Skin ADV
Mercoledì 26 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Spezie di Bukara

Spezie di Bukara

by Miriam



24.09.2018 Anfo

24.09.2018 Vobarno Roè Volciano

25.09.2018 Val del Chiese

24.09.2018 Barghe

25.09.2018 Bione Agnosine Odolo Preseglie

25.09.2018 Serle Provincia

25.09.2018 Gavardo

24.09.2018 Storo

25.09.2018 Idro Valsabbia

26.09.2018 Valsabbia






26 Febbraio 2018, 09.20

Blog - Genitori e figli

Adolescenza, età del rischio

di Giuseppe Maiolo
Gli adolescenti, alle prese con la necessità di esplorare il mondo, conoscere se stessi e mettersi alla prova, spesso forzano i limiti e si spingono continuamente verso il rischio, senza rendersi conto del pericolo che corrono 

“La neve e l’adolescenza sono i soli due problemi che spariscono sapendo aspettare il tempo sufficiente”. Con queste parole pronunciate da Hearl Wilson, famoso giornalista statunitense, comincia l’editoriale dell’ultimo numero del giornale internazionale di scienze www.nature.com dedicato all’adolescenza.

In una sorta di dossier, si fa il punto delle neuroscienze sulla ricerca che riguarda la propensione al rischio dei giovani di oggi. È arcinoto che questa fase della vita nelle società complesse è diventa delicata e problematica, caratterizzata da comportamenti rischiosi che spesso, con frequenza elevata, mettono a repentaglio la vita stessa. Gli studi mostrano che a livello mondiale la mortalità giovanile incide per il 35% e le più frequenti cause di morte tra I 15 e i 19 anni, dopo gli incidenti stradali, sono da attribuire a condotte violente, comportamenti autolesivi  e azioni spericolate. 

L’idea che sia un’epoca della vita fortemente trasgressiva domina tra gli adulti i quali, con giudizi pesanti, attribuiscono alla ribellione e alla rabbia le ragioni dei loro comportamenti a rischio. Ora la ricerca dei neuroscienziati tenta di dare altre motivazioni alle azioni spericolate dei giovani. Spiegazioni che sottolineano come in questa fase della vita manca soprattutto la capacità di autocontrollo. Gli adolescenti alle prese con i compiti evolutivi e con la necessità di esplorare il mondo, conoscere se stessi e mettersi alla prova, forzano i limiti e si spingono continuamente nel territorio del rischio e senza rendersi conto del pericolo che corrono perché il loro sistema di controllo è scarso o inefficiente.

Lo psicologo Lorenz Steinberg, autore del libro “Adolescenti. L’età delle opportunità”, con una bella metafora dice che l’adolescenza  è come guidare un’automobile con l’acceleratore al massimo ma con i freni difettosi. 
 
Le neuroscienze confermano. Il cervello in quest’epoca è in una sorta di costante squilibrio: a un’attività cerebrale elevata non si contrappone un sistema frenante adeguato. Questo fa dire ad alcuni adulti  “Se è così intelligente, perché si comporta da stupido?”. Le ragioni stanno nella maturazione ritardata di alcune aree cerebrali come il lobo frontale rispetto a quello  parietale e temporale. Lobo frontale che è l’area deputata a gestire il cambiamento, i nuovi modi di pensare e di comportarsi, ma soprattutto che regola il controllo emotivo.

Le ricerche mostrano che questo squilibrio tra le diverse aree cerebrali, aumenta in maniera significativa i comportamenti a rischio in adolescenza. Si aggiunga poi alle evidenze delle neuroscienze che i giovani vivono un tempo lungo di transito dall’infanzia all’età adulta  e la crescita caratterizzata da una  scarsa attenzione per il piano emozionale.

La mancanza di un’educazione ai sentimenti e la  valorizzazione sproporzionata delle competenze cognitive fanno sì che si debba fare i conti con un diffuso analfabetismo emotivo.  Gli studi di cui scrive il settimanale “Nature” sono quindi la sintesi di lavori scientifici che non solo tentano di spiegare i dati allarmanti che interessano l’adolescenza, ma impongono di attivare sempre di più programmi di prevenzione e contenimento sociale dei rischi, di migliorare l’informazione è la comunicazione con i giovani e, al contempo, di modificare alcuni atteggiamenti degli adulti, tra cui quella di sviluppare una maggiore normatività e coerenza educativa affiancata da attenzione e calore affettivo.

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle Età della Vita - Università di Trento
www.officina-benessere.it
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/10/2014 07:18:00
Adolescenza e dintorni L’adolescenza è la fase della vita in cui forse avvengono le maggiori trasformazioni. Cambia il corpo, la psiche. Muta il pensiero che diviene capace di astrazioni.

15/07/2018 08:00:00
Mancanza di educazione? Si dice che i bambini e gli adolescenti di oggi usino ormai comunemente un linguaggio da postribolo 

03/06/2018 08:30:00
Perdere la vita per un selfie Sfidare il rischio per un selfie, correre un pericolo per aumentare i like sul proprio profilo o tentare una performance acrobatica per documentare le personali capacità sembra appartenere ogni giorno di più ai Millennials


29/07/2018 08:27:00
Adolescenti e social I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

06/10/2014 11:45:00
Uno sconosciuto per casa Prenderanno il via questo giovedì 9 ottobre a Prevalle, nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte", tre serate rivolte ai genitori sui temi dell’adolescenza



Altre da Genitori e Figli
23/09/2018

Giovani e senso del limite

Le biografie personali che negli ultimi fatti di cronaca hanno visto protagonisti adolescenti che hanno perso la vita, necessitano di tutto il nostro rispetto e mai di un giudizio (1)

14/09/2018

Blackout. Il gioco mortale dei teenager

Un’ennesima tragedia si compie tra i giovani e sconvolge perché scopri che si muore per “gioco”. È una pratica occulta e già conosciuta tra i giovani, inebriante ed eccitante, per qualche verso erotica, che ora la rete sta diffondendo e che negli Stati Uniti ha già fatto numerose vittime 

09/09/2018

Scuola e famiglia ai blocchi di partenza

Pronti via, fra attese e speranze. Ma com'è cambiato nel tempo il rapporto fra le famiglie e la scuola? Ce ne parla oggi Giuseppe Maiolo


02/09/2018

La famiglia liquida

La famiglia del terzo millennio è passata attraverso varie mutazioni e ora coniuga una grande quantità di relazioni diverse che danno vita a complesse variabili sia della genitorialità che dell’educazione (1)

26/08/2018

Bullismo e disimpegno morale

Di bulli ce ne sono tanti. Troppi sicuramente e distribuiti un po’ dappertutto, non solo nei luoghi tradizionali come la scuola o il parco pubblico, e ora il web, dove è più facile spargere i semi dell’intolleranza e della violenza


19/08/2018

Le bulle

Quando pensiamo al bullismo pensiamo ai maschi e alle prevaricazioni che esercitano tra pari, bambini o adolescenti. Non c’è dubbio che stando alle statistiche il fenomeno riguardi in gran parte il genere maschile, ma...

12/08/2018

I giovani e l'incertezza

Nel libro “La società dell’incertezza” Zigmunt Bauman sosteneva che la società contemporanea, conquistata la liberta individuale, ora è destinata all’incertezza...

05/08/2018

Costruire empatia

L’empatia sembra oggi una parola di moda visto l’uso frequente che se ne fa. Ma, a mio parere, è piuttosto una necessità a cui dovremmo dedicare particolare attenzione e risorse 

29/07/2018

Adolescenti e social

I social sono buoni o cattivi? Servono agli adolescenti o sono dannosi?  Domande insistenti che oggi riecheggiano ovunque e che, soprattutto i genitori, si pongono preoccupati dei pericoli che i figli possano correre frequentandoli assiduamente

22/07/2018

Sempre connessi ma fuggiaschi

Li puoi chiamare fuggiaschi ma sono teenager isolati dal mondo che non vedi perché si nascondono, si ritirano in casa e rifiutano i contatti reali

Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia