Skin ADV
Lunedì 20 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



24 Gennaio 2018, 09.00

Blog - Figurine di provincia

L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato

di Luca Rota
Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 

Potremmo definirlo senza ombra di dubbio l’uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato. 
 
L’uomo in questione è Moacir Bastos, meglio conosciuto come Tuta, punta brasiliana del Venezia nella stagione 98/99. Il momento, i minuti finali di un match del 24 gennaio 1999. Il posto è l’area di rigore ospite dello stadio Penzo, dov’è in atto l’incontro salvezza tra i padroni di casa ed il Bari. 
 
Una normale partita tra due squadre di bassa classifica, che sembra volgere verso un tranquillo 1-1, quando a pochi minuti dalla fine, Novellino decide di mandare in campo questo ragazzone carioca, sostituendo Pippo Maniero. Nessun ricambio offensivo, ma mera mossa tattica per perdere tempo. Il brasiliano infatti, fino a quel momento, non ne ha azzeccata una. 
 
Gira e rigira ecco che accade tutto in quei cinque minuti, col match che non ha più niente da dire, mentre una punizione a rientrare dalla sinistra spiove in aria barese. Ecco che irrompe, in modo anche assai sgraziato, il numero 29 lagunare. Difesa ospite quasi immobile, colpo di testa sporco che batte prima a terra, e poi finisce sul palo interno andando in rete. I veneti sono passati in vantaggio, il pubblico esplode di gioia e lui, Tuta, è l’eroe di giornata. 
 
L’esultanza della punta è grande, e si trascina verso la bandierina, dove una volta arrivato, il carioca si accorge di essere da solo. Infatti nessuno va a festeggiare Tuta, solo qualche attimo dopo il connazionale Fabio Bilica. Nel frattempo in campo, volano sguardi torvi tra i suoi compagni e gli avversari. Pochi minuti più tardi, al triplice fischio del direttore di gara, nel tunnel che porta agli spogliatoi, De Rose capitano dei galletti, quasi gli mette le mani addosso. 
 
Tempo dopo dirà che i compagni di squadra, in particolare Maniero, gli spiegarono che non avrebbe dovuto segnare. Tutto venne però smentito, riconducendo le parole riportate dal brasiliano, alla sua scarsa conoscenza dell’italiano. Ma le immagini, quelle restano inconfutabili, ed è impossibile cancellarle, complice anche il web. 
 
Quel gol non doveva essere segnato, lo si legge sui volti di tutti, e lo si vede nella non esultanza un po’ di tutti. Magari chi lo sa, anche Tuta ne era al corrente, ma ci ha provato lo stesso, giusto per vedere se una buona volta riusciva a buttarla dentro; ironia della sorte c’è riuscito. Forse è per questo motivo che se la ridacchia, mentre imbocca il tunnel dove oltre a non venir festeggiato, quasi rischia le botte. 
 
La combine presunta o tale non venne mai dimostrata, e dopo quella sola stagione Tuta ritornò in Brasile. Lì segnò abbastanza, e venne sempre festeggiato, tant’è che si è ritirato pochi anni fa, sulla soglia dei quaranta. Il tutto proseguendo una carriera di tutto rispetto, condita anche da una parentesi in Corea del Sud. Quel gol però, uno dei soli tre messi a segno nelle sue diciotto presenze italiane, quello non lo dimenticherà di certo. E magari nemmeno i compagni, gli avversari e chi per loro di quello strano match di fine millennio.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

01/04/2018 09:00:00
Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018 08:24:00
Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

31/12/2017 08:00:00
Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

04/06/2018 09:25:00
Il dandy Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 



Altre da Blog - Figurine di provincia
17/08/2018

L'altro Pippo

Negli anni Novanta al solo pronunciar il nome Pippo, tutti pensavano ad Inzaghi. Caspita, chi non avrebbe pensato a Pippo Inzaghi, in arte Super Pippo! Di Pippo però, a differenza della mamma, non ce n'è uno solo...

25/07/2018

Un americano a Padova

Se si parla di "Un americano a Roma", subito ci viene in mente l'Alberto Sordi del celebre film di Steno. Se invece il tipo a stelle e strisce si trova "a Parigi", l'attenzione di colpo cadrà sul musical di Vincent Minnelli. Quando invece si tratta di un americano a Padova… 

17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


04/06/2018

Il dandy

Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

22/05/2018

Un grande capitano

Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

03/05/2018

Lo specialista

Ogni categoria nasconde delle insidie, e l’attuale Lega Pro, un tempo divisa tra serie C1 e C2, ne nascondeva parecchie. Campi pesanti, gioco duro e marcature asfissianti, dove spesso gente provvista di buona tecnica trovava difficoltà enormi nell’emergere e squadre molto tecniche non andavano oltre gli applausi, con i risultati a premiare altre più fisiche 

19/04/2018

Le petit Zidane

Classe, eleganza, movimenti e giocate da predestinato. Un trequartista. Mourad Meghni la Francia la lascia giovanissimo, direzione Emilia, dove conosce la serie A vestendo il rossoblu bolognese

08/04/2018

Il toro di Sora

Napoli e il sole della stupenda Campania; Afragola per togliersi i denti da latte e “sconfinare”, in quel di Sora. Un amore, un rapporto indissolubile tra una città ed un uomo. Lui è Pasquale Luiso, professione centravanti

01/04/2018

Vite spericolate

Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

17/03/2018

Made in Italy

C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia