16 Settembre 2020, 09.50
Blog - 21 grammi di psicologia

Ruolo dello psicologo

di Sabina Moro

Spesso c’è una mancanza di conoscenza in relazione al ruolo dello psicologo e alle figure ad esso associate. Vediamo insieme di cosa si occupa e quando possiamo rivolgerci ad uno psicologo


La professione di psicologo, a seguito della legge Lorenzin del 2018, è stata inserita nelle professioni sanitarie e, in linea con la definizione di salute definita dall’organizzazione mondiale della sanità, sostiene che “ la salute è uno stato di totale benessere fisico, mentale e sociale, non semplicemente assenza di malattie o infermità”.

Per diventare psicologo è necessario portare a compimento un percorso universitario che comprende tre anni, per il riconoscimento della laurea breve, più due anni per la laurea magistrale. Successivamente è indispensabile effettuare un tirocinio di 1000 ore, sotto la supervisione di un tutor, che permette di poter accedere all’esame di stato e, iscriversi all’albo A degli psicologi della propria regione.

Secondo la legge 56/89: “La professione di psicologo comprende l'uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito".

Da come si evince quindi sono molteplici gli ambiti di intervento di uno psicologo che si basano sulla relazione con la persona, attraverso l’utilizzo della parola e dell’empatia, cercando di prevenire l’insorgenza di un disturbo, fare diagnosi con l’utilizzo di test specifici, supportare nei momenti di difficoltà e transizione, o migliore il benessere della persona. Lo psicologo può inoltre lavorare in ambito di formazione e di ricerca, con il fine di diffondere e ampliare le conoscenze in materia.

Quando rivolgerci quindi ad uno psicologo?
-    Eventi di vita traumatici: lutti, separazioni, trasferimenti.
-    Transizioni del ciclo di vita: infanzia, adolescenza, invecchiamento.
-    Benessere: stili di vita, alimentazione, dipendenze, motivazione.
-    Diagnosi
-    Educazione: sostegno alla genitorialità, interventi nelle scuole, sostegno alle insegnanti.
-    Lavoro: formazione, selezione del personale, analisi organizzativa.

Lo psicologo lavora sia in ambito privato che in ambito pubblico, in un’ottica multidisciplinare ovvero attraverso la creazione di una rete che permetta di rimanere in contatto con altre figure professionali (medici, psichiatri, dietologi, nutrizionisti, neuropsichiatri, logopedisti, ecc..).

Differenze con altre figure professionali

Lo psicoterapeuta, rispetto ad uno psicologo, ha proseguito il suo percorso di studi specializzandosi in psicoterapia, presso una scuola quadriennale riconosciuta. Lo psicoterapeuta ha quindi le stesse competenze di uno psicologo ma, in aggiunta, può lavorare, attraverso l’utilizzo di specifiche tecniche (cognitivo comportamentali, sistemico relazionali, psicoanalitiche..) per la ristrutturazione del funzionamento della persona.

Lo psichiatra è un medico, iscritto all’ordine dei medici, che può, in aggiunta ad uno psicologo, prescrivere famaci.

Il counselor ha effettuato un corso
o master in counselling e, prima del 2020 non era necessario fosse laureato in discipline umanistiche. Opera per migliorare il benessere della persona e interviene nel qui ed ora per migliorare la situazione attuale. Non è una professione sanitaria e non può fare diagnosi o somministrare test, a meno che sia anche psicologo.

Dott.ssa Sabina Moro
3934107718
sabina.moro@outlook.it
Instagram: 21grammi_di_psicologia



Vedi anche
06/02/2013 07:57

Chi è lo psicologo? E' di fondamentale importanza comprendere chi lo psicologo, che lavoro svolge, di cosa si occupa e del perch ci si rivolge a lui

26/05/2013 09:57

Papà ci sei? Dove sei? La figura e il ruolo del padre nel nuovo appuntamento della serie "Genitori in forma-zione" in programma questo luned sera a Villanuova con lo psicologo e psicoanalista Giuseppe Maiolo

30/06/2020 08:15

Comunicazione passiva Tre sono i principali siti di comunicazione ovvero assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione passiva

15/01/2013 07:00

Perdere peso ed essere in salute mangiando con piacere La prima di due parti a cura dello psicologo lumezzanese Gianpiero Rossi sul fondamentale legame tra percezione e assimilazione del cibo, con alcuni consigli su come riuscire a mangiare con piacere con effetti positivi sulla digestione

15/07/2020 09:20

Autostima L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?



Altre da Blog-21grammi
30/09/2020

Ansia

L’ansia è un’emozione secondaria attivata quando siamo a contatti con stimoli, o eventi, percepiti come minacciosi. Ma quando diventa disfunzionale?

30/08/2020

Comunicazione Aggressiva

I principali stili di comunicazione sono assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione aggressiva

15/08/2020

Sport

Lo sport è un’attività piacevole che consente di avere molteplici benefici. In alcune situazioni può però emergere uno stato eccessivo di ansia che influenza negativamente la prestazione sportiva

04/08/2020

Emozioni

Molto spesso si sente parlare di emozioni ma nella maggior parte dei casi c’è una scarsa conoscenza rispetto alla definizione e alla funzione delle stesse

15/07/2020

Autostima

L’autostima è la credenza positiva o negativa che si ha di sé stessi. Ma come possiamo imparare a potenziarla?

30/06/2020

Comunicazione passiva

Tre sono i principali siti di comunicazione ovvero assertivo, passivo e aggressivo. Vediamo cosa contraddistingue la comunicazione passiva

15/06/2020

Depressione

Riassunto: Si stima che la depressone sia il disturbo psicologico più diffuso, con rilevanti conseguenze su aree della vita come il lavoro, le relazioni di coppia, la famiglia

01/06/2020

Fame emotiva

In alcune situazioni, principalmente quando stiamo sperimentando emozioni negative, può nascere la voglia di consumare cibo. Ma, cos’è la fame emotiva?

15/05/2020

Sindrome della capanna

In questo periodo di quarantena, costretti a stare a casa per un lungo periodo di tempo, abbiamo dovuto modificare le nostre abitudini. E se ora non fossimo più disposti a tornare alla vita di prima?

05/05/2020

Relazioni in quarantena

In questo momento difficile le relazioni di coppia sono messe a dura prova. Alcuni consigli utili per poter gestire le relazioni h24 e il conflitto che potrebbe nascere