Skin ADV
Martedì 17 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




Val di Fumo

Val di Fumo

by Luca



16.07.2018 Idro

16.07.2018 Valsabbia

16.07.2018 Vestone

15.07.2018 Vallio Terme

15.07.2018 Vobarno

15.07.2018

17.07.2018 Bagolino Valsabbia

16.07.2018 Bagolino

16.07.2018 Agnosine

16.07.2018 Storo



15 Ottobre 2016, 08.00
Bagolino
Musica

Cantando s'impara

di Marisa Viviani
I più esperti e informati già conoscevano, ma per il pubblico che per la prima volta ha assistito al 1° Festival dei Canti di Osteria che si è svolto nei giorni scorsi a Bagolino, la presentazione che ne hanno fatto Gli Zanni è stata una vera e propria lezione sul canto popolare

Non per nulla infatti questo gruppo bergamasco è costituito nell'Associazione Culturale Gli Zanni di Ranica (BG), che da oltre 40 anni ricerca e studia le varie espressioni della cultura popolare, traducendole in forma teatrale. Lavoro iniziato come raccolta di testimonianze orali tra contadini e operai, alcuni nati anche a fine '800, e portatori quindi di una cultura antica e partecipi di fatti storici rilevanti, come la trasformazione industriale, l'emigrazione, la Grande Guerra, il Ventennio Fascista, la Seconda Guerra Mondiale, e memoria storica di vicende tramandate in famiglia ancor più lontane nel tempo.

Tale ricerca ha consentito quindi di individuare le varie forme della cultura popolare, di cui il dialetto è l'espressione che tutte le rappresenta e le unifica; così il cibo e la cucina, i lavori agricoli e l'artigianato, le storie e le leggende, i detti e i proverbi, e naturalmente la musica, il canto e i balli.

Era quasi matematico allora che tra Gli Zanni e la terra di Bagolino, tanto ricca di tradizioni, si instaurasse una conoscenza, e un rapporto di amicizia che dura dal 1976, come ha ricordato Nerio Richiedei, che da sempre tiene i collegamenti tra queste due realtà, bergamasca e bresciana.

Il tema del festival era il canto d'osteria, pertanto la breve introduzione che ne è stata fatta ha toccato a mo' di esemplificazione i vari argomenti che si ritrovano nel canto popolare.

Le ninne nanne e le filastrocche, i cui testi avevano anche funzione propedeutica alla vita e all'apprendimento dei saperi più elementari, come contare e imparare parole, esercitando la memoria per la conoscenza orale, essendo la popolazione per lo più analfabeta; i canti su tema religioso, innumerevoli; i canti del lavoro (agricoli, di risaia, di fienagione, di miniera, di filanda, di artigianato); e poi i canti alpini e di guerra, in forme diverse tutti contro la guerra; le ballate di narrazione di storie varie; i canti di osteria, riservati ad un pubblico adulto ed essenzialmente maschile, per non offendere o dare scandalo alle donne e soprattutto ai bambini con testi troppo liberi ed espliciti.

I luoghi dove si cantava erano la stalla in inverno, dove la sera si riunivano le famiglie per dire il rosario, eseguire lavori di maglia e cucito, costruire piccoli attrezzi in legno, raccontare storie e cantare, godendo del tepore creato dal bestiame, essendo le case prive di riscaldamento; l'aia, il vigneto, i campi durante i lavori agricoli; le feste e le sagre, i matrimoni e le feste famigliari, i posti di lavoro, come la risaia e la filanda praticati essenzialmente da donne; e naturalmente le osterie, luoghi maschili per eccellenza.

Tanto altro si potrebbe dire sul canto popolare, e forse Gli Zanni o altri cultori e studiosi di quest'arte avranno occasione di illustrare in analoghe manifestazioni canore, e auspicabilmente ancora a Bagolino, poiché il 1° FESTIVAL DEI CANTI DI OSTERIA ha portato molti elementi di interesse che fanno ben sperare per una prosecuzione della manifestazione anche per gli anni a venire.

Il lavoro del gruppo Gli Zanni è certo servito a riconoscere dignità e valore alla cultura popolare, da sempre sottovalutata e guardata con sufficienza dagli ambienti colti, infatti oggi l'interesse per quella realtà è assai diffuso; ne è dimostrazione questo 1° FESTIVAL DEI CANTI DI OSTERIA che ha riunito a Bagolino cori spontanei di canto dalla Val Sabbia e dal parmense. Per dovere di ospitalità e per vero interesse culturale vogliamo riservare proprio agli ospiti del coro Cantamaggio Alta Val Ceno di Molino d'Anzola (Comune di Bedonia, Parma) alcune note sulla loro realtà corale.

Cantamaggio è una tradizione centenaria tipica dell'area appenninica tosco-ligure-emiliana, ma anche delle Marche, Umbria, Molise, Piemonte, Lombardia, che affonda le sue radici nei riti pagani della fertilità e della terra. Dalla ricerca effettuata dagli appassionati del canto corale locali, è risultato che fin dall'origine il coro era misto, come attualmente; tale tradizione subì una interruzione a cavallo degli anni '20 e fu ripresa negli anni '60, riscuotendo negli ultimi tempi un notevole apprezzamento da parte della comunità e del pubblico.

Il 1° Maggio era, ed è, consuetudine di recarsi presso le famiglie del paese, di casa in casa per cantare un tipico canto a scopo augurale per la fertilità e le nascite, per i matrimoni, per i raccolti, per la buona fortuna e la salute; il canto lunghissimo viene adattato nella scelta delle strofe alle circostanze specifiche degli ospiti; anticamente era d'uso anche piantare nel terreno degli orti una croce a fine protettivo e propiziatorio. Alla fine del canto viene effettuata la questua, si raccolgono in un cesto le offerte in beni della natura donati dagli ospiti. Il Cantamaggio è accolto dalla comunità con grandi feste, banchetti e gioia dall'alba al tramonto, rappresentando un momento di autentica partecipazione e condivisione dei bei momenti di socialità.

Attualmente il coro Cantamaggio è composto da circa 40 coristi con accompagnamento musicale con la fisarmonica; i coristi indossano un cappello di paglia ornato di fiori, in omaggio all'estate che arriva. Nel mese di maggio del 2017, nel paese di Molino d'Anzola si raduneranno una quindicina di gruppi corali della zona per intonare la Canzone di Maggio e proseguire la bella tradizione di canto e di augurio per la buona stagione e per la vita di tutti gli abitanti sparsi su quei monti (Molino d'Anzola è ubicato a circa 1.000 metri di altitudine e i paesi del circondario sono tutti centri montani).

Questa e tante altre tradizioni presenti tutte le regioni vengono salvaguardate dall'essere dimenticate e perdute, grazie  all'encomiabile lavoro di ricerca, studio e proposta di gruppi corali, che divengono così, secondo la felice definizione de Gli Zanni, "custodi e divulgatori di cultura popolare, non per fare apologia del bel tempo andato, che tanto facile poi non era, ma per recuperare il buono che c'era, vale a dire la cultura partecipata."

Insomma stare in compagnia, comunicare con le persone vicine, partecipare agli eventi del mondo in tutte le sue molteplici espressioni, riunirsi con gli amici e i parenti ritrovando il gusto per le abitudini e i piaceri semplici, e un ritmo della vita che corrisponda ai nostri bisogni profondi, tra i quali la socialità è certamente tra i prioritari. E magari fare anche una cantata tutti insieme, che fa bene all'umore e all'equilibrio interiore, lo dice anche la scienza moderna.

E allora appuntamento al 2° FESTIVAL DEI CANTI DI OSTERIA che si terrà l'anno prossimo a Bagolino, dove la cultura partecipata è ancora presente, e dove stare in compagnia è un'abitudine connaturata che resiste agli insulti dei tempi tecnologici.


Fotogallery

Nelle foto di Luciano Saia: Nella foto di gruppo i Cinque cori partecipanti al 1° FESTIVAL DEI CANTI DI OSTERIA a Bagolino: Coro Beorum e Coro Ciclamino di Bagolino, Cantori di Serle e Vallio Terme, Amici di Sabbio Chiese, e Cantamaggio Alta Val Ceno di Molino d'Anzola (Comune di Bedonia, Parma); nella photogallery scene di canto dei cori partecipanti con pubblico
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
03/10/2017 09:52:00
Scaldate l'ugola, si canta Non si chiamerà più Festival, ma Rassegna dei Canti da osteria la manifestazione canora che sabato 14 ottobre ospiterà i gruppi corali che canteranno per le vie di Bagolino, intrattenendo residenti, turisti, appassionati di canto popolare

12/11/2015 17:00:00
Un festival per i canti di strada? Riusciranno gli appassionati del canto popolare spontaneo a trasformare la prima uscita dei gruppi corali nelle strade e nelle osterie in un vero e proprio festival?

07/10/2016 09:27:00
1° Festival dei Canti di Osteria, si parte Gli estimatori dei canti popolari, tradizionali, folklorici e di montagna si ritroveranno questo sabato 8 ottobre a Bagolino in occasione della festa della Transumanza

18/10/2017 09:20:00
Canti e Transumanza, un'accoppiata vincente È stato veramente un successo. L'accoppiata di Canti di Osteria e Transumanza funziona, come ha ben dimostrato il fine settimana bagosso all'insegna dell'integrazione tra le due riuscitissime manifestazioni.

12/10/2017 11:25:00
Fine settimana a Bagolino fra canti e Transumanza Un doppio appuntamento terrà banco nel weekend nel paese montano valsabbino: la 2ª Rassegna dei Canti di Osteria e la festa dedicata al mondo rurale e al rientro delle mandrie dall'alpeggio




Altre da Bagolino
17/07/2018

Alla scoperta del mondo rurale

Mungere le capre nelle Pertiche e un’esperienza in malga a Bagolino fra le proposte rivolte ai turisti sul lago d’Idro

17/07/2018

C'era una volta la Posta a Ponte Caffaro

«Buongiorno. Vorrei disturbare un momento per sottoporre alla vostra attenzione una situazione che ormai inizia ad essere paradossale. Proprio così...»
(1)

17/07/2018

L'alpino Stefano è «andato avanti»

Si terranno questo giovedì a Ponte Caffaro i funerali di Stefano Salvadori, uno degli alpini più anziani delle penne nere caffaresi

17/07/2018

Giovedì in festa con «Ponte Caffaro by Night»

Torna puntuale anche quest’anno l’iniziativa messa in campo dall’associazione “Amici del Turismo” e dal Comune di Bagolino per animare l’estate di Ponte Caffaro 

16/07/2018

Tra serpi, draghi e mostri vari

All'attacco del sentiero che conduce all'Eremo di San Gervasio, in località Fól, una sorpresa attende il camminatore che si accinge a intraprendere la salita: una serie di serpenti linguacciuti, draghi strabici, bestie orcute, fauni ghignanti, che solo nominarli potrebbero turbare le sensibilità più delicate  (1)


14/07/2018

Povera vecchia Guzzi

E’ andata a fuoco dopo la caduta. Per fortuna pochi danni fisici per la donna che era alla guida della motocicletta (1)


11/07/2018

Daniele e la specializzazione in... agrofauna

Complimenti a Daniele Beltrami, di Ponte Caffaro, che nei giorni scorsi ha superato brillantemente l'abilitazione statale di Agronomo con specializzazione in Gestione della fauna selvatica e del territorio (1)

10/07/2018

Eremo di San Gervasio, luogo del cuore

Questa la cornice del Raduno alpino di Bagolino, un evento tradizionale a cui i bagossi sono legati da un’affezione che si trasmette di generazione in generazione 



07/07/2018

Grave 17enne caduto in bici sulle montagne della Valle Sabbia

Il ragazzo è caduto con la sua due-ruote ed è finito in una scarpata, scivolando per decine di metri. Grave un ragazzo di 17 anni

07/07/2018

«Amici del Turismo» all'opera a Ponte Caffaro

La Pro Loco si rinnova e nasce una nuova associazione giovanile pronta a dare risalto al territorio con nuove iniziative, idee e progetti concreti 


Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia