24 Marzo 2019, 08.00
Blog - Figurine di Provincia

Il figlio di papà

di Luca Rota

Nuovo appuntamento con i “figli di...”, nuova figurina, in questo caso però decisamente lontana dagli standard di chi l’ha preceduta.


Se scrivo presidente della federazione calcistica, capitano e punta della nazionale, capitano e uomo simbolo dell’Al Ittihad, o mi starò riferendo ad un genio tuttofare, talentuoso e carismatico, o semplicemente sto parlando di Saadi Gheddafi.

Aggiungici anche diversi incarichi di governo (che guarda caso era in mano a suo padre), la quasi totale influenza nelle convocazioni della squadra nazionale e nel suo club, ed ecco che ti ritrovi davanti il vero identikit del figlio di Mu’ammar Gheddafi, con la passione per il calcio.

Di lui in Italia si ricordano due brevissime apparizioni - entrambe di una presenza - con le maglie di Perugia e Udinese, unite ad un passaggio alla Sampdoria senza mai giocare.

Inoltre è stato azionista di minoranza della Juve prima della caduta del regime del padre, ma non il primo libico a giocare in Italia.
Prima di lui Jehad Muntasser aveva rappresentato i colori del proprio paese in casa nostra, vestendo le maglie di Viterbese, Triestina e Perugia tra le altre.

La differenza tra i due però è che Muntasser calciatore professionista lo è stato, mentre Saadi Gheddafi lo si potrebbe definire un amatore, per giunta scarso, o per meglio dire, un vero e proprio figlio di papà che per anni ha gestito convocazioni e scelte federali, punendo in modo infame chi non ubbidiva.

Perché non bastano la passione, il potere, i milioni e nemmeno l’arroganza per comprare il talento, e ad oggi anche Saadi forse lo sa.


Commenti:
ID80105 - 24/03/2019 18:52:24 - (mananto) -

È stata una pagina da dimenticare del calcio moderno. Per di più gli venne fatto tirare un calcio di rigore con obbligo al portiere avversario di tuffarsi dalla parte opposta. Seguo con interesse tutte le squadre italiane eccetto l'Udinese per i motivi riportati nel post. Che retrocede lasciando il posto al Brescia

ID80170 - 28/03/2019 11:55:00 - (Luca_Rota) -

Concordo in pieno! Non ricordo la scena del rigore, ma fu comunque una vergogna vedere un individuo del genere calcare i campi della serie A. Purtroppo il denaro può questo ed altro.

Aggiungi commento:
Vedi anche
04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/10/2018 09:07

Ultime bandiere (pt.2) Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

03/08/2019 07:37

Guerrieri (pt. 4) Il filone dei “guerrieri” prosegue, dedicandosi al ricordo di chi non c’è più, ma ha scritto importanti pagine del calcio di provincia

17/03/2018 08:24

Made in Italy C’era una volta, ma nemmeno tanto tempo fa, una squadra orbitante tra la A e la B che vantava una curiosa particolarità, veramente in controtendenza coi dettami del calcio moderno



Altre da Blog - Figurine di provincia
07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco

17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi

30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei