Skin ADV
Mercoledì 17 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



22 Maggio 2018, 08.55

Blog - Figurine di provincia

Un grande capitano

di Luca Rota
Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

Breve storia di un team e del suo capitano, uno di quelli che affonda insieme alla nave, e che come nelle favole (sempre calcistiche), quando questa ritorna a navigare in acque che le competono, lo si ritrova fiero al timone, proprio perché non lo ha mai abbandonato.
 
Alessandro Lucarelli, fratello minore di Cristiano, tre anni or sono portava al braccio la fascia di capitano quando il già retrocesso Parma di Ghirardi, con in panca Donadoni e in campo un gruppo che fino all’ultimo secondo dell’ultimo match onorò la maglia, lasciava la massima serie dichiarando fallimento. A settembre poi fu serie D - si era nel 2015 - e l’anno seguente festeggiò l’immediata - anche se non scontata - promozione in Lega Pro. Poi un faticoso sgomitare nel pantano di frontiera che separa professionisti e dilettanti, e la scalata fino alle porte della B, sancita dalla vittoria contro l’Alessandria. 
 
Quest’anno ai nastri di partenza della B, l’inizio non è dei migliori, tanti bassi e qualche alto; poi ci si immerge in ciò che è la B, ed allora le cose prendono la giusta piega, e fanno ben sperare per la zona play-off. Il tutto sempre con Lucarelli in campo, o qualche volta in panca per riposare. Ma lui è sempre lì, è il capitano.
 
Venerdì 18 maggio, complice il suicidio sportivo del Frosinone e la vittoria per 2 a 0 sul campo dello Spezia, il ritorno nel massimo campionato è cosa fatta, a due anni e mezzo da quell’amaro addio. A settembre, quando nei calendari del massimo campionato di nuovo presente il suo Parma, la carta d’identità dirà 41 anni, e 10 saranno quelli trascorsi sull’erba del Tardini. Il campo però dirà nuovamente serie A, campionato che Alessandro ha abbandonato per scelta, nonostante l’età, nonostante le offerte.
 
Lui voleva ritornare a giocarci col Parma, dove approdò nel 2008 dopo aver girovagato per la provincia calcistica italiana, e che dalla D, venerdì 18 maggio, insieme ai suoi compagni ha riportato in A. Quando il calcio non è soltanto soldi ed affari. 
 
Breve storia di un capitano e del suo sogno sportivo. Di un grande capitano.  
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/03/2018 07:15:00
Capitano tuttofare Ogni storia calcistica ha un percorso a sé, e ogni carriera vive i suoi alti e bassi. Quelle di Marco Rossi e del Genoa hanno in comune molte similarità, essendo due storie di risalita, di duttilità… e di corsa

21/02/2018 08:00:00
Tenetevi il miliardo Chi direbbe di no ad un miliardo di lire? Anzi, per essere più precisi, a più di mezzo miliardo di lire. La figurina di oggi una volta l’ha fatto sul serio, e insieme al suo procuratore ci ha anche scritto un libro dal titolo omonimo 

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

31/12/2017 08:00:00
Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi



Altre da Blog - Figurine di provincia
13/10/2018

Ultime bandiere (pt.1)

Dei record gli interessa poco. Salvare il suo Chievo è sempre stata la sua missione. Come quando non ci riuscì nel 2007, e l'anno seguente lo riportò in A segnando 22 reti (suo record personale). Oppure quando insieme andarono in Europa League, e poi addirittura ai preliminari di Champions!

05/10/2018

Il pescatore di assist

Ighli Vannucchi da Prato ha vent'anni quando la Lucchese gli affida le chiavi del centrocampo. Gioca tra le linee, in quel ruolo che già da un po' si chiama trequartista (o mezzapunta)

25/09/2018

Lamberto Zauli

Immaginate un atleta di quasi un metro e novanta per novanta chili. Immaginatelo mentre si muove in mezzo al campo, tra le linee, con la leggiadria di un mingherlino qualunque, dispensando assist e segnando gol importanti.

12/09/2018

Italiani a Malta

Negli ultimi tempi è diventata famosa per le controversie "portuali" con il nostro Paese, ma Malta e la sua Premier League ospitano da diverse stagioni una nutrita flotta di calciatori italiani

17/08/2018

L'altro Pippo

Negli anni Novanta al solo pronunciar il nome Pippo, tutti pensavano ad Inzaghi. Caspita, chi non avrebbe pensato a Pippo Inzaghi, in arte Super Pippo! Di Pippo però, a differenza della mamma, non ce n'è uno solo...

25/07/2018

Un americano a Padova

Se si parla di "Un americano a Roma", subito ci viene in mente l'Alberto Sordi del celebre film di Steno. Se invece il tipo a stelle e strisce si trova "a Parigi", l'attenzione di colpo cadrà sul musical di Vincent Minnelli. Quando invece si tratta di un americano a Padova… 

17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2018

Il dandy

Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

03/05/2018

Lo specialista

Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

19/04/2018

Le petit Zidane

Classe, eleganza, movimenti e giocate da predestinato. Un trequartista. Mourad Meghni la Francia la lascia giovanissimo, direzione Emilia, dove conosce la serie A vestendo il rossoblu bolognese

Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia