Skin ADV
Giovedì 19 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


18.10.2017 Odolo

18.10.2017 Roè Volciano

18.10.2017 Provincia

18.10.2017 Vobarno Gavardo Vallio Terme Serle

18.10.2017 Vestone Vobarno Valsabbia

17.10.2017 Valtenesi

17.10.2017 Sabbio Chiese

18.10.2017 Vobarno Valsabbia Giudicarie Garda Valtenesi

18.10.2017 Valtenesi

17.10.2017 Barghe






21 Marzo 2016, 08.50

Genitori & Figli

Prostituzione minorile

di Giuseppe Maiolo
Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?

Emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori finiti poi nel giro della prostituzione minorile, i giornali hanno giustamente riferito con dovizia di particolari di insospettati professionisti, per la gran parte bresciani, ma uno anche della provincia di Bolzano, i quali per lungo tempo hanno pagato prestazioni sessuali a ragazzi minorenni.        

Sui rischi che i minori corrono in rete non si parla mai abbastanza o se ne parla quando accadono fatti del genere. Personalmente ritengo sia la sfida educativa dei prossimi anni a cui dobbiamo prepararci.
Ne parlo in continuazione ai diretti interessati, ai minori andando nelle scuole, ma anche ai genitori e agli insegnanti. Sostengo dovunque che, per vincere la nuova sfida educativa che vede il rischio continuo di dipendenza dai Social o quello dell’adescamento da parte di pedofili oppure del Cyberbullismo (altra piaga in espansione), vi è l’urgenza che gli adulti di riferimento, quelli che hanno in carico il progetto educativo, devono conoscere e valorizzare le enormi potenzialità delle nuove tecnologie, ma anche sapere quali pericoli si corrono ed educare prestissimo i minori al loro corretto utilizzo.

Pochi, pochissimi, sono gli adulti che accompagnano i figli a conoscere i vari dispositivi con cui già da bambini interagiscono facilmente.
Nessuno mostra loro con coerenza come ci si deve comportare in rete e perché bisogna fare attenzione a postare foto personali. 
Così i minori imparano ad arrangiarsi, si abituano a non dire quello che fanno quando navigano e a nascondere le loro esperienze negative. Molti dei genitori che incontro non conoscono nemmeno il  significato di parole come ad esempio sexting o grooming. 
Molti illusoriamente credono di tenere sotto controllo i figli guardando la cronologia dei siti o si illudono di sapere i loro contatti per il semplice fatto di far parte della loro lista di amici su un Social.

In realtà tutto è molto più complesso.
Ad esempio un’assidua frequenza sul web porta un bambino a confondere il mondo virtuale con quello reale e a non vedere alcuna differenza nel passare dall’uno all’altro. Tutto poi, ma proprio tutto, è a portata di un click. 

Il sesso è a disposizione di ognuno nella sua infinita gamma di rappresentazioni.
Entri in chat erotiche e menti sulla tua data di nascita, conosci le fantasie, i desideri o le perversioni degli altri che facilmente possono far presa sulla pulsante sessualità degli adolescenti quando ancora però non sei attrezzato psicologicamente.

La pornografia dilaga in rete tra i giovani e di solito gli adulti di riferimento non ne sanno nulla.
I genitori conoscono poco o nulla della sessualità dei figli, non sanno i loro pensieri, le loro fantasie e soprattutto non hanno idea di cosa fanno quando navigano in rete, nell’isolamento della loro camera.
Ho chiesto recentemente a due genitori di una dodicenne vittima per un paio di anni di un pedofilo che l’aveva adescata in rete e aveva chiesto e ottenuto pose sessuali e filmati hard, che cosa pensassero di lei. Mi hanno risposto che non avrebbero mai immaginato che sapesse già tutte quelle cose.

Non serve però incolpare esclusivamente la tecnologia digitale o demonizzarla.
Viviamo un tempo in cui la sessualizzazione diffusa della società ha portato alla scomparsa del concetto di infanzia e sul piano della sessualità tutto avviene in maniera anticipata. Urge invece dire “Basta!” allo stupore dei genitori che non vedono come sono realmente i loro figli.

Basta non saper cosa fare e cosa dire.
C’è il bisogno urgente di predisporre progetti di intervento per la  scuola e la famiglia che diano strumenti di autodifesa ai minori ma anche  nuove attrezzature educative agli educatori.

Giuseppe Maiolo
www.officina-benessere.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

22/07/2016 07:13:00
Grooming: la pedofilia in Internet Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico

30/11/2016 09:40:00
I pericoli di Internet Pedofilia, prostituzione minorile, sexting sono i rischi che si possono incontrare nell’utilizzo della rete. Venerdì a Gavardo se ne parla con il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani

24/02/2016 08:40:00
Adolescenti e pornografia Il "nostro" Giuseppe Maiolo su questo argomento è intervenuto anche l'altro giorno a Rai Uno Mattina in famiglia. I dati per certi versi sconcertanti di una ricerca condotta da Telefono Azzurro


01/03/2014 18:34:00
Prostituirsi per gioco? A leggere di giovani adolescenti che a Ventimiglia si prostituiscono per "gioco", colpiscono diverse cose



Altre da Genitori e Figli
08/10/2017

Adolescenza e depressione

Flavia Bustreo: «La depressione è una minaccia sottovalutata nel mondo moderno, soprattutto verso le fasce più deboli della popolazione, fra cui donne dopo la gravidanza e gli adolescenti» (1)

25/09/2017

La paura di diventar grandi

Crescere o non crescere, questo è il dilemma. Parafrasando Amleto, potrebbe essere l’interrogativo che si pongono i Millenials, cioè tutta quella generazione che è nata con l’esplosione di Internet ed è cresciuta con la tecnologia digitale

19/09/2017

Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa

Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

04/09/2017

Meno stress per il rientro dalle vacanze!

Settembre è per tutti il mese della ripresa. Ognuno riprende la vita di prima dopo le vacanze estive, il tempo lungo del giorno, l’ozio e la distensione. C’è chi ritorna al lavoro e che inizia la scuola

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

25/07/2017

Bulli e bulle per me pari sono

Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente

08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

03/05/2017

Prevenire il Cyberbullismo

Sul cyberbullismo è noto l’impegno del Parlamento italiano che, almeno al Senato, ha approvato un disegno di legge per la tutela dei minori vittime di aggressioni e offese sul web. Tuttavia...

24/04/2017

Ragazzi che si fanno male

Il cosiddetto “male di vivere” sembra essere in aumento tra i giovani. Secondo l’Osservatorio Nazionale dell’Adolescenza c’è un 20% dei teenager che si fa intenzionalmente del male.

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia