Skin ADV
Sabato 15 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










13.12.2018 Vobarno

13.12.2018 Sabbio Chiese

13.12.2018 Salò

14.12.2018 Vestone Salò

14.12.2018 Barghe Odolo Treviso Bs Mura Capovalle Paitone Valsabbia

13.12.2018 Agnosine

13.12.2018

13.12.2018 Valsabbia Garda Provincia

14.12.2018

14.12.2018 Villanuova s/C Roè Volciano






02 Luglio 2018, 08.43
Bagolino Anfo
Commemorazione

Monte Suello, tanto lontano e ancora così vicino

di Marisa Viviani
Battaglia di Monte Suello, 3 luglio 1866, Terza Guerra di Indipendenza. Sono trascorsi 152 anni da quell'antico avvenimento che fece la storia del nostro Paese. Ma ha ancora senso oggi celebrare fatti tanto lontani nel tempo?
 
Lo scorso sabato 30 giugno si è tenuta la cerimonia di commemorazione della battaglia che risollevò le sorti di una guerra sostanzialmente perduta da parte del Regno d'Italia (dopo le clamorose sconfitte di Custoza e Lissa). La battaglia fu combattuta dall'Esercito Volontario Garibaldino e da reparti di Bersaglieri genovesi e Artiglieria da montagna del Regio Esercito a Monte Suello, nell'area dei Comuni di Anfo e Bagolino. L'esercito austriaco venne respinto oltre il confine tra i due Stati (Ponte Caffaro lo delimitava), nella Valle del Chiese e in Val di Ledro, fino a Bezzecca, dove Garibaldi ricevette l'ordine di fermare la sua avanzata e dove pronunciò il celebre "Obbedisco".
 
Della sanguinosa battaglia, che lasciò sul terreno i corpi di 70 soldati italiani e contò 266 feriti - tra cui lo stesso Garibaldi - e 22 dispersi, si sono conservate memorie vive e un segno tangibile nel sacrario che raccolse i resti dei morti, per la maggior parte giovani volontari provenienti da tutte le regioni, inseguendo l'ideale di unificare l'Italia in un unico popolo.
 
È a quei valori di fratellanza, di alta idealità che spinse tanti uomini e giovani a sacrificare anche la propria vita, che sono dovuti il rispetto e l'umana partecipazione dei contemporanei; perciò sì, ha ancora senso oggi onorare con il ricordo chi ha lasciato sul nostro territorio e nella nostra memoria il segno del suo passaggio nella storia.
 
Anche quest'anno la celebrazione è stata organizzata dall'Associazione Capitolium, che ha in carico la custodia dell'Ossario di Monte Suello; rappresentanti di associazioni d'arma, accompagnatori e semplici cittadini hanno presenziato alla cerimonia. Il picchetto d'onore per l'alzabandiera e la deposizione della corona d'alloro presso il sacrario è stato affidato all'Associazione Nazionale Carristi, sezione di Brescia; molto orgoglio è stato espresso dal suo presidente Rosalino Sarotti, per questo primo incarico ufficiale della commemorazione.
 
Erano inoltre presenti: il sindaco di Anfo Umberto Bondoni; Artiglieri e Alpini di Ponte Caffaro; Fanti e Alpini di Bagolino; Sezione Alpini "Monte Suello" di Salò; Associazione Nazionale Fanti con il Presidente Provinciale Olivo Dorosini, il Consigliere Nazionale Vincenzo Ferrero, e il Comitato Patronesse sezione di Puegnago; Associazione Nazionale Marinai d'Italia, Gruppo Idro Vallesabbia e Sezione di Brescia, Associazione Nazionale Paracadutisti, Sezione Lago d'Idro; gli Alpini di Anfo erano rappresentati da Edoardo Capelli, a cui va il ringraziamento per il lavoro di manutenzione del sacrario.
 
Il Presidente dell'Associazione Capitolium, Federico Vaglia, coadiuvato dal suo vice Sergio Masini, hanno fatto da guida alla visita del sacrario, mettendo a disposizione del pubblico il materiale informativo pubblicato dall'associazione.
 
Sappiano, o ricordino, tutti coloro che passano davanti a questo sacrario, che stanno attraversando i luoghi della nostra storia. Riportiamo qui le parole di Alfredo Bonomi, pronunciate nel 2016, in occasione del centocinquantesimo della Battaglia di Monte Suello:

"150 anni: ma la storia continua a parlare. (..) I giovani che hanno lasciato la vita su questo aspro monte credevano in qualcosa. Questo atto di ricordo è un appuntamento con chi ci ha lasciato, che serve alle comunità per pensare, alla Nazione per riflettere, in un mondo che è completamente diverso, ma l'uomo è sempre uomo e nei valori si ripete."

L'Associazione Capitolium, presieduta da Federico Vaglia, col sostegno del vicepresidente Sergio Masini, oltre ad aver promosso studi, manifestazioni, incontri culturali, pubblicazioni e vari eventi al fine di raccogliere il denaro necessario al recupero dell'Ossario di Monte Suello, è attiva in campo culturale anche a Brescia, dove è impegnata nello studio del cimitero monumentale Vantiniano, nel restauro delle lapidi e nel recupero del suo patrimonio storico-artistico. Ha in attivo 62 lapidi già restaurate, e in programma il recupero di un'importante lapide relativa alla Battaglia di Solferino e San Martino.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/07/2016 07:28:00
E la ricerca continua La mostra “Bagolino terra di confine”, allestita da Habitar in sta terra e curata da Flavio Richiedei, mette in luce elementi documentali inediti che modificano la conoscenza della partecipazione avuta dalla comunità di Bagolino alla Terza guerra d’Indipendenza

29/06/2018 09:33:00
A Monte Suello per la battaglia del 3 luglio Si terrà questo sabato 30 giugno ad Anfo, presso il monumento ossario di Monte Suello, la commemorazione della battaglia garibaldina della Terza guerra d’indipendenza

01/08/2016 13:50:00
Garibaldini e Schützen uniti nel ricordo Significativo incontro sabato ad Anfo, presso l’Ossario di Monte Suello, fra le Camicie rosse dei Garibaldini e gli Schützen del Tirolo, nel 150° della famosa battaglia della Terza guerra d’Indipendenza • Video


08/07/2016 08:19:00
Cosa c'è dietro una lapide Percorrendo la strada che dal bivio di S.Antonio porta a Bagolino, e superato l'Ossario di Monte Suello, si trovano una lapide e vari cippi posati ai margini della via a testimonianza e ricordo dei caduti della sanguinosa battaglia che di quella località prese il nome, Monte Suello, appunto.

14/07/2016 13:43:00
Garibaldi 1866 Studiosi bresciani e trentini a confronto questo venerdì sera a Ponte Caffaro sulle vicende legate alla Terza guerra d’Indipendenza, nell’ambito delle celebrazioni per 150esimo anniversario della battaglia di Monte Suello



Altre da Bagolino
12/12/2018

Una mostra sui diritti umani

Nel giorno del 70° anniversario della Dichiarazione universale dei diritti umani gli alunni della classe quinti della Primaria di Ponte Caffaro hanno realizzato una mostra frutto di un interessante progetto didattico
. Galleria Fotografica


12/12/2018

Aspettando Santa Lucia

La Santa più amata dai bambini farà tappa, nella giornata di oggi – 12 dicembre – in diversi paesi valsabbini. Non mancheranno, come da tradizione, tè, vin brulè, cioccolata calda e piccoli doni  

11/12/2018

E luce fu

E luce fu. Ma non Quella. Più semplicemente quella della rete elettrica, danneggiata in estate a causa di un fulmine  (1)

10/12/2018

Le Colombine di Santa Lucia

Una tradizione che è nel cuore dei Caffarese che ogni anno si rinnova nel giorno della festa della santa più amata dai bambini (1)


09/12/2018

«Lake Idro», non solo Valsabbia

La sinergia fra Valsabbia e Valle del Chiese sul fronte del turismo sta già dando i suoi frutti con numerose iniziative e aumento delle presenze (5)

08/12/2018

Segui la Stella Cometa, arriverai al Borgo dei Presepi

Con la cerimonia di accensione dell'albero di Natale questo sabato pomeriggio in piazza Marconi, prendono il via anche a Bagolino le iniziative che accompagneranno tutto il periodo natalizio

03/12/2018

Artiglieri di Ponte Caffaro in festa

Domenica 2 dicembre gli Artiglieri di Ponte Caffaro hanno festeggiato la loro patrona Santa Barbara

01/12/2018

Artiglieri in festa per Santa Barbara

Questa domenica 2 dicembre la sezione di Ponte Caffaro degli Artiglieri d'Italia festeggia la loro patrona con una festa a cui sono invitate tutte le associazioni d'Arma della zona

29/11/2018

Fondi regionali per frane e viabilità

Anche cinque comuni valsabbini fra i beneficiari dei finanziamenti del bando regionali per i piccoli comuni per la manutenzione straordinaria di strutture e infrastrutture pubbliche


29/11/2018

Bagolino: danni per 12 milioni di euro

A un mese dall'evento eccezionale che in tutta la Valle Sabbia ha spazzato via centinaia di ettari di foreste e non solo, Bagolino, il Comune più colpito, ha concluso la stima dei danni




Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia