29 Febbraio 2020, 08.00
Blog - Genitori e figli

Le sfide estreme. Quando manca la percezione del rischio

di Giuseppe Maiolo

Le sfide non finiscono mai… di sorprendere e terrorizzare. Se ne inventano di tutti i tipi


C’è quella del gruppo di preadolescenti che pratica il “Daredevil selfie”, cioè un “Selfie spericolato”. Consiste nel farsi fotografare ad attraversare i binari mentre arriva un treno. Vince chi per ultimo riesce a lasciare le rotaie e mettersi in salvo.

Un gioco mortale che di recente ha visto come protagonisti tre ragazzini di Carpi (Modena) di cui il più grande aveva 14 anni.

Ma l’ultima in ordine di tempo si chiama “Spacca cranio” o meglio in inglese "Skullbreaker Challenge" che letteralmente significa proprio “Sfida a colui che spacca il cranio”. Pericolosa, pericolosissima moda che approda in Italia grazie alla diffusione di Tik Tok, il social che spopola tra gli adolescenti.

I ragazzi e le ragazze la praticano
come un gioco divertente, ma è un micidiale divertimento che ha a che fare con il bullismo e con la violenza incosciente di chi non si rende conto del rischio che fa correre alla vittima designata. Perché il “gioco” consiste nel saltare in tre allineati insieme ad una o un malcapitato compagno che si vuol deridere.

Questo sta al centro del gruppo ma non sa che mentre salterà uno degli altri due gli farà una specie di sgambetto facendolo cadere.
Il risultato, di solito, non è per nulla divertente. Anzi può essere davvero grave, nel senso che chi cade rischia traumi alla testa o anche una lesione midollare.

"Challenge", dunque. Cioè sfide, prove terribili e potenzialmente mortali che mettono in pericolo la vita dei protagonisti o quella degli altri. L’idea comune che sembra star dietro tutto questo, per lo meno l’intenzione dichiarata dagli adolescenti, è quella del divertimento e del gioco.

Ma vien da chiedersi, come mai manca la percezione del rischio che si corre? Come mai oggi i ragazzi percepiscono solitamente l’aspetto ludico di quei comportamenti estremi?

Una volta si parlava di trasgressioni, ovvero di azioni dirompenti e sregolate che avevano a che fare con il bisogno tutto adolescenziale di mettersi alla prova e sfidare le proprie capacità. Era il desiderio di andar contro le regole e mettersi a confronto con gli altri.

Era la conclusione dell’infanzia e la scoperta che si poteva disobbedire al pensiero adulto da cui si era in grado di divergere. Ma era anche la necessità di affermare la propria individualità e mostrare la crescita e l’individuale autonomia raggiunta. 

Oggi non vi è nulla di tutto questo nelle sfide adolescenziali delle nuove generazioni. Oggi i centennials, quelli nati con il nuovo millennio, mettono in atto comportamenti estremi per sentire adrenalina in circolo e provare sensazioni forti con cui vincere la monotonia dell’esistenza e attenuare quel dolore interno che ti prende intensamente quando non conosci ancora chi sei e dove stai andando, quando emozioni e sentimenti non sai dove ti portano e come si gestiscono.

Ma, ancora di più, questo incremento di sfide sempre più al limite sembra servire a questa generazione per uscire da un insopportabile anonimato e acquisire una fisionomia virtuale e al tempo stesso reale.

Necessita per costruirsi un’immagine da mostrare e far valere, in quanto vivere nel tempo in cui gran parte della vita è online vuol dire avere popolarità e visibilità.

Giuseppe Maiolo
Psicoanalista
Università di Trento
Www.officina-benessere.it 


Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa

22/07/2019 09:30:00

In vacanza con i figli

Andare in vacanza è sempre piacevole, ma oggi andarci con i figli richiede un’attenzione e una programmazione particolare, se non si vuole che l’agognata vacanza si trasformi in stress



Altre da Genitori e Figli
12/07/2020

Educare alla perseveranza. Ovvero far crescere la forza di lottare

Ci sono esempi che contano quando le fatiche si fanno sentire, lo sguardo sulla vita è corto e la speranza, sfilacciata, non appartiene ai vocaboli che usiamo giornalmente

30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento