23 Febbraio 2020, 07.00
Barghe Valsabbia
Inaugurazioni

Ex centrale, nuovi spazi per la comunità

di Cesare Fumana

In tanti ieri a Barghe per il taglio del nastro della ristrutturazione della ex centrale idroelettrica che ora diventa un polo per il sostegno alle fragilità, per la formazione, per i giovani
• VIDEO


Partecipazione, condivisione, multifunzionalità e sinergia. Sono le quattro parole risuonate ieri all’inaugurazione della ristrutturazione della ex centrale di Barghe, divenuta uno spazio a disposizione della comunità.

L’intervento rientra tra i progetti delle Valli Resilienti, ed ha visto in prima linea Fondazione Cariplo e la Comunità montana di Valle Sabbia, proprietaria dell’immobile, protagoniste di un percorso partecipativo per definire l’intervento di recupero di una struttura rimasta vuota per molti anni, dopo il trasferimento del Cdd della Valle Sabbia a Idro.

Un anno fa si è dato il via a questo progetto che inizialmente ha coinvolto le diverse realtà sociali, culturali, associative della Valle Sabbia per individuare quali fossero i modi per riutilizzare questi spazi.
Alla fine si sono individuati due obiettivi: uno per la formazione e uno per il sostegno alle fragilità.
Grazie al coinvolgimento delle realtà cooperative della Valle Sabbia qui trova infatti spazio un centro di sostegno per i bambini affetti da autismo, gestito dalla Cogess. Inoltre, sono state ricavate aule e laboratori a disposizione di enti e imprese per corsi di formazione.

Un processo partecipativo

Tutti gli intervenuti hanno sottolineato l’importanza del percorso partecipativo che ha permesso un confronto fra le diverse realtà valsabbine, a cominciare dal presidente della Comunità montana di Valle Sabbia, Giovanmaria Flocchini, che si è detto «orgoglioso di questo coinvolgimento del territorio per un progetto interessante, lungimirante, di prospettiva a favore della collettività dell’intera valle. Un progetto – ha sottolineato – realizzato nei tempi previsti, e che ora tocca a noi, come sfida, sfruttarlo al meglio».

Il sindaco di Barghe, Giambattista Guerra, ha definito la realizzazione «un orgoglio per tutti i cittadini di Barghe, che finalmente vedono nuovamente utilizzato questo storico edificio». Anche da parte sua è stato prezioso il percorso partecipativo per definire progetti utili alla comunità e, soprattutto, sostenibili. Apprezzamento per il progetto è stato espresso anche dal consigliere regionale valsabbino della Lega, Floriano Massardi.

Fondamentale per questo recupero è stato il sostegno, non solo economico, di Fondazione Cariplo, nell’ambito del progetto Valli Resilienti, e all’inaugurazione è intervenuta la responsabile Elena Jachia, direttore Area Ambiente di Fondazione Cariplo (Attivaree): «È importante sottolineare lo sviluppo collettivo del progetto che è stata una prova di maturità per il territorio della Valle Sabbia».

Anche il responsabile del processo partecipativo Andrea Mariotto ha riconosciuto la concretezza dei soggetti coinvolti e la capacità di Comunità montana di governare il percorso partecipativo per dare vita a qualcosa di concreto: «La ex centrale, non solo è centrale geograficamente per la Valle Sabbia, ma deve tornare centrale per la vita della valle, con uno sguardo rivolto ai giovani e alla formazione».

Giovani e formazione

E proprio di giovani ha parlato Alberto Gazzaroli, consigliere comunale di Barghe presentando il progetto Giovani Partecipazioni, che vede coinvolti la Comunità montana, il Comune di Villanuova, l’Istituto superiore “Perlasca” e il Cfp di Villanuova e cooperative sociali del territorio. Il progetto, che ha trovato il finanziamento con un bando regionale, si svolgerà proprio presso la ex centrale, ed è rivolto ai giovani della valle dai 15 a 34 anni (un bacino di 15.000 persone, il 15% della popolazione), con lo scopo di farli partecipare alla vita del territorio in varie forme.

Tre sono i filoni nei quali si sviluppa: un concorso di idee per le scuole, una start up per un’associazione, e una ricerca sociale sui giovani valsabbini per definire i passi futuri.

All’inaugurazione erano presenti
anche gli studenti dell’Itis di Vobarno con i progetti realizzati con il Fablab della Valle Sabbia.
Hanno poi portato il loro saluti i rappresentanti di enti partner del progetto: Fondazione Aib e Isfor, Aib della Valle Sabbia, coop. Area e Cogess e associazione Fabbrica di Nuvole.

Carica di significato l’“incursione teatrale” dell’attore Michele Beltrami, che ha proposto una breve anteprima del suo spettacolo “C - Credo”, l’unico spettacolo al mondo con una sola lettera, andato in scena in serata.

In foto:
. il taglio del nastro
. il sindaco di Barghe Giambattista Guerra
. il consigliere di Barghe Alberto Gazzaroli
. l'attore Michele Beltrami


Di seguito il video realizzato dal nostro Armando Ponchiardi. Questo e altri video, con maggior risoluzione, su VallesabbianewsTV



Vedi anche
20/02/2020 12:00:00

Nuova vita per la ex Centrale elettrica Sarà inaugurata questo sabato mattina a Barghe la ristrutturazione dell’edificio, grazie al progetto Valli Resilienti, che accoglierà nuove iniziative e progetti nati da un percorso partecipativo

25/01/2019 07:00:00

Nuove idee per la ex centrale Questo pomeriggio in Comunità Montana un nuovo incontro del percorso partecipativo per trovare spunti su come utilizzare gli ampi spazi dell’edificio dismesso di Barghe

25/10/2018 09:40:00

Ex centrale idroelettrica, quale uso? La Comunità Montana di Valle Sabbia ricerca idee per dare nuova vita ad un edificio storico importante per il Comune di Barghe. Il percorso partecipativo prenderà il via questo sabato, 27 ottobre, con un incontro pubblico 

21/10/2019 06:26:00

Vallesabbia Academy Ultimi ritocchi alla ex Centrale di Barghe, mentre si affilano le “armi” per il suo utilizzo, con l’obiettivo di avvicinare in Valle Sabbia domanda ed offerta di lavoro

09/11/2019 12:20:00

A scuola di enogastronomia Al Museo "Il Forno" continua la formazione per operatori turistici delle Valli Resilienti. Il prossimo appuntamento sarà dedicato all’enogastronomia



Altre da Barghe
08/07/2020

Fuori strada per evitare lo scontro

Solo danni alla vettura ma nessun ferito per l’uscita di strada da parte di una Clio per evitare un incidente con un’altra vettura. È successo ieri a Sabbio Chiese

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

13/06/2020

C'è mancato poco

Investe con l’autoarticolato un ciclista, lo butta a terra e non si ferma. Lo rintracciano gli agenti della Locale e si accorgono che il mezzo pesante viaggiava senza assicurazione

11/06/2020

15 anni di sacerdozio per don Alberto

Gli auguri al parroco di Provaglio Val Sabbia e Barghe, don Alberto Cabras, da parte delle sue comunità parrocchiali per questo importante anniversario

10/06/2020

Verso una Smart School

Il territorio della Valle Sabbia è coinvolto in un progetto ad ampio raggio che, attraverso un finanziamento nazionale, si adopera per contrastare la dispersione scolastica, aggiornare i metodi didattici e sviluppare una comunità educante

27/05/2020

Sviste

Per fortuna senza gravi conseguenze i due incidenti avvenuti nelle ultime ore  in Valle Sabbia, a Barghe e a Sabbio Chiese, rlevati entrambi dagli agenti della Locale della Valle Sabbia

19/05/2020

«Un periodo di incertezza»

Anche a Barghe, dove si sono registrati pochi contagi e nessun decesso, hanno fatto fronte con resilienza all’emergenza coronavirus

15/05/2020

«Insieme si può», CoGeSS e il progetto Labis

I ragazzi di “Italia Che Cambia” hanno fatto tappa a Lavenone per girare un video sui progetti di accoglienza e inclusione sociale della cooperativa valsabbina
•VIDEO

11/05/2020

Metro cubo di montagna

E’ quello dalla forma di un prisma trapezoidale caduto sulla “vecchia” 237 del Caffaro, nei pressi di Ponte Re, a Barghe

28/04/2020

Mezzo secolo per Andrea

Tanti auguri ad Andrea Venzi, vestonese trapiantato a Barghe per amore, appassionato motociclista, che proprio oggi, martedì 28 aprile, compie belli tondi i cinquant'anni