13 Novembre 2019, 09.24
Bagolino Valsabbia
Incontro

Felicemente in cammino

di Marisa Viviani

Una serata interessante quella che si è svolta a Bagolino per la rassegna “FeliceMente”. Roberto Bruzzone ha parlato ai presenti della sua esperienza di camminatore sportivo e di come, dopo aver subìto un’amputazione, ha continuato le sue imprese “gamba in spalla”


Per la rassegna “FeliceMente”, organizzata dal Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano, si è tenuta a Bagolino una serata di incontro con l'autore dal titolo "Gamba in spalla", in cui Roberto Bruzzone dialogava con Sara Silvestri sulla sua condizione di portatore di una protesi all'arto inferiore e sulla sua esperienza di camminatore sportivo, seguita al lungo periodo di riabilitazione postoperatoria dopo l'amputazione subita.

Dalla propria vicenda personale Roberto Bruzzone ha tratto le motivazioni per scrivere un libro (R.Bruzzone-F.Blanc, Limiti, Edizione dei Cammini, 2017), illustrato al pubblico presente con il supporto di video girati nel corso di varie imprese sportive.

In una sala affollata e attenta, Roberto Bruzzone ha parlato di sé con naturalezza, ma anche con la consapevolezza di essere un riferimento per coloro che vivono una condizione di disabilità, spesso disperante.

Attraverso il suo esempio, Roberto Bruzzone dimostra invece come sia possibile oggi recuperare una buona qualità della vita con il supporto di presidi medicali molto avanzati tecnologicamente, ma soprattutto attraverso la forza mentale e le energie presenti in ciascuno di noi, insospettabili.

- Non fissarti su ciò che ti manca, ma su ciò che ti resta. - Questo il monito essenziale che scaturisce dalla sua vicenda personale, divenendo stimolo costante di sostegno per chi sta affrontando le dure prove della degenza ospedaliera, la riabilitazione, il reinserimento sociale.

Il nostro Roberto, che per la sua caparbia volontà di recuperare il massimo della funzionalità perduta a causa dell'amputazione (7 amputazioni parziali e 13 interventi in due anni e altri due anni di riabilitazione), e per lo spirito avventuroso che lo porta ad affrontare la vita, è chiamato "robydamatti", ha così iniziato a praticare il trekking proprio con la protesi alla gamba, traendo da questa pratica sportiva nuove energie, sicurezza fisica e psicologica, piacere per la vita in natura, conoscenze di ambienti, genti e culture diverse, e consapevolezza di sé.

- Lo sport è la nostra fisioterapia per la vita – ha affermato – importante per tutti, ma in particolare per noi. - riferendosi a coloro che per motivi diversi subiscono una limitazione fisica. La pratica sportiva consente non solo il mantenimento di un corpo efficiente, ma induce capacità di impegno nello sforzo fisico e mentale, di resistenza alla fatica e determinazione nel conseguimento delle mete prefissate.

Così le imprese sportive di Roberto, dalle scalate ai grandi itinerari di trekking, divengono momenti di crescita personale che procede con il cammino, ma rappresentano anche un esempio per chi ha bisogno di trovare dentro di sé la forza e le motivazioni per non arrendersi alle avversità della vita, a iniziare il proprio viaggio verso nuove mete. - La mia fortuna è che mi ricordo sempre di quando non riuscivo a scendere dal letto, perciò ogni traguardo raggiunto è una conquista importante. -

Le prove a cui ci sottopone la nostra esistenza cambiano il modo di vedere le cose e il nostro modo di affrontare i problemi e il senso complessivo della vita. Roberto Bruzzone, perdendo una gamba, è diventato un camminatore e un esempio per molte persone nella sua stessa condizione; la sua esperienza è racchiusa nel libro "Limiti", mentre il racconto di un viaggio avventuroso sul Kilimangiaro si può leggere in "Africa sotto zero" (di R.Bruzzone-F.Blanc, Edizione dei Cammini, 2018).

"Gamba in spalla", dunque; per Roberto quella di scorta che si porta nello zaino durante le sue imprese sportive, e per tutti una gamba simbolica di sostegno ideale per la vita, che dobbiamo trovare nella nostra mente attraverso un percorso interiore, anche se doloroso.

La rassegna "FeliceMente", ha adottato come parola d'ordine "La cultura cura", proponendo attraverso la lettura, la conversazione, l'incontro con esperti, narratori, musicisti la scoperta di storie, informazioni, luoghi di rara bellezza e interesse del nostro territorio, strumenti di conoscenza per il benessere personale e sociale.

L'appuntamento con Roberto Bruzzone ha marcato una tappa significativa di questo percorso culturale e umano. Un ringraziamento va quindi al Sistema Bibliotecario Nord Est Bresciano e alle curatrici dell'iniziativa Barbara Mino, Alessandra Vittici e a tutti i loro collaboratori; un ringraziamento particolare anche alla bibliotecaria di Bagolino Nadia Bazzani per l'organizzazione della serata.

Per info www.robydamatti.it

Nelle foto di Luciano Saia: Per la rassegna "FeliceMente", Roberto Bruzzone conversa con Sara Silvestri sul tema "Gamba in spalla" (Bagolino 8 Novembre 2019)




Vedi anche
07/11/2019 08:36:00

Gambe in spalla Imperdibile appuntamento quello di domani – venerdì 8 novembre – a Bagolino. Per la rassegna “FeliceMente” l’incontro con Roberto Bruzzone, alpinista, escursionista e scrittore

20/12/2018 07:06:00

La «spalla congelata. Cos'è e cosa fare La spalla congelata, chiamata anche Frozen Shoulder o capsulite adesiva, è una malattia della spalla che provoca dolore e rigidità

22/10/2019 07:33:00

I libri e la felicità Questo giovedì, 24 ottobre, la rassegna culturale “FeliceMente” farà tappa a Roè Volciano per un incontro con la biblioterapeuta Rachele Bindi

19/10/2019 08:00:00

I bambini e il cibo, come creare un rapporto sano e felice Per la rassegna “FeliceMente” martedì prossimo, 22 ottobre, ad Agnosine un incontro sul tema con le psicologhe Anna Massaro e Luisa Passarini

16/10/2019 09:15:00

Con Piero Dorfles per riscoprire Pinocchio Questo giovedì sera, 17 ottobre, a Salò un incontro con il noto giornalista, critico letterario e autore radiofonico e televisivo, nell’ambito della rassegna culturale “FeliceMente”



Altre da Bagolino
25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

25/06/2020

Visite protette in Fondazione

Alla Beata Versa Dalumi di Bagolino l’infezione è da tempo sotto controllo: sono possibili visite in sicurezza, separati dai familiari da uno schermo di plexiglass

24/06/2020

L'iperico, nel bene e nel male

A Ponte Caffaro, dopo la tradizionale raccolta, all’erba di San Giovanni, nell’erboristeria Bolandini dedicano anche una mostra

24/06/2020

Sull'Eridio con Idra

Ha ripreso a solcare le acque del lago d’Idro il battello turistico che effettua il giro dello specchio d’acqua valsabbino

23/06/2020

Chiuso per invidia

Succede anche questo in tempo di Covid, soprattutto se per evitare assembramenti devono intervenire i carabinieri

20/06/2020

I 101 al tempo del Coronavirus

Una dedica in musica per il prestigioso traguardo di Pasquina Gagliardi, di Bagolino, quella dedicata dal Coro Beorum di cui è una grande supporter

16/06/2020

Anche Alpini e Artiglieri di Ponte Caffaro per la sicurezza in chiesa

Anche a Ponte Caffaro, nella chiesa parrocchiale di San Giuseppe, le disposizioni del governo e della diocesi per la sicurezza sanitaria dei fedeli sono state prese molto seriamente dal parroco don Paolo Morbio e dal sacerdote ausiliario don Eugenio Panelli

15/06/2020

Coro di Bagolino, comunque

Anche la corale bagossa non si è persa d'animo durante il distanziamento forzato e, grazie al supporto della Mª Susanna, ha realizzato un video con una bella canzone di Bepi De Marzi

15/06/2020

Per Loretta sono 65

Buon compleanno a Loretta, di Ponte Caffaro, che oggi, 15 giugno, compie 65 anni

12/06/2020

Maniva, si passa

E’ stato riaperto al traffico, dopo la pausa invernale, il tratto della 345 “Tre Valli” fra il Maniva e Crocedomini.
VIDEO