23 Dicembre 2018, 10.05
Blog - Genitori e figli

Se Babbo Natale non fa più sorprese

di Giuseppe Maiolo

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

 
Si è dissolta in gran parte la valenza della festa come occasione di sosta e di riflessione sulla fiducia e sulla speranza che sono le valenze simboliche della natività. Allo stesso modo al Natale dei bambini abbiamo tolto, senza accorgercene, la magia dell’attesa e della sorpresa.

Babbo Natale, ad esempio, una delle rappresentazioni più fantastiche e comuni all’universo infantile, è diventata un’immagine logora e sbiadita. Qualcuno parla già della necessità di salvare il personaggio che ha accompagnato nei sogni l’infanzia di tutti. Arrivava nottetempo, come si sa, a cavallo della sua magica slitta trainata da renne volanti e portava doni e regali ai bambini che si erano comportati bene e l’aspettavano in ansia davanti al presepe.

Ora i piccoli di tutto il mondo hanno pochissimi desideri e il loro Babbo Natale è diventato una sorta di dispenser che non premia, ma dona a tutti una sovrabbondanza di cose spesso inutili che verranno accantonate nel giro di qualche ora.

In fondo questi bambini li stiamo facendo crescere senza desideri e con bisogni soddisfatti ancor prima che si possano avvertire. Così non sanno più attendere un dono e vanno perdendo la capacità di giocare con la fantasia e con l’immaginazione. Non si meravigliano di nulla e crescono, diventando adolescenti e poi adulti, con poche capacità di vivere e provare emozioni. Perché tutto viene fornito loro già pronto o precotto e qualsiasi cosa si possa desiderare si materializza all’istante con un semplice click che concretizza un pensiero ancor prima di essere pensato.

Quando manca l’attesa e più ancora la sorpresa, ogni soddisfazione e ogni qualsivoglia dono si esaurisce in fretta o si dissolve d’un colpo senza lasciare traccia mnestica.

Una volta i bambini scrivendo la famosa letterina per Babbo Natale immaginavano che, in un tempo più o meno lungo, lui realizzasse i loro sogni non solo sulla base delle disponibilità ma soprattutto in relazione ai loro meriti.

Dall’attesa e dall’incertezza nasceva e si costruiva il pensiero del dono e il valore del regalo come ricompensa per qualcosa di buono che era stato fatto. Oggi in gran parte non è più così perché non c’è più nulla da guadagnarsi e nemmeno da immaginare o da costruire dentro nelle pieghe della propria fantasia.
 
   
Giuseppe Maiolo
 Università di Trento
www.officina-benessere.it


Aggiungi commento:
Vedi anche
16/12/2019 09:28:00

Il telefonino come regalo a Natale? Meglio di no! La corsa ai regali di Natale è cominciata da un po’ e, al solito, molti sono i genitori che pensano al telefonino come dono da mettere sotto l’albero per i loro figli

18/12/2013 07:07:00

Fare doni a Natale Tempo di feste e tempo di regali, soprattutto per i bambini. La tradizione vuole che a Natale i regali siano in gran parte giocattoli

16/12/2015 10:26:00

Natale, educare all'attesa Natale ormai è alle porte e già si respira l’aria della festa imminente che oltre alla valenza spirituale è, un po’ ovunque, sinonimo di regali

21/12/2014 07:16:00

Cosa regalare? I regali, si dice, sono un pensiero che si materializza soprattutto per ricordare che c’è qualcosa di affettivo che ci lega alla persona cui lo dedichiamo

05/01/2020 08:00:00

Regali o doni? Il tempo delle feste è solitamente quello dei doni che il prevalere delle società dei consumi ha denominato “regali”. Ma le parole “regali” e “doni” non sono equivalenti



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento