Skin ADV
Sabato 21 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



08 Luglio 2018, 08.20

Blog - Maestro John

Ninna nanna per Nicolò

di Maestro John
“Ninna nanna bel bambino della mamma e del papà/ chi per primo chiude gli occhi questa notte sognerà/ di andar su per il camino ed in cielo volerà/ e volando tra le stelle le più belle sceglierà…” (Bruno Lauzi)

Domenica 1 luglio, esattamente alle ore 2 e 08, all’Ospedale di Gavardo è nato un bellissimo bambino. Il suo nome? Nicolò Venturelli e per la precisione pesava kg 2,984.

È figlio di Alice Avanzi e di Venturelli Marco.
La dolce Alice è la seconda figlia di mio nipote Bruno Avanzi e di Cristina Ranesi.
Ha come fratelli i simpatici Luca e Sebastiano.
Cristina (ora giovane nonna) l’avevo conosciuta durante gli spettacoli del Gruppo teatrale Gavardese. In “All’occhio, Pinocchio!”

Recitava la parte della fatina, e quando appariva sul palco partiva la canzone dell’amico Gianantonio Giustacchini…
“Ed io che non sapevo dove andare, che cosa raccontare
la gente che diceva “Non ho tempo” e poi andava via
sinceramente io non ho capito ma non ho mai rubato né tradito.
E tu come nei sogni di un bambino mi hai portato via
da tutte le abitudini che sai e già posso sperare
di stringerti la mano per partire
per un sentiero nuovo e così sia
E come una fata con la voce d’argento
e come una storia su cui dubitare
sei tu sei la sola che mi fa cambiare
ogni giorno una cosa per ricominciare…”


Il piccolo Nicolò è un dispensatore di felicità: appena nato ha fatto felici i genitori, i nonni (il papà di Marco si chiama Venturelli Giuseppe) e i bisnonni.
Conosco bene quattro persone che sono diventate per la prima volta bisnonni: sono il maestro e pittore Ranesi Albino con Domenica (Lina) Verga e i miei cognati Avanzi Giovanni con Ventura Valeria.

Quando Giovanni e Valeria hanno festeggiato il 56° anniversario
, avevo fatto un piccolo discorso.

“Cara Valeria, il 16 maggio del ’59  sei convolata a giuste nozze con il tuo Giovanni.
Ma non sapevi che il grande Giovanni, uomo meraviglioso e sensibile, aveva un piccolo dono: è un concentrato di energia allo stato puro. Saltella sui ponteggi come un atleta alla Jury Chechi, mentre costruisce una casa con una mano con l’altra guida il camion.

E poi ha un fisico che nemmeno Ronaldo del Real Madrid.
E quando arriva la domenica, riposa tranquillo insieme alla sua Valeriuccia? Sé ciao! Inforca la bici, e come Gimondi o Bartali si cimenta ad affrontare le vette più ardite.

Affianca corridori che salgono su irte salite grondanti di sudore e muniti di borracce piene di sostanze energetiche…ma il grande Giovanni va ad acqua, e li supera tutti! E poi, tornato a casa, via che corre nel campo a seguire le vigne e le olive, e se magari puta caso andate in vacanza, lui si annoia a prendere il sole e sale sui deltaplani e vola nel cielo, libero e felice!

Cara Valeria, caro Giovanni, avete creato una famiglia meravigliosa, ricca di figli: Giampietro, Elena, Bruno, Giambattista, Marco, Stefano e Alessandro.
E ricca di nipoti: Pierpaolo, Filippo, Martina, Maria Vittoria, Luca, Alice, Sebastiano, Andrea, Alessio, Giulio, Marta, Nicola, Mattia, Silvia, Sara, Matilde e Carlotta…

Una famiglia ricca d’amore. Nella vostra vita ci saranno stati momenti di felicità e di tristezza, momenti di serenità o di preoccupazione. Ma ogni volta avete sempre risposto con l’amore.”


E ora è arrivato Nicolò!
A lui vorrei dedicare una canzone che avevo inventato per il mio “piccolo” Andrea (è da un po’ che mi ha superato in altezza…)
“Se dorme un bambino non disturbarlo,
il sonno è del bambino, tu non rubarlo
il cielo è come un mare, le nubi sono onde
la luna è una barca, naviga tra le stelle…
Il bimbo guarda e sogna
l’onda che diventa musica, il vento che diventa voce
la nube che diventa pioggia, il legno che diventa fiamma
la fiamma che diventa fumo, il seme che diventa albero
il fiore che diventa frutto
l’uovo che diventa uccello, il bimbo che diventa uomo.
Se dorme un bambino non disturbarlo
il sonno è del bambino tu non rubarlo
il cielo è come un mare, le nubi sono onde,
la luna è una barca, naviga tra le stelle…”


Il grande pittore Vincent Van Gogh ha scritto:
“Io penso di vedere qualcosa di più profondo, più infinito, più eterno dell’oceano nell’espressione degli occhi di un bambino piccolo quando si sveglia alla mattina e mormora o ride perché vede il sole splendere sulla sua culla.”

Benvenuto nel mondo, caro Nicolò, e grazie per la felicità che ci hai donato!
“Ninna nanna ninna oh
questo bimbo a chi lo do?
Lo darò ai suoi bisnonni
ché si chiama Nicolò!”


                                                                                                                  “zio-bis” John
Nelle foto:
1) Nicolò fa le nanne col papà Marco
2) Nicolò in braccio ad Alice con Marco e Sebastiano
3) Una bambina di nome Alice (in maglietta gialla) con altri cuginetti alla vendemmia di mio cognato Giovanni 
4) una fata cantante (Cristina con Arturo Tebaldini e Alberto Arrighi)

5) Nicolò alla corte di alcuni bisnonni e di nonno Bruno

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/03/2018 09:42:00
Una terra promessa Si vota. Dopo mesi di campagna elettorale. Da quando sono bambino sento “siamo in campagna elettorale”…

01/04/2018 09:40:00
E ti vengo a cercare La fede. O ce l’hai o non ce l’hai. Non c’è niente da fare. A me l’ha regalata mia mamma. Ma conosco un sacco di belle persone che non credono in Dio…

08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

17/12/2017 11:00:00
Bambino io, bambino tu Essendo vecchio, non ho molte fotografie della mia infanzia, la mia età dell’oro. Ho le foto di quando ero all’asilo, della prima comunione, di quando ero in colonia a Livemmo o al mare…

29/05/2017 06:40:00
Mamma e papàSono il Genio della Lampada!”, esclamo con voce baritonale, sotto il cielo stellato. “Allora fai venire qua la mia mamma e il mio papà!”, ribatte con enfasi il piccolo folletto di cinque anni, che ho rinominato “Duracell”, come le pile che non si scaricano mai… 



Altre da Maestro John
15/07/2018

Ave, Cesare!

Grande festa oggi pomeriggio (domenica) per monsignor Cesare Polvara. Sarà accolto dalla comunità di Rovato, dove celebrerà la sua prima Messa “rovatese” nella chiesa parrocchiale  (1)

03/07/2018

Ciao, Gabriele!

Un ritratto e un saluto all’amico Gabriele Rivetta, prematuramente scomparso a causa di una malattia (3)

01/07/2018

C'era una volta una gatta

Anzi no. C’era una volta un gatto. E c’era un ragazzo fragile, che nella vita aveva commesso un sacco di errori. Quello che vi racconto oggi è una favola. Anzi no. È una storia vera (2)

24/06/2018

C'era un ragazzo

Sono tornati a casa. Sono 100 tra alpini, fanti e bersaglieri morti in Russia, durante le violenti battaglie sul fiume Don. Ora riposeranno nel sacrario militare di Cargnacco, in Friuli. Di loro, 94 resteranno ignoti  (1)

21/06/2018

Radici

Oggi, 21 giugno, è il giorno in cui è nata mia mamma Caterina. E oggi è San Luigi Gonzaga, e Luigi è il nome di mio papà, innamorato di mia mamma  (1)

17/06/2018

Una vita in vacanza

La scuola primaria è finita e adesso tutti in vacanza! C’è un video molto divertente in cui si vedono  uscire dalla scuola i bambini urlanti, e dopo un minuto correre fuori le maestre ancor più urlanti!
(2)

10/06/2018

Regalami un sorriso

Pare che don Lorenzo Bacchetta, ordinato sacerdote nella Cattedrale di Brescia, abbia già fatto un miracolo. Sì perché, nonostante il tempo difficile che stiamo vivendo, in questi giorni vedo gente più contenta, più serena.

03/06/2018

Neanche un prete per chiacchierar

Un tempo c’erano un sacco di sacerdoti. Sui manifesti c’era un lunghissimo elenco di ordinazioni presbiterali...   (3)

02/06/2018

Le ragazze di Trieste

Oggi, sabato 2 giugno, mio nipote Filippo Ardesi si sposa con la bella Serena Villani. Il matrimonio sarà celebrato nella chiesa di San Giovanni in Tuba, a Duino - Aurisina, in provincia di Trieste  (1)

27/05/2018

Mio cognato Sergio

Sabato alle 5 della sera ci ha lasciato Sergio Franceschetti. È mio cognato, perché ha sposato mia sorella Rita (3)

Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia