Skin ADV
Martedì 20 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



01 Aprile 2018, 09.00

Blog - Figurine di provincia

Vite spericolate

di Luca Rota
Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

Quando si parla di droga, non si parla di doping, ma di sostanze che col tempo uccidono (anche il doping lo fa), ma non aiutano ad essere più bravi. Perché le figurine di cui parliamo oggi possono di certo aver avuto delle vite spericolate, difficili, alterate magari, ma non sono mai stati dei bari. Probabilmente se non si fossero drogati, avrebbero avuto carriere migliori, più longeve e di certo a livelli superiori. Perché la droga non aiuta, uccide.

Angelo Pagotto nel 1996 vinceva l’Europeo con l’Under azzurra guidata da Cesare Maldini, parando un rigore a Raul. In campionato difendeva i pali della Sampdoria, e lo faceva piuttosto bene, al punto di meritarsi il Milan soli 23 anni.

Col Diavolo però il feeling non fu cosa immediata, e dopo una sola stagione iniziò quell’esodo che in dieci anni, lo vide volare da Perugia a Crotone, con nel mezzo altre sei squadre.. e due squalifiche. Il tutto proprio per l’uso di quella sostanza velenosa e opprimente, che segnerà la fine della sua carriera. Ad oggi la squalifica di otto anni è da poco giunta al termine.

Francesco Flachi è di due anni più giovane, un classe ’75. Nel 1996, quando Pagotto neutralizzava dal dischetto il futuro capitano del Real, lui segnava in B col Bari, dov’era stato mandato a farsi le ossa da chi lo aveva lanciato nel calcio dei grandi. Quella Fiorentina che di occasioni gliene diede poche, e che dopo Ancona lo spedì a Genova, sponda blucerchiata, ai tempi sprofondata negli abissi della serie cadetta. In otto anni riporterà la Samp in A ed in Europa, diventandone leader e uomo simbolo, nonché il terzo marcatore di sempre dopo Vialli e Mancini.

L’intrigo di calcio scommesse a cui seguì la squalifica per uso di cocaina, segnò la fine di questa bellissima storia d’amore. Empoli e Brescia proveranno a rilanciarne le ambizioni e la voglia, ma sarà ancora una volta quel demone in polvere a fargli dire forzatamente basta col calcio giocato. Ad oggi è squalificato fino al 2022.

Jonathan Bachini di Flachi è coetaneo, ma di ruolo faceva il centrocampista, di fascia per la precisione. Ad Udine riuscì a conquistare la maglia azzurra e quella della Juve. A Torino però collezionò poche presenze, e dopo una stagione a Brescia, venne ceduto al Parma come contropartita per l’approdo in bianconero di Buffon. Coi ducali non scoccò la scintilla, così decise di tornare a correre sulla fascia per il Brescia di Baggio, Guardiola, Di Biagio e Pirlo.

Andò tutto a meraviglia fino al 2004, quando dopo essere stato trovato positivo alla cocaina, venne licenziato dalle Rondinelle. Scontato l’anno di squalifica, firmò per il Siena, dove dopo un bel inizio di stagione, sembrava fosse tornato quello dei bei tempi. Durò poche partite; nuovi controlli e nuova positività, sempre alla cocaina.

La sentenza lo radiò dal mondo del calcio, e forse fu troppo severa, perché espressa nei confronti di chi magari avrebbe avuto bisogno di aiuto, non di emarginazione. Una curiosità ininfluente e puramente casuale: in entrambi i match nei quali venne trovato positivo, l’avversario era la Lazio.

Tre profili calcistici diversi, tre ottimi calciatori rovinati dalla droga e dalla mancanza di forza che non permise loro di dire basta. Saranno però sempre da rivedere le parate di Pagotto nell’anno alla Samp, oppure le sgroppate sulla destra del Bachini di Udine e di Brescia. Per non parlare dei gol in acrobazia di Flachi. Tre vite spericolate, con sullo sfondo il calcio, e nel mezzo la droga. Maledetta droga.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

16/11/2018 10:20:00
Altri bianconeri Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano

31/12/2017 08:00:00
Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi



Altre da Blog - Figurine di provincia
16/11/2018

Altri bianconeri

Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano (3)

02/11/2018

Ma che bel Castello!

Il club delle “favole sportive” vanta diverse simpatiche presenze, a volte difficili da credere, ma che hanno fatto sognare e divertire tutti gli appassionati di calcio. Il Castel di Sangro è forse la più eccezionale di queste 

22/10/2018

Ultime bandiere (pt.2)

Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

13/10/2018

Ultime bandiere (pt.1)

Dei record gli interessa poco. Salvare il suo Chievo è sempre stata la sua missione. Come quando non ci riuscì nel 2007, e l'anno seguente lo riportò in A segnando 22 reti (suo record personale). Oppure quando insieme andarono in Europa League, e poi addirittura ai preliminari di Champions!

05/10/2018

Il pescatore di assist

Ighli Vannucchi da Prato ha vent'anni quando la Lucchese gli affida le chiavi del centrocampo. Gioca tra le linee, in quel ruolo che già da un po' si chiama trequartista (o mezzapunta)

25/09/2018

Lamberto Zauli

Immaginate un atleta di quasi un metro e novanta per novanta chili. Immaginatelo mentre si muove in mezzo al campo, tra le linee, con la leggiadria di un mingherlino qualunque, dispensando assist e segnando gol importanti.

12/09/2018

Italiani a Malta

Negli ultimi tempi è diventata famosa per le controversie "portuali" con il nostro Paese, ma Malta e la sua Premier League ospitano da diverse stagioni una nutrita flotta di calciatori italiani

17/08/2018

L'altro Pippo

Negli anni Novanta al solo pronunciar il nome Pippo, tutti pensavano ad Inzaghi. Caspita, chi non avrebbe pensato a Pippo Inzaghi, in arte Super Pippo! Di Pippo però, a differenza della mamma, non ce n'è uno solo...

25/07/2018

Un americano a Padova

Se si parla di "Un americano a Roma", subito ci viene in mente l'Alberto Sordi del celebre film di Steno. Se invece il tipo a stelle e strisce si trova "a Parigi", l'attenzione di colpo cadrà sul musical di Vincent Minnelli. Quando invece si tratta di un americano a Padova… 

17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia