Skin ADV
Sabato 14 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE


Giuliana Franchini, psicologa psicoterapeuta infantile, autrice di libri sulla relazione educativa e favole per aiutare i bambini a crescere bene.
Giuseppe Maiolo,  psicoanalista junghiano, scrittore e giornalista, si occupa di formazione dei genitori e di clinica dell’adolescente.
Officina del Benessere, Puegnago tel. 0365 651827
Tra le nubi

Tra le nubi

di Riccardo Podavini



12.12.2019 Gavardo Valsabbia

12.12.2019 Garda

13.12.2019 Agnosine

12.12.2019 Pertica Alta

13.12.2019 Serle

12.12.2019 Vobarno Gavardo Prevalle Salò Provincia

12.12.2019 Val del Chiese Storo

13.12.2019 Gavardo Valsabbia Provincia

12.12.2019

13.12.2019 Vobarno






16 Aprile 2018, 10.30

Blog - Genitori e figli

A quale età il cellulare?

di Giuseppe Maiolo
La domanda più insistente che oggi si fanno i genitori è relativa all’età in cui è più giusto dare lo smartphone ai figli. Una questione assai dibattuta anche da pediatri e psicologi e non ancora risolta perché non vi sono linee guida precise e definite.

Di certo sappiamo che il nostro paese è al primo posto in Europa per la diffusione dei cellulari e ai bambini viene dato sempre prima proprio per il fatto che tutto si anticipa. Così si osserva che mediamente da noi genitori e parenti arrivano a regalarlo tra i 7 e gli 8 anni. Giusto o sbagliato che sia c’è da dire che oggi i nativi digitali e crescono e si sviluppano con una tecnologia avanzata e che strumenti e dispositivi digitali non sono di per sé negativi e dannosi. È il modo con cui li usiamo che li rende pericolosi.

Tuttavia porsi l’interrogativo di quando dare in mano un cellulare personale ad un bambino è corretto. Ma non vi è un’età specifica che vada indicata per tutti. Ogni realtà familiare e ogni bambino è diverso. Però sappiamo con certezza che un piccolo già all’età di 3-4 anni è in grado di interagire con tablet e smartphone.

La prima cosa da fare, dunque, è cominciare molto presto a prepararli all’utilizzo, insegnare gradualmente loro cosa si può fare con il telefonino e accompagnarli nel suo uso per un tempo considerevole prima di far loro gestire lo smartphone, che è uno degli strumenti più potenti che abbiamo in questo momento. 

Serve sicuramente, proprio per questo, usarlo insieme, provare a navigare e a scoprire la rete con lui, ascoltare la musica o vedere un cartone a casa o mentre si aspetta in una sala d’attesa.  Fatto come gioco, gli servirà per condividere col genitore il piacere del divertimento e della scoperta, mentre l’adulto coglierà l’occasione per insegnargli la netiquette, cioè come ci si comporta con gli altri in rete e anche nella realtà, silenziando il telefonino in certi luoghi o parlando piano per non disturbare chi è vicino.

Stargli a fianco prima di lasciarlo solo con il suo telefonino, equivarrà a vedere dove vanno i suoi interessi mentre naviga e permetterà di trasmettergli l’idea che noi siamo interessati alle cose che lui fa.  Allo stesso tempo il bambino potrà capire l’importanza della presenza dell’adulto e sentire che se dovesse trovarsi in difficoltà potrà contare sull’aiuto dell’adulto competente che è capace di proteggere. 
 
È un errore invece farlo familiarizzare da solo con la tecnologia “touch”, fargli fare esperienze senza il controllo dell’adulto e consentirgli il cellulare come passatempo quando la mamma prepara la cena o il papà non vuole essere disturbato. Lo smartphone dei genitori così spesso prestato al bambino, non deve essere una baby sitter né la palestra dove fargli fare esercizio. Perché complice la tecnologia intuitiva che ci attornia, i piccoli autodidatti si abituano a non chiedere nulla e a pensare che, in fondo, i grandi ci capiscono poco. Il che spesso è vero. Stare accanto ad un figlio per educarlo al digitale, vuol dire ad esempio insegnare come si usa WhatsApp e supervisionare realmente il modo con cui lo utilizza con i compagni. E di certo si tratterà anche di dare il buon esempio.

Prima di decidere sull’età in cui dare il cellulare, bisognerebbe infine domandarsi se abbiamo responsabilizzato a sufficienza nostro figlio e lo abbiamo reso consapevole di come si gestisce. Utile è chiedersi quanto realmente necessiti ad un bambino quel sofisticato dispositivo e quanto invece risponda ad un nostro bisogno di controllo. Spesso infatti, è un alibi del genitore che serve a contenere l’ansia di separazione. Poi, una volta compreso tutto questo, dare lo smartphone ad un figlio è la naturale conseguenza perché abbiamo saputo coniugato fiducia e senso di responsabilità.

Giuseppe Maiolo
Docente di Psicologia delle età della vita – Università di Trento
www.officina-benessere.it
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/08/2019 09:15:00
Togliere i cellulari dalle mani dei genitori per sostenere la loro funzione educativa I compiti principali dei genitori di oggi sono quelli di educare all’uso consapevole della rete e allo stesso tempo non far perdere il rapporto con la natura

20/05/2018 10:30:00
Regolare e proteggere i minori I pollicini, cioè i nuovi adolescenti che scrivono sullo smartphone con due pollici, per motivi biologici culturali ed evolutivi sono dentro un flusso continuo di cambiamenti e mutazioni fisiche, mentali, relazionali, affettive.

29/07/2019 10:10:00
Genitori separati e vacanze coi figli Se le vacanze con i figli vanno sempre preparate, quelle dei genitori separati soprattutto i non affidatari, hanno ancora di più la necessità di essere pensate e organizzate con attenzione

18/11/2018 08:00:00
Madri che uccidono Uccidere i figli e togliersi la vita è un gesto che ti appare mostruoso, inconcepibile, innaturale e contrario all’idea che abbiamo delle madri che i figli li mettono al mondo e li fanno crescere.

07/10/2018 08:00:00
Genitori separati e affido dei figli. Ma quale riforma?
Ci siamo abituati, negli anni scorsi, ai bambini con la valigia sempre pronta, usata non per fare vacanza quanto, piuttosto, per andare da casa della mamma a quella del papà e viceversa




Altre da Genitori e Figli
09/12/2019

Lo sguardo distante della trascuratezza

La parola “negligenza” nella lingua italiana sembra andata in disuso. Riguarda il comportamento svogliato di chi mette poco impegno nel proprio dovere. In inglese si dice neglect ed è invece un termine molto utilizzato per indicare la trascuratezza, che è una forma di maltrattamento


02/12/2019

Educare i maschi

Hanno fatto scalpore i dati recenti dell’Istat che ci hanno mostrato uno scenario sconvolgente sulla violenza alle donne, la quale colpisce nel corso della vita il 31,5% delle 16-70enni, ovvero più di 6 milioni...


25/11/2019

Coltivare la tolleranza

La giornata per l’eliminazione della violenza sulle donne che ogni anno ricorre il 25 novembre, a mio avviso dovrebbe essere prima di tutto un’occasione per condividere la lotta all’intolleranza

18/11/2019

Parole di odio e controparole

“Le parole fanno più male delle botte” diceva Carolina Picchio, forse la prima adolescente italiana vittima di cyberbullismo

02/11/2019

Hallowen, una festa da capire

Può sembrarci una festa inventata che non ci appartiene, e in gran parte lo è, ma in fondo, nella tradizione da cui deriva, rappresenta uno dei riti di passaggio che ha a che fare con il cambiamento

28/10/2019

La povertà educativa e i comportamenti a rischio dei giovani

“Il tempo dei bambini” è il titolo del nuovo Atlante di Save the Children Italia presentato pochi giorni fa a Roma. Il report, corposo, fotografa la situazione italiana, dove negli ultimi dieci anni i minori in povertà assoluta sono oltre 1,2 milioni


21/10/2019

Come si cresce oggi tra like e follower?

“Ciascuno cresce solo se sognato” così scriveva Danilo Dolci molti anni fa. Ed è esattamente quello che anch’io nel lavoro con gli ho adolescenti in crisi ho sempre trovato

18/10/2019

Hikikomori. Quei ragazzi ritirati in casa

“A casa mia sto bene, ho la mia camera, il mio pc, il mio mondo!”. Così dicono quelli che piano piano se ne vanno da scuola e dalla vita di tutti i giorni richiudendosi in casa. Via da tutto


07/10/2019

Mamme tigri e figli stressati

La “mamma-tigre” è ormai una metafora nota. Descrive un modello educativo materno che, negli ultimi anni, si è diffuso anche da noi.

29/09/2019

Adolescenti, suicidio e social

Qualche mese fa una ragazza di 16 anni della Malaysia si lancia dal terzo piano della sua abitazione dopo aver postato su Instagram una domanda “Aiutatemi a scegliere D o L”

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia