Skin ADV
Sabato 20 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








18.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

18.04.2019 Idro Valsabbia

19.04.2019 Vestone

18.04.2019 Vestone Valsabbia

19.04.2019 Sabbio Chiese Odolo

19.04.2019 Bagolino

19.04.2019 Valtenesi

19.04.2019 Casto

18.04.2019 Treviso Bs

18.04.2019 Serle






14 Agosto 2016, 08.00
Bagolino
Musica

San Gervasio, il fratello Protasio e il concerto nel bosco

di Marisa Viviani
Il suggestivo eremo dei SS. Gervasio e Protasio a Bagolino ha fatto da cornice per il secondo anno consecutivo a un concerto nel bosco sottostante organizzato dall'associazione culturale Habitar in sta terra

C'è una chiesetta, con eremo annesso, aggrappata ad un costone di roccia che guarda verso il paese di Bagolino. E' dedicata ai santi Gervasio e Protasio, comunemente chiamata soltanto chiesa di San Gervasio, ma proprio per questo motivo, come ha sottolineato Luca Ferremi  "Bisognerebbe imparare a denominare oltre a San Gervasio anche San Protasio, anche se essendo fratelli gemelli si saranno forse scambiati l'identità qualche volta!".

Giochetto che, è risaputo, i gemelli fanno spesso fingendosi l'uno al posto dell'altro, ma chissà, trattandosi di due santi concediamo il beneficio del dubbio in merito alla loro serietà identitaria e diamo anche a Protasio ciò che è di Gervasio.

Diremo a questo punto che l'associazione Habitar in sta terra ha organizzato una manifestazione culturale che ha visto la Chiesa dei SS. Gervasio e Protasio al centro dell'iniziativa. Raggiunta la chiesa attraverso un sentiero che si snoda sulle pendici del monte (un'ora circa partendo dal paese), i visitatori hanno potuto contemplare innanzitutto la splendida vista di Bagolino nella sua completa estensione e della Valle del Caffaro nella prospettiva della destra orografica, e poi ammirare l'eremo e la sua chiesa, che tanto cari sono alla gente di Bagolino.

Qui il presidente di Habitar in sta terra, Luca Ferremi, ha intrattenuto il pubblico intervenuto con una spiegazione sulle origini della chiesa e sulle tradizioni ad essa legate, di cui la più curiosa è senz'altro quella sulla nascita dei bambini. Secondo la leggenda infatti i bambini nascevano nella cisterna dell'eremo, venivano raccolti dall'eremita che li consegnava alle famiglie destinate, e ne riceveva in cambio un obolo: se il bambino recapitato era un maschio un pezzo di formaggio, se era una femmina una ricotta, a dimostrazione che la discriminazione sessuale è cosa antica, anche quando passa attraverso il valore  dei prodotti caseari.

Sarebbe lungo ripercorrere la storia, i pregi artistici, le leggende, le traversie di questo  eremo che resta per la gente di Bagolino un autentico luogo del cuore; ci basta suscitare  nei lettori una curiosità che li porti ad assistere di persona alle visite guidate che periodicamente Habitar in sta terra organizza per far conoscere questo piccolo gioiello di storia, arte, devozione popolare; e di vita reale, concreta, dura che fino a tempi non lontani del '900 vedeva il luogo abitato da due eremiti (un bando di concorso comunale del 1804 assegnava all'eremita l'abitazione, un sacco di sementi, una capra e il diritto alla questua settimanale).

Dagli anni '70 un piano di recupero della chiesa e dell'eremo, dopo alcuni anni di abbandono e purtroppo di vandalismo, è stato avviato grazie al lavoro di tanti volontari; gli Alpini e il CAI ne mantengono oggi praticabile il sentiero di accesso e provvedono alla manutenzione generale, mentre le visite guidate provvedono a tenere alta la conoscenza di questo posto così ricco di fascino, che meriterebbe un'attenzione anche da parte del FAI come luogo del cuore, un cuore che qui ancora non ha cessato di battere e viene tenuto in vita dal tenace attaccamento delle sue genti.

L'Associazione culturale Habitar in sta terra ha organizzato così per il secondo anno, oltre alla visita guidata alla Chiesa e all'Eremo dei S.S. Gervasio e Protasio, un concerto nel bosco sottostante, l'anno scorso tenuto dal coro Sifnos diretto dalla Mª Gloria Busi, quest'anno invece da due giovanissime musiciste, Valentina Comelli voce e Cristina Gaffurini chitarra. Nel quieto palcoscenico verde che il bosco ha messo a disposizione per andare in scena, la musica si è così levata sopra gli alberi, sopra le erbe, le rocce, sopra le gioie e i dolori della gente che ascoltava rapita in un silenzio rispettosissimo. Una ninna nanna irlandese di pura melodia ha creato  in apertura un'atmosfera magica che ha tenuto altissima l'attenzione del pubblico partecipante, e in seguito tutti i brani proposti, classici e popolari interpretati.

Il duo Comelli-Gaffurini, che si esibiva in pubblico per la prima volta, è stato una vera rivelazione. La chitarrista Cristina Gaffurini ha entusiasmato sia in accompagnamento che come interprete solista in brani estremamente complessi, dimostrando una padronanza tecnica ragguardevole molto apprezzata dagli spettatori. La cantante Valentina Comelli ha veramente ammaliato con la sua voce calda in interpretazioni molto intense e  appassionate, sostenute dalla speciale sintonia con le note della chitarra, e anche con l'acustica naturale del bosco. Insomma, un duo musicale che avrà un futuro e che speriamo di poter risentire presto.

A conclusione dell'apprezzatissimo concerto, il noto violinista Daniele Richiedei, che a Bagolino ha avuto i natali, e forse anche lui ripescato nella cisterna dei Santi Gervasio e Protasio, si è esibito in trio con le sue giovani colleghe in due brani che hanno confermato come sempre le sue doti di interprete versatile, capace di inserirsi in contesti musicali diversi e improvvisati.

Grande iniziativa quindi da parte di Habitar in sta terra, e graditissima esperienza da parte del pubblico partecipante, che si attende anche per il prossimo anno un'altra manifestazione di alto livello culturale.

Il duo musicale che ha tenuto il concerto si è esibito gratuitamente in favore dell'associazione Habitar in sta terra e della Casa Museo da essa gestita. E anche in onore della Chiesa e dell'Eremo dei SS. Gervasio e Protasio di Bagolino, che dall'alto della corna su cui sono arroccati sorvegliano il paese, così come facevano gli eremiti di un tempo, che lì fungevano anche da guardiani del fuoco, soprattutto dopo il distruttivo incendio che devastò Bagolino nel 1779.


Nelle foto di Luciano Saia: La chitarrista Cristina Gaffurini, la cantante Valentina Comelli, il violinista Daniele Richiedei
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
09/07/2015 16:42:00
Il bosco che canta Per iniziativa dell'associazione culturale Habitar in sta terra, si terrà domenica a Bagolino un concerto dell'Ensemble Vocale Femminile Sifnos

29/06/2017 08:56:00
«Una storia che fu» Domenica pomeriggio presso la chiesa-eremo dei Santi Gervasio e Protasio a Bagolino, uno spettacolo di musiche e parole, con l'attore bresciano Daniele Squassina e il Coro Paolo Maggini di Botticino, promosso dall'associazione Habitar in sta terra

25/05/2016 14:40:00
Ben fatto, Habitar! Nell'agosto di due anni fa, l'Associazione Culturale Habitar in sta terra di Bagolino organizzò una rappresentazione teatrale nello scenario naturale della Piana di Bruffione, con protagonista la “nostra” Marianna Folli

28/12/2015 09:41:00
«VisitAzione Guidata» a Bagolino Una visita guidata insolita dell'antico borgo montano di Bagolino, ricca di significativi e multiformi intermezzi, quella organizzata per questo martedì 29 dicembre dall'associazione culturale Habitar in sta terra

23/06/2014 14:02:00
Continua la tradizione Qualcuno forse non li ha mai sentiti nominare, altri certamente sì, ma fra questi c'è anche chi non ne conosce che i nomi, o poco più. Sono i santi Gervasio e Protasio




Altre da Bagolino
19/04/2019

Bagolino onora Peter Brack

L'amministrazione comunale di Bagolino conferirà la cittadinanza onoraria al prof. Peter Brack, scopritore del Sito Geologico del Chiodo d'Oro di Romanterra. Venerdì 26 aprile la cerimonia in municipio (2)

12/04/2019

«Patto per Bagolino Ponte Caffaro» si presenta

La lista “Patto per Bagolino Ponte Caffaro” candida come sindaco Paolo Zangarini e organizza due serate di presentazione dei candidati alle associazioni lunedì 15 aprile a Ponte Caffaro e mercoledì 17 a Bagolino

11/04/2019

104 candeline per nonna Rita

Tanti auguri a Rita Fusi, decana di Ponte Caffaro, che oggi, 11 aprile, raggiunge la 104 primavere


08/04/2019

Pulizie di primavera

Una quindicina di Penne nere al lavoro sabato mattina a Ponte Caffaro per ripulire il parco antistante la loro sede

06/04/2019

Fra neve e fango

Neve oltre i milledue e tanta acqua al di sotto. E Bagolino che accusa guai. Con piante e fango sulla “vecchia” Sp 669 fra Ponte Prada ed il paese, dove nonostante la strada fosse chiusa c’è rimasta sotto anche un’auto in transito (7)

05/04/2019

Con le dita nel tritacarne

L’infortunio ad una 18 enne stagista di Storo, impegnata in una macelleria a Ponte Caffaro (1)

05/04/2019

Slavina al Gaver

E’ quella conosciuta come “canal rot”, a metà strada fra Valle Dorizzo e la Piana del Gaver. L’allarme è stato dato con buon anticipo da Federico Rota, il nivologo incaricato dalla Provincia (6)


03/04/2019

I sapori vincenti della Valle

Intervista a Sara Scalvini, vincitrice di “Cuochi d’Italia” e direttrice del ristorante e trattoria “del Viandante"

01/04/2019

Finito un ciclo se ne apre un altro

Desolanti le immagini che ci arrivano da Bagolino. Speriamo che si tratti di un momento di transizione
(13)

29/03/2019

Sui sentieri partigiani della Val Caffaro

Da Riccomassimo fino alla località Fontana, sulle tracce della banda Giacomino. E' la proposta per domenica 31 marzo dell'associaizone culturale Doc, la terza della serie


Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia