Skin ADV
Mercoledì 22 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


21.08.2018 Gavardo

20.08.2018 Garda

20.08.2018 Valtenesi

21.08.2018 Garda

20.08.2018 Bione

21.08.2018 Preseglie

21.08.2018 Villanuova s/C

20.08.2018 Sabbio Chiese Provaglio VS Barghe

20.08.2018 Agnosine

20.08.2018 Valsabbia



20 Aprile 2018, 10.40

Blog - Genitori e figli

Minori violenti con gli adulti

di Giuseppe Maiolo
Non è bullismo quello che si vede nel video diffuso sul web dove un ragazzo minaccia, umilia e deride un prof

Diciamolo a chiare lettere: è sconcertante vedere intimare a un professore di mettersi in ginocchio e dire a gran voce che deve capire chi comanda a scuola.
Ma non si tratta di bullismo quanto di esercizio sprezzante del potere e della violenza sia verbale che fisica.

Di certo questo comportamento fa parte delle caratteristiche specifiche del bullismo, ma la differenza è che per bullismo si intende un comportamento violento tra pari e qui l’aggressione è nei confronti di un adulto.
È un capitolo apparentemente nuovo, ma in realtà fenomeno  presente e sommerso. Solo in alcuni paesi europei è già stato avvistato e sono stati attivati dei servizi di consulenza e aiuto on line per gli adulti minacciati o picchiati dai minori.  

Fatti come quello di Lucca che vengono messi in rete dagli stessi protagonisti, però, indicano che le forme striscianti di odio esplicito hanno bisogno di essere viste ed esibite davanti a un pubblico che guarda, ride e non dice nulla. Questo è l’aspetto preoccupante.
Mette in evidenza il comportamento divertito dei compagni che riprendono l’abusante e allo stesso tempo sottolineano lo spaventoso deterioramento delle relazioni educative in famiglia e a scuola.

Perché se è vero che il video diffuso in maniera virale dai compagni che hanno ripreso la scena, potrebbe essere stato creato apposta per quei bisogni di visibilità che hanno gli adolescenti, è altrettanto vero che sono gli adulti, a partire da quel professore che nel video non sembra reagire e più ancora, a quanto se ne sa, non segnala il fatto a chi di dovere.
Ora che il video è invece di dominio pubblico, la burocrazia scolastica non può trascurarlo e deve cercare misure punitive esemplari.
Ed è giusto che sia così.

Ma siamo sicuri che questa sia l’unica la strada?
Siamo certi che non vi sia altro da fare che trovare sanzioni esemplari per punire i teenager che si comportano male?
Non dovremmo invece provare a osservare meglio e con più attenzione i vari comportamenti di prevaricazione o di dileggio che i bambini mettono in atto già alla scuola primaria e dell’infanzia e arginarli subito?

Mi sembra che agli adulti spetti il compito di fare gli adulti e non gli adultescenti, ovvero gli “educatori Bonsai” che fanno i compagnoni e sono incapaci di porre limiti.
Per crescere servono educatori attenti ai bisogni dei minori e che si rendano conto di cosa loro combinano senza giustificarli sempre.
Necessitano insegnanti che non colludano con i loro allievi, che non urlino quando questi urlano e non tacciano quando dovrebbero dire a gran voce la propria riprovazione per tutti quei comportamenti inaccettabili.

Siamo sicuri che quel ragazzo di Lucca che vuol far inginocchiare ai suoi piedi il prof, non abbia dentro di sé uno dei tanti modelli di adultità genitoriale carente e violenta che svaluta e delegittima l’insegnante nelle sue funzioni educative? 
Non può essere che abbia già sentito più volte offendere e umiliare apertamente via Whatsapp un docente?

Crediamo che trasmettano senso di responsabilità e diano valore al rispetto reciproco, quelle madri che aggrediscono le maestre o quei padri che mandano all’ospedale un insegnante?
Fatti come questi si ripetono in continuazione e le cronache giornalistiche le segnalano poco. Forse che ci stiamo già abituando?

Giuseppe Maiolo
Doc. Psicologia dello sviluppo – Università di Trento
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75869 - 20/04/2018 21:12:47 (bernardofreddi)
E se l'insegnante avesse reagito, cosa gli sarebbe successo, con le Autorità, con la famiglia, con i mass media?


ID75873 - 20/04/2018 23:48:23 (Tc) ...c'era...
una volta il maestro con el nerv de bo'...ecco csa manca...


ID75874 - 21/04/2018 07:27:12 (delirio) Bella la riflessione
Semplice e bella la riflessione del Dott. Maiolo; i commenti qui sopra non sono sicuramente all'altezza.Buona giornata!!


ID75885 - 21/04/2018 17:53:07 (genpep)
oddio delirio, i famosi due sberloni di onorata memoria uniti magari nei casi pi gravi a una buona cura di calcio (nel sedere) non han mai fatto male a nessuno....


ID75889 - 21/04/2018 19:37:44 (Tc) Esatto...
genpep concordo in toto...che poi neanche il commento di delirio...sa di cosi tanto 'altezzoso'...a capila...


ID75891 - 21/04/2018 20:07:46 (bernardofreddi)
Io non ho commentato; ho semplicemente posto una domanda: perchè potete scommetterci, che fra una settimana tutta questa attenzione ai problemi degli insegnanti sarà dimenticata ... fino a quando a un prof non scapperà un ceffone, o magari solo una risposta a muso duro, e allora partirà una campagna contro gli insegnanti aguzzini.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/07/2018 08:20:00
Il bullismo a scuola La scuola è finita anche quest’anno ma a bilancio c’è sempre l’inquietante incremento del bullismo

08/12/2015 08:58:00
Bullismo, la violenza del silenzio Colpisce l’orrore delle sevizie contro un minore di 13 anni che viene legato ad un cancello e trattato come un urinale...

11/02/2018 15:12:00
Bulli e vittime, due facce della stessa medaglia? Si è tenuta settimana scorsa, presso l’Auditorium dell'Istituto Battisti a Salò, la conferenza “Il bullismo a scuola”, presentata dall’associazione Anre, l’Associazione Nazionale Ragazzi Emarginati

29/01/2015 07:00:00
Perseguita il compagno per un anno, arrestato Vittima e carnefice sono entrambi valsabbini di 16 anni e frequentano un istituto superiore nella zona di Salò. Dopo un anno di vessazioni la denuncia e l’arresto da parte dei Carabinieri di Salò

28/01/2012 08:56:00
Violenza all’asilo Li prendeva a sberle, li strattonava e li puniva con l’isolamento per ore. I carabinieri filmano e poi l’arrestano. E’ successo nella scuola materna di Anfo.



Altre da Genitori e Figli
19/08/2018

Le bulle

Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

05/08/2018

Costruire empatia

L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

29/07/2018

Adolescenti e social

I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

22/07/2018

Sempre connessi ma fuggiaschi

Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

15/07/2018

Mancanza di educazione?

Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo  (1)

09/07/2018

Ludopatia

Il termine ludopatia è ormai diventato familiare. Se ne parla sempre di più e si insiste, meno male, sugli aspetti gravi, anzi gravissimi. La parola indica gioco che produce patologia!

01/07/2018

Il bullismo a scuola

La scuola è finita anche quest’anno ma a bilancio c’è sempre l’inquietante incremento del bullismo (1)

23/06/2018

Prevenire le molestie e l'abuso

Non è per nulla facile scovare gli “orchi” che molestano i minori. Non lo è mai stato.  È storia consueta che la violenza sessuale e psicologica rimanga nascosta per un certo tempo 

17/06/2018

Esami in vista, ansia in arrivo!

È ormai tempo di esami. Ma anche di ansia e stress. Perché si sa, le prove scolastiche ma in particolare quelle della maturità, in fondo rappresentano la “verifica” di un percorso e insieme l’autorizzazione della società ad andare oltre l’adolescenza.

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia