14 Gennaio 2020, 09.18
Blog - Genitori e figli

Le avventure di Pinocchio. Attualità di una storia

di Giuseppe Maiolo

Le narrazioni fantastiche resistono al tempo perché sono metafore. Pinocchio è una di queste che, a giudicare dalla popolarità, è una storia continuamente letta, raccontata e riscritta, come dimostrano le tante versioni cinematografiche e i libri che si pubblicano


La ragione sta nel fatto che “Le avventure di Pinocchio” sono un vero e proprio racconto fiabesco che parla della vita e della crescita, dell’esplorazione del mondo e dei pericoli che si incontrano. Scrive Vittorino Andreoli in una sua recente riscrittura dell’opera di Collodi: “È una favola che va dentro il bambino… come si trattasse di un archetipo”.

Concordo con questa visone, perché la storia del burattino di legno è una vera e propria metafora che allude al cambiamento e alle trasformazioni possibili in età evolutiva. È il racconto dell’infanzia eterna che ciascuno si porta dentro e Pinocchio rappresenta quel fanciullino che scalpita inquieto e curioso desideroso di diventare umano e invece bloccato nella sua forma.

È un personaggio che ci attrae per l’imprudenza e per quell’impulsiva sregolatezza che fa parte del puer aeternus nascosto nell’inconscio di tutti. Da qui probabilmente il motivo per cui le avventure del burattino di legno ci continuano ad affascinare e con lui l’universo dei personaggi e degli eventi che incontra.

Pinocchio colpisce ancora perché incarna le caratteristiche dei preadolescenti, quelli ipercinetici e svogliati, i “caratteriali” non necessariamente patologici, ma evolutivamente irresponsabili e sregolati, anticonformisti e poco adattabili alla realtà, come sono naturalmente i ragazzini in quella fase esplosiva di inizio adolescenza. Età lunga che travolge gli adulti e mette a dura prova la loro resilienza.

A dispetto delle parole che Collodi mette in bocca al suo personaggio - “Voglio diventare un ragazzo a tutti i costi” - Pinocchio rimane per un tempo infinito un burattino incorreggibile e bugiardo. Promette e non mantiene mai. Si caccia nei guai, nega l’evidenza dei suoi errori e mente.

E l’autore, pedagogo del suo tempo, come cura suggerisce punizioni e castighi che però non sortiscono alcun effetto. Ma al di là della teoria educativa decisamente datata e strettamente connessa con il pensiero positivista dell’Ottocento, il Pinocchio-bambino che ci affascina è un ragazzino disubbidiente e trasgressivo che scopre le sue nuove energie ed è curioso del mondo da esplorare.

Naturalmente inquieta l’incorreggibile ingenuità che troppo spesso lo mette nei guai e ci irrita l’esuberanza eccessiva che lo pone di fronte a imprese rischiose da cui non trae insegnamento, ma la storia di Pinocchio è quella dell’ambivalenza adolescenziale che da una parte spinge verso il cambiamento e la trasgressione mentre dall’altra paralizza lo sviluppo perché prevale la paura della crescita.

Grazie alla genialità di Collodi, le avventure di Pinocchio che si sviluppano tra la fantasia e realtà sono la narrazione del desiderio di libertà che contiene il bisogno di esplorazione e il rischio del disordine e del disagio. 

Ma questa è la storia universale di ogni individuo che affronta la fatica di crescere e il disorientamento davanti alla possibile trasformazione.

Al tempo stesso è l’avventura di quel Geppetto-genitore che fatica a capire il figlio e che per correggere i suoi comportamenti scorretti, sottolinea di continuo i suoi errori e usa come strumento educativo solo il sistema delle punizioni che non modificano nulla, quando invece quel che serve è tempo, pazienza e fiducia. 

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento
www.officina-benessere.it



Vedi anche
29/07/2019 10:10:00

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

28/10/2018 09:00:00

Morire ancora di eroina

La storia agghiacciante di Desirée Mariottini è la narrazione drammatica della disperazione giovanile e del degrado urbano, ma soprattutto umano

20/01/2020 10:00:00

Padri e figli “I figli invecchiano. Ma non invecchiano loro. Invecchiano te”. Inizia così il denso monologo di Mattia Torre, drammaturgo e regista da poco scomparso e di cui, tra qualche giorno, uscirà postumo, il suo ultimo film

18/11/2018 08:00:00

Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00

Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?

Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa



Altre da Genitori e Figli
30/06/2020

L'urgenza di sostenere la famiglia e la scuola

Per quanto terribili siano le esperienze traumatiche, è possibile che esse ci diano nuove risorse e capacità di adattamento. Lo confermano molte ricerche sulla resilienza, che è resistenza e perseveranza

22/06/2020

Le conseguenze della quarantena

Durante la quarantena c’era chi aveva fatto previsioni rispetto alle conseguenze del lockdown. Diceva che avrebbe prodotto gravi effetti sulla salute psicologica e mentale degli individui e avrebbe fatto aumentare le dipendenze in tutte le sue forme. E così è stato

08/06/2020

La società della paura che genera mostri

Che la pandemia abbia cambiato il mondo lo sappiamo. Ansia e incertezza sanno generare mostri e comportamenti difensivi ma assurdi e inaccettabili. L'ultimo in ordine di tempo è quello di aver immaginato gabbie di plexiglass per difendere bimbi a scuola

01/06/2020

Ritorno a scuola per un giorno? No grazie. Ci vuole altro

Da un po’ di giorni, finalmente, si parla di far tornare a scuola i bambini prima della conclusione dell’anno. Non è cosa di poco conto, anche se non vuol dire riaprire le scuole

13/05/2020

Dall'ignoranza alla presunzione

È inaccettabile la violenza che circola in questi giorni su Silvia Romano. Mostra che siamo distanti ancora anni luce dall'idea di contenere o eliminare quell’odio online che tutti, a parole, si dicono interessati a sconfiggere

(17)
11/05/2020

Cambiare modo di vivere per tornare a star bene

Come usciremo da questa situazione? Cosa cambierà dopo questo forzato distanziamento sociale che non vediamo l’ora di azzerare? Quando ritorneremo alla vita di prima?

26/04/2020

Il gioco come via d'uscita all'angoscia

Richiusi forzatamente in casa le relazioni genitori e figli, sono decisamente mutate e le dinamiche che le alimentano nuove e inusuali

21/04/2020

Il tempo del dopo. Quando i bambini torneranno a scuola

È un tempo lungo quello del lockdown, ma ora si comincia a parlare del tempo del dopo, quello della ripresa. Molti però sono gli interrogativi, i dubbi e le domande che affiorano. Riguardano tutti, ma in particolare i bambini e il loro rientro a scuola

08/04/2020

Coronavirus e genitori separati

C’è fatica che si aggiunge a fatica di questi tempi. È quella delle famiglie separate, che si ritrovano a gestire i rapporti con i figli al tempo dell’isolamento sociale e del distanziamento

01/04/2020

Lettera aperta ai genitori

Cari genitori, il tempo lungo e pesante che stiamo vivendo è un momento difficile per tutti. Facciamo esperienze emotive intense e inattese che dureranno ancora per diverso tempo.