Skin ADV
Lunedì 18 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE





31 Dicembre 2017, 08.00

Blog - Figurine di provincia

Non un «uno» qualunque

di Luca Rota
Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

Fisico imponente, berretto in testa e tanta precocità agonistica che lo portano dalla Trinacria a Milano, dove giovanissimo fa il terzo. Siamo agli inizi degli anni Novanta, quasi alla fine del glorioso ciclo di Sacchi. L'occasione è ghiotta, per lui che fino a pochi mesi prima, parava in B, a Licata.

A fine stagione però le presenze saranno zero, così l'anno successivo va in prestito al Como in B. Poi il Piacenza, storia di un lungo amore durato ben cinque stagioni, dove Taibi trova la sua dimensione, e da il meglio di se. Ecco però che il Diavolo, ricordatosi di lui, lo riacquista affidandogli le chiavi della porta (con un quinquennio di ritardo). L'ex terzo portiere, ora ventisettenne, sembra giunto a maturazione, è sicuro e solido tra i pali. Ma a metà stagione perde il posto da titolare, ed a gennaio va a Venezia per concludere l’annata.

Favola finita? Neanche per sogno, perché la chiamata che arriva a giugno, non è assolutamente inferiore a quella arrivata dieci anni prima da Milano. Si tratta di un’internazionale.. da Manchester. In molti allora iniziano ad interrogarsi su chi sia realmente Massimo Taibi, estremo difensore capace nonostante il flop in rossonero, di suscitare l'interesse di un grande club straniero. Di certo non è un (numero) "uno" qualunque.

Il grande United di Ferguson, Yorke, Cole, Beckham, Giggs, Scholes, Keane lo chiama a difesa dei pali per il dopo Schmeichel. È l’inizio del millennio, e sembra che per il trentenne palermitano, sia l’inizio di una nuova vita agonistica. La prima col Liverpool è da applausi (sarà "Man of the match"); poi la papera col Southampton, la vittoria dell’Intercontinentale, e le ripetute panchine. Una storia breve, anche se intensa. Purtroppo per lui dall’Old Trafford al Granillo il passo è veramente breve, così a gennaio si accasa alla Reggina, dove ha da subito un ottimo impatto col gruppo.

Riceve la fascia da capitano, e segna persino un gol in casa, di testa su calcio d’angolo nei minuti finali contro l’Udinese (prima di lui soltanto Rampulla c’era riuscito). Celebre è anche il cucchiaio parato a Simone Inzaghi all’Olimpico (sul 3a0 per la Lazio), con tanto di sfuriata polemica verso la punta biancoceleste.

Poi l'approdo a Bergamo dopo il ritorno in B dei reggini, e quattro belle stagioni condite da ottimi risultati e dall'immancabile stima di pubblico e compagni. Le parentesi a Torino ed Ascoli, sono il suo canto del cigno. Nelle Marche, quasi quarantenne, appende guanti, scarpette e berretto al chiodo.

Della sua carriera si ricorderanno tante prestazioni importanti, che lo hanno reso uno dei migliori portieri che la massima Serie abbia conosciuto. Purtroppo per lui, la presenza ai tempi di gente come Peruzzi, Pagliuca, Marchegiani, Toldo, nonché di un giovane (ma già fortissimo) Buffon, gli impedì di raggiungere la maglia azzurra. Ma giocare titolare all'Old Trafford, in quello United, non è roba da tutti. E che non sia stato un (numero) "uno" qualunque, questo Taibi credo lo sappia.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

01/12/2017 09:00:00
Esuli (del pallone) Di loro ricordiamo quelli “famosi”, o che magari hanno avuto carriere più gloriose. Molti non sono noti ai più, e di certo non stiamo parlando di emigranti “standard”, quelli in cerca di un futuro migliore in terre lontane...

17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

22/11/2017 15:30:00
Senza categoria Quando le categorie non contano. Potrebbe essere questo lo spot riguardante la “figurina” di questa settimana. Sì, perché fare quello che ha fatto lui, non è roba da tutti, né di bassa categoria. Al massimo di un’altra categoria!



Altre da Blog - Figurine di provincia
17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2018

Il dandy

Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

22/05/2018

Un grande capitano

Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

03/05/2018

Lo specialista

Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

19/04/2018

Le petit Zidane

Classe, eleganza, movimenti e giocate da predestinato. Un trequartista. Mourad Meghni la Francia la lascia giovanissimo, direzione Emilia, dove conosce la serie A vestendo il rossoblu bolognese

08/04/2018

Il toro di Sora

Napoli e il sole della stupenda Campania; Afragola per togliersi i denti da latte e “sconfinare”, in quel di Sora. Un amore, un rapporto indissolubile tra una città ed un uomo. Lui è Pasquale Luiso, professione centravanti

01/04/2018

Vite spericolate

Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018

Made in Italy

C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

08/03/2018

Mario Frick

Ve lo immaginate Totti che, per continuare a dare una mano alla causa azzurra, decide di arretrare a giocare in difesa? O ve lo immaginate Del Piero che, in un’ipotetica Italia in difficoltà, si posizioni al centro del reparto difensivo per rassicurare le sorti, in quanto uomo più carismatico? 

01/03/2018

Capitano tuttofare

Ogni storia calcistica ha un percorso a sé, e ogni carriera vive i suoi alti e bassi. Quelle di Marco Rossi e del Genoa hanno in comune molte similarità, essendo due storie di risalita, di duttilità… e di corsa

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia