Skin ADV
Martedì 25 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






01 Luglio 2018, 08.30

Blog - Maestro John

C'era una volta una gatta

di John Comini
Anzi no. C’era una volta un gatto. E c’era un ragazzo fragile, che nella vita aveva commesso un sacco di errori. Quello che vi racconto oggi è una favola. Anzi no. È una storia vera

C’è un ragazzo alla deriva, come ce ne sono tanti. Ha problemi di tossicodipendenza, è passato attraverso alcool e droga. La sua vita è un fallimento totale. È solo, senza alcuna prospettiva. Una vita da schifo. Sognava di diventare una rockstar. Fallimento. Sognava di diventare ricco e famoso. Fallimento. È senza soldi, senza un tetto sulla testa, è schiavo della droga. Come tanti. Non ha un lavoro, non ha una famiglia su cui contare. Vive alla giornata. Per poter campare cerca di guadagnare un pezzo di pane esibendosi come artista di strada. Una chitarra, qualche canzone e pochi soldi elemosinati da passanti che vanno via di fretta. Del resto, ognuno ha i suoi problemi, non è facile raccogliere la pietà della gente.

Sulla strada il ragazzo incontra spesso violenza e intolleranza. Insomma, la vita è magra, la strada della disperazione è sempre più buia. Una sera, mentre si trova nella vasca da bagno di un alloggio popolare (c’è sempre qualche anima buona che offre un riparo) il ragazzo sente un rumore proveniente dalla cucina. Va a vedere: è un gatto, rannicchiato in un angolo, indifeso. Il ragazzo pensa che possa appartenere ad un vicino di casa, allora si impegna a trovarne il proprietario.  Ma non ha fortuna, quindi pensa che si tratti di un gatto randagio. Si accorge che è ferito ad una zampa, così il ragazzo lo medica. Poi lo libera in strada, convinto di non rivederlo più: “Vai, cerca altri padroni, qui non c’è trippa per gatti”.

L’ultima cosa di cui ha bisogno è un animale in casa. Ma il gatto non lo molla, continua a girovagare nei pressi del suo povero alloggio. Allora il ragazzo esce, e il gatto lo segue. Dove va il ragazzo, va anche il gatto. Per nulla al mondo intende separarsi dal suo nuovo “padrone” e lo segue ovunque. Instancabile. Finché al ragazzo non rimane che arrendersi. Va bene, stai con me. Non resiste a quella palla di pelo. Gli dà un nome: Bob.

Ma il ragazzo non immagina quanto la sua vita stia per cambiare, grazie a Bob. Quando si mette a cantare con la chitarra, Bob gli sta accanto, gli fa compagnia, gli sale anche in testa. Il ragazzo canta, il gatto pare faccia il coro miagolando. Se prima il ragazzo era una specie di fantasma, ignorato dai passanti frettolosi, ora il gatto lo rende magicamente visibile. Qualche bambino si ferma, qualche genitore sorride, qualcuno riprende col cellulare quella strana coppia ragazzo-gatto.

E qualcuno carica su Youtube la loro immagine, che fa il giro del mondo in pochi giorni. È uno strano miracolo, il lato positivo di un mondo in cui i social possono decidere della vita o della morte di qualcuno. Questa volta i social e la rete sono utili. Come tutte le cose, dipende da come le usi: un coltello serve a dividere il pane con qualcuno o a fargli male.

“C'era una volta una gatta
che aveva una macchia nera sul muso
e una vecchia soffitta vicino al mare
con una finestra a un passo dal cielo blu
Se la chitarra suonavo
la gatta faceva le fusa ed una
stellina scendeva vicina, vicina
poi mi sorrideva e se ne tornava su” (Gino Paoli)

Un giornalista viene a sapere della faccenda, contatta il ragazzo (e il gatto) e scrive la loro strana storia in un libro. Si intitola “A spasso con Bob”, tocca il cuore di milioni di lettori, diventa un best-seller e viene tradotto in 30 lingue. Da libro si ricava un film, lo sfortunato ragazzo ed il gatto diventano due star mondiali. Ma il ragazzo non si è dimenticato di quello che era. Da un incontro casuale  ha preso il coraggio che gli mancava per ripartire, senza dimenticare chi è stato. Oggi che può vivere serenamente, si impegna per i senzatetto e per gli animali senza rifugio.

È una meravigliosa storia di amicizia, un inno alla vita ed alla possibilità dei miracoli. È un messaggio di tenerezza e di speranza, è –perché no?- una storia d’amore. Il ragazzo ha curato la zampa del gatto, il gatto ha curato le profonde ferite dell’anima del ragazzo. Il ragazzo si chiama James Bowen, la storia è successa a Londra. Ma il ragazzo può essere un ragazzo di qualsiasi parte del mondo, e di gatti ce n’è un’infinità.

Questa storia mi ha insegnato che la fortuna va e viene, e che se sei fortunato devi condividere la tua felicità con gli altri. Questa storia mi ha insegnato che c’è sempre una seconda possibilità. C’è un sacco di gente che dipende dal fumo, dalla droga, dal sesso, dal gioco. C’è un sacco di gente che non ce la fa ad uscirne, e dilapida i beni della famiglia, distrugge gli affetti più cari. C’è un sacco di gente che sa di sbagliare ma non ce la fa, e muore lentamente in fondo alla propria anima. C’è un sacco di gente che pensa solo ai soldi, al potere. C’è un sacco di gente che non si accontenta mai, e che dà sempre la colpa agli altri. Tutti ci sentiamo spesso migliori degli altri e li giudichiamo, dall’alto della nostra superbia. Tutti abbiamo in nostro personale libro degli errori, ma ce lo teniamo nascosto in fondo al cuore e continuiamo a sbagliare, tradendo prima di tutto noi stessi.

“Tutto questo lo sai e sai dove comincia
la grazia o il tedio a morte del vivere in provincia
perché siam tutti uguali, siamo cattivi e buoni
e abbiam gli stessi mali, siamo vigliacchi e fieri,
saggi, falsi, sinceri... coglioni!”
(Francesco Guccini)

Spero tanto che qualcuno legga questa storia. Spero tanto che qualcuno non si lasci andare. È così facile chiudersi a riccio, è così facile aver paura degli altri, è così facile buttarsi via. C’è sempre una seconda possibilità. E anche una terza. E una quarta. Dicono che i gatti abbiano sette vite (qualcuno dice addirittura nove). Noi ne abbiamo solo una, di vita. Ma possiamo sempre cambiarla. Dipende da noi. A volte basta poco. A volte basta qualcuno che ci sorrida. A volte basta qualcuno che ci tenda una mano. A volte basta una debole luce in fondo al tunnel. A volte basta un meraviglioso, simpatico e testardo gatto. O era una gatta?

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo.
maestro John

Le prime due foto sono dell’amica Sara Ragnoli, le altre due le ho scattate moltissimi anni fa. Miaoooo!

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76730 - 01/07/2018 20:55:22 (Iva) stupendo questo racconto
Complimenti per questo racconto stupendo e sono d'accordo con lei, la vita può sempre ricominciare e più di una volta. Grazie a lei si leggono tanti racconti.Bravissimo!!!!!!!!!!!


ID76740 - 02/07/2018 17:20:44 (Geppo1950) ciao john
ciao amico, oramai non mi sorprendi più, ma.... la curiosità che riesci ad attivare in mè con i tuoi racconti è una cosa rara e buonagrazie



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

09/04/2017 10:57:00
Il Gatto e la Volpe Nella mia lunga vita di maestro ho conosciuto centinaia di bambini. Ce ne sono di tutti i tipi (e di tutti i colori)...

05/08/2018 09:25:00
Ti sposerò perchè... Dedicato al mio carissimo nipote Filippo Ardesi, che è “convolato a giuste nozze” (si dice ancora così? mah!) con la bella Serena Villani 

01/04/2018 09:40:00
E ti vengo a cercare La fede. O ce l’hai o non ce l’hai. Non c’è niente da fare. A me l’ha regalata mia mamma. Ma conosco un sacco di belle persone che non credono in Dio…

04/03/2018 09:42:00
Una terra promessa Si vota. Dopo mesi di campagna elettorale. Da quando sono bambino sento “siamo in campagna elettorale”…



Altre da Maestro John
23/09/2018

Sembra quand'ero all'oratorio

C’è un posto bellissimo che si potrebbe chiamare la città dei bambini e dei ragazzi. È un posto dove fare comunità, incontrarsi, giocare, fare amicizia, costruire legami basati sulla bontà, la semplicità, la gioia, la gratuità ed il servizio agli altri. (1)

16/09/2018

Libiamo ne' lieti calici

L’estate sta finendo, sulle dolci colline inizia il rito della vendemmia. Molti chiamano parenti e amici, tutti con forbici e stivaloni, tutti a tagliare dai tralci i grappoli maturi, con il carro pieno di secchi e cesti  (1)

13/09/2018

Ceci e Aldo: 49 anni insieme!

Stamattina camminando per le strade di Villanuova ho scoperto che Cesarina Cattaneo (per tutti Ceci) ed Aldo Zambelli festeggiano i 49 anni di matrimonio. Che bellezza!

09/09/2018

A una maestra

Molti anni fa, quando insegnavo a Mocasina, ho conosciuto una maestra eccezionale, una signora del paese, la maestra Neni Pasini, suo marito aveva le cantine... (1)

02/09/2018

Pensiero stupendo

Così intitolava la Gazzetta dello sport quando c’era la possibilità che Ronaldo venisse a giocare in Italia. Poi è arrivato, per la gioia degli juventini e degli incassi di tutti gli stadi. (2)

26/08/2018

Rimmel

Lunedì a Nave ci sarà l’addio a Manuela, 35 anni. Ci sono ancora uomini che odiano le donne. Ci sono ancora donne che subiscono violenza. Ci sono ancora donne uccise da maschi pieni di orgoglio, di voglia di possesso o di un “amore” sbagliato
(2)

19/08/2018

Quel camion verde sopra l'abisso

Poteva esserci ciascuno di noi su quel ponte. Chissà quante volte l’abbiamo attraversato, diretti verso i traghetti o verso le meravigliose città della Liguria (1)

12/08/2018

Stella gemella

Nella notte di San Lorenzo molti hanno scrutato il cielo, alla ricerca di qualche stella cadente. Per esprimere un desiderio, per sognare una vita migliore, per trovare l’amore, per continuare a sperare. (3)

05/08/2018

Ti sposerò perchè...

Dedicato al mio carissimo nipote Filippo Ardesi, che è “convolato a giuste nozze” (si dice ancora così? mah!) con la bella Serena Villani 

29/07/2018

Gli occhi neri di Iushra

Dove sei adesso, Iushra? Tutti aspettavamo un miracolo. Il miracolo di trovarla e di poterla abbracciare. Ma quel miracolo non è avvenuto, anche se la luce della speranza non si spegne mai (4)

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia