Skin ADV
Mercoledì 26 Giugno 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE



24 Maggio 2019, 17.02

Eppur si muove

Solo nella follia si mostra la verità

di Leretico
Suonano così le parole di Miguel de Cervantes nel “Secondo Don Chisciotte”, al capitolo XLII...

“Disposto dunque che io ti abbia ora il cuore a prestare fede a quanto ti ho detto, sta attento, o figliuolo, ad un Catone mio pari, che vuole consigliarti ed esserti guida e stella per incamminarti e condurti al sicuro porto dell’oceano procelloso in cui ora ti metti; mentre gli offizii e le grandi cariche altro non sono che un golfo profondo di confusioni.

È Don Chisciotte che parla al suo scudiero Sancho Panza, prima che parta per assumere l’incarico di Governatore dell’isola Barattaria, prima che divenga un politico eletto insomma.

Il tono è sentenzioso, anche se la solennità del dire di Don Chisciotte stride con la sua presunta pazzia, di cui tutti si avvedono.
E così non si sa più se il “cavaliere dalla trista figura”, diventato poi “cavaliere dei leoni”, sia il vero folle oppure lo sia il lettore delle sue avventure.

C’è in queste righe un effetto di straniamento doppio: il primo derivante dalla sequenza di atteggiamenti folli di Don Chisciotte che induce a ritenere fuori luogo ogni suo successivo intervento.
Quando questo non accade, ossia quando i suoi discorsi sembrano ragionevoli, il lettore si sente spiazzato proprio per questa insperata assennatezza.

Il secondo straniamento è legato al tema che Don Chisciotte affronta, anche troppo attuale: potere e giustizia. E lo straniamento consegue al fatto che per Cervantes solo nella follia si mostra la verità. E dalla verità la giustizia.
Ma sentiamo cosa consiglia l’ingegnoso Hidalgo della Mancia al suo scudiero neo-Governatore.

Cominciamo con la socratica umiltà che nasce dall’intelligenza, così scarsa in ogni tempo:

[…] hai da considerare chi sei, e cercare di conoscere te stesso: arte più difficile di quello che ognuno pensa. Se ti conoscerai bene non ti gonfierai come quel ranocchio che voleva agguagliarsi al bue; e considerandoti sempre come uomo che fu guardiano di porci nel tuo paese, vedrai che poggia su brutti piedi la ruota della tua fortuna.

In secondo luogo gli mostra il tipico difetto degli ignoranti, o stupidi che dir si voglia:

[...] Non lasciarti guidare dalla legge del capriccio che suole predominare negl’ignoranti, i quali presumono di essere avveduti.

E infine si concentra sulla giustizia, per sottolineare che non è possibile il buon governo senza una suprema attenzione per la giustizia (parole non furon mai spese meglio):

[…] Procura di scoprire la verità tanto per entro alle promesse e ai doni del dovizioso quanto tra i singulti e le importunità dell’indigente.
Quando può e dee aver luogo l’equità non fare che piombi sul reo tutto il rigore della legge; ché non è mai migliore la fama del giudice rigoroso di quella del compassionevole.

Se accade che la bacchetta della giustizia si curvi, ciò non avvenga mai per lo peso dei donativi, ma per quello della misericordia.
Quando ti occorra di dover giudicare i pianti o le liti di qualche tuo nemico, allontana la memoria delle ingiurie, e mettila unicamente nella verità del fatto.

Non ti accechi la propria passione nella causa altrui: chè gli errori nei quali tu cadrai, saranno il più delle volte senza rimedio; e se pure lo avessero, ciò tornerebbe a spese della tua riputazione ed anche delle tue sostanze.

Se qualche bella donna ti viene a chiedere giustizia allontana gli occhi dalle sue lagrime, e chiudi gli orecchi ai suoi gemiti: considera posatamente le sue dimande se non vuoi che la tua ragione vada naufraga nel suo pianto, e la tua bontà nei suoi sospiri.

Non maltrattare con parole chi dee ricevere da te gastigo con opere, mentre basta allo sventurato la pena del supplizio senza la giunta delle vituperevoli ingiurie.

Nel colpevole ch’è soggetto alla tua giurisdizione, considera l’uom miserabile, subordinato alle condizioni della depravata nostra natura; e per quanto si può, e senza offendere la parte contraria, ti mostra a lui pietoso e clemente, perché quantunque tutti gli attributi di Dio sieno eguali, più campeggia e risplende ai nostri occhi quello della misericordia che quello della giustizia.


Non credo occorrano tante spiegazioni dopo queste parole.
Epperò ci viene una considerazione: quanto poco il potere si preoccupi di queste ammirevoli e sintetiche espressioni.
E più ha senso, tra le frasi di Don Chisciotte, quella che disegna la metafora della “bacchetta” della giustizia, dritta come dovrebbe essere il diritto, che così si chiama perché è “diretto”, va al punto, immediatamente alla questione.

E se accadesse che tale bacchetta si dovesse piegare, allora che si pieghi non a causa di corruzione (donazioni) ma a causa della misericordia nei confronti dell’essere umano, pietà dell’uomo verso la propria condizione di senziente gettato nel mondo e nella sua diuturna tempesta.

Ecco cosa ci aspettiamo da qualsiasi governante: che abbia quella prudenza e quel senso di giustizia in grado di fargli scorgere la verità.

Vorrei, come auspicio finale, che i nostri governanti attuali e futuri potessero leggere il Don Chisciotte di Cervantes, ma cosa sperare da chi, quando tenta di esprimersi, non sa mettere d’accordo i congiuntivi con i soggetti e i complementi?
Cosa sperare da chi si presenta agli italiani con un mitragliatore in mano ed evoca, un giorno sì e un giorno no, i miti verbali e iconici che furono del fascismo?

Possibile che proprio coloro che qualche tempo fa affermavano all’unisono che fascismo e comunismo fossero ormai morti e sepolti, non passa giorno che non facciano leva proprio su essi, e sul loro mito, per ottenere maggiore consenso elettorale?

Speriamo che quanto visto finora non sia la preparazione di qualcosa di peggio.
Troppi segnali indicano la tempesta e “io speriamo che me la cavo”.

Leretico

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID80636 - 28/05/2019 09:02:57 (Pseudosofos) Il potere è uno zombie
Caro Leretico le parole animate dal desiderio del potere non muoiono mai. Chi muore sono le persone a motivo o a difesa di quella parole. I miti del potere non muoiono mai: sono come gli zombie che vivono dannatamente. In questo, la filosofia che tu eserciti è una specie di purificazione delle parole. Perché i cimiteri pieni di zombie vanno purificati con l’amore alla verità. Si preparano tempi in cui sacrifici di purificazione verranno nuovamente richiesti a chi, come Socrate, vuole vivere con mente filosofica. Perché Nessun valore ha l’immortalità degli spettri a chi si cura dell’immortalità della propria anima. Grazie.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
01/05/2018 08:30:00
La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...

07/02/2015 10:01:00
Don Chisciotte La rassegna teatrale vobarnese propone questa sera una commedia brillante tratta dal romanzo di Miguel de Cervantes a cura della compagnia teatrale Il Nodo Teatro

19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


09/01/2009 00:00:00
Prosegue la rassegna con «Don Chisciotte» Torna in scena il Teatro Poetico con il secondo appuntamento della rassegna intitolata “Siamo momentaneamente presenti”, con il capolavoro di Cervantes, “Don Chisciotte”, rivisitato e interpretato da Andrea Giustacchini.

13/02/2018 08:56:00
La condizione del fachiro e i cercatori di merda E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico




Altre da Eppur si muove
25/01/2019

Giornata della memoria: il coraggio di essere uomini

Da alcuni anni sono sulle tracce di Telesio Interlandi, come lo fu a suo tempo Leonardo Sciascia. Il caso del questore Manlio Candrilli
(5)

05/01/2019

Un pensiero invadente

C’è un pensiero che continua ad affiorare alla mia coscienza come gli occhi di una rana che spuntano a pel d’acqua prima di salire, cianciante e giuliva, su una larga foglia nello stagno. (2)

17/11/2018

Di contraddizione in contraddizione

Quando scrivo: “il rosso non rosso” cosa appare? Appare la contraddizione. Se dicessi che non appare nulla, negherei che “il rosso non rosso” sia stato scritto. Eppure, è lì da vedere, l’ho appunto scritto. Così anche in politica...
(112)

15/08/2018

Storia semi-seria del pelo inquietante

Un’attitudine sempre più diffusa nella società moderna, soprattutto tra i più giovani, è la lotta senza quartiere contro il pelo (2)

11/06/2018

Scusate, mi sono pensato addosso

A tutti sarà capitato quel terribile momento in cui la propria pancia diventa ingovernabile. Un colpo di freddo, un’intolleranza alimentare, determinano un’improvvisa incontinenza e spesso proprio nel momento meno indicato... (101)

01/05/2018

La verità nell'era dell'imbecille

Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato... (201)

16/04/2018

Le eleganti giravolte dell'eterno gattopardismo italico

Rileggendo le pagine del “Corriere della Sera” che uscirono nell’imminenza delle elezioni del 1976 sembra di rivedere l’esito delle elezioni dello scorso 4 marzo 2018 (2)

13/02/2018

La condizione del fachiro e i cercatori di merda

E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico
(15)

25/01/2018

La memoria di un giorno

Gennaio è un mese freddo, spoglio, in un certo senso triste. La tristezza e la ricerca di un po’ di calore sono il malinconico sentire che ci prende durante i giorni più freddi del primo mese dell’anno... (1)

10/01/2018

«Non occorre più andare in Svizzera per morire con dignità»

Marina Ripa di Meana prima di morire ha lasciato un video-messaggio in cui ha voluto avvertire tutte le persone malate e in condizioni di estrema sofferenza che... (6)

Eventi

<<Giugno 2019>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia