Skin ADV
Giovedì 24 Gennaio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






05 Febbraio 2018, 15.56

Blog - Figurine di provincia

Il collezionista di casacche

di Luca Rota
La figurina di questa settimana possiede una carta d’identità (calcistica) assai variegata

Due le uniche voci immutabili. Ruolo, attaccante; segni particolari, punta moderna, elegante e completa, capace di giocare sia da centravanti che in coppia col centravanti.
Uno con i numeri giusti, nato per sua sfortuna, in un’era di sovrabbondanza indescrivibile se si parla di talenti e di campioni.

Nicola Amoruso nasce calcisticamente in quel di Genova, sponda blucerchiata, dove giovanissimo si affaccia nella massima Serie.
L’anno seguente ritorna in terra di Puglia, in B ad Andria. Nella Fidelis segna con costanza e si guadagna il ritorno in serie A, stavolta coi colori del Padova.
Anche in Vento segna tanto, così da attirare l’attenzione della Vecchia Signora, pronta ad acquistarlo senza badare a spese.

Diventa così la quarta punta juventina
dell’era d’oro lippiana.
Nick “Dinamite” però non si accontenta di scaldare la panchina del Delle Alpi. Nei tre anni a Torino vince tanto, e da il suo importante contributo ogniqualvolta viene chiamato in causa.

Segna tanto anche in bianconero, ed è riserva di lusso, anche se complici anche i ripetuti infortuni di Boksic e Padovano, lo ritroviamo spesso titolare in coppia con Del Piero, o con l’altra riserva “speciale” bianconera; un certo Christian Vieri.

Dopo tre anni alla Juve ha inizio una lungo esodo, che lo porta a girovagare per lo Stivale, cambiando ben undici squadre in dieci anni.
Dal Perugia al Napoli, poi Como, Modena (compresi due ritorni, alla Juve e in Umbria), Messina e Reggio Calabria.
In amaranto rimane per ben tre stagioni, segnando gol a raffica e raggiungendo una insperata salvezza in coppia con Rolando Bianchi (i reggini partivano da -11).

Lascia lo Stretto per un nuovo ritorno a Torino, stavolta per vestire granata, e l’anno seguente ritorna in bianconero, quello senese però.
Piccola parentesi in un Parma appena ritornato in A, e per concludere Bergamo, dove l’unica rete messa a segno prima del ritiro, proprio contro l’amata Juve, gli vale un record ad oggi eguagliato (pochi mesi fa) dal solo Marco Borriello.

Amoruso è l’unico calciatore ad essere andato a segno con ben dodici squadre diverse nella massima Serie.
Altro record detenuto dalla punta pugliese, è quello di aver indossato ben tredici casacche diverse in A.

Se poi si contano i quasi 130 gol messi a segno in sedici anni di massima Serie, ecco che spunta fuori un altro record: è il calciatore più prolifico di sempre a non aver mai indossato l’azzurro (quello della nazionale maggiore, perché azzurrino lo fu nel ‘96).

Non male per un girovago dalla riccioluta chioma e dal gol facile, che dalla Sicilia, al Piemonte, attraversando l’intero Stivale, ha segnato tanto e in tanti posti diversi.

Un collezionista di casacche, elegante e letale in area, goleador nomade e professionista leale come pochi.
Nicola Amoruso da Cerignola, per i tifosi Nick “Dinamite”; e i soprannomi non ce li si guadagna per puro caso.


Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/11/2017 15:30:00
Senza categoria Quando le categorie non contano. Potrebbe essere questo lo spot riguardante la “figurina” di questa settimana. Sì, perché fare quello che ha fatto lui, non è roba da tutti, né di bassa categoria. Al massimo di un’altra categoria!

22/05/2018 08:55:00
Un grande capitano Breve storia sportiva, quella di una provincia calcistica un tempo gloriosa e vincente, poi d’un tratto sprofondata tra gli abissi 

31/12/2017 08:00:00
Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

24/01/2018 09:00:00
L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 

21/02/2018 08:00:00
Tenetevi il miliardo Chi direbbe di no ad un miliardo di lire? Anzi, per essere più precisi, a più di mezzo miliardo di lire. La figurina di oggi una volta l’ha fatto sul serio, e insieme al suo procuratore ci ha anche scritto un libro dal titolo omonimo 



Altre da Blog - Figurine di provincia
23/01/2019

Il Brescia dei rumeni

Fine anni Ottanta, Euro ’88, anni Novanta, Italia ’90, Serie A, Euro ’92, Serie B, Romania. Ciò potrebbe sembrare un quiz, un indovinello o un cruciverba, ma un significato invece ce l’ha (2)

14/01/2019

Ciao Phil

Triste è la notizia rimbalzata in ogni angolo delle vie di questo sport ormai dedito soltanto al guadagno e all’apparenza 

10/01/2019

Il Vicenza di Coppe

Stagione 97-98. Il Vicenza, fresco detentore della Coppa Italia, conquistata nel maggio scorso a spese del Napoli, si appresta ad affrontare i sedicesimi di Coppa delle Coppe 

28/12/2018

Il più anziano in assoluto

Oggi parliamo del più anziano calciatore in assoluto ad essere mai sceso in campo, per giunta ancora in attività, nonché vecchia conoscenza del calcio italiano. (1)

20/12/2018

Il più anziano di sempre

La serie A non l’ha mai conosciuta, di B ne ha fatta a più tornate e in anni diversi, di C1 tanta, per poi terminare nuovamente in cadetteria coi colori del suo Cittadella  (2)

12/12/2018

La favola del Calais

Esistono favole dai confini lontani, e quella odierna abita nei pressi della Manica, nei pressi del passo che dal continente porta in Gran Bretagna

29/11/2018

Cittadella

Un tempo c’era il Piacenza con la sua politica del made in Italy e molti erano i vivai meritevoli di lode, con quelli di Atalanta, Torino e Roma da sempre in prima fila nello sfornare ottimi campioni futuri

16/11/2018

Altri bianconeri

Juventus, Udinese, Ascoli, Siena, Pro Vercelli. Di bianconeri famosi e meno famosi è pieno il calcio nostrano (3)

02/11/2018

Ma che bel Castello!

Il club delle “favole sportive” vanta diverse simpatiche presenze, a volte difficili da credere, ma che hanno fatto sognare e divertire tutti gli appassionati di calcio. Il Castel di Sangro è forse la più eccezionale di queste 

22/10/2018

Ultime bandiere (pt.2)

Dalla C2 alla A, poi l'Europa League. Sempre di corsa, tra una chiusura e l'altra, una verticalizzazione o un alleggerimento 

Eventi

<<Gennaio 2019>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia