27 Giugno 2019, 08.47
Blog - Figurine di Provincia

Guerrieri (pt. 1)

di Luca Rota

Ci sono storie sportive che narrano gesta favolose e ci ricordano a volte, che questo sport non è fatto solo di soldi. Questa nuova meta-rubrica ci parla di “guerrieri” e delle loro parabole, purtroppo non sempre a lieto fine


Siamo nella metà degli anni Novanta quando Klas Ingesson arriva in Italia. Ha alle spalle una più che buona esperienza europea, ed a Bari si capisce subito che in mezzo al campo non si risparmia mai, uscendo spesso dal rettangolo di gioco con la testa rotta, ma sempre mantenendo quell’aria tranquilla e serafica.

Dopo i galletti continua nel Bologna, e naturalmente difende i colori della sua Svezia, con la quale ha partecipato a Mondiali ed Europei. Dopo uno scampolo all’Olympique Marsiglia, appende gli scarpini al chiodo nel Lecce.

Diventato allenatore, ritorna in patria dove dopo una bella trafila tra le giovanili, arriva a guidare gli under 21 dell’Elsfborg.
Ciò che trasmette ai suoi calciatori, oltre agli schemi, sono quella grinta e quello spirito di sacrificio che in campo ne avevano fatto un combattente.

Sedutosi in panchina però, Ingesson non deve più vedersela solo con gli avversari; un maledetto mieloma lo costringe a lottare come non mai. Lui non molla, e nonostante l’intensificarsi della malattia lo porti sulla sedia a rotelle, continua ad allenare e a seguire i suoi ragazzi.

Si rompe persino un braccio e il femore, cadendo dalla carrozzina, proprio per non rinunciare alla vita da spogliatoio e presenziare agli allenamenti.

Nella stagione 2013-2014 viene promosso alla guida della prima squadra, ed è lì che si esalta guidando i suoi, dopo una bella ed avvincente cavalcata, fino al terzo posto alla fine del campionato.

I complimenti verso il suo operato si sprecano, ma dopo quella prima e brillante stagione, decide che è arrivato il momento di fermarsi, per via delle serie difficoltà creategli dalla malattia.

Purtroppo non ritornerà più a sedersi in panchina, perché abbandonerà la vita qualche mese più tardi, lasciando per sempre il ricordo di quel giocatore impavido in campo contro gli avversari, e di quell’allenatore forte e premuroso, rimasto fino alla fine a fianco dei suoi giocatori.

Questo è stato Klas Ingesson. Un guerriero.


Aggiungi commento:
Vedi anche
01/04/2018 09:00

Vite spericolate Tre uomini e la droga. Le figurine di oggi hanno in comune proprio ciò che li ha rovinati. Tre ruoli diversi, tre ottimi calciatori, tre persone in difficoltà, nonostante le vite apparentemente scevre di problemi, che si pensa possano appartenere a dei calciatori professionisti

30/01/2019 08:00

El goleador Marcelo Alejandro Otero arriva a Vicenza nell'estate del 1995. In patria nel Penarol ha fatto bene, ma si sa che l'Italia e la serie A sono tutt'altra cosa

31/12/2017 08:00

Non un «uno» qualunque Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

04/06/2019 15:22

Tir Figurine di Provincia continua il suo viaggio nel “Made in Sud”, attraversando la penisola e raccontando storie.

17/12/2017 16:15

Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...



Altre da Blog - Figurine di provincia
07/08/2020

Ricky

L’ultimo appuntamento con “la fantasia al comando” ci porta in direzione Cremona, dove con la figurina in questione salutiamo il vecchio regista, quello col dieci sulle spalle, per spostarci qualche metro più indietro tra faticatori, incursori, costruttori e distruttori di gioco

17/07/2020

Il suo piede sinistro

C’è un bellissimo film di Jim Sheridan, “Il mio piede sinistro”, incentrato sulla vita del pittore Christy Brown, che col solo ausilio del piede sinistro dipinse opere sublimi

30/06/2020

Cuore amaranto

Proseguendo sul filone che vede “la fantasia al comando”, ci trasferiamo in riva allo Stretto, su quel chilometro più bello d’Italia idealizzato da D’Annunzio, dove un certo Francesco “Ciccio” Cozza è molto più che una leggenda

13/06/2020

Il dribblomane

Per i prossimi numeri, avevo voglia di proporre qualcosa di nuovo, quindi a partire da oggi le figurine appariranno per ruolo, schierate così come lo sarebbero in campo, ma in ordine sparso, dalla porta alle tre linee che seguono (difensiva, mediana e attacco)

30/05/2020

McGoleador

Si chiude questa parentesi dedicata ai “90s”, per fare ritorno ai giorni nostri, senza però escludere nuove scorribande nei tempi andati, alla ricerca di nuove figurine in compagnia di un pizzico di nostalgia e tanto amarcord

18/05/2020

Lulù

Sempre anni Novanta, sempre in serie A, sempre tra i tabellini delle squadre in procinto di scendere in campo la domenica pomeriggio.

06/05/2020

Il gigante biondo

Continuiamo col filone riguardante i mitici “90s”, parlando di un giocatore silenzioso, ma non per questo motivo passato inosservato.

21/04/2020

Il David di Montecelio

Inaugurando il filone dedicato ai mitici “90s”, ripercorriamo con nostalgia ed orgoglio alcune tappe che videro a buon merito la Serie A come campionato di punta nel mondo calcistico, in un lungo periodo che andò dai primi anni Ottanta, fino ai primi anni Duemila

05/04/2020

Dal Canto e i suoi fratelli

Giunti al 75esimo appuntamento con Figurine di Provincia, ci spostiamo ad Est per concludere il discorso riguardante le storie “varie ed eventuali” e fare un salto indietro di qualche decennio

23/03/2020

La prima donna

Figurine di Provincia ritorna con altre storie “varie ed eventuali”, passando dai campetti improvvisati dove asfalto, sanpietrini, pietrisco e sabbia la facevano da padrone, per arrivare fino a stadi prestigiosi e grandi eventi mondiali ed europei