Skin ADV
Lunedì 20 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


18.11.2017 Gavardo

18.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017 Prevalle

19.11.2017 Villanuova s/C

19.11.2017

20.11.2017 Gavardo

20.11.2017 Vallio Terme

19.11.2017 Idro Garda

20.11.2017 Villanuova s/C Provincia

20.11.2017






25 Settembre 2017, 08.30

Blog - Genitori e figli

La paura di diventar grandi

di Giuseppe Maiolo
Crescere o non crescere, questo è il dilemma. Parafrasando Amleto, potrebbe essere l’interrogativo che si pongono i Millenials, cioè tutta quella generazione che è nata con l’esplosione di Internet ed è cresciuta con la tecnologia digitale

Sono gli adolescenti di questo momento storico, che sembrano voler fermare il tempo, che temono di diventar adulti e non hanno voglia di assumersi responsabilità perché hanno paura del futuro, di ciò che li attende.

Ora gli studi che si vanno facendo sui comportamenti dei ragazzi e delle ragazze
, sembrano confermare quanto sia diffusa la paura di crescere e l’ansia di non riuscire che può anche diventare angoscia del fallimento.
Così quella fase della vita che è sempre stata caratterizzata dalla voglia di conoscere, cercare, esplorare, sembra essersi bloccata.

I giovani davanti alle cose nuove e ai cambiamenti si spaventano e si ritirano o, quanto meno rimandano l’appuntamento con le prove significative e con le esperienze trasformative.
Il che fa pensare a un’adolescenza lenta e dilatata se non interminabile come alcuni la definiscono.

Qualche volta è davvero bloccata.
Al clinico che si confronta con la sofferenza individuale tocca allora operare per riattivare il processo di crescita e, nei casi più gravi, contenere un’energia autolesionistica che mette in pericolo la stessa esistenza.

Fobie scolari, azioni autuoaggressive sul corpo, ritiro sociale
sono da più di un decennio motivi di un disagio crescente che si esprime con preoccupante frequenza.

Ma al di là di alcune situazioni più gravi le ricerche più recenti, tra cui una americana di grande portata, sviluppate attorno ai comportamenti giovanili di massa, sembrano confermare il fenomeno del rallentamento della crescita e il diffuso ritardo con cui gli adolescenti passano attraverso esperienze trasformative e, ad esempio si confrontano con il sesso, costruiscono relazioni o semplicemente prendono la patente.

La spiegazione più immediata che emerge appare quella legata al massiccio utilizzo delle nuove forme di comunicazione digitale che mantiene iperconnessi i giovani e fa loro sperimentare relazioni più virtuali che reali.
Il web, insomma, torna ad essere il protagonista negativo ed è colpevole di influenzare la vita di tutti e in modo particolare dei più giovani.

Il che è sicuramente vero. Ma forse il fenomeno è più complesso e servono altre riflessioni.
Può essere utile per esempio pensare a un’adolescenza dilatata che in maniera preoccupante si anticipa quando adultizziamo precocemente i bambini e non diamo loro il tempo di maturare.

Un’adolescenza che si protrae perché si è esaurita precocemente l’energia necessaria per il processo di individuazione.
Forse ci potrebbe aiutare sapere che se li deresponsabilizziamo facendo per loro ogni cosa e li proteggiamo a oltranza impediamo loro di fare alcuna esperienza e gli togliamo il desiderio di esplorare il mondo, e anche la voglia di gestire la loro esistenza.

Senza rischi non si cresce. Oppure chiediamoci se tutti i timori degli adolescenti a mettersi in gioco non provengano anche da questa società che ha fatto della paura il leitmotiv dell’esistenza e li abbia contagiati.

Un bambino che vive la continua preoccupazione dell’adulto che gli possa accadere qualcosa, difficilmente si renderà autonomo e saprà contare sulle proprie risorse.

Diventar grandi vuol dire provare a scegliere e a decidere.
Ma queste prove sono un’impresa, un traguardo faticoso o impossibile se ho sempre avuto qualcuno che ha fatto per me e mi sollevato da ogni fatica.
Meglio allora rallentare. Oppure rinunciare e fermarsi.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista 
www.officina-benessere.it

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/11/2015 07:27:00
Genitori: saper fare o saper essere? È  cresciuta nel corso degli ultimi anni la percezione che la funzione educativa sia ormai un’azione complessa e difficile..

04/04/2016 10:33:00
Serve davvero dire “no” per crescere i figli? Anni fa, la pubblicazione del libro di Asha Phillips divenuto subito un best sellers in tutto il mondo, accese la discussione sull’importanza di contenere il permissivismo...

15/04/2016 11:32:00
Un tablet a tre anni? Si fa un gran parlare oggi dei novi strumenti della tecnologia digitale, come ad esempio il tablet, in mano ai bambini. Il dibattito è già acceso e divide gli esperti: chi è favorevole e chi è contrario

15/09/2014 07:08:00
Suona la campanella: la scuola ricomincia! Ansie e preoccupazioni, ma anche aspettative e speranze. «Aiutiamoli a crescere» vuole essere anche uno spazio di condivisione dedicato ai lettori di Vallesabbianews


22/07/2016 07:13:00
Grooming: la pedofilia in Internet Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico



Altre da Genitori e Figli
08/11/2017

Inganna il maiale: un nuovo bullismo in rete

Si tratta di un "gioco" che non adrebbe per nulla chiamato tale e che arriva a provocare devastazione psicologica nelle vittime
(1)

23/10/2017

Imparare Internet per educare i figli

Internet è una realtà preziosa, ormai insostituibile. Da quando, agli inizi degli anni novanta del secolo scorso, Internet è diventata una “rete” di connessioni diffusa e utilizzata a livello globale la nostra realtà è cambiata radicalmente

08/10/2017

Adolescenza e depressione

Flavia Bustreo: «La depressione è una minaccia sottovalutata nel mondo moderno, soprattutto verso le fasce più deboli della popolazione, fra cui donne dopo la gravidanza e gli adolescenti» (1)

19/09/2017

Bulli non si nasce e cyberbulli si diventa

Nessuno nasce violento ma tutti possono diventare bulli. E oggi con le nuove tecnologie della comunicazione digitale è ancora più facile far emergere aggressività e violenza come gioco e divertimento, senza una chiara consapevolezza della gravità dei propri comportamenti

16/09/2017

Costruire l'umano nella scuola che cambia

La novità della scuola di quest’anno che interessa studenti, docenti, e famiglie, è il progetto del liceo quadriennale

04/09/2017

Meno stress per il rientro dalle vacanze!

Settembre è per tutti il mese della ripresa. Ognuno riprende la vita di prima dopo le vacanze estive, il tempo lungo del giorno, l’ozio e la distensione. C’è chi ritorna al lavoro e che inizia la scuola

03/08/2017

Piromania, che piacere!

Il rischio è il mio mestiere. Si potrebbe dire parafrasando un’espressione cara a Fleming e al suo storico personaggio 007 che aveva licenza di fare qualsiasi cosa

25/07/2017

Bulli e bulle per me pari sono

Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente

08/06/2017

A proposito di Balena blu

L’allarme è virale, come si dice ora nel tempo digitale. E’ bastato un servizio decisamente inquietante per mettere in angoscia genitori e educatori, infuocare gli animi di preoccupazione e far gridare all’emergenza

03/05/2017

Prevenire il Cyberbullismo

Sul cyberbullismo è noto l’impegno del Parlamento italiano che, almeno al Senato, ha approvato un disegno di legge per la tutela dei minori vittime di aggressioni e offese sul web. Tuttavia...

Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia