Skin ADV
Mercoledì 18 Settembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Laghetto di campo

Laghetto di campo

di Nani Zontini



16.09.2019 Mura

17.09.2019 Mura

16.09.2019 Vestone Villanuova s/C Roè Volciano Valsabbia

18.09.2019 Odolo

18.09.2019 Villanuova s/C Valsabbia

17.09.2019 Treviso Bs

17.09.2019 Prevalle

18.09.2019 Idro

16.09.2019 Salò Garda

18.09.2019 Bagolino






29 Aprile 2019, 08.51

Blog - Genitori e figli

OMS, linee guida per l'infanzia

di Giuseppe Maiolo
Non è una novità dire che la tecnologia avanzata di questo nuovo millennio sta condizionando il benessere psicofisico soprattutto dei bambini. A rimarcare questi aspetti, per certi versi preoccupanti, sono uscite da qualche giorno le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità dedicate all’infanzia tra 0 e 5 anni.

Nelle indicazioni dell’Oms prevale l’attenzione per le funzioni del sonno e per l’inattività fisica che oggi sono da mettere in relazione con l’esposizione precoce alla tecnologia digitale. Se le neuroscienze, fotografando il cervello, ci dicono dell’importanza del sonno nella costruzione delle reti cognitive, oggi sappiamo che i bambini di quell’età dormono meno perché li portiamo in giro alla sera e perché anche a casa, smanettano senza controllo sui dispositivi prima e dopo cena. È incredibile, ma studi americani dicono che il 92% di loro inizia a maneggiarli verso gli 11 mesi di vita con un uso medio di circa 36 minuti al giorno!

Ben vengano, allora, le prescrizioni dell’Oms, anche se gli specialisti dell’infanzia, da tempo avvertono dei pericoli. A me personalmente sorprende ogni volta vedere bambini nel passeggino che si tranquillizzano subito se le madri danno il loro cellulare per poter fare shopping con tranquillità. Il telefonino è più potente del ciuccio? Non è un semplice interrogativo, ma un’allarmante domanda da cui credo parta l’Oms per stilare un codice di comportamento educativo con la funzione di scongiurare lo sviluppo psico-fisico malsano derivante dalla sedentarietà.

Si sapeva già che inattività fisica e alimentazione sbagliata sono le cause dirette dell’obesità infantile (più del 30% dei bambini italiani è in sovrappeso!). Ora però la ricerca ci dice che la sedentarietà influenza anche il piano psico-sociale in quanto l’inattività stimola poco sia l’intelligenza motoria che quella emotiva e i bambini risultano impacciati a livello relazionale, oltreché irrequieti.

La sempre più diagnosticata ADHD può avere come cofattore, a volte trascurato, proprio quella scarsa attività fisica che rende i bambini non solo ipercinetici ma anche ansiosi e aggressivi. Allora l’Oms si concentra su questi due aspetti: il sonno e l’inattività. Per il primo argomento dichiara senza mezze misure, che un bambino nel primo anno di vita deve dormire regolarmente tra le 14 e le 17 ore. Nel secondo almeno11. Insiste sul fatto che fin dai due anni i piccoli devono essere stimolati a fare attività fisica per almeno tre ore al giorno. E poi asserisce perentoriamente che nei primi due essi non devono essere esposti agli schermi digitali.

Possono sorprendere queste prescrizioni rigorose ma sono necessarie se si pensa a quanto tempo i bambini passano seduti a fare videogiochi interminabili, favoriti dalla complicità dei genitori e dal fatto che un buon 60% di loro considera positivo l’effetto educativo della tecnologia. Non si tratta di negare questo aspetto, né giudicare negativamente i genitori, quanto sostenerli e aiutarli con indicazioni “fase-specifiche”, cioè suggerimenti precisi per ogni fase evolutiva.

Pediatri e psicologi convengono da tempo sulla necessità di regolamentare l’uso dei dispositivi digitali. Insistono sul fatto che i bambini dai 3 ai 5 anni non dovrebbero essere lasciati soli con un dispositivo ma affiancati sempre da genitori che sappiano guidarli e educarli al corretto uso. L’educazione digitale deve cominciare presto, soprattutto con l’esempio. Se è necessario mettere regole precise, è fondamentale che le rispettino tutti, in particolare alcune come quella di spegnere il cellulare durante i pasti, non usarli prima di andare a dormire né in camera da letto.

È giusto poi limitare l’utilizzo dei dispositivi ad un’ora al giorno per i piccoli fino a 5 anni e due ore per quelli tra i 5 e 8. Non serve vietarne l’uso, né demonizzare internet che ormai fa parte della quotidianità di tutti, ma per una crescita sana dei minori è necessaria l’applicazione rigorosa di una “dieta tecnologica”, che secondo l’etimologia, vuol dire semplicemente un modo di vivere adeguato al tempo della tecnologia e un suo uso corretto e moderato. 

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita - Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/08/2019 09:15:00
Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura

20/01/2019 08:00:00
Se le maestre picchiano i bambini Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

29/07/2019 10:10:00
Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione



Altre da Genitori e Figli
15/09/2019

Insegnanti: attenti al burnout!

La parola "burnout" ci è diventata familiare. Ormai. Collegato allo stress, sappiamo che si tratta di una risposta individuale alla pressione lavorativa che ti fa sentire  come “bollito”  (29)

09/09/2019

Lo stress a scuola

“Che stress la scuola!”; “Non ce la faccio più. Mi sento sempre sotto pressione e spesso mi vien da piangere e da gridare”. Sono frasi che ho sentito di frequente dagli adolescenti che incontro, e non sempre si tratta di esagerazioni (2)

03/09/2019

La scuola riparte

Ecco ci risiamo. Tra pochi giorni si riparte con la scuola e con il suo carico di aspettative e di ansie per tutti 

22/08/2019

Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa

I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura (1)

06/08/2019

Compiti per le vacanze? Forse serve altro!

Puntualmente, di questi tempi, ritorna l’annoso interrogativo: servono ai figli i compiti scolastici da fare durante l’estate?

29/07/2019

Genitori separati e vacanze coi figli

Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

22/07/2019

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress


15/07/2019

Gli adolescenti, l'estate, l'amore

L’estate, per tutti è sinonimo di vacanza e di svago, di vita all’aria aperta. Per gli adolescenti ancora di più 

08/07/2019

Se un adolescente mente

Inventarsi una storia o farsi un film e mentire alla grande, in adolescenza ci sta. Eccome! Perché, come dice Gustavo P. Charmet, “I ragazzi che sostengono di dire sempre la verità ci devono preoccupare”

01/07/2019

I fatti di Bibbiano. Dalla violenza alla violenza?

Quando un amico e collega, qualche sera fa mi segnala la notizia appena diffusa dalle agenzie di stampa sui fatti di Bibbiano in provincia di Reggio Emilia, la mia reazione non è solo di sorpresa ma di totale sconcerto (1)

Eventi

<<Settembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia