Skin ADV
Lunedì 25 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Una coppia insolita

Una coppia insolita

di Valentina Marchi

[Varie]


23.03.2019 Provincia

23.03.2019 Sabbio Chiese

25.03.2019 Bagolino

24.03.2019

25.03.2019 Prevalle Provincia

23.03.2019 Treviso Bs

25.03.2019 Capovalle Valsabbia

23.03.2019 Villanuova s/C

23.03.2019 Vobarno

24.03.2019 Bione






08 Novembre 2017, 09.18

Blog - Genitori e figli

Inganna il maiale: un nuovo bullismo in rete

di Giuseppe Maiolo
Si tratta di un "gioco" che non adrebbe per nulla chiamato tale e che arriva a provocare devastazione psicologica nelle vittime

Oggi tutto cambia in continuazione. Il bullismo si trasforma e  nella realtà virtuale ci vuole poco perché le parole o le immagini e i comportamenti diventino virali e si diffondano come uno di quei virus invernali che inchiodano una quantità di persone a letto con la febbre influenzale. 
Sta accadendo da qualche settimana con un “gioco” spaventoso, che non andrebbe per nulla chiamato “gioco”.

Inganna un maiale è un comportamento bullo e  perverso che umilia e offende le teenager e le ferisce intenzionalmente e con crudeltà. 
Pull a pig si dice in inglese per definire il divertimento dei nuovi adolescenti che usano la rete per ingannare una ragazza e prenderla in giro, deriderne on line l’aspetto fisico, ferirne la dignità mettendola alla berlina.

Non “gioco” ma azione violenta e perversa di cyberbullismo.
Non è nemmeno  un comportamento nuovo. Anzi è conosciuto e si basa sulla seduzione e sull’inganno da sempre appartenuto all’universo dei comportamenti spavaldi e prepotenti di quei maschi capaci solo di far emergere il loro violento machismo e la povertà relazionale in cui gravitano.

Lo si è sempre visto in adolescenze problematiche che mascheravano insicurezza e disagio per i rapporti affettivi.
Lo esprimevano quei ragazzi, ma anche certi adulti, che volevano  fare i gradassi e gli  sbruffoni per nascondere défaillance e paure. 

Nulla di nuovo dunque, ma ora con le potenzialità della rete, quella specie di divertimento è diventato un fare sadico e perverso molto simile allo stalking, peraltro protetto dal l’anonimato del web.
Chi lo pratica prende di mira una ragazza magari un po’ bruttarella o con qualche difetto fisico, spesso in sovrappeso e per questo apostrofata come pig-maiale da ingannare.
E il divertimento del cyberbullo di oggi è quello di mostrare con video e foto al pubblico vasto della rete le sue imprese seduttive e le abilità con cui cattura e imbroglia la sua preda.

Inganna un maiale, pertanto, è un brutto inganno di cui è necessario mettere al corrente gli adolescenti perché non lo sentano come un divertito passatempo e le teenager non ne diventino vittime. 

Per proteggere le femmine è necessario che conoscano la sequenza del “gioco” che è sempre la stessa: il bullo identifica su un social una ragazza e la riempie di complimenti facendole credere di essere interessato o addirittura innamorato.
La coccola e la lusinga, la fa sentire importante e desiderata.

Ma non è così: la considera un pig e le tende un’esca.
Lei ci casca. Si fida e si affida. E alla fine, catturata e prigioniera del suo adulatore, non sa riconoscere l’imbroglio e fa tutto quello che lui le chiede: selfie in pose intime o nuda in cam, la malcapitata accetta ogni cosa e alla fine, magari anche affrontando un viaggio, incontra lo sconosciuto per  farci sesso.

Un copione perverso che vede il cyberbullo dominare la scena e alla fine svelare l’inganno quando dice alla vittima designata che si trattava di uno scherzo.

Un orribile scherzo violento di manipolazione psicologica dei sentimenti  e della fiducia.
Purtroppo di solito all’imbroglio si accompagna la derisione e l’umiliazione pubblica. Non solo perché gli altri hanno seguito quel gioco sadico sui social di turno, ma soprattutto perché le immagini o i video, le parole e le foto intime di lei, postate come umilianti trofei, fanno rapidamente il giro della rete e, devastanti, producono nella vittima vergogna e angoscia, rabbia e disperazione da cui è difficile venirne fuori.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista 
www.officina-benessere.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74030 - 08/11/2017 13:21:07 (Tc) ...
ma io dico...sono cosi fragili i nostri giovani? Li vedi fuori,in gruppo la cantano alta e poi da soli nelle loro 4 mura della cameretta (o anche no) diventano delle pecore facilmente malneabili...e' cosi difficile per i genitori capirne i loro problemi?Fortunatamente non e' il mio caso,ma penso che lo e' per altri,e allora come riprendere contatto con i nostri figli,come aiutarli,come discuterci,come fargliela capire...ai miei tempi,i miei genitori mi stavano sotto mica male,ora forse li accontentiamo troppo materialmente,ma non gli si da l'affetto necessario,che non e' solo coccole e nanne,ma indirizzamento al mondo fuori,che deve essere dato e ragionato in base all'eta' del giovane...e' un mondo strano la societa' di oggi,e nemmeno noi genitori a volte siamo in grado di confrontarcisi...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
27/11/2018 08:50:00
Cyberbullismo e adescamento online I pericoli di internet nella società di oggi, soprattutto riferiti ai minori, sono l'argomento all'ordine del giorno dell'incontro di questo mercoledì sera ad Agnosine con il sostituto procuratore Ambrogio Cassiani

20/02/2019 15:05:00
Cyberbullismo e i rischi della rete È in calendario questo giovedì 21 febbraio a Vobarno un incontro rivolto a genitori in età scolare sui rischi dell’uso inappropriato di internet e dei social network

29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

17/11/2015 09:50:00
Adolescenti intrappolati nella rete È dedicato al tema adolescenti e internet, fra rischi e opportunità, l’incontro di giovedì sera all’oratorio di Villanuova rivolto a insegnanti, educatori e genitori

03/02/2017 08:19:00
Cyberbullismo, se lo conosci lo eviti Quello del cyberbullismo è un fenomeno in crescita e preoccupante. Ad Agnosine, mercoledì prossimo, gli esperti ne parleranno coi 200 alunni delle Medie della Conca d'Oro. Poi toccherà ai genitori



Altre da Genitori e Figli
17/03/2019

Le emozioni in rete

E’ tempo ormai di domandarsi dove stiano le nostre emozioni quando siamo in rete e come vengono espresse.

10/03/2019

Il cyberbullismo non è un gioco

Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti
(1)

04/03/2019

Fare i genitori al tempo dei social

I bambini e gli adolescenti di oggi sono immersi nel mondo tecnologico e vivono come una “doppia vita” che influenza il processo di sviluppo e di individuazione: una reale dove fanno le esperienze comuni e si confrontano con il principio di realtà, e una virtuale che consente altre esperienze e rapporti con se stessi e con gli altri (1)

27/02/2019

Costruire l'umano per combattere il bullismo

Sarebbe bello se le azioni bulle avessero anche una minima motivazione e il bullo o la bulla fossero soggetti riconoscibili a distanza. Dietro molte aggressioni, invece, e dietro la violenza ci sono dinamiche complesse ma spesso prive di una qualche specifica ragione

11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


28/01/2019

Raccontare la memoria contro la banalità del male

La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

20/01/2019

Se le maestre picchiano i bambini

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale (2)

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

23/12/2018

Se Babbo Natale non fa più sorprese

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

16/12/2018

Nell'educazione parlare non basta

“Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia