Skin ADV
Venerdì 22 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Arcobaleno che unisce il cielo...

Arcobaleno che unisce il cielo...

di Gianfranco Fenoli

[Estate]


22.06.2018 Bagolino

22.06.2018 Vestone Anfo Lavenone

20.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Idro Vestone Treviso Bs Lavenone Valsabbia

22.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Vobarno Mura Garda

21.06.2018 Mura

22.06.2018 Vestone

22.06.2018 Casto

21.06.2018 Valsabbia





15 Marzo 2018, 09.16

Blog - Genitori e figli

Bullismo, i segnali per i genitori

di Redazione
Cosa può fare un genitore per aiutare un figlio preso di mira e vessato dai bulli? Come capire che il ragazzo è vittima di soprusi?

Michele Ruffino aveva 17 anni. Si è tolto la vita gettandosi da un ponte ad Alpignano, in provincia di Torino, il 23 febbraio. La mamma, Maria Catambrone Raso, ha spiegato: «Mio figlio è nato sano. Poi, a sei mesi, dopo un vaccino, si è ammalato. Aveva problemi alle braccia e alle gambe e faticava a muoversi. E c’erano le prese in giro, gli sfottò».

Ha trovato una lettera con cui Michele dava l’addio al mondo: «Ho sempre dovuto lottare (…), anche con la gente che, non essendoci nella problematica, non può capire e quindi iniziano a chiamarti “down”, “stupido”, “anoressico”, “merda”, “quello magro”, “quello che non può camminare” o ancora peggio “quello che ogni tre passi, cade”.

Ma anche quando cresci e inizi ad avere dei sogni e finalmente inizi a migliorare con la tua malattia, purtroppo inizia un altro grande problema… Quello di non riuscire ad accettarsi e quindi, dopo intere battaglie, inizi anche a vedere i tuoi sogni scomparire diventando difficile andare avanti».
E adesso mamma Maria ha deciso di fare denuncia ai carabinieri, che stanno analizzando il computer e il telefono di Michele.

«Quando un genitore si accorge di queste situazioni, spesso, è già troppo tardi», ci spiega lo psicoterapeuta dell’età evolutiva Giuseppe Maiolo, docente di Psicologia dello sviluppo all’Università di Trento e autore dei volumi (fra gli altri) Genitori 2.0 (La Meridiana) e Ciripò, bulli e bulle. Storie di bullismo e cyberbullismo (Erickson). «I ragazzi vittime dei bulli tengono nascosto quello che succede, o perché si vergognano o perché hanno la sensazione che nessuno li possa aiutare».

Come può, un genitore, accorgersene in tempo?

«Deve fare attenzione ad alcuni segnali, e non aspettare che il figlio parli del suo problema. Deve fare caso al suo umore, ai cambiamenti repentini del comportamento: le vittime tendono a chiudersi in loro stesse, a isolarsi, a mostrare disattenzione, immerse come sono nelle loro preoccupazioni. Ma stanno in silenzio, rifiutano inviti, si chiudono nella loro stanza, non vogliono incontrare nessuno. Diventano tristi, oscuri, ansiosi. A volte soffrono di insonnia, hanno reazioni psicosomatiche, o cercano scuse per non andare a scuola. E spesso cominciano a manifestare comportamenti autolesionistici».

Perché lo fanno?
«I gesti di autolesionismo in questo momento storico stanno aumentando: gli adolescenti non riescono a gestire il dolore interno e lo trasferiscono sul corpo facendosi del male. Un ragazzo bullizzato che non viene aiutato si fa l’idea di non valere niente, di non poterne venire fuori. E può sperimentare l’autolesionismo».

Che cosa può fare, a questo punto, un genitore?

«Deve chiedere al ragazzo se qualcuno lo sta disturbando, se è accaduto qualcosa di particolare. Deve aiutarlo a liberarsi dalla preoccupazione, ad avere fiducia nei genitori».

E se il ragazzo non vuole saperne di confidarsi con la mamma e il papà?
«È frequente che succeda: un ragazzo abbattuto ha l’idea che nessuno possa fare nulla per lui. Ma il genitore deve dimostrare che ha a disposizione strumenti per aiutarlo. Per superare la sua resistenza può chiedere aiuto a uno specialista, come lo psicologo o il neuropsichiatra, e deve farlo anche abbastanza in fretta. Poi deve parlarne con gli insegnanti, sia per la tutela del figlio che per permettere il recupero del bullo. Oggi esiste anche una legge contro il bullismo».

Non può essere che, a volte, il ragazzo stia solo attraversando una delle tipiche crisi adolescenziali?
«Gli stati di alterazione dell’umore sono frequenti in adolescenza, ma non vanno mai sottovalutati: quando un ragazzo dice di non farcela, non va trascurato. Il suo può essere lo sfogo di un momento ma è non così raro che invece si tratti di un problema che si porta dentro da tempo. in questo caso, è bene consultare in tempi rapidi un esperto: le alterazioni dell’umore possono portare a idee suicidiarie. Che possono concretizzarsi».

È sbagliato suggerire al ragazzo di provare a difendersi da solo?
«Sì: non deve imparare a rispondere per le rime, ma deve sapere che è bene parlare con un adulto. Bisogna che i genitori scoraggino l’idea di difendersi da soli: i ragazzi in difficoltà devono chiedere aiuto. E ottenerlo».

Intervista di Monica Coviello da Vanity Fair

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/12/2015 08:58:00
Bullismo, la violenza del silenzio Colpisce l’orrore delle sevizie contro un minore di 13 anni che viene legato ad un cancello e trattato come un urinale...

21/05/2017 10:34:00
Una carezza in un pugno Perché ci sono i bulli? E soprattutto: perché un bambino o un ragazzo diventano bulli? E cosa si può fare davanti al bullismo?

25/07/2017 13:49:00
Bulli e bulle per me pari sono Ci sono tempi come i nostri che vedono comportamenti e modi di agire che si vanno trasformando radicalmente

20/04/2018 10:40:00
Minori violenti con gli adulti Non è bullismo quello che si vede nel video diffuso sul web dove un ragazzo minaccia, umilia e deride un prof

10/12/2012 07:03:00
I segnali del disagio. Parte prima Spesso i genitori si rivolgono al terapeuta per affrontare le problematiche dei figli. Non sempre però è possibile motivare il figlio a fare un percorso psicologico su di sé.



Altre da Genitori e Figli
17/06/2018

Esami in vista, ansia in arrivo!

È ormai tempo di esami. Ma anche di ansia e stress. Perché si sa, le prove scolastiche ma in particolare quelle della maturità, in fondo rappresentano la “verifica” di un percorso e insieme l’autorizzazione della società ad andare oltre l’adolescenza.

11/06/2018

Il piacere di una magrezza estrema

Tutto, ormai, comincia dalla rete. Anche quella voglia matta delle adolescenti, soprattutto ragazze, di essere in forma, ora che l’estate è in arrivo. Spesso però è solo un pretesto, perché il problema vero è il rapporto negativo con il proprio corpo 

03/06/2018

Perdere la vita per un selfie

Sfidare il rischio per un selfie, correre un pericolo per aumentare i like sul proprio profilo o tentare una performance acrobatica per documentare le personali capacità sembra appartenere ogni giorno di più ai Millennials


20/05/2018

Regolare e proteggere i minori

I pollicini, cioè i nuovi adolescenti che scrivono sullo smartphone con due pollici, per motivi biologici culturali ed evolutivi sono dentro un flusso continuo di cambiamenti e mutazioni fisiche, mentali, relazionali, affettive. (1)

13/05/2018

Omofobia e cyberbullismo

La giornata mondiale contro l’omofobia, che si celebra il 17 maggio di ogni anno, dovrebbe servire a ricordare che la paura di chi ha un diverso orientamento sessuale è ancora ampiamente diffusa nella nostra società
 

29/04/2018

Abbuffarsi di alcol

Il binge drinking, l’abbuffata alcolica, è uno dei nuovi eccessi, o per meglio dire una di quelle esagerazioni che le adolescenze di oggi sembrano coltivare per scarsa conoscenza del rischio

20/04/2018

Minori violenti con gli adulti

Non è bullismo quello che si vede nel video diffuso sul web dove un ragazzo minaccia, umilia e deride un prof (6)

16/04/2018

A quale età il cellulare?

La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

03/04/2018

La violenza «assistita»

Oggi parliamo della violenza di chi vive violenza. E del disagio di una generazione di bambini che crescono lasciati a loro stessi


26/03/2018

L'odio online comincia dal cyberbullismo

Lo chiamano Hate speech e vuol dire “incitamento all’odio”. La definizione abbastanza recente della giurisprudenza sta a indicare un fenomeno inquietante e allarmante, presente nelle chat e sui social  

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia