Skin ADV
Mercoledì 26 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Spezie di Bukara

Spezie di Bukara

by Miriam



24.09.2018 Anfo

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

25.09.2018 Val del Chiese

24.09.2018 Barghe

25.09.2018 Bione Agnosine Odolo Preseglie

25.09.2018 Serle Provincia

25.09.2018 Gavardo

24.09.2018 Storo

25.09.2018 Idro Valsabbia

26.09.2018 Valsabbia






31 Luglio 2015, 07.54

Genitori & Figli

Genitori separati, vacanze difficili?

di Giuseppe Maiolo
In questo periodo si compie il rito della vacanza e per la gran parte dei genitori è l’occasione per uscire dagli schemi quotidiani e stare con i figli un tempo meno convulso e frenetico...

...In modo particolare lo è per i genitori separati che durante le ferie possono avere l’opportunità di stare insieme senza fretta e una piacevolissima occasione per approfondire la comunicazione e migliorare il rapporto.

Invece a volte sono motivo di tensione tra i partner
, soprattutto quelli che non hanno ancora composto le loro divergenze e ridotto le vecchie tensioni di coppia o possono riaccendere vecchi conflitti mai del tutto sopiti.
Le  vacanze allora si riempiono di veleni tossici per tutti.

Si innescano discussioni infinite
solitamente perché la vacanza dei figli  con il genitore non affidatario va a rompere un equilibrio delicato raggiunto durante tutto il tempo dell’anno.
Complice ne è la distanza che, ad esempio, riduce il controllo della situazione o dell’ex partner. Spesso il genitore rimasto a casa si sente escluso, senza possibilità di intervenire e verificare come vanno le cose e i sentimenti di esclusione posso far emergere quote di emozioni negative, tra cui la gelosia e l’aggressività violenta

Una questione non di poco conto per avvelenare il clima vacanziero è data dalla presenza del nuovo compagno o la nuova compagna.
Qui la fantasia e le ansie di abbandono nel genitore distante, galoppano. Chi rimane a casa senza il figlio teme che l’esperienza con la “nuova famiglia” sia negativa e che il bambino possa trovarsi male o non avere il supporto affettivo del genitore. Oppure si preoccupa che il figlio possa affezionarsi al compagno o alla compagna dell’altro.
 
Queste paure sono consistenti e possono essere espresse sotto forma di lamentele, ripicche o rimproveri che elevano la tensione.
Di solito sono accuse che riguardano lo stile di vita, l’alimentazione, la sicurezza del figlio.
Per la verità sono pretesti, perché in genere non hanno alcun  fondamento reale e rimandano alle difficoltà di comunicazione e di negoziazione che continuano a permanere nella coppia genitoriale.

Il problema è che i figli vivono questi rinnovati conflitti, se mai si erano sopiti, come una colpa.
Soprattutto se piccoli, pensano di essere loro siano i responsabili e assumono spesso un atteggiamento particolare: non raccontano al genitore distante come vanno realmente le cose, magari non esprimono il loro entusiasmo per la vacanza che stanno vivendo o addirittura mentono dicendo il contrario di quello che avviene, per paura di ferirlo e incrementare la tensione nella coppia.

Invece, sarebbe molto importante per i figli,
per la loro esperienza di crescita e di sviluppo, vedere entrambi i genitori essere sereni e capaci di collaborare in questa occasione e vivere serenamente, senza angoscia e rabbia la vacanza del figlio.
Dare spazio all’altro genitore, a quello che va in ferie con i figli, vorrebbe dire comunicare al bambino che i genitori possono avere un’intesa e che c’è fiducia tra loro.

Questo che permette al bambino di contenere il disagio che, in genere, appartiene a tutti i figli di separati, anche se non lo dicono.
Non accade nulla di strano né vi è pericolo per la salute se per un certo tempo il figlio vivrà in modo diverso dal solito o mangerà altre cose che a casa di solito non mangia.

Potrebbe poi essere utile a tutti fare in modo che la comunicazione del figlio con il genitore rimasto a casa non si interrompa, ma rimanga costante e capace di esprimere realmente quello che sta avvenendo in vacanza.
Stimolare il bambino a scegliere un regalo da portare al rientro a  mamma o papà che sono rimasti a casa, può essere una buona cosa che aiuta chi è stato distante a non sentirsi dimenticato e permette di ridurre la tensione o la conflittualità. E non  è cosa da poco!

Giuseppe Maiolo
www.ciripo.it

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/09/2015 08:44:00
Famiglia divisa e scuola Questo venerdì 18 settembre, per iniziativa della Cooperativa Area,è in programma all'auditorium del Battisti a Salò un seminario dedicato a come affrontare i conflitti di genitori separati con figli nei rapporti con il mondo scolastico


09/09/2014 07:18:00
Scuola e famiglia Tutto è pronto. La scuola riparte con il suo “esercito” di allievi e di insegnanti. Ma in questa annuale avventura scendono in campo anche le famiglie e i genitori

13/03/2011 12:00:00
Genitori stressati, figli ammalati La relazione fra stress dei genitori e indebolimento del sistema immunitario dei figli è dimostrata: i turbamenti influenzano la loro salute.

02/09/2018 08:00:00
La famiglia liquida La famiglia del terzo millennio è passata attraverso varie mutazioni e ora coniuga una grande quantità di relazioni diverse che danno vita a complesse variabili sia della genitorialità che dell’educazione

14/02/2012 09:00:00
Figli onnipotenti e genitori inadeguati Ancora riflessioni e consigli sul rapporto genitori-figli all’incontro di Genitori in cammino con lo psicologo Sergio Gelfi.



Altre da Genitori e Figli
23/09/2018

Giovani e senso del limite

Le biografie personali che negli ultimi fatti di cronaca hanno visto protagonisti adolescenti che hanno perso la vita, necessitano di tutto il nostro rispetto e mai di un giudizio (1)

14/09/2018

Blackout. Il gioco mortale dei teenager

Un’ennesima tragedia si compie tra i giovani e sconvolge perché scopri che si muore per “gioco”. È una pratica occulta e già conosciuta tra i giovani, inebriante ed eccitante, per qualche verso erotica, che ora la rete sta diffondendo e che negli Stati Uniti ha già fatto numerose vittime 

09/09/2018

Scuola e famiglia ai blocchi di partenza

Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo


02/09/2018

La famiglia liquida

La famiglia del terzo millennio è passata attraverso varie mutazioni e ora coniuga una grande quantità di relazioni diverse che danno vita a complesse variabili sia della genitorialità che dell’educazione (1)

26/08/2018

Bullismo e disimpegno morale

Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza


19/08/2018

Le bulle

Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

05/08/2018

Costruire empatia

L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

29/07/2018

Adolescenti e social

I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

22/07/2018

Sempre connessi ma fuggiaschi

Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia