Skin ADV
Giovedì 27 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Longavina verso sera

Longavina verso sera

di Gianfranco Fenoli



26.06.2019 Gavardo

26.06.2019 Gavardo Valsabbia

25.06.2019 Pertica Bassa Bione Bagolino Pertica Alta

25.06.2019 Salò Garda

25.06.2019 Gavardo

26.06.2019 Valsabbia

25.06.2019 Valsabbia Valtrompia Provincia

26.06.2019 Agnosine

25.06.2019 Valsabbia Garda

26.06.2019 Val del Chiese Storo






10 Marzo 2019, 14.27

Blog - Genitori e figli

Il cyberbullismo non è un gioco

di Giuseppe Maiolo
Le prepotenze e le aggressioni, le derisioni e le minacce che si sviluppano grazie alle nuove tecnologie di comunicazione sono comportamenti ancora poco conosciuti

Sappiamo di alcuni comportamenti, 
che cataloghiamo come bullismo virtuale, ma di molti altri siamo ancora all’oscuro. Di certo conosciamo poco tutte le varianti del cyberbullismo che miete continuamente vittime. 
 
Eppure si tratta di azioni che tra i giovani perennemente connessi, divengono giorno dopo giorno più popolari e dove la pericolosità è sottovalutata e le conseguenze sottaciute. La gran parte degli adolescenti, ad esempio, sembra essere propensa a considerare come divertenti le azioni offensive messe in atto sui social e nelle chat. 
 
Gli studi sul fenomeno ci dicono invece che la portata di questi comportamenti è maggiormente lesiva e in costante aumento. Anzi rischia di interessare fasce di minori sempre più giovani per l’uso anticipato della tecnologia digitale e per la mancanza pressoché totale di educazione ai media. Così abbandonati a se stessi, i minori hanno una scarsa percezione del rischio e in genere è assente l’idea di far del male con i potentissimi strumenti digitali.
 
Educarli non significa demonizzare internet, il web e i vari device che rendono possibili azioni offensive e di violenza digitale. Vuol dire piuttosto far conoscere la realtà delle prevaricazioni che sul web si possono diffondere facilmente. Vuol dire fare ogni tentativo possibile per dare ai bambini e agli adolescenti conoscenze appropriate sugli effetti che producono le parole e le azioni virtuali, anche solo quelle più apparentemente innocenti o giocose. 
 
Perché tra i minori c’è oggi la tendenza a giocare e divertirsi online, sottovalutando gli effetti delle azioni virtuali. A causa della distanza fisica i bambini non hanno la possibilità di rispecchiare le emozioni, non colgono le proprie che esplodono senza controllo e non percepiscono quelle degli altri. La mancanza di un contatto reale inoltre favorisce un processo psicologico chiamato “disimpegno morale”, che si attiva in chi aggredisce e mette in sospensione il sentimento di colpa.
 
L’impossibilità di guardarsi in faccia può funzionare da detonatore dell’aggressività violenta, perché l’assenza del contatto fisico disinibisce il comportamento. Infine l’aspetto più frequente che gli adolescenti dicono di provare è quello della leggerezza. A tutti sembra di non far del male a nessuno. Al contrario diverte sia gli aggressori che le vittime.
 
Così diventa un gioco ridicolizzare una compagna di classe per la sua particolare forma fisica o prendere in giro lo “sfigato” di turno e sminuire il compagno “secchione” più bravo della classe. 
In realtà sappiamo, secondo i dati più accreditati, cheil 61% dei ragazzi tra i 12 e i 17 anni dichiara di aver subito attacchi sui social e il 58% dice di essere stato offeso dalla diffusione di notizie false sul suo conto. 
 
Ma a fronte di questo, emerge anche che il 67% delle vittime fa finta di nulla e il 33% non chiede aiuto. E poi c’è un buon 28% di adolescenti che aspetta che il tempo passi, mentre un preoccupante 9% delle vittime sviluppa comportamenti auto lesivi e arriva finanche a pensare o tentare il suicidio. 
 
Questo ci fa capire quanto sia urgente per chi ha funzioni educative, genitori e insegnanti, possedere precoci strumenti di lettura del fenomeno e competenze specifiche operazioni di prevenzione e capacità operative nelle situazioni di conclamata violenza.
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID79913 - 10/03/2019 20:57:00 (Giacomino) Prof. Maiolo
Speriamo che la sua non resti una voce isolata specialmente nell'ambito della scuola e nelle famiglie con ragazzi giovani. La cosa è più drammatica di come potrebbe sembrare in prima lettura.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/05/2018 08:00:00
Omofobia e cyberbullismo
La giornata mondiale contro l’omofobia, che si celebra il 17 maggio di ogni anno, dovrebbe servire a ricordare che la paura di chi ha un diverso orientamento sessuale è ancora ampiamente diffusa nella nostra società
 

26/03/2018 10:05:00
L'odio online comincia dal cyberbullismo Lo chiamano Hate speech e vuol dire “incitamento all’odio”. La definizione abbastanza recente della giurisprudenza sta a indicare un fenomeno inquietante e allarmante, presente nelle chat e sui social  

10/03/2015 08:41:00
Cyberbullismo Alcuni giorni fa la RAI ha trasmesso un video mostrando un episodio di bullismo: una ragazza di 17 anni che con inaudita violenza aggredisce un’altra ragazza di 12 anni

18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa




Altre da Genitori e Figli
24/06/2019

WhatsApp, adescamento e pedopornografia

Stiamo perdendo la percezione del rischio. I bambini e gli adolescenti ne hanno poca o niente, ma questo è fisiologico. Gli adulti, invece, se poco competenti sulle nuove tecnologie digitali, sembrano sottovalutare i pericoli provenienti anche dall’utilizzo di un sistema di messaggistica come quello di WhatsApp, considerato sicuro

16/06/2019

Educare al fallimento

Tempo di bilanci per la scuola. Ma anche tempo di sofferenze per chi si aspettava risultati diversi, per chi ha debiti formativi da recuperare o addirittura viene bocciato.

10/06/2019

La disperazione infinita di Noa

Il gesto di Noa turba e sconvolge la coscienza collettiva. Genera sempre un’angoscia infinita la morte precoce di un adolescente, soprattutto quando si tratta di suicidio e nasce dalla caparbia determinazione di una ragazzina di 17 anni che ha rincorso da tempo il suo progetto

03/06/2019

Nuovi adolescenti, la comunicazione del dolore

“La nostra gioventù ama il lusso, è maleducata, se ne infischia dell’autorità e non ha rispetto per gli anziani”. Sembra uno di quei giudizi che pronunciamo un po’ tutti ogni qualvolta incontriamo adolescenti maleducati e offensivi. Invece questa frase la scriveva Socrate nel 470 a. C.

27/05/2019

Che bello lo sballo!

Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

20/05/2019

Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti

Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

07/05/2019

Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza

Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi

29/04/2019

OMS, linee guida per l'infanzia

Non è una novità dire che la tecnologia avanzata di questo nuovo millennio sta condizionando il benessere psicofisico soprattutto dei bambini. A rimarcare questi aspetti, per certi versi preoccupanti, sono uscite da qualche giorno le linee guida dell’Organizzazione mondiale della Sanità dedicate all’infanzia tra 0 e 5 anni.

21/04/2019

Identità e tecno-dipendenze nei nuovi adolescenti

Quando parlo con i ragazzi che incontro un po’ ovunque e mentre ascolto per motivi diversi i nuovi adolescenti che adesso chiamiamo “face down generation”, cioè generazione china sullo smartphone, mi capita spesso di chiedermi dove sta di casa la loro identità

15/04/2019

Comunicazione digitale e mondo capovolto

Il grande sviluppo della tecnologia che stiamo vivendo è rivoluzionaria perché ci fa intravvedere sconfinati orizzonti e ci offre una strana sensazione di onnipotenza

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia