Skin ADV
Lunedì 21 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






31 Dicembre 2017, 08.00

Blog - Figurine di provincia

Non un «uno» qualunque

di Luca Rota
Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

Fisico imponente, berretto in testa e tanta precocità agonistica che lo portano dalla Trinacria a Milano, dove giovanissimo fa il terzo. Siamo agli inizi degli anni Novanta, quasi alla fine del glorioso ciclo di Sacchi. L'occasione è ghiotta, per lui che fino a pochi mesi prima, parava in B, a Licata.

A fine stagione però le presenze saranno zero, così l'anno successivo va in prestito al Como in B. Poi il Piacenza, storia di un lungo amore durato ben cinque stagioni, dove Taibi trova la sua dimensione, e da il meglio di se. Ecco però che il Diavolo, ricordatosi di lui, lo riacquista affidandogli le chiavi della porta (con un quinquennio di ritardo). L'ex terzo portiere, ora ventisettenne, sembra giunto a maturazione, è sicuro e solido tra i pali. Ma a metà stagione perde il posto da titolare, ed a gennaio va a Venezia per concludere l’annata.

Favola finita? Neanche per sogno, perché la chiamata che arriva a giugno, non è assolutamente inferiore a quella arrivata dieci anni prima da Milano. Si tratta di un’internazionale.. da Manchester. In molti allora iniziano ad interrogarsi su chi sia realmente Massimo Taibi, estremo difensore capace nonostante il flop in rossonero, di suscitare l'interesse di un grande club straniero. Di certo non è un (numero) "uno" qualunque.

Il grande United di Ferguson, Yorke, Cole, Beckham, Giggs, Scholes, Keane lo chiama a difesa dei pali per il dopo Schmeichel. È l’inizio del millennio, e sembra che per il trentenne palermitano, sia l’inizio di una nuova vita agonistica. La prima col Liverpool è da applausi (sarà "Man of the match"); poi la papera col Southampton, la vittoria dell’Intercontinentale, e le ripetute panchine. Una storia breve, anche se intensa. Purtroppo per lui dall’Old Trafford al Granillo il passo è veramente breve, così a gennaio si accasa alla Reggina, dove ha da subito un ottimo impatto col gruppo.

Riceve la fascia da capitano, e segna persino un gol in casa, di testa su calcio d’angolo nei minuti finali contro l’Udinese (prima di lui soltanto Rampulla c’era riuscito). Celebre è anche il cucchiaio parato a Simone Inzaghi all’Olimpico (sul 3a0 per la Lazio), con tanto di sfuriata polemica verso la punta biancoceleste.

Poi l'approdo a Bergamo dopo il ritorno in B dei reggini, e quattro belle stagioni condite da ottimi risultati e dall'immancabile stima di pubblico e compagni. Le parentesi a Torino ed Ascoli, sono il suo canto del cigno. Nelle Marche, quasi quarantenne, appende guanti, scarpette e berretto al chiodo.

Della sua carriera si ricorderanno tante prestazioni importanti, che lo hanno reso uno dei migliori portieri che la massima Serie abbia conosciuto. Purtroppo per lui, la presenza ai tempi di gente come Peruzzi, Pagliuca, Marchegiani, Toldo, nonché di un giovane (ma già fortissimo) Buffon, gli impedì di raggiungere la maglia azzurra. Ma giocare titolare all'Old Trafford, in quello United, non è roba da tutti. E che non sia stato un (numero) "uno" qualunque, questo Taibi credo lo sappia.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

12/09/2018 07:00:00
Italiani a Malta Negli ultimi tempi è diventata famosa per le controversie "portuali" con il nostro Paese, ma Malta e la sua Premier League ospitano da diverse stagioni una nutrita flotta di calciatori italiani

01/12/2017 09:00:00
Esuli (del pallone) Di loro ricordiamo quelli “famosi”, o che magari hanno avuto carriere più gloriose. Molti non sono noti ai più, e di certo non stiamo parlando di emigranti “standard”, quelli in cerca di un futuro migliore in terre lontane...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 



Altre da Blog - Figurine di provincia
14/01/2019

Ciao Phil

Triste è la notizia rimbalzata in ogni angolo delle vie di questo sport ormai dedito soltanto al guadagno e all’apparenza 

10/01/2019

Il Vicenza di Coppe

Stagione 97-98. Il Vicenza, fresco detentore della Coppa Italia, conquistata nel maggio scorso a spese del Napoli, si appresta ad affrontare i sedicesimi di Coppa delle Coppe 

28/12/2018

Il più anziano in assoluto

Oggi parliamo del più anziano calciatore in assoluto ad essere mai sceso in campo, per giunta ancora in attività, nonché vecchia conoscenza del calcio italiano. (1)

20/12/2018

Il più anziano di sempre

La serie A non l’ha mai conosciuta, di B ne ha fatta a più tornate e in anni diversi, di C1 tanta, per poi terminare nuovamente in cadetteria coi colori del suo Cittadella  (2)

12/12/2018

La favola del Calais

Esistono favole dai confini lontani, e quella odierna abita nei pressi della Manica, nei pressi del passo che dal continente porta in Gran Bretagna

29/11/2018

Cittadella

Un tempo c’era il Piacenza con la sua politica del made in Italy e molti erano i vivai meritevoli di lode, con quelli di Atalanta, Torino e Roma da sempre in prima fila nello sfornare ottimi campioni futuri

16/11/2018

Altri bianconeri

Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano (3)

02/11/2018

Ma che bel Castello!

Il club delle “favole sportive” vanta diverse simpatiche presenze, a volte difficili da credere, ma che hanno fatto sognare e divertire tutti gli appassionati di calcio. Il Castel di Sangro è forse la più eccezionale di queste 

22/10/2018

Ultime bandiere (pt.2)

Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

13/10/2018

Ultime bandiere (pt.1)

Dei record gli interessa poco. Salvare il suo Chievo è sempre stata la sua missione. Come quando non ci riuscì nel 2007, e l'anno seguente lo riportò in A segnando 22 reti (suo record personale). Oppure quando insieme andarono in Europa League, e poi addirittura ai preliminari di Champions!

Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia