Skin ADV
Sabato 18 Novembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






23 Giugno 2014, 06.18

Eppur si muove

Yara: il mostro è servito

di Leretico
La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente

... È impossibile per lei che Giuseppe Bossetti sia figlio dell'autista di pullman morto nel 1999: la scienza sbaglia.
E così, sull'onda del dubbio, che forte si leva in ogni occasione in cui con troppa sicurezza le forze di polizia dichiarano la colpevolezza di un cittadino, l'attenzione si focalizza sulla prova regina del DNA.


I giudici si appellano alla scienza per supportare le proprie decisioni, visti i potenti mezzi a disposizione dei laboratori del RIS.
La madre del presunto assassino di Yara, si appella alla memoria. In gioco il suo matrimonio e la vita del figlio.
Non c'è tempo per futili ragionamenti, né c'è scampo: il mostro è già in prima pagina.

L'opinione pubblica ondeggia tra il terrore e la rassegnazione
.
L'onda emotiva giunge al culmine quando finalmente si può puntare il dito contro un colpevole. Si discute di disumanità, di crudeltà, di come un essere umano possa mai pensare di poter usare violenza sui bambini e sulle donne, in attesa che tutto passi, che tutto torni alla normalità, possibilmente presto.

Trovato il colpevole dimentichiamo la colpa, rimozione collettiva: non è possibile per la mente umana infatti evocare continuamente l'orrore, che deve in qualche modo essere rimosso per poter sopravvivere, per poter andare avanti.

Quello che rimarrà, dopo tutto lo spettacolo andato in scena in questi giorni, sarà la negazione decisa della signora Bossetti che giura di non aver avuto nessuna relazione con Giuseppe Guerinoni. Ma come ragionevolmente opporsi alla prova del DNA?

Non è la prima volta che le campagne bergamasche intorno a Chignolo d'Isola, luogo del ritrovamento del corpo di Yara nel febbraio del 2011, sono state testimoni di efferati delitti contro gjovanissime creature.

L'8 dicembre del 1870, una ragazza di 14 anni di nome Giovannina Motta fu uccisa, il corpo orrendamente seviziato, mentre da Bottanuco, dove era a servizio presso la casa della famiglia Ravasio, rientrava a piedi verso Suisio. Bottanuco dista da Chignolo d'Isola solo quattro chilometri.

Subito fu arrestato un certo Abramo Esposito
, muratore di origine meridionale e forse proprio per la sua origine.
Ben presto però le autorità furono "costrette" a liberarlo, avendo l'Esposito un alibi di ferro.
E si capisce il malincuore con cui arrivarono a questa decisione, non avendo altri a cui addossare il sospetto.

Circa nove mesi dopo, il 27 agosto 1871, un altro omicidio.
Stavolta a morire strangolata fu Elisabetta Pagnoncelli, moglie di un contadino del luogo, madre di due figli di cui uno in fasce, ritrovata nuda in un campo con varie parti del corpo martoriate da un "istrumento da punta e taglio".

Anche qui il sospetto cadde su un innocente, Luigi Comerio, solo perché aveva "tentato d'indurla a mancare ai suoi doveri coniugali". Anche stavolta gli inquirenti dovettero desistere di fronte ad un alibi inequivocabile.
Ricordiamo che per Yara fu immediatamente accusato un innocente, Mohamed Fikri, l'Esposito dei giorni nostri.

Ma non tutto era perduto.
Ecco che nelle indagini entra molto opportunamente un giovane di ventidue anni, tale Vincenzo Verzeni, abitante a Bottanuco, di famiglia agiata di contadini, senza vizi, tutto casa e chiesa insomma.

Nessuno l'avrebbe mai creduto capace di tali atroci misfatti, ma dopo che si venne a sapere di alcuni inquietanti avvenimenti che lo riguardavano, l'opinione pubblica cambiò giudizio: da innocente divenne colpevole, casa e chiesa elemento aggravante.

Il giovane era stato accusato, qualche anno prima, di aver importunato la cugina Marianna Verzeni, mentre questa dormiva, introducendosi furtivamente in casa sua e ponendogli un cuscino sulla faccia e una mano sulla gola per costringerla a cedere alle sue inequivocabili "avances".

Divincolandosi e urlando, la giovane riuscì a mettere in fuga l'aggressore senza riconoscerlo, ma una zia della ragazza, avendo visto Vincenzo Verzeni uscire dalla casa della cugina proprio dopo aver udito le sue urla, associò agilmente Vincenzo all'aggressore.
E non bastò a quest'ultimo il dichiarare di essere giunto nella casa dei parenti solo dopo aver sentito anche lui le grida della cugina. Quella macchia, quel sospetto valsero ben altro, qualche anno dopo, nel caso della morte di Giovannina Motta e di Elisabetta Pagnoncelli.

Quando, appunto, si scoprì di questa passata accusa in capo al Verzeni, fu tutto un florilegio di dichiarazioni che vedevano il Verzeni presente miracolosamente in tutti i luoghi dei delitti o nei loro pressi. Il popolo, avuto in pasto il colpevole, procedette alla "narrativizzazione" della sua colpa. Processo popolare immancabile in queste occasioni, capace di incidersi profondamente nelle menti dei più. Scontata la sentenza di colpevolezza finale.

Il giudice che si trovò in quei frangenti a dover giudicare della colpevolezza del Verzeni, volle fare appello alla scienza. In quel tempo il massimo luminare della criminologia italica era Cesare Lombroso, teorico del legame fra tratti somatici del corpo e del viso e predisposizione al crimine, il tutto inscritto nel fondo dell'occhio, nella cui lettura il criminologo era infallibile. Insomma un condensato di razzismo e credenze popolari, ridicolo per noi, verità per la "scuola positiva del diritto penale" fondata da Lombroso stesso in quegli anni.

Certo la scienza dei giorni nostri ha fatto passi da gigante e non può paragonarsi a quella del 1870. Non è cambiato invece il meccanismo del "mostro in prima pagina", scattato puntualmente, ora come allora, nel caso di Massimo Giuseppe Bossetti.

Dopo una profonda e accurata indagine da parte di Cesare Lombroso, Vincenzo Verzeni fu trovato "responsabile pienamente in principio dell'atto, meno responsabile nel delirio dell'atto".
A questo responso si adattò il giudice e il Verzeni fu condannato ai lavori forzati a vita.

Ora, ripetiamo, lungi da noi paragonare la scienza di Lombroso a quella del 2014. E tanto meno contestiamo la validità delle analisi sul DNA messe in campo per scoprire il colpevole di un efferato delitto. Ma quale possibile difesa potrebbe mai contrastare la forza del "mostro in prima pagina"?
Quante volte errori nelle indagini, nel reperimento delle prove, nella ricostruzione dei fatti, hanno inficiato gli sforzi per arrivare alla verità.

Ci viene in mente il recente processo a Raniero Busco, fidanzato di Simonetta Cesaroni, uccisa il 7 agosto del 1990 nel suo ufficio di via Poma a Roma, con 29 coltellate.
Busco, assolto definitivamente in Cassazione dopo una condanna in primo grado e un'assoluzione in appello, è stato vittima di incapacità di indagine, di quel comune modo di agire, che caratterizza le forze dell'ordine quando un caso si presenta difficile: cercare e trovare comunque un colpevole, qualsiasi esso sia, essendo indifferenti alla tragedia dell'innocente, adattando i fatti alle teorie e non le teorie ai fatti.

Così oggi, di fronte al caso Bossetti,
non ci pronunciamo sulla colpevolezza. Siamo certi però che tutto è stato fatto perché, se innocente, la sua difesa sia praticamente impossibile. La scienza non dovrebbe essere usata in questo modo. Le istituzioni non dovrebbero prestarsi al gioco al massacro organizzato sui giornali e perpetuato sulle televisioni, in nome di quel senso del dubbio e del rispetto per la difesa, sacrosanti in un paese civile.

Verzeni nel 1871 fu condannato a vita, Bossetti nel 2014 ha già ottenuto medesima condanna prima ancora del processo. Ora resta solo che i giudici si adeguino, cosa che non mancherà di accadere.

Leretico

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID45913 - 23/06/2014 06:39:40 (bernardofreddi)
Facciamo un po' di chiarezza: 1) nessun indiziato è colpevole fino ad una sentenza di condanna definitiva; 2) se l'indiziato è brutto, sporco e cattivo, i giornalisti possono derogare alla norma di cui sopra, 3) se l'indiziato si chiama Silvio, è da considerarsi innocente anche dopo sentenza definitiva di condanna (da Sallustri-Santanché, Elementi di diritto garantista, Mondadori).


ID45914 - 23/06/2014 07:30:55 (armandoilias) Lega Nord: il mostro c'è solo se conviene.Ora che il presunto assassino di Yara sarebbe un bergamasco doc, il Carroccio appare silenzioso. Ma all'inizio tuonava quando l'omicida sembrava essere un ragazzo marocchino.
http://espresso.repubblica.it/attualita/2014/06/18/news/lega-nord-il-mostro-c-e-ma-solo-se-fa-comodo-1.169837


ID45922 - 23/06/2014 10:13:40 (sonia.c) non dovrebbero prestarsi a questo gioco al massacro.i media men che meno..
a proposito dei media che divulgano "disinformazia " (senza anima e rispeto,sopratuto verso l'intelligenza umana)Saunders dice che:Ora:va bene il profitto ,la redditività.Ma se vanno a scapito di ogni altra considerazione,ci ritroveremo trasformati in eterni bambini,perchè ci siamo negati l'uso delle nostre facoltà più elevate.A ogni dibattito dai toni funerei sulla posizione del feto all'interno del corpo della mamma asassinata .... diventeremo più ridicoli ed esagerati ,e dunque più vulnerabili.Delegando la narrazione di massa a soggetti che mettono al primo posto il profitto,facciamo una concessione pericolosa."raccontateci tutta la verità che potete",gli chiediamo in realtà,"mentre fate soldi".non è come chiedere;"raccontateci la verità ".punto. La capacità di una cultura di capire se stessa e il mondo è fondamentale per la sopravvivenza. Ma oggi siamo guidati nell'arena del dibattito pubblico da


ID45923 - 23/06/2014 10:15:36 (sonia.c) da veggenti
che sanno sopratutto tenerci incollati a guardarli. saluti a leretico


ID45934 - 23/06/2014 13:27:01 (axste) axste
diciamo subito una cosa importantissima che pochi la conoscono il dna e un esame che DIMOSTRA SOLO CHE NON SEI e non che sei.e un esame che non ha valenza assolutafacciamo un esempio ..... tra 10 somari e 10 cavallidimostrebbe che un "dna particolare" appartiene al cavallo e non al somaro MA NON A QUALE CAVALLO IN PARTICOLARE ...LA DISTANZA TEMPO E LE PASTICCIATE DEI INVESTIGATORI METTONO POI IN SERIO DUBBIO ANCHE LE SINCERE CERTEZZE e a questo caso mi ricorda un altro caso irrisolto quello di unabomber dove ...dove si cerco furbamente di incastrare un ingenniere §(manipolando le prove in modo di farle combacciare )visto che sono ancora gli stessi che stanno facendo gli esami....il dubbio diventa molto piu .....)http://marcos61.wordpress.com/2012/08/21/unabomber/il vero problema non e di avere un colpevole ... MA QUELLO DI AVERE IL COLPEVOLE un capro espiatorio per uscire a testa alta e di sentirsi a posto con la coscienza ..sentendosi di aver risolto il caso ...


ID45935 - 23/06/2014 13:37:40 (genpep)
buona riflessione di Leretico che ci ricorda di non dare tutto per scontato. bravo Axste a ricordare le analogie con il caso unabomber. La responsabilità civile dei magistrati e di tutti coloro che distruggono la vita di intere famiglie solo per dimostrare che "loro" sono più bravi degli altri è sacrosanta.


ID45936 - 23/06/2014 13:43:16 (Tc)
Se veramente non colpevole,perche' ancora non si e' pronunciato,con la facolta' del non rispondere,ci si avvale un po' troppo...fossi io (e' un esempio),se so di essere innocente non farei silenzio nemmeno un secondo e urlerei al mondo intero la mia innocenza,sottoponendomi a qualsiasi tipo di esami...stando zitto non do altro che adito alle congiurie e alle accuse...o no?!


ID45938 - 23/06/2014 14:35:41 (Dru) chi è
questa Yara ? ;-)


ID45940 - 23/06/2014 14:59:23 (roberdux) ROVITATO
COMUNQUE VADA E' SEGNATO A VITA !ANCHE SE GIUDICATO NON COLPEVOLE CHE FUTURO PUO' AVERE NELLA SOCIETA' ??


ID45953 - 23/06/2014 21:44:34 (sissy)
La prova del DNA positiva è comunque una prova schiacciante. Ma anche se in questo caso non fosse così, come dice "Tc", anche io non farei scena muta anzi racconterei tutto quello che so e risponderei a tutte le domande, anzi aggiungerei particolari anche se non richiesti,... invece lui si è avvalso della facoltà di non rispondere. Un innocente che viene incolpato ingiustamente non riuscirebbe a stare zitto alle accuse gravi che gli vengono mosse, magari non siamo tutti uguali, ma.... Si spera solo che non venga incarcerato un innocente, ma nemmeno che rimanga libero un omicida. Spero in una giustizia appunto "giusta".


ID45954 - 23/06/2014 21:53:25 (sissy)
Non sono d'accordo con roberdux perchè bisogna valutare come finisce il processo, ti spiego:se una persona è indagata, e viene rilasciata per mancanza di prove allora sono d'accordo con te... perchè può rimanere il dubbio - ma se viene rilasciata perchè si trovano prove che la discolpano perchè non dovrebbe avere un futuro nella società? Bisogna essere capaci di non fare di tutta l'erba un fascio ma saper giudicare di caso in caso


ID45962 - 24/06/2014 12:33:35 (sonia.c) la moralità politica..
nessuna.la politica non è più una guida ,nè ideale ,nè tantomeno morale.mi diranno che, da sempre, i politici hanno due facce.che hanno sempre intrallazzato e rubato ma,adesso,siamo ad un tale sfacelo esibito, ormai, senza alcun pudore! la corsa al massacro per due elettori in più,asticelle che si abbassano fino a sprofondare..abbiamo persone incompetenti sotto tutti i punti di vista.ignoranti come nenche l'analfabeta di secoli fa.non hanno rispetto in tutti i sensi .e quel che peggio,lo fanno perdere anche a noi.


ID53189 - 27/12/2014 16:30:17 (brogio)
Non sono garantista e non vorrei essere colpevolista ma credo che gli indizi a carico del Bosetti siano importanti. Il signor Tc mi ha tolto le parole di bocca. La madre, mentito per mentito, avrebbe fatto meglio a dichiarare di non aver mai conosciuto il Marinoni. Pensava forse che gli inquirenti non sarebbero arrivati a bussare a casa sua? Avrebbe fatto bene a dire la verità fin da subito. C'è una povera ragazza che reclama solo giustizia.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


01/04/2014 07:25:00
Due cretini sempre utili La recente notizia che i servizi segreti erano implicati nel rapimento Moro sin dal 16 marzo 1978 ha  riacceso le polemiche sull'identità degli individui in sella alla Honda blu che spararono ad Alessandro Marini quella mattina in Via Fani.

09/02/2016 12:00:00
Aldo Moro: la giustizia riparativa Non sapevo cosa fosse la “giustizia riparativa” o meglio ne avevo memoria vaga pensando al Sud Africa e ai suoi tribunali per la “Restorative Justice”...

07/03/2014 07:55:00
La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera



Altre da Eppur si muove
13/11/2017

La quadratura dell'imbecille trasfigurato

Prima di cominciare sono costretto a scusarmi con il lettore perché parlerò di imbecilli. Il caso di Roberto Spada... e altri (4)

11/09/2017

Il senso della vita... da cani

C’è un manipolo di incontinenti verbali che si è scatenato negli ultimi anni in difesa degli animali... (24)

25/07/2017

Il vaccino dell'ignoranza

Da qualche mese una furente polemica riempie le pagine dei giornali e alimenta altrettanto accese discussioni popolari sul valore dell’obbligo di vaccinazione delle persone tra zero e sedici anni, per poter accedere alle scuole (53)

13/07/2017

La Corte dello Spiedo, atto secondo

Tutto pronto ad Agnosine per l'evento più gustoso di tutta la programmazione estiva. Si tratta della seconda edizione de "La Corte dello Spiedo", manifestazione durante la quale i migliori spiedatori della zona e anche no cercheranno di preparare il piatto migliore

03/07/2017

Il senso del limite

Per comprendere cosa sia il senso del limite bisogna prima sapere cosa sia il "limite" (3)

27/04/2017

Quando la Fotografia è identità

Mi sono avvicinato nelle ultime settimane al mondo della fotografia. L'ho fatto frequentando un corso a Vestone organizzato dall'Associazione "Fotoclub 8 marzo"... (4)

27/03/2017

Hasta la victoria siempre

Quando ho letto che D'Alema ha dato a Renzi dell'arrogante, sbattendo la porta del PD e aprendo quella di Mdp, ho cominciato a pensare che il famoso proverbio che mette in scena il bue e l'asino abbia un fondo di verità filosofica (8)

13/02/2017

Fenomenologia del mediocre post-moderno

C'é una corrispondenza indicibile, tra la mediocrità dei cretini e l'immoralità dei potenti (1)

22/01/2017

La morte arriva dall'alto

Una tragedia non annunciata ha colpito un hotel sulle montagne abruzzesi... (8)

01/01/2017

Roma a «cinque stalle»

Che Roma fosse una città difficile da amministrare lo sapevano tutti. Lo sapeva Veltroni e lo sapeva Alemanno, lo sapeva Marino e tutti quelli che hanno varcato la soglia del Campidoglio negli ultimi vent'anni (80)

Eventi

<<Novembre 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia