Skin ADV
Lunedì 19 Agosto 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






01 Aprile 2018, 09.00

Blog - Figurine di provincia

Vite spericolate

di Luca Rota
Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

Quando si parla di droga, non si parla di doping, ma di sostanze che col tempo uccidono (anche il doping lo fa), ma non aiutano ad essere più bravi. Perché le figurine di cui parliamo oggi possono di certo aver avuto delle vite spericolate, difficili, alterate magari, ma non sono mai stati dei bari. Probabilmente se non si fossero drogati, avrebbero avuto carriere migliori, più longeve e di certo a livelli superiori. Perché la droga non aiuta, uccide.

Angelo Pagotto nel 1996 vinceva l’Europeo con l’Under azzurra guidata da Cesare Maldini, parando un rigore a Raul. In campionato difendeva i pali della Sampdoria, e lo faceva piuttosto bene, al punto di meritarsi il Milan soli 23 anni.

Col Diavolo però il feeling non fu cosa immediata, e dopo una sola stagione iniziò quell’esodo che in dieci anni, lo vide volare da Perugia a Crotone, con nel mezzo altre sei squadre.. e due squalifiche. Il tutto proprio per l’uso di quella sostanza velenosa e opprimente, che segnerà la fine della sua carriera. Ad oggi la squalifica di otto anni è da poco giunta al termine.

Francesco Flachi è di due anni più giovane, un classe ’75. Nel 1996, quando Pagotto neutralizzava dal dischetto il futuro capitano del Real, lui segnava in B col Bari, dov’era stato mandato a farsi le ossa da chi lo aveva lanciato nel calcio dei grandi. Quella Fiorentina che di occasioni gliene diede poche, e che dopo Ancona lo spedì a Genova, sponda blucerchiata, ai tempi sprofondata negli abissi della serie cadetta. In otto anni riporterà la Samp in A ed in Europa, diventandone leader e uomo simbolo, nonché il terzo marcatore di sempre dopo Vialli e Mancini.

L’intrigo di calcio scommesse a cui seguì la squalifica per uso di cocaina, segnò la fine di questa bellissima storia d’amore. Empoli e Brescia proveranno a rilanciarne le ambizioni e la voglia, ma sarà ancora una volta quel demone in polvere a fargli dire forzatamente basta col calcio giocato. Ad oggi è squalificato fino al 2022.

Jonathan Bachini di Flachi è coetaneo, ma di ruolo faceva il centrocampista, di fascia per la precisione. Ad Udine riuscì a conquistare la maglia azzurra e quella della Juve. A Torino però collezionò poche presenze, e dopo una stagione a Brescia, venne ceduto al Parma come contropartita per l’approdo in bianconero di Buffon. Coi ducali non scoccò la scintilla, così decise di tornare a correre sulla fascia per il Brescia di Baggio, Guardiola, Di Biagio e Pirlo.

Andò tutto a meraviglia fino al 2004, quando dopo essere stato trovato positivo alla cocaina, venne licenziato dalle Rondinelle. Scontato l’anno di squalifica, firmò per il Siena, dove dopo un bel inizio di stagione, sembrava fosse tornato quello dei bei tempi. Durò poche partite; nuovi controlli e nuova positività, sempre alla cocaina.

La sentenza lo radiò dal mondo del calcio, e forse fu troppo severa, perché espressa nei confronti di chi magari avrebbe avuto bisogno di aiuto, non di emarginazione. Una curiosità ininfluente e puramente casuale: in entrambi i match nei quali venne trovato positivo, l’avversario era la Lazio.

Tre profili calcistici diversi, tre ottimi calciatori rovinati dalla droga e dalla mancanza di forza che non permise loro di dire basta. Saranno però sempre da rivedere le parate di Pagotto nell’anno alla Samp, oppure le sgroppate sulla destra del Bachini di Udine e di Brescia. Per non parlare dei gol in acrobazia di Flachi. Tre vite spericolate, con sullo sfondo il calcio, e nel mezzo la droga. Maledetta droga.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/06/2019 15:22:00
Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

03/08/2019 07:37:00
Guerrieri (pt. 4) Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

24/03/2019 08:00:00
Il figlio di papà Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.



Altre da Blog - Figurine di provincia
18/08/2019

Il giustiziere

Dopo il filone dedicato ai "guerrieri" è la volta di spostarsi in direzione est, per raccontare storie che hanno il sapore "d'Oriente"

03/08/2019

Guerrieri (pt. 4)

Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

23/07/2019

Guerrieri (pt. 3)

La leggenda vuole - anche se questa leggenda non è – che, appena arrivato al Milan, Sacchi avesse suggerito a Baresi di guardare come giocava il 6 della sua ex squadra (il Parma, nda), in modo da poter comprendere ciò che lui voleva da un libero moderno

07/07/2019

Guerrieri (pt. 2)

Quando si parla di calcio, esistono pagine tristi che non sarebbe giusto esiliare nei meandri della mente

27/06/2019

Guerrieri (pt. 1)

Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine

14/06/2019

Il gentleman

Quest’ultima tappa del “Made in Sud” la dedichiamo alle gesta sportive ed extra-sportive di un atleta non proprio ortodosso

04/06/2019

Tir

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

26/05/2019

Il cobra

Nei ricordi d’infanzia di ognuno di noi, sono presenti degli eroi (sportivamente parlando) che per quanto “di passaggio”, entrarono nel nostro immaginario per non uscirne più

19/05/2019

Il portiere di Zeman

Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “made in Sud”, ricordando colui che fu uno dei primi ad esprimersi nel ruolo di portiere-libero in A

10/05/2019

'U re

Nuovo appuntamento, nuova figurina, nuova meta-rubrica, dedicata - per la gioia del buon Morosini - al “made in Sud”  (3)

Eventi

<<Agosto 2019>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia