Skin ADV
Venerdì 14 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE






03 Maggio 2018, 08.45

Blog - Figurine di provincia

Lo specialista

di Luca Rota
Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

Stagione 2002/2003. Nel girone B della serie C2 fa il suo esordio la Florentia Viola, creatura nata dalle ceneri della Fiorentina, ambiziosa di risalire subito la china. Nell’ossatura di questa squadra, costruita in fretta e furia nel corso di un’estate travagliata, spunta in attacco il nome di Christian Riganò, bomber che nell’annata precedente ha quasi portato il Taranto in B a suon di gol. 
 
A lui viene affidato il compito di buttarla dentro, lì, in quella categoria dura anche per gente come Di Livio, che da buon capitano è affondato insieme alla nave, ripartendo dalla frontiera del calcio professionistico.
 
Una sfida importante per la punta siciliana di Lipari, che a trent’anni suonati con trascorsi tra la D e la C, dove ha sempre segnato tanto, mette sulle spalle la numero 9 che fu di Batigol. A fine stagione la promozione in C1 è cosa semplice. Riganò segna 30 reti; lui i gol in quella categoria li sa fare, ed è per questo che è stato chiamato. Quello che serve alla nuova Fiorentina (al tempo ancora Florentia Viola) per ritornare nel calcio che conta nel più breve tempo possibile. Uno specialista del gol.
 
L’anno seguente sarà direttamente B, complice un ripescaggio, e i gol (23) saranno ancora i suoi. Lì dove non aveva mai giocato, essendo sempre stato centravanti da categorie inferiori, porterà i Viola fino allo spareggio play-off, dove infortunato non potrà esserci. Anche in B, però, i gol continua a farli, forse perché ci ha preso gusto, forse solo perché li sa fare e basta.
 
In A gioca a fasi alterne, spesso da protagonista, altre volte da subentrante, con la curva Fiesole sempre pronta ad osannarlo. È lui l’erede di Batistuta, colui che ha riportato la Viola, nel frattempo ritornata Fiorentina, nel calcio che le compete.
 
Il mercato estivo è però costellato da arrivi eccellenti, Luca Toni su tutti. Così, nonostante l’età, Riganò decide di cambiare aria spostandosi in provincia, ma rimanendo sempre in A. Prima Empoli, poi il ritorno a Messina, dove segna per i colori tanto amati, coi quali aveva giocato precedentemente in D. 
 
La breve parentesi estera col Levante in Spagna, ed il ritorno in patria a Siena per salutare la A, prima di concludere a 40 anni suonati, e con diversi chili in più, nelle categorie inferiori toscane. 
 
Poco male per uno che dopo tanta Eccellenza e Interregionale, poi Dilettanti tra Messina ed Igea Virtus, tra un gol e l’altro faceva il muratore. Perché non esiste categoria per chi i gol li sa fare; e questo Riganò lo sa, ed anche la Fiesole se lo ricorderà per sempre. 
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/05/2018 08:55:00
Un grande capitano Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

12/12/2018 09:00:00
La favola del Calais Esistono favole dai confini lontani, e quella odierna abita nei pressi della Manica, nei pressi del passo che dal continente porta in Gran Bretagna



Altre da Blog - Figurine di provincia
12/12/2018

La favola del Calais

Esistono favole dai confini lontani, e quella odierna abita nei pressi della Manica, nei pressi del passo che dal continente porta in Gran Bretagna

29/11/2018

Cittadella

Un tempo c’era il Piacenza con la sua politica del made in Italy e molti erano i vivai meritevoli di lode, con quelli di Atalanta, Torino e Roma da sempre in prima fila nello sfornare ottimi campioni futuri

16/11/2018

Altri bianconeri

Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano (3)

02/11/2018

Ma che bel Castello!

Il club delle “favole sportive” vanta diverse simpatiche presenze, a volte difficili da credere, ma che hanno fatto sognare e divertire tutti gli appassionati di calcio. Il Castel di Sangro è forse la più eccezionale di queste 

22/10/2018

Ultime bandiere (pt.2)

Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

13/10/2018

Ultime bandiere (pt.1)

Dei record gli interessa poco. Salvare il suo Chievo è sempre stata la sua missione. Come quando non ci riuscì nel 2007, e l'anno seguente lo riportò in A segnando 22 reti (suo record personale). Oppure quando insieme andarono in Europa League, e poi addirittura ai preliminari di Champions!

05/10/2018

Il pescatore di assist

Ighli Vannucchi da Prato ha vent'anni quando la Lucchese gli affida le chiavi del centrocampo. Gioca tra le linee, in quel ruolo che già da un po' si chiama trequartista (o mezzapunta)

25/09/2018

Lamberto Zauli

Immaginate un atleta di quasi un metro e novanta per novanta chili. Immaginatelo mentre si muove in mezzo al campo, tra le linee, con la leggiadria di un mingherlino qualunque, dispensando assist e segnando gol importanti.

12/09/2018

Italiani a Malta

Negli ultimi tempi è diventata famosa per le controversie "portuali" con il nostro Paese, ma Malta e la sua Premier League ospitano da diverse stagioni una nutrita flotta di calciatori italiani

17/08/2018

L'altro Pippo

Negli anni Novanta al solo pronunciar il nome Pippo, tutti pensavano ad Inzaghi. Caspita, chi non avrebbe pensato a Pippo Inzaghi, in arte Super Pippo! Di Pippo però, a differenza della mamma, non ce n'è uno solo...

Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia