Skin ADV
Domenica 17 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Specchi riflessi

Specchi riflessi

di Renato Sorice



16.06.2018 Sabbio Chiese

17.06.2018 Sabbio Chiese Bagolino

15.06.2018 Gavardo

15.06.2018 Casto Provincia

16.06.2018 Vobarno Valsabbia Garda

15.06.2018 Val del Chiese Storo

15.06.2018 Gavardo

15.06.2018 Prevalle

16.06.2018 Gavardo

15.06.2018 Valsabbia





18 Agosto 2013, 11.36
Bagolino Valsabbia Val del Chiese Storo
Lettere

Caffaro: la storia del ponte


Botta e risposta fra un lettore e l'amministrazione comunale di Bagolino, in merito alla decisione di sostituire con una rotonda l'attuale ponte di confine

Caro direttore,
Nei giorni scorsi sul Giornale di Brescia ho letto una lettera a firma del signor Massimiliano Colonetti che riguardava la nostra scelta, come amministrazione comunale di Bagolino, di sostituire l'attuale ponte sul fiume Caffaro con una più funzionale rotonda. Progetto finanziato con i fondi Odi, come voi avete correttamente scritto.
Ho inviato al direttore del Giornale di Brescia la mia risposta, ma non è stata pubblicata.
Lo potete fare voi?
 
Enzo Melzani
--------------------------------

Questa la lettera apparsa sul GbB

Se una rotonda cancella la storia
 
Ho letto il vostro articolo della distruzione del ponte Caffaro, la storia si cancella con una rotonda.
Antefatti, il cane dell’Esercito Italiano Caffaro s’intromise nel celebre duello sorto fra il tenente Giovanni Battista Cella dei bersaglieri volontari e il capitano boemo Rudolf Ruzicka della 12ª Compagnia del Reggimento «Principe di Sassonia» che si affrontarono sul «Ponte» in un vigoroso corpo a corpo, alternato da colpi di sciabola, magistralmente descritto nei racconti dello scrittore garibaldino Giuseppe Cesare Abba.
 
Rimasti entrambi feriti, il capitano Ruzicka, nonostante fosse difeso dal solo trombettiere Lusk, poiché tutta la sua truppa si era ritirata più in là a debita distanza, fu colpito dapprima da una baionettata alle natiche infertagli dal volontario Giovanni Trovaioni detto il Rosso di Trento, soldato della 2ª compagnia di Tommaso Marani, poi da una morsicatura del cane bulldog Caffaro al seguito delle camicie rosse e alla fine, malconcio, dovette arrendersi prigioniero.
Caffaro nella mischia addentò pure i polpacci del tenente austriaco Suchonel, che si difese a sciabolate, ferendolo.
 
Un ponte che viene spesso celebrato nella storia d’Italia per il passaggio dei Garibaldini, verrà messo fuori uso da una rotonda stradale.
E i promotori sono i dirigenti del Comune, un Comune che non conosce la propria storia.
 
Massimiliano Colonetti
Brescia

---------------------------------------------
 
Questa la mia risposta

Egregio direttore,
ho letto nei giorni scorsi sul suo giornale una lettera dal titolo “Se una rotonda cancella la Storia”.
Le chiedo, in qualità di vice sindaco del Comune di Bagolino e principale ideatore della citata “Rotonda sul ponte” di replicare e smentire quanto scritto dal sig. Massimiliano Colonetti.

Il ponte sul torrente Caffaro è costruzione oggetto di antiche vicissitudini, legate alla storia delle comunità che per secoli si sono affacciate su rive opposte.
I primi documenti storici testimoniano la presenza di una passerella, rustica e malsicura, percorsa del romano Livio, venuto a sfruttare le miniere di ferro e d’argento del “Gevero”, nome dal quale si presume derivi il nome Caffaro.
Le cronache medioevali narrano di secolari lotte tra i Bagolinesi ed i Conti Lodron colpevoli, questi ultimi, di deviare a più riprese il letto del torrente dal ponte fino al delta nel Lago D’Idro, con l’intento di annettersi le fertili terre del Pian d'Oneda, bonificate dei frati Benedettini nel tredicesimo secolo.
 
Nell’anno 1753, con il trattato di Rovereto, la Repubblica di Venezia, alleata dei Bagolinesi, ed il Principato Vescovile di Trento, alleato dei Conti Lodron, definirono l’attuale confine erigendo un ponte ligneo, in prossimità del Palazzo Caffaro Lodron, e picchettando con cippi in pietra granitica il definitivo confine.
Furono assegnate le terre a nord ai Conti Lodron e quelle a sud alla Comunità di Bagolino.
Da allora con ricorrenza ciclica l’originale ponte in legno è stato più volte oggetto di crolli, a seguito di alluvioni, e di successive precarie ricostruzioni.
 
L’inondazione documentata il giorno 6 novembre 1906 fu devastante, sia per il ponte che per gli argini del torrente Caffaro.
Successivamente il regno D’Italia e l’Impero Austro Ungarico, faticosamente si accordarono sulla realizzazione di un ponte carrabile in acciaio, assemblato in opera con chiodi battuti a caldo, secondo la tecnologia costruttiva in auge all’epoca.
Furono rettificati gli argini del torrente e realizzate nuove robuste spalle di sostegno, circa cento metri a valle dell’ubicazione storica, come documentato da fonti storiche e fotografie d’epoca.

Il ponte sul torrente Caffaro è la demarcazione del confine tra le regioni: Lombardia e Trentino Alto
Adige, quindi tra le province: Brescia e Trento. 
Costituisce tuttavia l’anello di congiunzione tra due comunità, quella di Bagolino BS e di Storo TN che seppur sotto bandiere diverse, hanno sempre condiviso la difficoltà di vivere decentrate, alla periferia lontane dai rispettivi luoghi di potere e dai relativi benefici. Unite dallo stesso destino la comunità bresciana di Ponte Caffaro e quella trentina di Lodrone negli ultimi decenni hanno sviluppato intensi rapporti socio – economici, consentendo di incrementare il numero dei rispettivi residenti. L’effetto è stato quello di incrementare l’area edificata fino ad unirsi in prossimità del Ponte sul Torrente Caffaro in località Conventino.

Ho letto con attenzione e con stupore quanto scritto dal Sig. Colonnetti non scoprendovi per la verità nulla di nuovo essendo la storia conosciuta da chiunque a Ponte Caffaro come a Lodrone, trovandovi anzi “imprecisioni” cui non si può nemmeno attribuire l’attenuante della buona fede poiché scritte da un esperto di storia locale quale il sig. Colonnetti ritiene di essere.

Il ponte citato nella lettera e teatro dell’impresa riportata è infatti sparito, spazzato via dalla rovinosa alluvione del 6 novembre 1906 e si trovava un centinaio di metri più a monte rispetto all’attuale ponte.
Non ha nulla a che vedere, per posizione, tipologia costruttiva, e per periodo di edificazione con il “nuovo ponte” costruito nel ed 1913 ed oggetto di questo intervento dell’Amministrazione comunale. 
Ponte costruito, ribadisco oltre quaranta anni dopo gli eventi da  riportati ed in altra posizione.

Esitono innumerevoli rappresentazioni d’epoca che ritraggono il ponte dell’episodio a tutti noto e citato della guerra dei garibaldini dalle quali risulta evidente che lo stesso si trova molto più a monte dell’attuale in corrispondenza dell’ingresso di Palazzo Lodrone.
Per verificarlo sarebbe bastato, ad esempio, dare un occhiata al bar storico che si trova proprio vicino al ponte sulla sponda bresciana dove avrebbe notato, al suo interno, appeso un quadro che ritrae proprio questo episodio.

Nonostante la palese inconsistenza delle giustificazioni storiche riportate dal Sig Colonnetti, desidero comunque rassicurare che non è intenzione di questa Amministrazione  provvedere a cancellare la memoria delle nostre comunità.
Puntiamo al contrario a rivalutare, valorizzare ed incentivare la permanenza e la qualità della vita della gente di questo territorio e non solo. E’ evidente che una rotonda permetterà di immettersi su una strada statale (237 del caffaro) in piena sicurezza senza rischi ed eliminando quegli incidenti (gravi o leggeri che siano) di cui il nostro territorio spesso è caratterizzato. Probabilmente la storia, ad una lettura non superficiale insegnerebbe anche questo.
Anzi, proprio perchè NOI il territorio lo viviamo e la storia della nostra comunità ben conosciamo, ci permettiamo di intervenire alla realizzazione di un opera fondamentale per la permanenza in sicurezza sul nostro territorio.

Mi permetta sig. Massimiliano Colonetti, la sua lettera risulta talmente inqualificabile da un punto di vista storico che è lecito giustificarla solo come l’ennesimo ricorrente appello a favore della politica del “non fare” oggi di moda per mantenere i territori periferici privi di infrastrutture ed arretrati a tutto beneficio di altre zone della Provincia e non solo alle quali probabilmente lei appartiene.

Mi scuso per lo sfogo ma essendo un amministratore da ormai dieci anni ritengo che le comunità locali siano sufficientemente “adulte” per intervenire con consapevolezza sul proprio territorio, senza la necessità di interventi “saccenti” sulla storia locale a beneficio dei sempliciotti locali che necessitano delle illuminanti colonizzazioni culturali degli esperti di turno.

Mi fa piacere, al contrario, vedere chi (visitatore o turista che sia)  trascorrendo del tempo sul nostro bellissimo territorio, cerca di conoscerne le peculiarità, le specificità ed anche la ricchezza storica di quanto visita.
Evidentemente è assai meno piacevole scoprire che qualcuno si permette di scrivere e disquisire di aspetti di una comunità che pensa di conoscere ma che in realtà non conosce o conosce, solo attraverso le pagine di qualche libro. 

Ringrazio ancora per lo spazio che mi è stato concesso e porgo distinti saluti
 
Melzani  Enzo – vice sindaco del Comune di Bagolino

 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID35023 - 18/08/2013 12:11:48 (Giacomino) Bravo vicesindaco
davvero non se ne può più di saccenti che sono sempre pronti ad insegnare a vivere agli altri adducendo una conoscenza delle vicende storiche superiore agli stessi abitanti. Ma c'é di più, certi personaggi, in nome della storia (come sono convinti di conoscerla loro) arrivano a non riconoscere la necessità di indispensabili infrastrutture ad intere popolazioni con la scusa che la loro realizzazione provocherebbe una trasformazione a loro non gradita. Comunque, forte e chiaro signor vicesindaco.


ID35030 - 18/08/2013 15:05:20 (rigogolo) Il ponte della discordia
Personalmente ritengo che il ponte sul torrente Caffaro sia un po' strettino rispetto al traffico odierno ma è caratteristico anche se non è più quello del 1866, che tra l'altro era in legno. Forse con un modesto intervento si poteva allargarlo, dico forse in quanto non sono un tecnico, invece di sostituirlo con un anonimo ponte-rotonda!


ID35034 - 18/08/2013 18:05:57 (Capitano) il sig. Rigogolo solleva
una questione interessante. Premesso che l'opera è necessaria per quanto già discusso (incidenti, traffico, senso unico alternato per i TIR ecc..), si sarebbe potuto forse fare di più nel coinvolgimento della popolazione per trovare la soluzione progettuale ritenuta più idonea anche dagli abitanti.


ID35042 - 19/08/2013 09:10:16 (Aldo Vaglia)
I ponti di ferro sono la testimonianza di un'architettura, (detta degli ingegneri) che vedeva nella nascente industria il progresso e nell'architettura tradizionale il passato. La figura dell'ingegnere prende il soppravvento su quella dell'architetto. La funzione di avere grandi luci determina la forma. Come in ogni periodo storico da esigenze pratiche scaturiscono le mode. E la moda dei ponti di ferro prende piede anche in Italia senza che ce ne sia effettiva necessita' funzionale. Assieme a belle opere da conservare ce ne sono di brutte e che non vale la pena rimpiangere. Una di queste e' il ponte di 'Ponte Caffaro'. L'unico dubbio che mi porrei e' quello del nome. Alla 'Rotonda del Caffaro' preferisco ancora 'Ponte Caffaro'; manteniamo il nome e togliamo il brutto ponte.


ID35046 - 19/08/2013 13:21:58 (Giacomino) Credo che il nome
Ponte Caffaro lo dovremo proprio conservare, tra qualche lustro quando con l'avvento della rotonda (se si sarà) il vecchio ponte sarà stato dimenticato, qualcuno sarà tentato di saperne di più circa quel nome e allora la storia del leggendario ponte tornerà a rivivere.


ID35055 - 20/08/2013 17:32:16 (guidoassoni)
pur non conoscendolo di persona non mi sembra che il sig. Colonetti sia un grande studioso di storia locale, dal momento che la lettera pubblicata dal GdB altro non è che un plagio a Wilkipedia sotto forma di un copia/incolla alla pagina Caffaro (cane). E bene ha fatto l'amico Enzo a sbacchettarlo come si sovviene dalle nostre parti. Dal mio punto di vista non dovrebbero esserci dubbi sulla bontà dell'opera programmata dal Comune di Bagolino. La sicurezza e la viabilità sono temi da affrontare e risolvere. La politica locale del "non fare" dura un quinquennio.


ID35056 - 20/08/2013 17:41:17 (rigogolo) Wiki
Per i lettori........non esiste il plagio per aver fatto un copia incolla di un testo di Wikipedia in quando ogni voce è rilasciata in pubblico dominio e, personalmente, ritengo che ogni atto della pubblica amministrazione possa anche essere messo in discussione!


ID35063 - 21/08/2013 09:35:29 (Aldo Vaglia) Per rigogolo e i lettori
Il plagio non ha solo una connotazione giuridica, ma piu' semplicemente e' l'appropriazione totale o parziale di lavoro altrui che si voglia spacciare per proprio. (secondo lo Zingarelli). Non necessariamente il plagio e' reato. Copiare direttamente il lavoro di un'altra persona senza l'uso delle virgolette o senza il riferimento alla fonte e' un plagio. Il copia-incolla da Wikipedia seppure lecito e quindi non reato rimane plagio se non se ne indica la fonte.


ID35350 - 29/08/2013 12:10:37 (carlob.) il nostro ponte...
..... ancora sito di battaglia......speriamo che anche questa volta i "bagolinesi" abbiano la meglio.....apportando una modifica necessaria e auspicata sia dagli abitanti di via campini che del comune di Bondone sia da tutti coloro diretti in valle di Ledro con mezzi pesanti. grazie a Enzo il nostro ..."rosso di ....Caffaro"



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/09/2017 06:57:00
Sostituite quel ponte Novità sulla "rotonda quadrata" di Ponte Caffaro: il vecchio ponte di confine verrà smantellato e ricostruito da un'altra parte. Al suo posto verrà edificata una nuova struttura, più ampia e robusta


18/01/2017 07:47:00
La rotonda «quadrata» sul Caffaro Nel corso della prossima estate il traffico al confine col Trentino verrà deviato sul nuovo ponte e solo allora si riuscirà a capire come meglio utilizzare quello vecchio

03/01/2007 00:00:00
Da confine di Stato a strada comunale Da linea di confine a via di collegamento intercomunale. Al di là della sua utile funzione di transito per i veicoli, via Campini a Ponte Caffaro può vantare un passato carico di vicende storiche.

07/10/2014 08:15:00
Un raccordo anulare per Ponte Caffaro Non sarà più una “rotonda” a risolvere in via definitiva gli annosi problemi di viabilità lungo la 237 del Caffaro, fra le province di Brescia e di Trento

19/05/2018 08:28:00
Alla faccia della «macchia di barolo» C'è un altro tassello poco edificante nella "viabilità di confine" fra Lombardia e Trentino, in quel di Ponte Caffaro




Altre da Storo
16/06/2018

Anna Maria Malcotti va in pensione

L'impiegata del servizio Anagrafe del Comune di Storo si è congedata dall'attività lavorativa dopo quasi quarant'anni di onorato servizio
  (1)

16/06/2018

Giudicarie Valsabbia Paganella e Saone, fusione fatta

La firma fra i presidenti delle due Casse rurali sancisce la fusione dei due istituti di credito che avrà decorrenza effettiva dal 1° luglio

15/06/2018

Orso in Valdaone

L'animale, probabilmente lo stesso avvistato la scorsa settimana, ha ucciso quattro maiali in un'azienda alla periferia di Praso 

15/06/2018

In Settaurense arriva la Scuola Calcio

La società sportiva punta sulla formazione dei più giovani e apre le iscrizioni per la stagione sportiva 2018/2019 


13/06/2018

Arriva il Green Volley del cinquantesimo

Chiusa la stagione agonistica, per il TeamVolleyC8 si apre il prossimo weekend quella estiva con il tradizionale torneo di Green Volley nel centro sportivo di Darzo


12/06/2018

Storo in musica con il «concertone»

Ben 250 i musicisti che hanno partecipato al tradizionale evento, lo scorso sabato. Tra i pezzi più applauditi gli Inni al Trentino e alle Giudicarie

06/06/2018

Un sabato in musica

Il Concerto delle Bande del Chiese e la Rassegna Corale di Primavera sono entrambi in programma a Storo per questo sabato, 9 giugno 



05/06/2018

Frontale a Storo, due feriti, uno gravissimo

Nello scontro fra una Toyota e un’Ape ad avere la peggio è stato un 48enne di Storo, ricoverato in elicottero con riserva di prognosi al Santa Chiara di trento

03/06/2018

Pro Loco, qualche anticipazione sui prossimi eventi

Il Festival della Polenta e il Gran Carnevale si confermano gli appuntamenti più importanti. Si è parlato di questo, ma anche del direttivo e del bilancio l'altro giorno alla Polentera 

02/06/2018

Grande festa al Circolo Dei Voi

Saranno tanti gli anziani che nel pomeriggio di oggi, sabato 2 giugno, si riuniranno al Circolo per festeggiare insieme quanto svolto dai soci in questi anni  

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia