Skin ADV
Domenica 16 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








Alba sulla Chiesa di Bagolino

Alba sulla Chiesa di Bagolino

di Paolo Salvadori



15.12.2018 Barghe

15.12.2018 Idro

15.12.2018 Roè Volciano

15.12.2018 Idro Valsabbia

14.12.2018 Vestone Salò

14.12.2018 Barghe Odolo Treviso Bs Mura Capovalle Paitone Valsabbia

15.12.2018 Vobarno Salò

14.12.2018 Villanuova s/C Roè Volciano

14.12.2018

15.12.2018 Sabbio Chiese






18 Maggio 2012, 10.00
Valsabbia Bagolino
Musica

Da «Pas en Amùr» a ... vivere per la musica

di Igor Balasina
Oggi ci occupiamo di Daniele Richiedei, violinista bagosso capace di affrontare ogni genere musicale, in particolare la musica contemporanea.

Nato nel borgo medievale Bagosso il 12 giurno 1984, Daniele Richiedei ottiene la laurea e il master al Conservatorio di Musica di Brescia con il prof. Filippo Lama, entrambi con il massimo dei voti e la lode e ha frequentato la Hochschule Fur Musik Detmold (Germania) con il prof. Marco Rizzi.
Ha studiato la musica jazz partecipando ai corsi di perfezionamento di Siena Jazz 2009, di Nuoro Jazz 2010, e del Centre de Musiques Didier Lockwood (Parigi).
Ha vinto vari premi: a Siena Jazz 2009, a Nuoro Jazz (è stato scelto per formare l’ottetto dei migliori allievi del seminari 2010, per la direzione artistica di Paolo Fresu); è risultato fra i sei finalisti al Concorso Nazionale per nuovi talenti del Jazz italiano “Chicco Bettinardi 2010″, dove ha ricevuto il premio del pubblico. Ha ricevuto il premio Marenzio del Lion’s Club di Brescia nel 2011, il premio Enrica Cremonesi nel 2009.
 
Si è esibito come solista con orchestra in importanti contesti, come il Teatro Grande di Brescia (Mozart, “Einzelsätze” per violino e orchestra – Paolo Ugoletti, Concerto for electtricc violin and string orchestra) e il festival violinistico internazionale “Gasparo da Salò” (concerto op. 12 di Kurt Weill per violino e orchestra di fiati); inoltre è stato ospite in importanti rassegne e festival, quali “L’altro lato del Violino” (Cremona), “Onde Musicali” (Iseo), “Novecento Jazz&Wine”, “Cento Jazz”, “Nu-Jazz 2011”(Nuoro), “Time in Jazz” di Berchidda (SS).
 
Ha all’attivo collaborazioni regolari con numerosi artisti dalla musica da camera al jazz: da menzionare il duo con Sandro Gibellini (sul repertorio di Gershwin e Ellington),il trio con Mauro Ottolini e Vincenzo Castrini (progetto originale), il duo con Carlo Balzaretti (lezioni concerto sulla musica americana del Novecento), il duo con il pianista Enrico Pompili (recente la prima registrazione assoluta della sonata per violino e pianoforte di Alberto Bonera).
 
È leader di vari gruppi, tra i quali l’ensemble “AltriArchi” e i gruppi jazz (per i quali si occupa anche degli arrangiamenti) “Jazz Weill-tet”, “La Strada di Creole”, e “Camera Oscura”, progetto originale sulla musica dei compositori Franco Margola e Nino Rota.
E' stato ospite in tv di trasmissioni dedicate alla musica sia come solista che come “side-man” (TV sat2000, Punto TV, TeleTutto).
Come free-lance ha numerose collaborazioni per concerti e incisioni di dischi (Decca, Amadeus, Kandinskij) con orchestre da camera, liriche e sinfoniche, con gruppi pop e rock e con compositori contemporanei quali Paolo Ugoletti. Quest’ultimo gli ha dedicato il “Concerto for electric violin and string Orchestra”, eseguito in prima assoluta al Teatro Grande di Brescia.
È stato da poco invitato a far parte dell’ensemble da camera del Teatro Grande di Brescia, a fianco di musicisti quali Klaidi Sahatci, Andrea Rebaudengo, Antonello Leofreddi, Sandro Laffranchini.
Viene invitato a tenere corsi e masterclass di musica jazz per strumenti ad arco.
Suona un violino “Azzo Rovescalli” del 1925 e un violino semiacustico StringAmp, di cui è endorser.


Ciao Daniele, la prima domanda posta ad un musicista è il perchè della scelta dello strumento musicale.
Viste le tue origini Bagosse un lettore attento ne potrebbe già trarre le prime conclusioni.
Per questo ti chiedo quanto ha contato la tradizione delle tue origini nella scelta del violino?
Tutto. Al momento della scelta dello strumento musicale non ero ancora consapevole (avevo sei anni) che il violino, e la musica più in generale, sarebbe diventato per me una passione, e poi una professione.
La tradizione musicale del carnevale di Bagolino l’ho da sempre vissuta da dentro, dato che mio padre era ed è un violinista dei sonadùr. L’attento lettore ha indovinato: da piccolo volevo imparare a suonare “Pas en Amùr”. Con il violino, ovviamente…

Cos'è la musica per te?
Cerco di evitare una risposta banale, ad una domanda tanto insidiosa: la musica è qualcosa che può decisamente innalzare la qualità della vita di chi l’ascolta.
 
Quali sono il tuo pregio e il tuo peggior difetto artisticamente?
Sono due facce della stessa medaglia: la costante tensione verso il miglioramento, di per sé un’attitudine assolutamente positiva, e la severità nel giudizio di se stessi, che può rischiare a volte di rivelarsi un freno.
 
Ci vuoi parlare dei tuoi progetti musicali? Hai in serbo qualche novità interessante?
Ci sono un paio di progetti ai quali tengo molto, e che mi rappresentano particolarmente.
Il trio con i jazzisti Mauro Ottolini e Vincenzo “Titti” Castrini (rispettivamente trombone e fisarmonica), un trio assolutamente inusuale nel quale mi trovo a mio agio; ad ogni concerto è un’esperienza nuova, perché siamo veramente liberi di inventare e di seguirci a vicenda su strade inaspettate, cosa resa più spontanea anche dalla mancanza di una sezione ritmica tradizionale. Il gruppo sta riscuotendo un discreto successo di critica e di pubblico, e probabilmente registreremo un disco il prossimo autunno.
 
Un altro progetto è un quartetto - “Camera Oscura” - per il quale ho scritto e sto scrivendo degli arrangiamenti di brani del compositore bresciano del Novecento Franco Margola. Ne risulta una rilettura fra il jazz, la musica classica e la musica di strada… insomma un po’ il riassunto della mia personalità musicale. Anche con questo gruppo ho in programma di registrare un disco nel prossimo autunno-inverno.
 
A domanda secca se ti dico Menuhin, Heifetz, Oistrakh qual' è la prima cosa che ti passa per la mente?
Tre grandissimi violinisti e musicisti, molto diversi fra loro, che hanno giocato un ruolo da protagonista nella storia dell’interpretazione musicale del secolo scorso, con una caratteristica in comune: l’aver sempre vissuto per la musica.
 
C'è un sogno in particolare che ti piacerebbe realizzare?
Essere sempre più libero di esercitare la mia professione artistica senza compromessi.

Sei certamente un giovane talento, ma la tua carriera è già piena di importanti collaborazioni, c'e ne qualcuna che ti ha sorpreso o emozionato particolarmente?
Recentemente mi hanno chiamato per uno dei concerti dell’ensemble del Teatro Grande, come secondo violino. Suonare il quartetto di Debussy (un capolavoro, che già fa piangere solo ad ascoltarlo), al fianco di un primo violino come Klaidi Sahatci (ora Primo Violino solista dell’orchestra della Tonhalle di Zurigo), e degli altri ottimi musicisti che completavano il quartetto è stata un’esperienza artistica davvero profonda e intensa.
 
Come tutti i musicisti, sicuramente ti sarai sentito dire spesso alla tua risposta "sono un violinista", "si, ma che lavoro fai?". Hai mai pensato a qualcosa di diverso dalla musica per la tua vita?
No. Beh, in effetti volevo fare l’inventore, come il disneyano Archimede Pitagorico, ma credo di aver cambiato idea intorno agli undici anni… del resto ho imparato ad anticipare certe domande: dopo “sono un musicista”, se c’è un silenzio imbarazzato mi affretto ad aggiungere – di professione!...
 
Siamo alla conclusione, grazie per essere parte dell'orgoglio valligiano e per il tuo prezioso tempo dedicatoci. A te l'ultima parola...
Grazie a voi, sono onorato di essere considerato un orgoglio!
 
di Igor Balasina
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
10/08/2016 09:48:00
L'anima colta e popolare di violino e fisarmonica Dall’etnico al folk, dal tango argentino alla tradizione popolare francese, senza rinunciare a qualche escursione nel jazz nel concerto del violinista bagosso Daniele Richiedei in coppia con il fisarmonicista Fausto Beccalossi questa sera a Salò

27/11/2015 11:10:00
Per Richiedei è «L'ora di Bach» Il violinista di Bagolino si esibirà questa sera a Brescia con il Duo Uht formato col pianista Pierangelo Taboni nel primo di tre concerti dedicati all’esecuzione integrale delle sonate per violino e tastiera di Bach

08/01/2010 18:22:00
Al Milestone il pubblico premia il violinista Richiedei Grande performance del violinista valsabbino al Milestone di Piacenza, dove si è disputata una delle semifinali del concorso nazionale Chicco Bettinardi

15/08/2014 08:00:00
Emozioni Un concerto di suggestivo effetto quello andato in scena lunedì 11 agosto a Bagolino, con protagonista il Duo Perfetto, con il violinista di casa Daniele Richiedei e il chitarrista Matteo Mantovani

14/02/2018 09:04:00
Daniele Richiedei al Grande con Myung-Whun Chung Il violinista di Bagolino si esibirà a Brescia con l’Ensemble del Teatro Grande insieme al grande direttore d’orchestra stavolta nell’inusuale veste di pianista



Altre da Valsabbia
16/12/2018

Avis, un nuovo anno di donazioni

Con i migliori auguri ai volontari e a tutti voi per le prossime festività, le Avis valsabbine comunicano le date delle donazioni per il 2019


15/12/2018

Buon Natale da Avis

Per esprimere veramente la summa del significato più profondo del donare, del donarsi, un semplice ma significativo racconto


15/12/2018

La Ferrari come Secoval

Maurizio Arrivabene e Riccardo Adami, direttore ed ingegnere di gara della Rossa nazionale, a Idro hanno confrontato modalità di lavoro e sogni, gestione della tecncologia e umanità. Con Secoval, l'azienda di servizi pubblici della Valle Sabbia, che corre per vincere


14/12/2018

Poste rilancia nei piccoli Comuni

Anche una rappresentanza di amministratori valsabbini a Roma per l’incontro di Poste Italiane per presentare nuovi servizi nei Comuni sotto i 5 mila abitanti (2)

13/12/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

12/12/2018

Atlante Lessicale Bresciano

Questo giovedì 13 dicembre verrà presentato in Comunità Montana a Nozza di Vestone il progetto di Fondazione Civiltà Bresciana per promuovere la conoscenza del dialetto bresciano

11/12/2018

Un ringraziamento... per Giacomina

Anche un premio ad una emozionatissima Giacomina Bonomini, ottuagenaria e coltivatore diretto da quando la maggior parte dei suoi colleghi doveva ancora nascere, in occasione della Festa del Ringraziamento che domenica scorsa ha animato la media Valle Sabbia. Photogallery
(2)

09/12/2018

«Lake Idro», non solo Valsabbia

La sinergia fra Valsabbia e Valle del Chiese sul fronte del turismo sta già dando i suoi frutti con numerose iniziative e aumento delle presenze (5)

09/12/2018

Nuova luce in galleria

Dopo una serie di ritardi il 19 dicembre inizieranno i lavori per rifare l’illuminazione dei tunnel del passo del Cavallo fra Valsabbia e Valgobbia


07/12/2018

Corsi per tutti

Al via a partire dalla prossima settimana i corsi del FabLab Valle Sabbia di Villanuova sul Clisi: serigrafia, cucito creativo, Arduino e fotografia digitale



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia