13 Ottobre 2019, 09.50
Blog - Maestro John

L'airone sopra il fiume

di John Comini

L’avevo visto in un freddo giorno d’inverno. Uno splendido airone. Aveva appena nevicato, e sulla via Romana mi ero portato la macchina fotografica per scattare qualche immagine


Era lì, sopra il fiume, le lunghe zampe appoggiate a delle assi di legno. Lo splendido uccello se ne stava immobile, come un messaggero degli dei. Sembrava guardasse il mondo, pareva volesse dire qualcosa a noi, poveri umani.

Era il simbolo di una natura che stiamo velocemente distruggendo. Come se la natura non fosse un dono da proteggere e salvare. Come se un fiume fosse “cosa nostra”, da usare e da scartare.

L’airone fa parte della famiglia di uccelli degli ardeidi: il poeta latino Ovidio narra che un airone cenerino si levò in volo dopo che Enea ridusse la città di Ardea in cenere. E forse il mito anticipa quello che sta facendo l’uomo della natura e delle foreste: ridurre tutto in cenere.

L’airone l’ho rivisto qualche giorno fa. Si è posato sul medesimo posto per pochi istanti. Poi ha allargato le grandi ali e si è alzato in cielo, sopra il fiume. L’ho guardato, incantato da quel volo che pareva una danza. E mi è venuta in mente la canzone di Lucio Battisti, “Emozioni”:

“Seguir con gli occhi un airone sopra il fiume e poi
ritrovarsi a volare

e sdraiarsi felice sopra l’erba ad ascoltare
un sottile dispiacere…”


Volava, l’airone. Volava con il suo bellissimo corpo slanciato sopra il Chiese, che scorre da tempo immemore e porta ricchezza di acqua, porta fertilità alle campagne, porta benefici a tutti quanti.

Volava sull’acqua errante che canta, sulle acque del fiume in cui è riflessa la vita che è sempre unica.

Volava sopra i sassi che offrono nascondiglio ai pesci.

Volava sopra gli alberi che popolano le rive, sopra il fogliame che odora di tempo e umidità. Volava sopra le robinie, i pioppi, i platani, i salici piangenti, sopra le querce e gli olmi. Volava sopra i sacchetti di immondizia che qualche vandalo aveva lanciato sui rami degli alberi.

Volava sul fiume che è un dono che non volta mai le spalle ed è necessario all’intera valle.

Volava sul fiume offeso, avvelenato, sporcato, inquinato da gente che non lo rispetta, che non sa che il Chiese è dato in dono ai viventi sia ieri sia oggi ma anche alle future genti.

Volava lentamente, nell’aria tersa, nel paesaggio risplendente di luce, sembrava sospeso al cielo come ad un filo misterioso.
E poi…

E poi ho immaginato che abbia spiccato il volo verso il bellissimo lago di Garda, scrigno di bellezza. E allora l’airone volava sopra l’incanto delle colline moreniche, sopra gli olivi e le viti, sopra le isole e le rive affollate dai turisti.

Ma anche qui sorvolava le discariche abusive, le acque inquinate che hanno visto sparire pesci come alborelle, cavedani e tinche.
Volava sopra la cementificazione, sopra lo sfruttamento intensivo, sopra il potere dei soldi a tutti i costi, costi quel che costi.

Poi l’airone è ritornato al Chiese. È disceso planando sull’argine ad osservare e udire il rumore della massa d'acqua che scorreva rapidamente. Se ne stava ancora lì, immobile. Come a proteggere il fiume. Come se sapesse che gli uomini spingeranno gli scarichi del lago su su verso le bellissime (e storiche) colline accanto al Chiese.

Come se sapesse che gli uomini decidono sempre per interessi di parte, che i politici che dovrebbero tutelare l’ambiente spaccano il capello in quattro, che si affidano ad un solo progetto, mentre per la salvaguardia del Lago ci vorrebbe una visione ampia, un concorso di idee a livello internazionale. Perché il Garda (e il Chiese) sono come la città di Venezia, e vanno tutelati da tutto il mondo.

Dobbiamo cominciare a pensare come un fiume, se vogliamo lasciare un patrimonio di bellezza e di vita per le generazioni future.
Il fiume è come il flusso della vita, inarrestabile. Urla, il Chiese, urla, chiede aiuto. Voi lo sentite?

Ho letto che l'etimologia del nome Gavardo deriva da una radice celto-germanica che vuol dire fiume, acqua che scorre o località posta su un corso d’acqua. Speriamo che Gavardo non diventi sinonimo di depuratore del lago…

Il grande Bepi De Marzi, cantore dell’inesorabile fine del mondo contadino-montanaro, ha detto: “La mia è una infinita disperazione. Piango un mondo umiliato e offeso. Urlo anche per lo scempio delle città: come fosse morto il mondo, se la città d’autunno non ha più foglie gialle nei viali di cemento nero. Le foglie non sono mai nate, son rimaste nel cuore dei rami duri come pietra…”.

Il grande Bepi ha scritto una stupenda canzone:

“L’eco del fiume riporta la voce
voce che torna, che torna a cantare.

L’eco non racconta se nei canali
son tornate le cannaiole.

L’eco del fiume riposa nel mare.
Nel mare tace l’onda,
più non torna la tua voce.

L’eco del fiume riposa nel vento
vento tra le canne
nei canali senza nome
L’eco del fiume…

Son tornate! Son tornate le cannaiole,
adesso è primavera…”

Qualcuno penserà: tanto va tutto male, non cambia niente, hanno già deciso i politici. E forse quel qualcuno ha ragione. Forse cambiare il mondo è un’illusione. Ebbene, chiamatemi illuso: spero ancora nei bambini, che forse riusciranno a salvare questo mondo che noi grandi stiamo distruggendo. Perché il lago è simile al Museo del Louvre… e il Chiese è come un quadro di Van Gogh. Speriamo che, come Vincent, non diventi famoso solo dopo che è morto.

E ringrazierò sempre le moltissime persone che non si arrendono, che combattono una battaglia civile in difesa del Chiese, che credono che si possano salvare lago e fiume insieme.

Grazie infinite, ragazzi di ogni età e di ogni partito, a voi vada il grazie di tanti cittadini, del lago, del Chiese… e di un airone.

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo,
maestro John

Nelle foto:
- L’airone
- Il fiume a Gavardo (foto dell’amico Antenore Taraborelli)
- Il fiume vicino alla Centrale del Bostone
- La riva dell’Oise ad Auvers dipinta da Van Gogh



Commenti:
ID82131 - 13/10/2019 17:51:23 - (PETER72) -

"Go river go, go to the sea, Flow to the sea. The river flows, it flows to the sea" (Ballad of Easy Rider). Se inquini il fiume a valle non potrai lamentarti di trovare inquinato anche il mare a valle...

ID82132 - 13/10/2019 17:55:37 - (PETER72) - Sorry

"se inquini il fiume a monte" o "in valle"...

ID82134 - 13/10/2019 19:01:18 - (Tc) - ...considerazioni...giuste sbagliate larga sentenza.

aironi e cormorani sono arrivati ai fiumi fino a monte dei loro corsi,semplicemente per mano dell'uomo,40 anni fa non c'erano o erano molto rari,e le acque eran ben piu' pulite di quelle di adesso,ora è il contrario, a valle molti fiumi sono ormai allo stregua del Gange (fogne a cielo aperto) e a monte si e' aumentata in maniera esponenziale l'abitudine di semina per pesca sportiva attirando di logica certi uccelli che tempo addietro non era facile avvistare,se solo una di queste cose mancasse certi uccelli sparirebbero naturalmente,ora che c'e' non dimentichiamo che e' un animale stanziale e difficilmente lascia il posto che sceglie,solo se non c'e' cibo se ne va altrove,a valle sta distruggendo tutto il siluro e' quindi logico che se ne venga a monte,dove da mangiare c'e' e dove pare le acque del Chiese si sia deciso di farle scorrere sempre,altro motivo per cui non arrivvava,nel Chiese anni fa spesso non vi era acqua.Comunque il Maestro e' sempre un piacere leggerlo.

Aggiungi commento:
Vedi anche
06/01/2019 17:10

Il fiume Chiese va…

…e porta via le gioie, le tristezze e le nostalgie di ciascuno. Il fiume va, e fa riaffiorare i ricordi

09/06/2019 09:20

C'è un fiume amaro dentro me... Oggi pensavo di parlare dei sette giovani nuovi sacerdoti, testimoni dell’amore, dono di Dio per le nostre comunità. Ma purtroppo mi è capitato di leggere su Bresciaoggi queste parole: “A Gavardo, punto e basta...”

10/05/2020 08:00

Incontri sulla via Romana Ci sarà gente sulla via Romana? La strada che collega Gavardo e Villanuova è un paradiso terrestre, accanto scorre il fiume Chiese (ah, il Chiese!). Adesso sto ancora chiuso in casa in casa, aspetto e spero…

17/11/2019 09:33

Com'è triste Venezia (e il fiume Chiese) Venezia sott’acqua. L’abbiamo vista tutti. L’acqua che invade basiliche, case e alberghi di lusso, vaporetti scaraventati sulle rive del Canal Grande, imbarcazioni e gondole incastrati nelle calli

14/04/2019 09:25

E tu, che albero sei? Passeggio sulla stupenda Via Romana, tra gli alberi e il fiume. Pioviggina, e con l’ombrello mi sembra di essere nel film “Cantando sotto la pioggia”...



Altre da Maestro John
09/08/2020

Tutti al mare... e a Livemmo!

Chiudo gli occhi e cerco di ricordare. Istanti della mia infanzia dorata, attimi di felicità. Dopo la scuola, l’inverno e la nebbia, d’improvviso l’estate arrivava, come un fremito del cuore...

02/08/2020

Quelli dell'Illustre Teatro

Adesso che ho finalmente ripreso a girare con gli spettacoli della Signora Maria, l’acclamata Paola Rizzi, vorrei raccontarvi dell’Illustre Teatro di Vestone

26/07/2020

La signora Letizia e piazza Zanardelli

Venerdì ha compiuto 99 anni la signora Letizia Portesi. Figlia di Angelo e di Annetta, ha sempre dato una mano nella gestione della forneria dei genitori, sotto i portici di piazza Zanardelli

19/07/2020

Prendi la chitarra e vai

Ho sempre amato la chitarra. Ascoltavo incantato i cantautori, che mi regalavano emozioni profonde imbracciando una chitarra. Ed ho sempre ammirato chi la sa suonare

12/07/2020

Nòm, cognòm e scötöm

Paese che vai, soprannomi che trovi. In ogni paese ci sono famiglie di origine antichissima, una pianta secolare costituita dagli avi che poi si dirada in mille rami con figli, nipoti, pronipoti e via vivendo

05/07/2020

L'Isolo

D’estate, quando abitavo nel “grattacielo”, mia mamma apriva la finestra che dava sul Naviglio. Allora entrava un refolo di vento, un’aria fresca che dava sollievo. Laggiù si vedeva l’Isolo...

28/06/2020

Scarpe, scarpù e scarpulì

Alcune settimane fa ci ha lasciati Aristide Fontana, che ha fatto il calzolaio per una vita. Lavorava in via Gosa con suo fratello “Giovannino” e Gianni Tebaldini, che abita a Prevalle ed è nipote della Gina Tortelli. Conosco la figlia Clara, una maestra simpatica e molto preparata

21/06/2020

Vanna e Fabrizio, maestri 10 e lode

La mia ex collega Vanna Ferraboli va in pensione. Ancora qualche riunione, qualche incombenza del registro elettronico, e poi… una vita in vacanza!

14/06/2020

Un compleanno e due addii

Comincio con una bella notizia. Sabato 13 giugno ha compiuto gli anni Antonio Lauro. Per tutti i suoi numerosi amici è il mitico “Tone”, e soffia su 70 candeline

07/06/2020

La gente di cuore

Fra la miriade di sodalizi gavardesi merita una particolare menzione l’Associazione Volontari Gavardesi, impegnata in servizi a favore della terza età, ma non solo