Skin ADV
Martedì 18 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Rododendro nano

Rododendro nano

di Clementino Ferrari



16.06.2019 Villanuova s/C Prevalle

17.06.2019 Garda

16.06.2019 Casto

16.06.2019 Preseglie

17.06.2019 Gavardo Vallio Terme

16.06.2019 Gavardo Valsabbia

17.06.2019 Idro Vobarno Valsabbia

16.06.2019 Preseglie

16.06.2019 Vestone

17.06.2019 Vobarno



07 Maggio 2019, 08.45

Blog - Genitori e figli

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

di Giuseppe Maiolo
Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

“I nostri ragazzi” è il titolo di un film drammatico uscito qualche anno fa con la regia di Ivano De Matteo. È la storia di due famiglie, i cui padri sono fratelli e vivono una vita ordinaria e tranquilla, per lo meno fino a quando non scoprono che i rispettivi figli adolescenti, Benedetta e Michele, sono violenti, capaci di aggredire e uccidere un senzatetto, senza provare alcunché. È la narrazione filmica intensa e per certi versi sconvolgente di una storia al confine della realtà che però ti viene subito da associare a quella recente di Manduria dove una baby gang di ragazzini per un tempo lungo ha esercitato aggressioni fisiche e vessazioni su un sessantenne affetto da disturbi psichici.

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi. Per lo meno questo è ciò si è letto in questi giorni nelle cronache che hanno definito atti di bullismo i pestaggi sul povero pensionato di Manduria, trovato in un grave stato clinico dopo mesi di pestaggi.

A parte il fatto che non è corretto parlare di bullismo quando un adolescente esercita violenza su un adulto, ma occorre definirle azioni di abuso dettate dall’incapacità di tenere sotto controllo pulsioni e istinti, vi sono in questa storia incredibile diversi elementi che sconvolgono. Primo fra tutto il fatto che i comportamenti dei ragazzi, che peraltro si sono videoripresi e hanno postato quel materiale su Whatsapp, erano conosciuti da tempo. Molti sapevano ma nessuno ha parlato e ha impedito che questa storia andasse avanti. Altri, come alcuni genitori, hanno dichiarato di non aver potuto immaginare i comportamenti dei propri figli, tanto meno sapere come si sviluppa il loro mondo di relazioni.

Questa storia, come tante altre, è sconvolgente perché sottolinea la lontananza abissale che oggi divide gli adulti dai nuovi bambini e dai millennials. Segna gravemente la distanza culturale della famiglia che non sa cosa provano dentro gli adolescenti e come comunicano con quei dispositivi digitali che gli adulti regalano fin dall’età di 7/8 anni. E poi fa emergere l’incapacità che abbiamo un po’ tutti di accorgerci della violenza e di quanto la stiamo normalizzando nelle azioni quotidiane, così che non ci appare più come offensiva e mortifera.

Questo fa sì che siamo tutti responsabili di quello che è accaduto a Manduria, colpevoli di non saper vedere che la violenza dei ragazzi può anche narrare un disturbo come quello di una perversione che si chiama sadismo, ovvero il piacere di fare del male ad un altro e torturare.
Per questo motivo è fuorviante affermare che il bullismo o il cyberbullismo, e tutti quei comportamenti violenti persistenti e persecutori abbiano come spiegazione la noia o il vuoto di valori. Credo invece necessario riconoscere precocemente anche i quadri clinici specifici che producono comportamenti disturbati e ricordare che pure l’incapacità di provare empatia può diventare una patologia significativa, quella che sviluppa analfabetismo emotivo, freddezza e indifferenza.

Chiamare in causa la patologia dei comportamenti non significa attenuare la responsabilità di chi compie azioni crudeli e gravemente persecutorie, ma ci richiede di pensare all’incapacità dell’attuale comunità educante di controllare lo sviluppo psicofisico dei minori e la loro salute mentale. Ci impone di considerare grave la complicità silente della società di oggi, che tollera o, addirittura alimenta, la cultura della violenza e non sa mettere in campo strumenti educativi, azioni di controllo e di prevenzione utili a contrastare le devastanti condotte aggressive che le nuove tecnologie della comunicazione non alimentano, ma amplificano.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

04/11/2018 08:00:00
Minori che picchiano i prof Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

24/11/2018 15:00:00
Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza 

04/03/2019 09:06:00
Fare i genitori al tempo dei social I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri

16/12/2018 09:41:00
Nell'educazione parlare non basta “Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 



Altre da Genitori e Figli
16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

20/05/2019

Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti

Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

29/04/2019

OMS, linee guida per l'infanzia

Non è una novità dire che la tecnologia avanzata di questo nuovo millennio sta condizionando il benessere psicofisico soprattutto dei bambini. A rimarcare questi aspetti, per certi versi preoccupanti, sono uscite da qualche giorno le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità dedicate all’infanzia tra 0 e 5 anni.

21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

08/04/2019

Combattere il revenge porn

Da qualche giorno il revenge porn, la vendetta pornografica, è diventato un reato punibile. La Camera dei deputati, all’unanimità, ha approvato il testo sul Codice rosso e su questa nuova forma di violenza alle donne. Finalmente  (1)

01/04/2019

Intervista ad Alberto Pellai

Alberto Pellai, medico e psicoterapeuta, questo lunedì sera alle ore 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale, per il ciclo Genitori in Formazione, affronterà il tema scottante della preadolescenza, epoca complessa e difficile sia per i figli che per i genitori. Gli abbiamo chiesto di anticiparci il suo intervento

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia