Skin ADV
Lunedì 22 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


20.04.2019

20.04.2019 Idro Vallio Terme

20.04.2019

21.04.2019 Bagolino

22.04.2019 Bione

20.04.2019 Garda

20.04.2019 Val del Chiese Storo

21.04.2019

20.04.2019 Anfo

21.04.2019 Vobarno






28 Gennaio 2019, 09.20

Blog - Genitori e figli

Raccontare la memoria contro la banalità del male

di Giuseppe Maiolo
La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

La memoria non è solamente
un processo fisiologico e un’importante funzione biologica che ci permette di trattenere e assimilare informazioni e conoscenze. La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri. Potremmo dire che la memoria coincide con la nostra stessa storia.

In sostanza è la vita di ogni creatura vivente, perché non può esserci azione che non abbia la necessità delle funzioni mnestiche. Ce ne rendiamo conto quando, con l’avanzare dell’età, la memoria cala o subisce modifiche e ancor di più lo capiamo quando la perdita progressiva della memoria segnala una patologia grave e degenerativa come la malattia di Alzheimer che annienta lo spazio, il tempo e ogni relazione. In mancanza di memoria non ci orientiamo, non troviamo un significato a quello che accade, non viviamo il presente e il passato è solo un verbo che non si coniuga con niente.

“Quelli che non ricordano il passato sono condannati a ripeterlo…” scriveva Primo Levi. Ed è per questo che la Giornata della memoria ci serve ogni anno: ci aiuta a non perdere il passato né a fare ingiallire le foto della storia, quella più terribile che non abbiamo vissuto e conosciuto direttamente, il cui ricordo però contiene vita e morte, sofferenza e dolore, tempo e sentimenti.

Questa è la memoria che va raccontata in continuazione. Perché ciò che conta sono le emozioni che i ricordi contengono.  Più le giornate della memoria, giustamente rumorose, servono storie da raccontare continuamente e ricordi da trasformare giorno dopo giorno. Non basta più quell’abbuffata di dibattiti e lezioni sull’orrore, di documenti e proiezioni sull’Olocausto, anche se utile.

Non è sufficiente una memoria episodica delle tragedie accadute. Serve ma può non bastare a far crescere consapevolezza e coscienza su quella violenza quotidiana che oggi continua a imperversare ovunque. Altrimenti non ci troveremmo a dover fare i conti in questo nostro tempo con le varie forme di prepotenza, con il bullismo divertito dei bambini o con la crudeltà fredda e distaccata dei killer seriali e l’insistenza del femminicidio.

Ma non dovremmo neanche per un istante permettere che si possa annegare nel nostro mare, men che meno riservare una scarsa indignazione collettiva alla prepotenza e all’arroganza del potere. Sappiamo da tempo che la normalizzazione della violenza è fenomeno psicologico costante e pervasivo ed è quel “fil rouge” che lega lo sterminio di ieri a quello di oggi.

Serve invece coltivare una memoria a lungo termine, quella che sa riconoscere l’odio spaventoso che ha travolto milioni di persone con l’odio razziale, ma non solo, che adesso circola facilmente in rete e contagia in forma virale i vissuti di tutti, dei bambini e degli adolescenti ma anche di molti adulti.

Ci servono narratori di storie. Abbiamo un bisogno vitale di raccontare la memoria ed è necessario che lo sappiano fare per primi i genitori con i loro figli, che sappiano raccontare di loro stessi e del mondo che hanno vissuto, del proprio cammino e delle strade percorse dal genere umano. Perché i figli di oggi non solo non conoscono la storia del passato, ma sanno poco o nulla dei loro padri. Non hanno idea dei genitori quando erano giovani o bambini e non sono consapevoli di ciò che è accaduto prima della loro vita perché quei padri non dicono, non raccontano e non lasciano consegne. 

Così non bastano più gli anniversari per contrastare quella “banalità del male” di cui parlava la filosofa Hannah Arend. Come allora, quello che è più pericoloso e inquietante è l’indifferenza alla quotidiana espressione di intolleranza e di odio che, insieme all’abitudine, rende banale e normale la ferocia e il crimine.

Giuseppe Maiolo
Psicologia delle età della vita
Università di Trento
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/01/2016 15:54:00
La Shoah, memoria e testimonianza Numerosi anche nei paesi della Valle Sabbia gli appuntamenti organizzati per la Giornata della Memoria per ricordare lo sterminio degli Ebrei e degli oppositori del regime nazifascista, come monito perché ciò non accada più

27/01/2015 07:00:00
Shoah, dipingere la tragedia Questa sera presso l’auditorium comunale di Vestone una riflessione nel Giorno della Memoria con il critico d’arte Simone Fappanni e i ragazzi della scuola media vestonese

24/01/2015 09:12:00
La Shoah vista con gli occhi dei bambini Per la Giornata della Memoria, questa sera alle 18 nell’auditorium delle scuole medie di Roè Volciano uno spettacolo per raccontare la tragedia dello stermino degli ebrei ai più piccoli

26/01/2015 18:05:00
Stella Gialla, Shoah Per il Giorno della Memoria, questa sera alle 20.30 presso la sala consiliare del municipio di Sabbio Chiese letture e musiche per non dimenticare

08/02/2018 15:15:00
Dalla memoria della Shoah al ricordo delle Foibe In occasione del Giorno del Ricordo domani, venerdì 9 febbraio, a Vestone andrà in scena l’evento teatrale “Il grimaldello della memoria” con Pino Casamassima e Bruno Noris



Altre da Genitori e Figli
21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente 

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

31/03/2019

La famiglia adultescente

Al di là delle roboanti attenzioni per la famiglia che animano il dibattito di questi ultimi tempi, la famiglia e le sue funzioni rimangono al centro delle riflessioni da fare, soprattutto per ciò che concerne il progetto educativo e lo sviluppo della società 

26/03/2019

Giochi perversi online

Le prepotenze e le offese sul web aumentano. Aumentano i provocatori e chi si vanta delle proprie azioni perché la rete può ripagare in popolarità con i “like”, che possono anche rendere dal punto di vista economico  

17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia