Skin ADV
Giovedì 19 Settembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Laghetto di campo

Laghetto di campo

di Nani Zontini





07 Maggio 2019, 08.45

Blog - Genitori e figli

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

di Giuseppe Maiolo
Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

“I nostri ragazzi” è il titolo di un film drammatico uscito qualche anno fa con la regia di Ivano De Matteo. È la storia di due famiglie, i cui padri sono fratelli e vivono una vita ordinaria e tranquilla, per lo meno fino a quando non scoprono che i rispettivi figli adolescenti, Benedetta e Michele, sono violenti, capaci di aggredire e uccidere un senzatetto, senza provare alcunché. È la narrazione filmica intensa e per certi versi sconvolgente di una storia al confine della realtà che però ti viene subito da associare a quella recente di Manduria dove una baby gang di ragazzini per un tempo lungo ha esercitato aggressioni fisiche e vessazioni su un sessantenne affetto da disturbi psichici.

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi. Per lo meno questo è ciò si è letto in questi giorni nelle cronache che hanno definito atti di bullismo i pestaggi sul povero pensionato di Manduria, trovato in un grave stato clinico dopo mesi di pestaggi.

A parte il fatto che non è corretto parlare di bullismo quando un adolescente esercita violenza su un adulto, ma occorre definirle azioni di abuso dettate dall’incapacità di tenere sotto controllo pulsioni e istinti, vi sono in questa storia incredibile diversi elementi che sconvolgono. Primo fra tutto il fatto che i comportamenti dei ragazzi, che peraltro si sono videoripresi e hanno postato quel materiale su Whatsapp, erano conosciuti da tempo. Molti sapevano ma nessuno ha parlato e ha impedito che questa storia andasse avanti. Altri, come alcuni genitori, hanno dichiarato di non aver potuto immaginare i comportamenti dei propri figli, tanto meno sapere come si sviluppa il loro mondo di relazioni.

Questa storia, come tante altre, è sconvolgente perché sottolinea la lontananza abissale che oggi divide gli adulti dai nuovi bambini e dai millennials. Segna gravemente la distanza culturale della famiglia che non sa cosa provano dentro gli adolescenti e come comunicano con quei dispositivi digitali che gli adulti regalano fin dall’età di 7/8 anni. E poi fa emergere l’incapacità che abbiamo un po’ tutti di accorgerci della violenza e di quanto la stiamo normalizzando nelle azioni quotidiane, così che non ci appare più come offensiva e mortifera.

Questo fa sì che siamo tutti responsabili di quello che è accaduto a Manduria, colpevoli di non saper vedere che la violenza dei ragazzi può anche narrare un disturbo come quello di una perversione che si chiama sadismo, ovvero il piacere di fare del male ad un altro e torturare.
Per questo motivo è fuorviante affermare che il bullismo o il cyberbullismo, e tutti quei comportamenti violenti persistenti e persecutori abbiano come spiegazione la noia o il vuoto di valori. Credo invece necessario riconoscere precocemente anche i quadri clinici specifici che producono comportamenti disturbati e ricordare che pure l’incapacità di provare empatia può diventare una patologia significativa, quella che sviluppa analfabetismo emotivo, freddezza e indifferenza.

Chiamare in causa la patologia dei comportamenti non significa attenuare la responsabilità di chi compie azioni crudeli e gravemente persecutorie, ma ci richiede di pensare all’incapacità dell’attuale comunità educante di controllare lo sviluppo psicofisico dei minori e la loro salute mentale. Ci impone di considerare grave la complicità silente della società di oggi, che tollera o, addirittura alimenta, la cultura della violenza e non sa mettere in campo strumenti educativi, azioni di controllo e di prevenzione utili a contrastare le devastanti condotte aggressive che le nuove tecnologie della comunicazione non alimentano, ma amplificano.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

04/11/2018 08:00:00
Minori che picchiano i prof Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

24/11/2018 15:00:00
Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 

04/03/2019 09:06:00
Fare i genitori al tempo dei social I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri

16/12/2018 09:41:00
Nell'educazione parlare non basta “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 



Altre da Genitori e Figli
15/09/2019

Insegnanti: attenti al burnout!

La parola "burnout" ci è diventata familiare. Ormai. Collegato allo stress, sappiamo che si tratta di una risposta individuale alla pressione lavorativa che ti fa sentire  come “bollito”  (29)

09/09/2019

Lo stress a scuola

“Che stress la scuola!”; “Non ce la faccio più. Mi sento sempre sotto pressione e spesso mi vien da piangere e da gridare”. Sono frasi che ho sentito di frequente dagli adolescenti che incontro, e non sempre si tratta di esagerazioni (2)

03/09/2019

La scuola riparte

Ecco ci risiamo. Tra pochi giorni si riparte con la scuola e con il suo carico di aspettative e di ansie per tutti 

22/08/2019

Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa

I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura (1)

06/08/2019

Compiti per le vacanze? Forse serve altro!

Puntualmente, di questi tempi, ritorna l’annoso interrogativo: servono ai figli i compiti scolastici da fare durante l’estate?

29/07/2019

Genitori separati e vacanze coi figli

Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

22/07/2019

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress


15/07/2019

Gli adolescenti, l'estate, l'amore

L’estate, per tutti è sinonimo di vacanza e di svago, di vita all’aria aperta. Per gli adolescenti ancora di più 

08/07/2019

Se un adolescente mente

Inventarsi una storia o farsi un film e mentire alla grande, in adolescenza ci sta. Eccome! Perché, come dice Gustavo P. Charmet, “I ragazzi che sostengono di dire sempre la verità ci devono preoccupare”

01/07/2019

I fatti di Bibbiano. Dalla violenza alla violenza?

Quando un amico e collega, qualche sera fa mi segnala la notizia appena diffusa dalle agenzie di stampa sui fatti di Bibbiano in provincia di Reggio Emilia, la mia reazione non è solo di sorpresa ma di totale sconcerto (1)

Eventi

<<Settembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia