Skin ADV
Venerdì 22 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


20.02.2019 Vobarno Provaglio VS Barghe

22.02.2019 Sabbio Chiese

21.02.2019 Serle

21.02.2019 Vestone

20.02.2019 Bagolino

22.02.2019 Bione

21.02.2019 Preseglie

20.02.2019 Serle

21.02.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

20.02.2019 Bagolino






28 Ottobre 2018, 09.00

Blog - Genitori e figli

Morire ancora di eroina

di Giuseppe Maiolo
La storia agghiacciante di Desirée Mariottini è la narrazione drammatica della disperazione giovanile e del degrado urbano, ma soprattutto umano

Dimostra che si può morire per overdose ed essere stuprati dal branco, che si vive l’adolescenza da soli, senza riferimenti, abbandonati a se stessi e trascurati da adulti latitanti o incapaci di fare la lor parte. Dimostra che i giovani di oggi non sono in grado di cogliere il rischio delle loro azioni o individuare i pericoli che attorniano l’esistenza.
Ma ci dice anche che li abbiamo imbrogliati e li stiamo ancora ingannando con l’ipocrisia delle parole e l’assenza di quei gesti che dovrebbero invece coltivare la crescita e far diventare autonomi e maturi. 
 
Abbiamo permesso che proliferasse quella “banalità del male” che la Harendt individuava nell’inconsapevolezza delle azioni, cioè nel non sapere cosa produce un gesto e dove conduce un’azione.
Perduta l’attenzione selettiva dell’educazione che sa evidenziare i comportamenti positivi ma anche segnalare quelli sbagliati e pericolosi, si è appiattita la percezione del rischio e si è perso quell’allarme sociale che un tempo poteva funzionare in particolare per l’eroina. 
 
L’inganno, per quanto riguarda l’uso delle sostanze, è stato a mio avviso quello di aver parificato tutte le droghe, averle rese uguali per pericolosità.
In realtà questo ha permesso di abbassare la guardia negli adulti i quali, sparita la siringa come simbolo del degrado e del pericolo, non hanno saputo vedere che l’eroina stava cambiando faccia e mutavano le dinamiche con cui i giovani si avvicinavano alle droghe. 
 
E negli anni anche i giovani hanno perso l’idea che le sostanze producessero dipendenza e fossero un pericolo. 
Nessuno degli adolescenti di oggi,infatti, teme questo, né si considera tossicodipendente se fa regolarmente canne. 
 
Se c’è un significato a tutto questo, credo dovremo cercarlo in quel tanto di onnipotenza infantile che adulti e famiglia hanno contribuito a mantenere in vita nell’adolescenza.
I piccoli imperatori che abbiamo adorato durante l’infanzia e idolatrato stendendo davanti a loro lunghi tappeti rossi, sono diventati i ragazzi convinti di poter governare tutto e sapere ogni cosa sulle sostanze. 
 
Poi, persa la valenza simbolica dell’autorità, è cambiato profondamente il concetto di trasgressione. Perché un tempo le droghe si assumevano per trasgredire contro qualcuno e contro le sue regole oppure, come agli inizi del terzo millennio, per affrontare con grinta la vita e vivere le relazioni senza paura. 
 
Servivano per sentirsi diversi e in opposizione al mondo.
Oggi la trasgressione non esiste più mentre l’eroina che è ricomparsa in abbondanza sulla piazza, facile da reperire e a basso costo, serve più come sedativo e strumento che ti estranea dalla realtà e dal futuro.
E su questo abbiamo bisogno di riflettere oltreché discutere se non vogliamo, tra qualche settimana, dimenticare Desirée.
 
Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it 

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78064 - 28/10/2018 13:23:03 (bernardofreddi)
Tutto giusto, e dal punto di vista psicologico esauriente. Ma questa povera ragazza non è stata stuprata e uccisa dall' "ipocrisia delle parole" e dall' "assenza dei gesti": è stata uccisa da un branco di porci. E questa è una questione di ordine pubblico e applicazione della legge.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa


16/04/2018 10:30:00
A quale età il cellulare? La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

24/11/2018 15:00:00
Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 



Altre da Genitori e Figli
11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


28/01/2019

Raccontare la memoria contro la banalità del male

La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

20/01/2019

Se le maestre picchiano i bambini

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale (2)

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

23/12/2018

Se Babbo Natale non fa più sorprese

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

16/12/2018

Nell'educazione parlare non basta

“Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 

07/12/2018

Pornografia virtuale e dipendenza

Le nuove tecnologie mettono a disposizione l’universo mondo con un solo click.

24/11/2018

Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne

Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza  (1)

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/11/2018

Le parole dell'odio

Le parole dell’odio circolano realmente attorno a noi, oggi  più che mai in rete, e attraversano le relazioni, le contaminano e le feriscono

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia