Skin ADV
Venerdì 20 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


18.10.2017 Provincia

18.10.2017 Vobarno Gavardo Vallio Terme Serle

18.10.2017 Odolo

18.10.2017 Roè Volciano

19.10.2017 Bagolino

18.10.2017 Vestone Vobarno Valsabbia

19.10.2017 Gavardo

18.10.2017 Vobarno Valsabbia Giudicarie Garda Valtenesi

18.10.2017 Roè Volciano

18.10.2017 Vestone Sabbio Chiese Odolo Villanuova s/C Pertica Alta






10 Gennaio 2014, 12.25

Genitori & Figli

Quei genitori... tassisti

di Giuliana Beghini Franchini
C'è un nuovo mestiere per i genitori: quello di fare i tassisti. Succede quando gli impegni dei figli sono troppi... e non è detto che sia sempre un bene, anzi

Per  il mestiere che faccio, mi capita di fare consulenza a genitori e figli. Li ascolto nelle loro richieste e cerco di trovare il bandolo della matassa spesso ingarbugliata dai bisogni sia degli uni che degli altri.
Spesso sono difficoltà grandi e piccole, problemi quotidiani e disagi complessi che affliggono i genitori.
 
Alle volte invece si tratta dei bambini: stanno male e hanno bisogno di aiuto.
Allora li guardo, parlo con loro cercando di capire come la pensano, che si aspettano, cosa vogliono.
Alla fine, trovata una pista di lavoro, individuato il possibile aiuto da portare, chiedo di ritrovarci.
Chiedo anche a quelli più piccini, se vogliono continuare a venire da me per cercare di stare meglio. Tutto sembra possibile e allora faccio un programma.
 
Ma qui arriva il bello: fissare gli appuntamenti!
Ecco un classico esempio:
 
Psicologa: Allora ci vediamo lunedì alle 14,00
Bambino: No, lunedì, non posso ho calcio 
Psicologa: Mmm! Va bene allora facciamo martedì alle 15,00
Mamma: No, ha rientro!
Psicologa: Ok  mercoledì alle 16,00 
Bambino: Non va, ho sempre il clarinetto a quell’ora, vero mamma?
 
Per farla breve, questo è il “tempo libero” dei bambini, ma che di libero ha ben poco essendo un tempo programmato dagli adulti e che spesso i bambini accettano più per far piacere ai genitori che per se stessi.
Poveri genitori, o povere madri che spesso schizzano da una parte all’altra della città per poter far fare tutto ai loro bambini, perché i loro pargoli non abbiano ad annoiarsi. 
 
Le riconoscete subito, sembrano dei tassisti: chiavi dell’auto in mano, occhio fisso all’orologio, borsa a tracolla stracolma di oggetti.
Se vi invitano al bar vi danno un tempo cronometrato e corrono a prendere uno dei due figli alla palestra, lo potano all’atelier della musica. Scappano a prendere il pane e le uova, quindi dalla bambina che esce da canto e deve andare a fare danza. Che stress!!!!
 
È  proprio necessario far fare tutte queste attività ai bambini?
Che cosa  temiamo se li lasciamo un po’ a casa tranquilli, nella loro stanzetta? Qualcuno ha forse detto che fare continuamente qualcosa  serve per non andare poi dallo psicologo? E quando ce n’è bisogno, possibile che non si trovi il tempo per farlo?
 
Abbiamo trasmesso ai nostri figli la paura dell’ozio.
Eppure questo non è un tempo perso, per nessuno, neanche per i grandi.
Viceversa serve, e ai bambini piace. Anzi, ne hanno bisogno perché aiuta a pensare, riflettere, giocare e anche annoiarsi. 
 
Gli adulti hanno il compito di rispettare i loro tempi e non riempirli di impegni, perché questo li aiuterà a dare un senso al loro tempo e forse potranno insegnarlo anche a noi.
 
Giuliana Beghini Franchini
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID40196 - 10/01/2014 13:17:54 (sonia.c) qualcuno ha detto che fare continuamente qualcosa
serva poi,per non andare dallo spicologo' c'è di peggio1 c' è chi preso dal ortice non trova il "tempo" per andare da chi gli insegnerà come usarlo bene...mi viene i mente la parola "priorità" e 2anestesia"..non troviamo la scaletta giusta dei nostri impegni ,privilegiamo gli impegni "anestetizzanti" impegni..poi viene sera e domani è un'altro giorno..ho omesso il danno pratico-emotivo della scarsa autonomia dei pargoli! quando vedo bambini di 9 anni,che ancora non vanno in giro da soli(e stò parlando di paesini ,non di metropoli!)mi metterei ad ululareeeeeee..


ID40197 - 10/01/2014 13:27:41 (sonia.c) ho sbagliato a scrivere..
lei l'aveva spiegato bene il vortice..ma voglio fare i complimenti a quei genitori che mandano a scuola il loro pargolo (che incontro ogni giorno) da solo e con una cartella più grande di lui..non so se sia una cosa inevitabile per vari motivi..io lo alleggerirei solo della cartella...)


ID40198 - 10/01/2014 13:30:55 (Giacomino) Che nostalgia
quando ripenso ai momenti in cui potevo stare da solo da bambino e non era facile, in famiglia eravamo in tanti, io ero a metà, l'ozio non esisteva, che gioia quando raggiungevo il mio angolo del bosco ai piedi di un grande faggio e c'era un grosso tronco di abete che stava marcendo lentamente, una numerosa tribù di formiche grosse lo aveva occupato scavando al suo interno una miriade di gallerie che mi affascinavano, e fu proprio bazzicando nel legno marcio che feci la conoscenza di un grosso scorpione rosso come un gambero. A risentirci.


ID40202 - 10/01/2014 14:01:25 (sonia.c) caro Giacomino..
ma al giorno d'oggi,un bambino ,anche se ha del tempo libero ,ma non la libertà..lo usa per quel maledetto computer e tv...la differenza è li!.. ma lo sai che mi hai resuscitato un sacco di ricordi?già! quanto tempo libero abbiamo avuto! e i miei genitori spovvisti di provvidenziali telefonini,sono sopravvisuti alla nostra latitanza..e noi ancora meglio..


ID40207 - 10/01/2014 16:05:45 (Tc)
Credo che tutto dipenda ancora dai genitori...non e'neccessario far fare molteplici attivita' ai propri figli,basta dire di no e vedrete che loro sapranno come occupare il tempo in disavanzo...l'importante e' non piazzarli davanti a Tv o ai Pc...da piccolo e avevo si e no 8 anni,io e mio fratello partivamo a piedi da casa per andare a scuola e dovevamo fare 2,5 km per arrivarci,ma non perche' i miei genitori non potevano portarmi,l'e' che l'era ise na olta...pioggia,neve freddo...sito e via...poi quando tornavamo a casa,pranzo veloce,senza tv (altrimenti non e' piu' veloce),compiti e via a giocare...era sufficiente una palla...salendo poi con l'eta' prima del gioco,''sa ndaa a fa se el fe''...dopo a giocare...sarebbe bene farlo fare ora a tanti bambini dei giorni nostri,sopratutto quelli belli gonfi da merendine del Mulino bianco,apatici e svogliati,rimbambiti di videogames,poco impegnati a scuola e accontentati in tutto,son cambiati i tempi ok e non si puo' tornare


ID40209 - 10/01/2014 16:07:37 (Tc)
...indietro..maaaa


ID40210 - 10/01/2014 16:08:26 (giovane) io
sono a favore che i bambini facciano attività fisica, ma non da stressarli. Il problema secondo il mio punto di vista che i pre-adolescenti-adolescenti perdono poi la voglia di questi impegni e finiscono a giocare alla play o davanti alla tv, diventando grassi e apatici. Sarebbe bello che i bambini facessero quelle attività che veramente gli interessano e non che vogliono i genitori, in tal modo probabilmente proseguirebbero anche in adolescenza.


ID40221 - 10/01/2014 19:06:04 (delirio) allora
mal che se vol nol dol!!!!!!!!male che si vuole non fa male........


ID40250 - 12/01/2014 11:16:49 (valista) val
Ehm vorrei dire che sono i genitori che accontentano i figli, se insistentemente ti chiedono: "posso fare danza? Ti prego mamma", a volte è difficile dire di no, anche perchè hanno sempre detto che lo sport o disciplina fanno bene alla formazione dei bambini/ragazzi.Io li terrei volentieri in cameretta, ma non ci vogliono stare!E poi aggiungo che quando hai più di 2 figli è dura si combaciare orari e quindi vedi mamme schizzate che corrono avanti e indietro, senza ricevere un grazie.Lo sport deve essere un hobby per i figli, purtroppo spesso si trasforma in un impegno...per i genitori. Certo bellissimi i risultati finali ma che fatica e che costi!


ID40254 - 12/01/2014 14:45:34 (sonia.c) è vero Val..
sono sempre decisioni difficili..dubbi "amletici"ihih..paura di non dargli le giuste opportunità..magari noi ne abbiamo avute anche troppo poche..ha! l'equilibrio che fatica! noi genitori siamo funamboli su corde scivolose..



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/07/2015 07:54:00
Genitori separati, vacanze difficili? In questo periodo si compie il rito della vacanza e per la gran parte dei genitori è l’occasione per uscire dagli schemi quotidiani e stare con i figli un tempo meno convulso e frenetico...

25/04/2014 07:00:00
Quando c’è bisogno di «tenere botta» «I genitori sono spesso soli, senza punti di riferimento. Credere nella resilienza vuol dire offrire uno sguardo di speranza sui piccoli, grandi dolori della vita». Per la serie "Genitori in forma(zione)", a colloquio con Mariella Bombardieri


12/01/2015 10:00:00
I legami che non aiutano I legami tra genitori e figli sono fili sottili che alimentano i rapporti o che li rendono soffocanti

06/05/2015 09:41:00
Mala Educaciòn Mi capita spesso di incontrare genitori che si lamentano dei figli adolescenti, ma non solo, segnalano anche il disagio per l'utilizzo da parte dei ragazzi di parolacce ad ogni piè sospinto

09/11/2015 07:27:00
Genitori: saper fare o saper essere? È  cresciuta nel corso degli ultimi anni la percezione che la funzione educativa sia ormai un’azione complessa e difficile..



Altre da Genitori e Figli
08/10/2017

Adolescenza e depressione

Flavia Bustreo: «La depressione è una minaccia sottovalutata nel mondo moderno, soprattutto verso le fasce più deboli della popolazione, fra cui donne dopo la gravidanza e gli adolescenti» (1)

25/09/2017

La paura di diventar grandi

Crescere o non crescere, questo è il dilemma. Parafrasando Amleto, potrebbe essere l’interrogativo che si pongono i Millenials, cioè tutta quella generazione che è nata con l’esplosione di Internet ed è cresciuta con la tecnologia digitale

19/09/2017

Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa

Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

04/09/2017

Meno stress per il rientro dalle vacanze!

Settembre è per tutti il mese della ripresa. Ognuno riprende la vita di prima dopo le vacanze estive, il tempo lungo del giorno, l’ozio e la distensione. C’è chi ritorna al lavoro e che inizia la scuola

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

25/07/2017

Bulli e bulle per me pari sono

Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente

08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

03/05/2017

Prevenire il Cyberbullismo

Sul cyberbullismo è noto l’impegno del Parlamento italiano che, almeno al Senato, ha approvato un disegno di legge per la tutela dei minori vittime di aggressioni e offese sul web. Tuttavia...

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia