Skin ADV
Lunedì 21 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






24 Gennaio 2018, 09.00

Blog - Figurine di provincia

L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato

di Luca Rota
Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 

Potremmo definirlo senza ombra di dubbio l’uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato. 
 
L’uomo in questione è Moacir Bastos, meglio conosciuto come Tuta, punta brasiliana del Venezia nella stagione 98/99. Il momento, i minuti finali di un match del 24 gennaio 1999. Il posto è l’area di rigore ospite dello stadio Penzo, dov’è in atto l’incontro salvezza tra i padroni di casa ed il Bari. 
 
Una normale partita tra due squadre di bassa classifica, che sembra volgere verso un tranquillo 1-1, quando a pochi minuti dalla fine, Novellino decide di mandare in campo questo ragazzone carioca, sostituendo Pippo Maniero. Nessun ricambio offensivo, ma mera mossa tattica per perdere tempo. Il brasiliano infatti, fino a quel momento, non ne ha azzeccata una. 
 
Gira e rigira ecco che accade tutto in quei cinque minuti, col match che non ha più niente da dire, mentre una punizione a rientrare dalla sinistra spiove in aria barese. Ecco che irrompe, in modo anche assai sgraziato, il numero 29 lagunare. Difesa ospite quasi immobile, colpo di testa sporco che batte prima a terra, e poi finisce sul palo interno andando in rete. I veneti sono passati in vantaggio, il pubblico esplode di gioia e lui, Tuta, è l’eroe di giornata. 
 
L’esultanza della punta è grande, e si trascina verso la bandierina, dove una volta arrivato, il carioca si accorge di essere da solo. Infatti nessuno va a festeggiare Tuta, solo qualche attimo dopo il connazionale Fabio Bilica. Nel frattempo in campo, volano sguardi torvi tra i suoi compagni e gli avversari. Pochi minuti più tardi, al triplice fischio del direttore di gara, nel tunnel che porta agli spogliatoi, De Rose capitano dei galletti, quasi gli mette le mani addosso. 
 
Tempo dopo dirà che i compagni di squadra, in particolare Maniero, gli spiegarono che non avrebbe dovuto segnare. Tutto venne però smentito, riconducendo le parole riportate dal brasiliano, alla sua scarsa conoscenza dell’italiano. Ma le immagini, quelle restano inconfutabili, ed è impossibile cancellarle, complice anche il web. 
 
Quel gol non doveva essere segnato, lo si legge sui volti di tutti, e lo si vede nella non esultanza un po’ di tutti. Magari chi lo sa, anche Tuta ne era al corrente, ma ci ha provato lo stesso, giusto per vedere se una buona volta riusciva a buttarla dentro; ironia della sorte c’è riuscito. Forse è per questo motivo che se la ridacchia, mentre imbocca il tunnel dove oltre a non venir festeggiato, quasi rischia le botte. 
 
La combine presunta o tale non venne mai dimostrata, e dopo quella sola stagione Tuta ritornò in Brasile. Lì segnò abbastanza, e venne sempre festeggiato, tant’è che si è ritirato pochi anni fa, sulla soglia dei quaranta. Il tutto proseguendo una carriera di tutto rispetto, condita anche da una parentesi in Corea del Sud. Quel gol però, uno dei soli tre messi a segno nelle sue diciotto presenze italiane, quello non lo dimenticherà di certo. E magari nemmeno i compagni, gli avversari e chi per loro di quello strano match di fine millennio.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07:00
Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

16/11/2018 10:20:00
Altri bianconeri Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano



Altre da Blog - Figurine di provincia
14/01/2019

Ciao Phil

Triste è la notizia rimbalzata in ogni angolo delle vie di questo sport ormai dedito soltanto al guadagno e all’apparenza 

10/01/2019

Il Vicenza di Coppe

Stagione 97-98. Il Vicenza, fresco detentore della Coppa Italia, conquistata nel maggio scorso a spese del Napoli, si appresta ad affrontare i sedicesimi di Coppa delle Coppe 

28/12/2018

Il più anziano in assoluto

Oggi parliamo del più anziano calciatore in assoluto ad essere mai sceso in campo, per giunta ancora in attività, nonché vecchia conoscenza del calcio italiano. (1)

20/12/2018

Il più anziano di sempre

La serie A non l’ha mai conosciuta, di B ne ha fatta a più tornate e in anni diversi, di C1 tanta, per poi terminare nuovamente in cadetteria coi colori del suo Cittadella  (2)

12/12/2018

La favola del Calais

Esistono favole dai confini lontani, e quella odierna abita nei pressi della Manica, nei pressi del passo che dal continente porta in Gran Bretagna

29/11/2018

Cittadella

Un tempo c’era il Piacenza con la sua politica del made in Italy e molti erano i vivai meritevoli di lode, con quelli di Atalanta, Torino e Roma da sempre in prima fila nello sfornare ottimi campioni futuri

16/11/2018

Altri bianconeri

Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano (3)

02/11/2018

Ma che bel Castello!

Il club delle “favole sportive” vanta diverse simpatiche presenze, a volte difficili da credere, ma che hanno fatto sognare e divertire tutti gli appassionati di calcio. Il Castel di Sangro è forse la più eccezionale di queste 

22/10/2018

Ultime bandiere (pt.2)

Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

13/10/2018

Ultime bandiere (pt.1)

Dei record gli interessa poco. Salvare il suo Chievo è sempre stata la sua missione. Come quando non ci riuscì nel 2007, e l'anno seguente lo riportò in A segnando 22 reti (suo record personale). Oppure quando insieme andarono in Europa League, e poi addirittura ai preliminari di Champions!

Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia