Skin ADV
Martedì 10 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Dicembre in Gaver

Dicembre in Gaver

di Gianpaolo Capelli



09.12.2019 Bagolino

09.12.2019

09.12.2019 Vestone

09.12.2019

09.12.2019 Valtrompia

09.12.2019 Sabbio Chiese Provaglio VS Valsabbia

09.12.2019 Pertica Bassa Valsabbia

09.12.2019

08.12.2019

09.12.2019 Vestone






27 Maggio 2019, 08.25

Blog - Genitori e figli

Che bello lo sballo!

di Giuseppe Maiolo
Se c’è una paura che hanno oggi i ragazzi è quella di essere vulnerabili. Non fragili, perché si sentono supereroi, ma deboli e incapaci di farcela, ad esempio nei confronti di un dolore

“Ci sono momenti in cui vado fuori di testa”, mi dicono quelli che mi aprono la loro porta interna per un dolore non fisico ma dell’anima che risulta insopportabile e inspiegabile. In genere, però, prima di arrivare da te scelgono i tagli sul corpo o lo sballo. 
 
La prima modalità serve a spostare l’attenzione su quel corpo negato e ormai poco vissuto. La seconda, lo sballo, funziona come modo per attenuare il dolore e ti euforizza. Così per un po’ ti senti adeguato agli altri, soprattutto il sabato sera quando non puoi startene in casa, chiuso dentro ad annoiarti. 
 
Allora ti abbuffi di alcol, ti stordisci, vai su di giri e non senti, non provi altro che l’ebbrezza della sbornia. Una fuga e un gioco. Spesso un divertimento di gruppo, senza controllo. Non più la trasgressione del secolo scorso, quando volevi sfidare quel genitore onnipotente che ti aveva guidato l’infanzia. 
 
Neanche una gara tra pari per vedere chi è più forte, quanto un modo per avere conferme e metterti in mostra mentre sballi, in diretta. Tutti ti possono vedere sbronzo fino al vomito, e allora sì che sei un eroe e trovi un posto in prima fila sui social. Che importa se poi ti portano con codice rosso al Pronto Soccorso. Sai che rischi il coma etilico, ma te ne freghi.
 
Perché tutti i ragazzi che incontro, lo sanno, me lo dicono con un tono che ogni volta trovo particolare e mi sembra quasi mi vogliano tranquillizzare. Sanno, sanno, sanno tutto! In teoria. Ma la sfida è più forte. Infinito sembra quel bisogno di essere visibili e avere i riflettori addosso, di appartenere non più e non soltanto al gruppo reale ma a quello ben più ampio della rete.
 
Perché lo sballo è reale ma la popolarità è virtuale.
Così si comincia sempre prima a scolarsi bottiglie. Già a 11 anni, secondo i dati degli osservatori nazionali di infanzia e adolescenza, e si continua rincarando la dose fino a provare l’ebbrezza del “Bingedrinking” che da qualche anno, ormai, è una moda tra gli adolescenti. 
 
Per abbuffarsi di alcol, in fondo bastano poche unità, magari 4-5 bicchieri di vino o almeno 6 lattine di birra, soprattutto se l’uso è saltuario. Ma il segreto sta nel bere a digiuno, velocemente e una dose dietro l’altra. Poi, se possibile, ti riesce meglio se fai un mix di più bevande: lo sballo è assicurato.
 
L’idea è un bisogno sempre adolescenziale, quello di sperimentare stati nuovi o al limite. Ma anche fregarsene delle regole e provare la libertà. Ma in un tempo in cui i cancelli sono sempre aperti e si può uscire e entrare quando si vuole visto che la vigilanza è distratta, prevale dell’altro. 
 
Al sabato sera coincide con la voglia di divertirsi e tentare di fermare il tempo, rinunciare al sonno e prolungare all’infinito la notte della disco. È quello il momento in cui nasce l’ebbrezza dello sballo. Da un po’ ce n’è uno chiamato “sballo viola” che è gazzosa e sciroppo per la tosse, ovvero codeina. Non è una novità, ma così fai in fretta perché l’intruglio ti innalza la soglia del dolore e ti euforizza.
 
È allora che si fa avanti un’ipotesi. Forse il motivo vero dello sballo è molto simile a quello che ha segnato il successo tra i giovani americani della PurpleDrank, che in parte ti dà una sensazione di piacere, ma sballare con un misto di Sprite e sciroppo, ha un effetto analgesico che aiuta a manipolare più in fretta le emozioni dolorose così difficili da gestire.
 
La regia dei nuovi adolescenti, in altre parole, li porta a tentare di “scrivere” sul corpo le pene che non riescono a dominare. Allora, meglio uno stato della coscienza alterato e programmato, che trovarsi in balia dei sentimenti.
 
Giuseppe Maiolo
Università di Trento
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

15/07/2019 08:00:00
Gli adolescenti, l'estate, l'amore L’estate, per tutti è sinonimo di vacanza e di svago, di vita all’aria aperta. Per gli adolescenti ancora di più 

04/11/2018 08:00:00
Minori che picchiano i prof Se vieni a sapere che un gruppo di adolescenti in un Istituto superiore della Brianza scaglia contro la propria insegnante oggetti vari e finanche sedie, ti domandi cosa sta accadendo a scuola.

20/05/2019 08:58:00
Challenge. Le nuove sfide degli adolescenti Le sfide fanno parte del nostro tempo. E non sono una novità, anzi. Ma adesso stanno diventando una moda che coinvolge un po’ tutti, grandi e piccini, e in particolare gli adolescenti.

07/05/2019 08:45:00
Manduria, adolescenti feroci e cultura della violenza Un fatto incredibile, che sembra puntare i riflettori sull’adolescenza di oggi priva di senso morale, la quale per noia o divertimento esercita violenza sui più deboli e sugli indifesi



Altre da Genitori e Figli
09/12/2019

Lo sguardo distante della trascuratezza

La parola “negligenza” nella lingua italiana sembra andata in disuso. Riguarda il comportamento svogliato di chi mette poco impegno nel proprio dovere. In inglese si dice neglect ed è invece un termine molto utilizzato per indicare la trascuratezza, che è una forma di maltrattamento


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


25/11/2019

Coltivare la tolleranza

La giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne che ogni anno ricorre il 25 novembre, a mio avviso dovrebbe essere prima di tutto un’occasione per condividere la lotta all’intolleranza

18/11/2019

Parole di odio e controparole

“Le parole fanno più male delle botte” diceva Carolina Picchio, forse la prima adolescente italiana vittima di cyberbullismo

02/11/2019

Hallowen, una festa da capire

Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento

28/10/2019

La povertà educativa e i comportamenti a rischio dei giovani

“Il tempo dei bambini” è il titolo del nuovo Atlante di Save the Children Italia presentato pochi giorni fa a Roma. Il report, corposo, fotografa la situazione italiana, dove negli ultimi dieci anni i minori in povertà assoluta sono oltre 1,2 milioni


21/10/2019

Come si cresce oggi tra like e follower?

“Ciascuno cresce solo se sognato” così scriveva Danilo Dolci molti anni fa. Ed è esattamente quello che anch’io nel lavoro con gli ho adolescenti in crisi ho sempre trovato

18/10/2019

Hikikomori. Quei ragazzi ritirati in casa

“A casa mia sto bene, ho la mia camera, il mio pc, il mio mondo!”. Così dicono quelli che piano piano se ne vanno da scuola e dalla vita di tutti i giorni richiudendosi in casa. Via da tutto


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

29/09/2019

Adolescenti, suicidio e social

Qualche mese fa una ragazza di 16 anni della Malaysia si lancia dal terzo piano della sua abitazione dopo aver postato su Instagram una domanda “Aiutatemi a scegliere D o L”

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia