17 Agosto 2020, 09.04
Blog - Genitori e figli

Giovani, discoteche e senso di responsabilità

di Giuseppe Maiolo

L’estate del Covid è un tempo strano e pesante, non solo perché pieno di incertezze e dubbi ma perché abbonda di contraddizioni.


Prendiamo i giovani del ferragosto, le discoteche o la movida, l’aumento dei contagi, i pericoli veri o presunti di un allarmante incremento della pandemia. Così sentiamo di tutto e di più sui comportamenti degli adolescenti che qualcuno definisce dotati di un “preoccupante senso si onnipotenza” e ora responsabili di mettere in pericolo anche la salute degli adulti.

In molti prevale il giudizio negativo sui ragazzi che vogliono divertirsi e, incuranti del pericolo affollano le discoteche, non rispettano la distanza sociale e non usano le precauzioni indicate per la prevenzione del contagio. Non nego l’importanza della riprovazione sociale e la sua funzione educativa che finora è stata poco riconosciuta e praticata, ma la domanda è: li abbiamo educati al senso di responsabilità?
Certo bisognerà rispondere all’interrogativo: discoteche chiuse o aperte. Ma il problema dei comportamenti non può essere esclusivamente imputato ai giovani che si sentono onnipotenti e quindi sfidano gli adulti e le regole da loro definite, perché non si tratta di una riedizione della conflittualità generazionale che un tempo regolava i rapporti di sviluppo durante la fase cruciale dell’adolescenza.

Oggi non si cresce con questo tipo di relazioni e non si sfida più il genitore normativo e severo che metteva rigorosi confini all’energia esplosiva dell’adolescente, perché questo adulto non c’è più. Domina invece, a partire dal mondo adulto, l’idea del “tutto è possibile”, prevale il sentimento di un tempo in cui ci si può permettere tutto in quanto invulnerabili. Lo abbiamo trasmesso loro, non se lo sono inventati. E poi adesso si diventa grandi con una visione corta del futuro che mantiene sempre attuale il motto “life is now” e dove, come sostiene Bob Sinclar, dj famoso, l’unica regola esistente è “goditi l’attimo”.

Non sono, dunque, onnipotenti i giovani di oggi che ballano stipati nelle disco. Sono ragazzi che non hanno la percezione del rischio, il sentimento del limite, l’abitudine a farsi carico delle responsabilità perché sono cose che non abbiamo insegnato, nè fornito loro modelli di comportamento adulto adeguati. Non mi sembra che nel tempo del coronavirus i comportamenti dei trenta-quarantenni siano stati esemplari.

E allora si affronta il tempo dello sviluppo cogliendo quello che c’è, divertendosi o sballando. Oppure si va avanti nella vita arrabbiati per tutto ciò che i grandi lasciano in eredità ai figli, per quel mondo distrutto, disboscato, per un mare plastificato e un clima stravolto dall’incuria umana.

La possibilità che abbiamo non sta solo nel prendere decisioni sul chiudere o non chiudere le discoteche, ma nel fornire modelli di controcultura efficaci a combattere la società dell’individualismo e del narcisismo. Significa che tutta la comunità educante deve aiutare gli adolescenti a contenere quel pressante bisogno di riconoscimento che la rete con i suoi like ha potenziato. Se li aiutiamo a ridurre le grandi aspettative di successo e popolarità forse li facciamo cresce con un minor sentimento di delusione e di sconfitta che invece oggi sembra accompagnare l’adolescenza di tutti.

Smettiamola di discutere sui banchi con le rotelle, di distanziamento, di forma delle aule e riapriamo la scuola con la voglia di riprendere seriamente il processo educativo e non solo quello cognitivo. Trasformeremo questa realtà se anche la scuola insieme con la famiglia sarà in grado di educare al senso di responsabilità e aiuterà gli adolescenti a mettere in campo esperienze significative di crescita responsabile e comportamenti sicuri che potranno essere trasmessi agli altri.

Giuseppe Maiolo
psicoanalista
Università di Trento


Vedi anche
23/09/2018 08:00

Giovani e senso del limite Le biografie personali che negli ultimi fatti di cronaca hanno visto protagonisti adolescenti che hanno perso la vita, necessitano di tutto il nostro rispetto e mai di un giudizio

21/07/2020 08:55

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?

04/08/2020 08:00

La scuola del dopo Covid -19 C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa

29/07/2019 10:10

Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

27/07/2020 09:05

Dal lockdown le nuove dipendenze tra i giovani Gli scenari familiari che si incontrano adesso dopo la pandemia sembrano contenere tutti un significativo disagio accumulato durante il tempo lungo del lockdown e non ancora metabolizzato



Altre da Genitori e Figli
28/09/2020

Perchè non insegnare l'empatia?

E se insegnassimo l’empatia? Se introducessimo questa materia scolastica per insegnare ai bambini a riconoscere i vissuti dell’altro?

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

14/09/2020

La malvagia crudeltà del branco non è patologia

“Sei ancora quello della pietra e della fionda uomo del mio tempo”. Scrive il poeta ed evoca solo in parte la malvagità umana che sembra immutata e inarrestabile. Non la descrive Quasimodo, e non nomina quali azioni bestiali sa compiere l’individuo da solo o nel branco. Ma forse non serve che ce la mostri

07/09/2020

La scuola che verrà, tra attese e speranze

Sembrerà una ripetizione, ma insistere a parlare della scuola che riapre i cancelli è doveroso. Perché l’attività scolastica che riprende vede in campo una quantità di aspettative

01/09/2020

Ritorno a scuola. Ma quale?

A pensarci bene, la scuola che oggi riparte è la partita più importante da giocare in questo strano e incerto andare dell’estate 2020

25/08/2020

Dare pazienza al giorno. Ovvero l'arte di attendere

Viviamo il tempo dell’impazienza e della fretta. Forse oggi, dopo la forzata sospensione della quarantena, ci aspettiamo una sorta di ipotetico indennizzo e aumentiamo la smania del fare

11/08/2020

Gli iperconnessi

Tra il preoccupato e l’arrabbiato molti genitori si chiedono che fare con i figli che, ancor più di ieri catturati dai loro dispositivi, passano un tempo infinito a incontrare il mondo delle relazioni virtuali e soprattutto a giocare online

04/08/2020

La scuola del dopo Covid -19

C’è una sola cosa certa nella scuola che ripartirà a settembre: la data d’inizio, anche se non per tutte le regioni sarà la stessa

27/07/2020

Dal lockdown le nuove dipendenze tra i giovani

Gli scenari familiari che si incontrano adesso dopo la pandemia sembrano contenere tutti un significativo disagio accumulato durante il tempo lungo del lockdown e non ancora metabolizzato

21/07/2020

Fatti gravi tra i giovani e mancanze degli adulti

La scoperta delle “chat dell’orrore” e i due giovani che hanno assunto un cocktail di sostanze letali: questi i tragici fatti proposti dalla cronaca recente. Ma i genitori e gli adulti dove erano?