificenze, ma con una sorpresa! Perciò ho deciso di scrivere a Macron…  (8)

15/04/2019

Debbo firmare?

Da vent’anni Remo Pascutti era il capo del personale di un’azienda con un centinaio di dipendenti, e dopo ciò che accadde in quel venerdì di Pasqua, tutto cambiò per lui…


18/03/2019

I finestroni di nonna Lina

“Ma nonna Lina, cosa te ne fai del primo premio della Lotteria, cinque milioni di euro?”

04/03/2019

Una domenica mattina

Potrei starmene in letto, ma non c’è verso: all’alba del dì di festa, di tanto in tanto, mi sveglio anche prima delle sette, allora mi alzo e nella quiete ovattata del villaggio ancora silenzioso comincio a godermi la domenica mattina…

21/01/2019

Il porziuncolatore

“Ma che belle porzioncine… sembrano delle porziuncole!”, mi dice Grazia alle sette di mattina, guardando nel piatto in cui ho sezionato alla perfezione il mio toast mattutino, come potete vedere qui a lato. Oggi ha proprio voglia di tirarmi in giro, e quando ci si mette, è davvero irresistibile…  (1)

07/01/2019

La scuola materna San Giorgio

“Dai, smettila di fare lo stupidino e fai il bravo!”, mi disse Grazia quando eravamo alla scuola materna San Giorgio, entrambi cinquenni, facendomi vedere come si dovevano incollare i chicchi di riso sul cartoncino… 

17/12/2018

Re Magi 2.0

Roberto Melchiori avrebbe lavorato anche quel Natale. Turno di notte, dalle dieci di sera della vigilia fino alle sei di mattina, all’ospedale Maggiore della grande metropoli, reparto maternità… (1)

03/12/2018

Il pimpinello

Avrei voluto intitolare questo racconto “Il pistolino”, e ora vi spiego il perché, ma il direttore non me l’avrebbe permesso… (2)

05/11/2018

Il mio amico Fabio

“Dai, svelto, dobbiamo fumarle tutte e venti, e abbiamo soltanto mezz’ora!”, dissi al mio amico Fabio, vent’anni in due perfettamente ripartiti, essendo coetanei, mentre c’eravamo nascosti al lavatoio sul fiume, una domenica pomeriggio di quasi mezzo secolo fa…

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia