Skin ADV
Domenica 24 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






01 Luglio 2018, 08.30

Blog - Maestro John

C'era una volta una gatta

di John Comini
Anzi no. C’era una volta un gatto. E c’era un ragazzo fragile, che nella vita aveva commesso un sacco di errori. Quello che vi racconto oggi è una favola. Anzi no. È una storia vera

C’è un ragazzo alla deriva, come ce ne sono tanti. Ha problemi di tossicodipendenza, è passato attraverso alcool e droga. La sua vita è un fallimento totale. È solo, senza alcuna prospettiva. Una vita da schifo. Sognava di diventare una rockstar. Fallimento. Sognava di diventare ricco e famoso. Fallimento. È senza soldi, senza un tetto sulla testa, è schiavo della droga. Come tanti. Non ha un lavoro, non ha una famiglia su cui contare. Vive alla giornata. Per poter campare cerca di guadagnare un pezzo di pane esibendosi come artista di strada. Una chitarra, qualche canzone e pochi soldi elemosinati da passanti che vanno via di fretta. Del resto, ognuno ha i suoi problemi, non è facile raccogliere la pietà della gente.

Sulla strada il ragazzo incontra spesso violenza e intolleranza. Insomma, la vita è magra, la strada della disperazione è sempre più buia. Una sera, mentre si trova nella vasca da bagno di un alloggio popolare (c’è sempre qualche anima buona che offre un riparo) il ragazzo sente un rumore proveniente dalla cucina. Va a vedere: è un gatto, rannicchiato in un angolo, indifeso. Il ragazzo pensa che possa appartenere ad un vicino di casa, allora si impegna a trovarne il proprietario.  Ma non ha fortuna, quindi pensa che si tratti di un gatto randagio. Si accorge che è ferito ad una zampa, così il ragazzo lo medica. Poi lo libera in strada, convinto di non rivederlo più: “Vai, cerca altri padroni, qui non c’è trippa per gatti”.

L’ultima cosa di cui ha bisogno è un animale in casa. Ma il gatto non lo molla, continua a girovagare nei pressi del suo povero alloggio. Allora il ragazzo esce, e il gatto lo segue. Dove va il ragazzo, va anche il gatto. Per nulla al mondo intende separarsi dal suo nuovo “padrone” e lo segue ovunque. Instancabile. Finché al ragazzo non rimane che arrendersi. Va bene, stai con me. Non resiste a quella palla di pelo. Gli dà un nome: Bob.

Ma il ragazzo non immagina quanto la sua vita stia per cambiare, grazie a Bob. Quando si mette a cantare con la chitarra, Bob gli sta accanto, gli fa compagnia, gli sale anche in testa. Il ragazzo canta, il gatto pare faccia il coro miagolando. Se prima il ragazzo era una specie di fantasma, ignorato dai passanti frettolosi, ora il gatto lo rende magicamente visibile. Qualche bambino si ferma, qualche genitore sorride, qualcuno riprende col cellulare quella strana coppia ragazzo-gatto.

E qualcuno carica su Youtube la loro immagine, che fa il giro del mondo in pochi giorni. È uno strano miracolo, il lato positivo di un mondo in cui i social possono decidere della vita o della morte di qualcuno. Questa volta i social e la rete sono utili. Come tutte le cose, dipende da come le usi: un coltello serve a dividere il pane con qualcuno o a fargli male.

“C'era una volta una gatta
che aveva una macchia nera sul muso
e una vecchia soffitta vicino al mare
con una finestra a un passo dal cielo blu
Se la chitarra suonavo
la gatta faceva le fusa ed una
stellina scendeva vicina, vicina
poi mi sorrideva e se ne tornava su” (Gino Paoli)

Un giornalista viene a sapere della faccenda, contatta il ragazzo (e il gatto) e scrive la loro strana storia in un libro. Si intitola “A spasso con Bob”, tocca il cuore di milioni di lettori, diventa un best-seller e viene tradotto in 30 lingue. Da libro si ricava un film, lo sfortunato ragazzo ed il gatto diventano due star mondiali. Ma il ragazzo non si è dimenticato di quello che era. Da un incontro casuale  ha preso il coraggio che gli mancava per ripartire, senza dimenticare chi è stato. Oggi che può vivere serenamente, si impegna per i senzatetto e per gli animali senza rifugio.

È una meravigliosa storia di amicizia, un inno alla vita ed alla possibilità dei miracoli. È un messaggio di tenerezza e di speranza, è –perché no?- una storia d’amore. Il ragazzo ha curato la zampa del gatto, il gatto ha curato le profonde ferite dell’anima del ragazzo. Il ragazzo si chiama James Bowen, la storia è successa a Londra. Ma il ragazzo può essere un ragazzo di qualsiasi parte del mondo, e di gatti ce n’è un’infinità.

Questa storia mi ha insegnato che la fortuna va e viene, e che se sei fortunato devi condividere la tua felicità con gli altri. Questa storia mi ha insegnato che c’è sempre una seconda possibilità. C’è un sacco di gente che dipende dal fumo, dalla droga, dal sesso, dal gioco. C’è un sacco di gente che non ce la fa ad uscirne, e dilapida i beni della famiglia, distrugge gli affetti più cari. C’è un sacco di gente che sa di sbagliare ma non ce la fa, e muore lentamente in fondo alla propria anima. C’è un sacco di gente che pensa solo ai soldi, al potere. C’è un sacco di gente che non si accontenta mai, e che dà sempre la colpa agli altri. Tutti ci sentiamo spesso migliori degli altri e li giudichiamo, dall’alto della nostra superbia. Tutti abbiamo in nostro personale libro degli errori, ma ce lo teniamo nascosto in fondo al cuore e continuiamo a sbagliare, tradendo prima di tutto noi stessi.

“Tutto questo lo sai e sai dove comincia
la grazia o il tedio a morte del vivere in provincia
perché siam tutti uguali, siamo cattivi e buoni
e abbiam gli stessi mali, siamo vigliacchi e fieri,
saggi, falsi, sinceri... coglioni!”
(Francesco Guccini)

Spero tanto che qualcuno legga questa storia. Spero tanto che qualcuno non si lasci andare. È così facile chiudersi a riccio, è così facile aver paura degli altri, è così facile buttarsi via. C’è sempre una seconda possibilità. E anche una terza. E una quarta. Dicono che i gatti abbiano sette vite (qualcuno dice addirittura nove). Noi ne abbiamo solo una, di vita. Ma possiamo sempre cambiarla. Dipende da noi. A volte basta poco. A volte basta qualcuno che ci sorrida. A volte basta qualcuno che ci tenda una mano. A volte basta una debole luce in fondo al tunnel. A volte basta un meraviglioso, simpatico e testardo gatto. O era una gatta?

Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo.
maestro John

Le prime due foto sono dell’amica Sara Ragnoli, le altre due le ho scattate moltissimi anni fa. Miaoooo!

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID76730 - 01/07/2018 20:55:22 (Iva) stupendo questo racconto
Complimenti per questo racconto stupendo e sono d'accordo con lei, la vita può sempre ricominciare e più di una volta. Grazie a lei si leggono tanti racconti.Bravissimo!!!!!!!!!!!


ID76740 - 02/07/2018 17:20:44 (Geppo1950) ciao john
ciao amico, oramai non mi sorprendi più, ma.... la curiosità che riesci ad attivare in mè con i tuoi racconti è una cosa rara e buonagrazie



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2018 10:50:00
Le tasche piene di sassi Accadeva spesso. A ricreazione, in cortile. Un bambino correva verso di me esclamando “maestro John, guarda che bello!” E mi mostrava un sasso. Io esprimevo stupore. Ma non fingevo. Era stupore per la poesia che i bambini hanno nell’animo

28/10/2018 12:17:00
Passerotto non andare via Sabato pomeriggio. Piove a dirotto. I telegiornali parlano di alluvioni, di disastri, di Roma allagata. Ma era da un pezzo che non pioveva e di acqua ce n’era bisogno… 

09/04/2017 10:57:00
Il Gatto e la Volpe Nella mia lunga vita di maestro ho conosciuto centinaia di bambini. Ce ne sono di tutti i tipi (e di tutti i colori)...

25/11/2018 14:06:00
I 60 del maestro Angelo Mora
Oggi compie 60 anni tondi tondi il maestro Angelo Mora. Moglie e figlie gli hanno preparato una festa a sorpresa e per l’occasione gli ho dedicato un...


06/01/2019 17:10:00
Il fiume Chiese va…
…e porta via le gioie, le tristezze e le nostalgie di ciascuno. Il fiume va, e fa riaffiorare i ricordi




Altre da Maestro John
19/03/2019

60 mila auguri, Antonella!

La mitica “Teresa dé Vistù”, al secolo Antonella Pialorsi, ha acceso 60 candeline. Lo so, l’età di una donna non si dovrebbe mai dire, ma ho il suo permesso. (2)

16/03/2019

Cara maestra Lilli...

Cara maestra Lilli, quando sono venuto a farti visita, tuo marito Cisco (che spesso incontro sulla Via Romana, lui corre, io cammino…) mi ha fatto sfogliare alcuni album fotografici della vostra straordinaria famiglia...

14/03/2019

I giardini di marzo

Guido su per le curve verso Cesane, frazione di Provaglio Val Sabbia. Si ricorda l’eccidio di dieci partigiani. È una bella giornata di sole, le montagne sono davvero stupende... (2)

10/03/2019

L'albero della mia famiglia

Sono passati 60 anni dalla morte di mia nonna Francesca, e 5 anni dalla morte di mio zio Fausto. Ognuno di noi è parte di una famiglia, e ogni famiglia è un grande albero piantato nell’immenso prato della vita  (2)

03/03/2019

Palloncini colorati nel cielo

Sapevo che a Prevalle ci sarebbe stato il saluto a quel ragazzo pakistano morto ancor prima di compiere 14 anni. Mi sembrava giusto andarci, ma ho pensato: arriverò con calma, fa niente se in ritardo...

24/02/2019

Una lunga storia d'amore

Premessa. Dopo la sconfitta della mia Juve, stanno stranamente spuntando interisti e milanisti, che mi guardano con uno strano sorriso di commiserazione...

16/02/2019

Ciao, Augusto!

Oggi le campane suonavano tristemente: ci ha lasciati Lauro Augusto (che tanti chiamavano “Gusto”). Era un uomo forte e tutto d’un pezzo, purtroppo un lungo e inesorabile male ce l’ha portato via 

13/02/2019

Grazie, Bruno!

Ieri improvvisamente ci ha lasciati Bruno Filippini. Ci sono persone che si prodigano per gli altri senza tanti squilli di tromba, senza mettersi in mostra. Lui era una di queste
(1)

10/02/2019

La bottega del formaggio

Adesso che ho avuto la certezza (sigh!) che il Mercato Coperto è chiuso, vorrei dedicare un piccolo ricordo a quella splendida bottega… (4)

03/02/2019

La pagella

La mia attuale moglie ha confrontato le pagelle (di color verdino) di quando frequentavamo la scuola elementare. Ed ha scoperto una cosa: lei ha i voti migliori dei miei…Nooooooo! Non è possibile!

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia