Skin ADV
Martedì 23 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Scorcio di Gavardo

Scorcio di Gavardo

di Massimo Schivalocchi



21.10.2018 Gavardo

21.10.2018 Capovalle Roè Volciano Valsabbia

22.10.2018 Roè Volciano

22.10.2018 Gavardo Vallio Terme

21.10.2018 Gavardo

23.10.2018 Lavenone

21.10.2018 Vobarno

23.10.2018 Gavardo

22.10.2018 Vestone

23.10.2018 Vestone



28 Settembre 2018, 09.26
Barghe
Tradizioni

Santorcol, la vendemmia come una volta

di Redazione
Torna nel fine settimana, sabato 29 e domenica 30, la manifestazione biennale di Barghe dedicata alla vendemmia e alla riscoperta dei mestieri e delle tradizioni della civiltà contadina, con un'anteprima musicale

Senso di comunità, dedizione al lavoro, condivisione delle gioie da esso derivanti, oltre che impegno alla collaborazione per il raggiungimento di un obiettivo comune (senza dimenticare tanta voglia di divertirsi!): questi sono gli ingredienti del Santorcol, la festa riportata in vita grazie all'entusiasmo e alla partecipazione attiva degli abitanti di Barghe che con cadenza biennale anima le vie centrali del paese, coinvolgendo grandi e piccini in una rievocazione delle usanze e delle attività di una civiltà contadina ormai in larga parte perduta, ma che per lunghi anni ha costituito l’essenza stessa della vita nelle nostre contrade.

Per ogni comunità umana la cui esistenza è legata alla terra la fine dell’estate e l’inizio della stagione fredda rappresentano un punto di svolta, un momento di fondamentale importanza: le giornate si accorciano, il ritmo della natura cambia e gli uomini finalmente godono dei frutti del lavoro estivo. La terra faticosamente coltivata restituisce i suoi doni e per tutti è una festa: la vendemmia è terminata, l’uva è stata pigiata, non resta che “torcolare” per togliere alle vinacce la maggior parte del mosto e del vino che esse contengono e brindare insieme al lavoro compiuto!

Questo, fino a cinquant’anni fa, era quello che accadeva nelle cantine e nei cortili di Barghe, proprio in questo periodo dell’anno. Oggi le occasioni di festa sono altre, le usanze diverse, i lavori sono cambiati: ci siamo allontanati da quella terra da cui un tempo dipendeva quasi totalmente la nostra esistenza e i nostri impegni non sono più dettati dall’alternarsi delle stagioni, dalle cure che richiedono i campi, i filari delle viti. Altre regole, altre “tempistiche” guidano le nostre vite, non più le regole della natura, che talvolta sanno essere dure e spietate, certo, ma che sono pur sempre a “misura d’uomo”.

Allora perché tornare a festeggiare
una tradizione legata ad un mondo antico, ormai quasi perduto? E soprattutto, perché questa giornata di festa riscuote così tanto successo e vede una così alta partecipazione popolare, pur essendo tanto diverso il modo in cui noi oggi viviamo, rispetto a quello dei nostri nonni e bisnonni?

Forse la risposta risiede
nel fatto che ognuno di noi sente che, pur nelle enormi differenze che ci separano da quegli uomini, in realtà essi sono molto più vicini e simili a noi di quanto immaginiamo. Le loro usanze, i loro motivi di gioia o di sofferenza ci appartengono, risvegliano in noi ricordi legati alla nostra infanzia, ai racconti che ognuno di noi ha sentito dai nostri nonni. In altre parole, tutto ciò fa parte della nostra storia, della storia individuale di ognuno di noi, che diventa storia collettiva nel momento in cui decidiamo di scendere in piazza, nelle vie per condividere le nostre esperienze con chi ci vive accanto. È, a conti fatti, la storia di un’appartenenza, di un essere insieme in un territorio, perché se è vero che è l’uomo a creare e a dare forma a un luogo, è altrettanto vero che il luogo in cui abitiamo, in cui cresciamo, in cui intessiamo relazioni contribuisce indissolubilmente a determinare chi siamo.

La manifestazione avrà un prologo sabato sera con il concerto del coro giovanile e del coro di voci bianche “Carminis Cantores” intitolato: “Un cuore più grande della guerra”.

Domenica l’intera giornata vedrà rievocazioni di antichi mestieri della civiltà contadina, spettacoli e intrattenimenti per i più piccoli e l’immancabile gastronomia tipica.

Il programma completo sulla locandina a fianco.

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/09/2012 10:00:00
La vendemmia come una volta Domenica a Barghe una rievocazione storica della vita contadina dedicata alla vendemmia e a vino, con canti, balli e degustazioni.

04/08/2008 00:00:00
Anfo rende omaggio al suo carèl La carelàa, l’interessante rievocazione storica della civiltà contadina, che si è svolta ieri ad Anfo ha avuto come prezioso alleato un caldo sole agostano che ha piacevolmente accompagnato i «carelisti» e il numeroso pubblico.

18/09/2014 16:17:00
«Santorcol», il mondo contadino di una volta Questo fine settimana a Barghe la rievocazione di antichi mestieri rurali e dell’antica tradizione barghense della festa della torchiatura dell’uva

17/09/2016 09:33:00
Santorcol, tradizioni contadine in piazza Torna questo fine settimana a Barghe la rievocazione della vita contadina e degli antichi mestieri fra Ottocento e Novecento nelle vie e nei cortili del centro storico del paese

13/08/2018 08:00:00
La Carelàa, storia e folklore Ieri la parata dei carèi ha animato le contrade anfesi, incuneandosi per le vie del borgo lacustre che fiancheggiano la provinciale del Caffaro



Altre da Barghe
23/10/2018

Al via la nuova stagione

Il Progetto Bav riprende con tante novità. Ad Alto Garda Volley, Volley Barghe e Polisportiva Vobarno quest'anno si aggiungono anche la Libertas salodiana e il Gardone Riviera Volley 

10/10/2018

Coscritti all'arrembaggio

Anche quest’anno i coscritti del 1976 di Barghe, Sabbio Chiese e Provaglio Val Sabbia si sono ritrovati per la loro cena di classe

24/09/2018

Per Augusto sono 75

Tanti auguri ad Augusto, di Barghe, che oggi, 24 settembre, spegne 75 candeline (2)

20/09/2018

Velocità elevata

Troppo “manico”, via la patente. Domenica scorsa a Barghe è capitato a tre motociclisti che hanno affrontato con troppa irruenza un tratto segnalato a 50 km orari
(14)

15/09/2018

Iscrizioni ancora aperte per «La mia terra ha buona voce»

Ci sono ancora 15 giorni di tempo per partecipare con un’opera inedita al concorso letterario indetto dall’associazione culturale Agape (1)

15/09/2018

Tre Valli in coro a Barghe

La rassegna corale che riunisce idealmente Valtrompia, Valsabbia e Valcamonica conclude il suo primo ciclo questa sera – sabato 15 settembre – presso la Parrocchiale di Barghe 

14/09/2018

Le nozze d'oro di Carla e Siro

Tantissimi auguri a Carla e Siro di Barghe che proprio oggi, venerdì 14 settembre, festeggiano 50 anni di matrimonio (1)

09/09/2018

Chiare, fresce, dolci acque

Nello scatto, inviatoci da un lettore, ecco cosa c'era questa mattina nelle acque del fiume Chiese, dalle parti di Barghe


27/08/2018

A2A, ecco perchè

In merito all'articolo pubblicato lo scorso 23 agosto che riferiva di una bolletta per l'energia elettrica che a fronte di "zero" consumi richiedeva il pagamento di 103 euro, A2A fornisce le sue spiegazioni. Pubblichiamo volentieri
(3)

27/08/2018

Barghe, edilizia e natalità

Le ridotte dimensioni del territorio e l’alto tasso di nascite spiegano l’elevato sfruttamento della zona dal punto di vista edilizio, ma solo in parte 



Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia