Skin ADV
Martedì 21 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.08.2018

19.08.2018 Prevalle

19.08.2018 Valtenesi

19.08.2018 Garda

20.08.2018 Garda

19.08.2018 Anfo

20.08.2018 Valtenesi

20.08.2018 Bione

19.08.2018

20.08.2018 Sabbio Chiese Provaglio VS Barghe



04 Ottobre 2017, 10.33
Bagolino Anfo
Gente di Vallesabbia

«La Valle Sabbia rivoluzionaria e napoleonica»

di Giancarlo Marchesi
Anticipiamo ai lettori di Vallesabbianews, la parte dell'intervento di Giancarlo Marchesi alla prima serata di “Gente di Vallesabbia”, dedicato all’edificazione della Rocca d’Anfo napoleonica

Venerdì 6 ottobre alle 20.30 si apre a Ponte Caffaro l'annuale ciclo d'incontri «Gente di Vallesabbia», promosso dall'Associazione Artistica Culturale Eridio, con intervento di Giancarlo Marchesi dal titolo: «La Valle Sabbia rivoluzionaria e napoleonica».

Anticipiamo ai lettori di Vallesabbianews, dall'intervento del nostro collaboratore, la parte dedicata all’edificazione della Rocca d’Anfo napoleonica.


La facilità con la quale nella primavera del 1799 gli austro-russi riuscirono a superare le postazioni di confine della Cisalpina indusse i responsabili della nuova Repubblica italiana a rivedere l’apparato difensivo statale. Grazie a questa decisione, presero il via nel territorio della nuova compagine statale importanti opere pubbliche di carattere militare che segnarono l’economia del primo decennio del XIX secolo.

La Valle Sabbia fu inclusa tra i zone che beneficiarono di questi interventi, tanto che i responsabili del ministero della Guerra e gli ingegneri dell'esercito francese tornarono a prendere in considerazione i progetti predisposti al tempo della prima Repubblica cisalpina, volti a creare un adeguato sistema difensivo nei pressi del villaggio di Anfo.

Al progetto si dedicarono alcuni dei più importanti rappresentanti dell'esercito transalpino: dal generale Chasseloup-Laubat, al capo di battaglione del Genio François Nicolas Benoît Haxo, uno degli ingegneri migliori, che univa all’esperienza militare preziose conoscenze scientifiche. Su invito del generale Chasseloup-Laubat, Haxo si recò ad Anfo, restando favorevolmente colpito dalla bellezza del luogo.

Mettendo a frutto la formazione ricevuta all’École polytechnique, dopo ricognizioni durate lunghe settimane, Haxo realizzò una planimetria del luogo, rappresentata da curve di livello, alla quale seguì il progetto di un forte in grado di ospitare sia un porticciolo, sia un fortino, con lo scopo di dominare la strada che conduceva in Tirolo.

Nel marzo 1802, il comitato delle Fortificazioni riunitosi a Parigi esaminò il progetto elaborato da Haxo e, pur considerandolo eccellente, propose una esecuzione riveduta dello stesso, nel timore che comportasse una spesa troppo impegnativa per le finanze statali. I molteplici impegni di Haxo, non permisero all’ingegnere di seguire il progetto, che fu affidato al colonnello François-Joseph-Didier Liédot.

Il nuovo responsabile, usando con maestria gli innovativi saperi della geometria descrittiva, seppe definire una nuova configurazione dell’erigenda fortezza fondata su studi approfonditi del sito e della sua particolare topografia. Grazie a queste attente analisi progettuali, nell'estate del 1802 furono intrapresi i primi lavori per la realizzazione della fortezza. Fino alla fine del 1805, vennero mobilitati tecnici e semplici operai per far saltare blocchi interi di roccia, creare i sentieri, realizzare sbancamenti ed erigere le numerose costruzioni previste dal progetto, con una spesa di oltre un milione e cinquecentomila franchi.

Nei villaggi della Valle Sabbia furono reclutati centinaia di manovali e le comunità poste nei pressi dell'erigenda fortezza (Anfo e Bagolino) dovettero collaborare con i responsabili della costruzione per garantire adeguati rifornimenti di generi alimentari e materiale da costruzione. La fase più attiva del cantiere durò dall’estate 1802 alla fine del 1805, poiché il passaggio dalla Repubblica al Regno d’Italia e soprattutto la pace di Presburgo (26 dicembre 1805), che estrometteva l’Austria dalla Penisola, fecero perdere all’erigenda rocca gran parte della sua importanza strategica.

Posta a presidio di un confine
ormai lontano dai teatri militari più strategici, i lavori furono fermati su ordine dello stesso Napoleone Bonaparte. Solo nel 1808, dopo numerose proposte, il generale Chasseloup-Laubat ottenne di portare a termine il progetto, seppure in forma ridotta. Tuttavia da quel momento vennero eseguiti solo semplici lavori di manutenzione, che avevano l’unico scopo d’impedire la rovina delle opere e delle costruzioni esistenti.

Due anni dopo, nel 1810, a seguito del trattato di Parigi tra la Baviera e la Francia, il Trentino e l’Alto Adige furono inglobati nel Regno andando a formare il dipartimento dell’Alto Adige. Con l’estensione a nordest dei confini italici, la Rocca d’Anfo finì per sorvegliare una frontiera «morta» e il suo sorprendente progetto non fu mai ultimato, ma per tutta la prima metà del XIX secolo fu preso a modello tanto teorico quanto pratico dagli ingegneri militari europei.


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
20/02/2015 12:45:00
Anche la Rocca d’Anfo nel mirino del Fai Con 1198 voti e la 235° posizione a livello nazionale, l’antica fortezza di Anfo potrebbe essere oggetto di un progetto del Fai (Fondo Ambiente Italiano)

22/06/2017 08:26:00
Che «s_passo» di Rocca! Prendono il via domenica 25 giugno le visite guidate rivolte a bambini e famiglie, nell’ambito del progetto di valorizzazione turistica della Rocca d'Anfo che vede coinvolto il Sistema Museale della Valle Sabbia in collaborazione con la coop. La Melagrana

13/07/2009 07:00:00
Rocca d’Anfo, «un progetto per superare la crisi» Prima uscita valsabbina per il presidente della Provincia Daniele Molgora alla presentazione di un libro sulla Rocca d’Anfo. Occasione per illustrare alcune idee sul progetto di recupero del complesso militare.

13/07/2015 08:39:00
Rocca d’Anfo, «un progetto per superare la crisi» Così avevamo intitolato un articolo pubblicato il 13 luglio 2009, raccontando della visita dell'allora neoeletto presidente della Provincia Daniele Molgora alla Rocca d'Anfo, in quei giorni in fermento. Sono passati sei anni


03/03/2015 07:00:00
Luoghi del cuore, ma abbandonati La Rocca d'Anfo supera i 1000 voti per il FAI, ma è chiusa dal 2011



Altre da Bagolino
17/08/2018

Pesca grossa per Carlotta

Una trota da record quella pescata da una bimba di 4 anni nelle acque di un torrente in quel di Bagolino

17/08/2018

Eutrofizzazione e meromissi

«Che cosa sta succedendo al lago d’Idro?» il grido d’allarme arriva corredato di fotografie da un “residente estivo” dell’area dei Tre Capitelli, a Idro (3)

16/08/2018

Detenzione ai fini di spaccio

Nei guai un 19 enne di Bagolino, sorpreso a Storo dai carabinieri con l’hashish negli slip (2)

15/08/2018

C'è la fibra ottica, ma telefonare è sempre un problema

A quattro anni dalla posa della fibra ottica, la telefonia nell'alta Valle del Caffaro ancora ripercorre canoni tecnici obsoleti
(2)

15/08/2018

Proposte per tutti a Bagolino

Dai tradizionali mercatini alle escursioni, dalla musica agli intrattenimenti culturali nella ricca proposta per la settimana di Ferragosto nel borgo montana valsabbino

13/08/2018

Le cozze del lago d'Idro

Anche le acque dolci del lago sono un ambiente adatto per la crescita di particolari molluschi, come quello ritrovato sulle rive dell’Eridio a Ponte Caffaro. Lo sapevate? (4)


11/08/2018

Smarriti in Bruffione

Brutta avventura per due turisti stranieri che si erano persi in alta montagna, recuperati dal Soccorso alpino con l’ausilio dell’elicottero per i voli notturni


11/08/2018

La Grande Guerra è ancora tra noi

Nel centenario della fine del primo conflitto mondiale, l’associazione Habitar in sta terra di Bagolino dedica due mostre e una serie di iniziative per ricordare i tragici fatti della guerra

09/08/2018

A caccia di stelle cadenti

Si trasferirà quest’anno alla Piana del Gaver l’appuntamento per la notte di San Lorenzo del 10 agosto organizzato dalla Pro loco di Bagolino



07/08/2018

Morte e rinascita del cigno

È stata inaugurata sabato scorso, 4 agosto, a Bagolino, la Mostra "Morte del Cigno", che vede tre donne esporre le proprie opere
• Photogallery


Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia