Skin ADV
Sabato 23 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827


22.02.2019 Sabbio Chiese

21.02.2019 Serle

22.02.2019 Bione

21.02.2019 Vestone

22.02.2019 Sabbio Chiese

23.02.2019 Villanuova s/C Roè Volciano

23.02.2019 Casto

21.02.2019 Preseglie

21.02.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

22.02.2019 Prevalle






23 Ottobre 2017, 07.49

Blog - Genitori e figli

Imparare Internet per educare i figli

di Giuseppe Maiolo
Internet è una realtà preziosa, ormai insostituibile. Da quando, agli inizi degli anni novanta del secolo scorso, Internet è diventata una “rete” di connessioni diffusa e utilizzata a livello globale la nostra realtà è cambiata radicalmente

Così si parla sempre di più di Internet delle cose, cioè di quell’interazione tra noi e gli oggetti che ci circondano e che ci fa godere dei vantaggi della tecnologia moderna.
Se sapremo dosare bene le nostre risorse, tra pochissimo tempo saremo in grado di far dialogare gli oggetti tra loro ed essi si prenderanno cura di noi. Risparmieremo tempo ed energie perché gli oggetti collegati alla rete potranno anche lavorare al nostro posto. Già in parte lo fanno.

Servirà prepararsi però.
Prepararsi adeguatamente perché il futuro sarà quello di gestire dispositivi sempre più sofisticati e una quantità infinita di App capaci di darci informazioni in tempo reale e velocizzare le risposte che cerchiamo.
Ma sarà importante conoscere bene tutti questi strumenti anche per sviluppare competenze nuove e creatività che ci faranno conoscere meglio noi stessi e gli altri.
E più ancora aiuteranno gli adulti nei loro compiti educativi.

In particolare imparare a gestire la tecnologia digitale
sarà fondamentale per accompagnare nella crescita i pollicini cioè quelli che, nativi digitali, scrivono sui dispositivi con il pollice.
Servirà per attrezzarli adeguatamente a gestire il mondo reale e quello virtuale, la Rete delle interconnessioni e la sicurezza della navigazione in Internet.

Sarà necessario per i tardivi digitali,
cioè gli adulti che Mark Prensky ha chiamato anche migranti digitali, conoscere con competenza il web per indicare ai minori che usano la tecnologia con estrema facilità, quello che si può e non si può fare.
Spetta agli adulti competenti insegnare il buon uso dei dispositivi e vigilare sugli abusi che già ora sono in grado di produrre dipendenza e disturbi psico-somatici.

Poiché è impossibile immaginare di arrestare la rivoluzione antropologica
che stiamo vivendo, dobbiamo essere consapevoli che i “pollicini” rischiano di trovarsi soli nella gestione delle conoscenze poiché ancora oggi non hanno educatori competenti capaci di guidarli nel mondo tecnologico.

Interagire con i bambini e gli adolescenti di questo nuovo millennio
vuol dire acquisire nuovi saperi e padroneggiare i nuovi linguaggi della comunicazione senza rinunciare agli strumenti di interazione di un tempo.
Diventa insomma irrinunciabile per gli adulti di riferimento diventare oggi multilingue. È la nuova sfida dell’educazione

In altre parole significa che chi ha funzioni educative deve conoscere bene il funzionamento della Rete e sapere quali sono gli aspetti negativi e i lati oscuri di Internet.
Perché, ormai appare sempre più evidente che la Rete, oltre ad essere strumento prezioso e insostituibile di comunicazione e di scambi, è un territorio ampio dove si possono correre rischi notevoli se non si è consapevoli dei pericoli.  

Giuseppe Maiolo
psicoanalista 
www.officina-benessere.it


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/03/2014 07:00:00
Educare al tempo di Internet Prendono il via questa sera a Villanuova sul Clisi le conferenze della serie “Genitori in forma(zione)”, con un primo incontro dedicato al rischi della rete a cura del prof. Giuseppe Maiolo, curatore della rassegna


22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

22/07/2016 07:13:00
Grooming: la pedofilia in Internet Tra rischi che corrono i minori in Internet vi è da sempre quello di essere adescati, cioè catturati dai maleintenzionati che vogliono procurarsi contatti reali di natura sessuale o materiale pedopornografico

10/04/2017 15:04:00
Il coraggio di educare Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro



Altre da Genitori e Figli
11/02/2019

Quando il bullismo diventa normale

Ci sono storie che si raccontano e altre, spesso quelle che parlano di prevaricazioni e violenze, che vengono tenute nascoste sotto il velo perverso dell’omertà. VIDEO


28/01/2019

Raccontare la memoria contro la banalità del male

La memoria è un magazzino, una sorta di “luogo” fisico di strutture nervose dove si accumulano esperienze e ricordi, storie e fatti del passato che appartengono a noi stessi o ad altri...

20/01/2019

Se le maestre picchiano i bambini

Le immagini delle maestre che maltrattano i bambini mettono in evidenza, una volta di più, come la violenza sui minori sia ancora una vergognosa piaga sociale (2)

14/01/2019

A che servono i castighi e le punizioni?

Le frustrazioni, i rimproveri, le limitazioni e anche le punizioni servono, hanno la loro funzione: quella di far sapere al bambino ciò che è bene e ciò che è male, quello che si può  e quello che non si può fare

23/12/2018

Se Babbo Natale non fa più sorprese

Viviamo, di questi tempi, più il Natale dello stress, delle cose da fare e dei regali da comprare, che quello dei riti.

16/12/2018

Nell'educazione parlare non basta

“Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire”. Questa frase, ripetuta spesso per definire chi è volutamente distratto e sentita e in particolare dalle madri che lamentano di non essere ascoltate dai figli, non è solo un’impressione, è una verità 

07/12/2018

Pornografia virtuale e dipendenza

Le nuove tecnologie mettono a disposizione l’universo mondo con un solo click.

24/11/2018

Educare i figli per prevenire la violenza sulle donne

Se sai che una ragazza di 23 anni è andata a fare volontariato in Africa per occuparsi di bambini in un progetto di cooperazione internazionale, dovresti rivedere immediatamente tutte le idee negative che puoi avere sui giovani e sulla loro indifferenza  (1)

18/11/2018

Madri che uccidono

Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

11/11/2018

Le parole dell'odio

Le parole dell’odio circolano realmente attorno a noi, oggi  più che mai in rete, e attraversano le relazioni, le contaminano e le feriscono

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia