Skin ADV
Mercoledì 20 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

Valerio Corradi, sociologo territorialista, nell'ambito di progetti europei, nazionali e locali si occupa di modelli di sviluppo locale; innovazione organizzativa e formazione al lavoro; buone pratiche di qualità della vita e bilanci di sostenibilità sociale.  

Tra le sue pubblicazioni:
Per uno sviluppo locale sostenibile (Milano, 2009);
Le incerte vie della sostenibilità (Milano 2011);
Nuove società urbane (Milano, 2013);
Solo chi sogna può volare (Mantova, 2016)
Il blog si propone di riflettere su alcuni temi emergenti che rendono evidente l’intreccio tra spazio dei flussi e spazio dei luoghi ovvero tra globalismo e localismo.
In un quadro segnato da crescenti squilibri sociali, effetti ecologici negativi, crisi di sviluppo, ma anche da nuove opportunità di “crescita” e da forme sociali emergenti diventa fondamentale saper coniugare l’azione locale con un modo di pensare globale.

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE





22 Dicembre 2017, 08.00

Blog - Glocal

Mangiare insetti

di Valerio Corradi
Uno dei segnali più evidenti della globalizzazione che segna il nostro tempo è la diffusione di abitudini alimentari proprie di culture “altre” che vengono riscoperte in aree diverse del pianeta

In questo quadro l’utilizzo degli insetti per finalità alimentari è una pratica presente da sempre in alcune culture e ancora oggi diffusa in alcuni popoli. Di recente, anche in occidente, il tema ha sollevato interesse e si sta discutendo su come inserire questo particolare alimento in diete speciali.

L’ONU si sta interessando al possibile consumo di insetti nell’ambito di iniziative che cercano di stimolare il reperimento di nuovi alimenti proteici che col tempo potrebbero integrare o addirittura sostituire quelli tradizionali. Tuttavia, al di là dei benefici nutrizionali, al momento persistono (forse non a torto…) resistenze da parte di molti consumatori all’assunzione di insetti.

Sono diversi i fattori in gioco che frenano la sperimentazione, quali: cultura di appartenenza, abitudini, età, genere, disponibilità a provare qualcosa di nuovo. Per molti studiosi il vero banco di prova sarebbe il primo assaggio e la possibilità di presenziare o meno alla trasformazione dell’insetto così come alla preparazione del piatto che lo include.

C’è anche chi sostiene che, per vincere le resistenze, il primo assaggio potrebbe essere meglio favorito da un’inconsapevole assunzione. Un recente esperimento pubblicato sulla rivista Agriregionieuropa 51/2017,condotto dal Dipartimento di Scienze degli Alimenti e del Farmaco dell’Università di Parma ha coinvolto 88 soggetti tra studenti e staff (43 maschi e 45 femmine).

I partecipanti, di età compresa tra i 18 e i 40 anni, provenivano da diverse aree geografiche d’Italia.  Agli intervistati è stato chiesto di valutare il proprio livello di Neophobia (repulsione all’assunzione di insetti) e le aspettative sensoriali (reazione ad aspetto e sapore). Lo studio mostra che coloro che hanno consumato insetti almeno una volta in precedenza sono meglio predisposti alle assunzioni successive.

Inoltre gli uomini risultano più disponibili ad assaggiare gli insetti rispetto alle donne. Lo studio sottolinea poi che in futuro, per l’Italia, “il consumo di insetti commestibili dipenderà principalmente dalla disponibilità sul mercato, dalla tipologia delle categorie di prodotto (trasformato o non trasformato) e dal tipo di comunicazione verso i consumatori”. Per capire se siamo di fronte a una moda o a una nuova abitudine alimentare, non resta che attendere e (forse…) sperimentare.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74534 - 22/12/2017 08:50:37 (Tc) ...
di mio posso dire che li ho gia' assaggiati e sono anche buoni...certo e' che bisogna far passare quello sterotipo che Insetto uguale merda...francamente piuttosto di un hamburger McDonad's meglio un piatto di cavallette fritte...daltronde,l'essere umano e' l'unica specie animale in continuo progresso ed è impensabile continuare a sfruttare allevamenti intensivi,bisogna alternare e cambiare le abitudini integrando anche questo tipo di alimento,che di certo male non fa...l'uomo nasce onnivoro in fin dei conti...suggerisco il sito di in7(entomo)FOOD : http://www.in7.it/


ID74535 - 22/12/2017 09:20:35 (Giacomino) Un modo intelligente
per eliminare le invasioni di cavallette


ID74540 - 22/12/2017 11:39:08 (ulisse46) Mi fa sorridere
il tempismo di questo articolo visto il "problemone" portato alla ribalta dai sinistri. Non si possono mangiare gli uccellini nello spiedo ma gli insetti, che non sono = merda, ma che nella merda sono nati e vissuti (insieme ai vari prodotti chimici o terreni non bonificati) quelli si. Terrificante


ID74541 - 22/12/2017 11:44:31 (ubaldo) Devo essermi perso qualcosa ulisse46
Di quali "sinistri" e di quale "problemone" parli?


ID74551 - 22/12/2017 13:16:38 (bado68) ???
Ma adesso dovranno fondare una nuova lega,oppure modificare la ormai vecchia LIPU in LIPI.........


ID74552 - 22/12/2017 13:20:06 (Tc) ulisse46
per par condicio,vorrei farti presente che gli uccellini che tu adori nello spiedo (ma anche me ;-) ),si son nutriti di tutta quella merda definita da te,dagli insetti ai cereali...e' una catena e noi umani ne siamo all'apice...;-)


ID74556 - 22/12/2017 14:56:51 (bernardofreddi)
Invece di pensare di nutrire i popoli del terzo mondo a base di pompogne e saltamartini, non potremmo cominciare, noi euro-nippo-americani a smetterla di sprecare ogni giorno cibo a tonnellate, e loro a usare i profilattici dopo il secondo figlio (magari forniti gratis)?. ooohps, in un colpo solo ho scritto una cosa razzista, offeso i sentimenti religiosi dei buoni cristiani e attentato al libero mercato!


ID74559 - 22/12/2017 17:43:47 (cardinale) Provati tutti diversi anni fa
Provati per curiosità ad un pranzo di gala con chef svizzero, per curiosità. Mangiate cavallette fritte, grilli con cioccolato, vermi in frittata e risotto. Dopo questa esperienza ritengo questa categoria di "cibo" utile solo per necessità proteica ma totalmente inutili per una buona tavola. Non ho trovato nessun gusto gratificante ma solo la continua esperienza di aver sotto i denti simil carapaci senza sapore.


ID74562 - 22/12/2017 18:14:11 (Tc) bernardofreddi
el problema l'e' che la' pampogne e sibioch i na maia za ase...e quand che i ve che ga fa schifo la pastaseta o el ris...l'e' abastansa strana la roba...vero comunque,buttiamo talmente tanto cibo,che solo le cifre di quello che buttiamo sfamerebbero l'intero pianeta...


ID74564 - 22/12/2017 18:23:14 (Denis66) ....
Dato che sono mussulmani..nuovo cibo nei centrilagher d'accoglienza


ID74577 - 23/12/2017 17:17:18 (armandoilias) Per Denis66
Cosa c'entrano i mussulmani col cibo di insetti ???



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/06/2017 11:10:00
Onnivoro, vegetariano o vegano? “Nulla darà la possibilità di sopravvivenza sulla Terra quanto l’evoluzione verso una dieta vegetariana”, così Albert Einstein. Oggi, a che punto siamo? Qual è il significato degli stili alimentari emergenti?

04/03/2010 07:00:00
Un fastidio da prevenire Centocinquanta firme per prevenire un disagio, quello legato alla presenza di fastidiosi insetti che aggrediscono gli abitanti di Villanuova

09/05/2018 09:20:00
Coltivare tartufi La coltivazione di tartufi può essere un fattore di sviluppo delle aree interne? La Valle Sabbia è un territorio favorevole alla tartuficoltura? 

14/05/2018 07:00:00
Come si vive in montagna? Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree 

18/02/2018 10:20:00
Mense scolastiche e spreco di cibo Quanto cibo viene sprecato nelle mense scolastiche? E in famiglia? Uno studio ha cercato risposte 



Altre da Glocal
14/05/2018

Come si vive in montagna?

Come si vive oggi nei territori montani? Quali sono i vincoli e i fattori d’innovazione? Un convegno offre l’occasione per confrontare la Valle Sabbia con altre aree  (3)

09/05/2018

Coltivare tartufi

La coltivazione di tartufi può essere un fattore di sviluppo delle aree interne? La Valle Sabbia è un territorio favorevole alla tartuficoltura? 

23/03/2018

Autismo, un piccolo gesto di grande valore

È in corso una raccolta fondi per sostenere Spazio A, servizio per bambini con autismo. Ogni aiuto concreto fa la differenza

18/02/2018

Mense scolastiche e spreco di cibo

Quanto cibo viene sprecato nelle mense scolastiche? E in famiglia? Uno studio ha cercato risposte 

12/02/2018

Ritornare al servizio militare obbligatorio?

Alpini, Bersaglieri e Fanti lanciano un appello alle forze politiche per ritornare al servizio di leva obbligatorio (8)

10/01/2018

Cronache di ordinarie paure... e di speranze

Periodo di Natale, sto visitando un bellissimo borgo in Trentino. Nella affollata via principale un giovane italiano incrocia un coetaneo di colore, ben vestito, forse uno studente, e si lascia sfuggire: "vattene al tuo paese negro"... (5)

02/12/2017

La Val Sabbia e la nuova agricoltura di montagna

“Montanaro”, “campagnolo”, “provinciale” sono solo alcune delle espressioni che in un tempo non molto lontano venivano utilizzate dall’uomo urbano per apostrofare e stigmatizzare coloro che provenivano da aree periferiche e rurali o che erano impegnati nel settore primario. Ora invece...

01/11/2017

Buona e cattiva accoglienza

L’articolato progetto Sprar illustrato il 19 ottobre a Serle, promosso dal Comune e da attori della cooperazione sociale, fornisce l’occasione per riflettere su come fare “buona accoglienza” (3)

09/10/2017

Cucire la speranza nel mondo

Si terrà a Brescia il 1° Festival della Missione. Riportiamo le riflessioni su Africa, missioni e migrazioni di sr Rosemary Nyirumbe, nota religiosa ugandese

21/08/2017

Missionari Fidei Donum nel mondo

Dedicare la propria vita all’ideale della missione in una terra lontana. E’ una scelta ancora attuale che riguarda sacerdoti della diocesi di Brescia; alcuni di loro sono anche valsabbini

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia