Skin ADV
Giovedì 25 Aprile 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Monumento alla Pace

Monumento alla Pace

di Gruppo Alpini Storo



24.04.2019 Villanuova s/C

23.04.2019 Vestone

23.04.2019 Salò

23.04.2019 Bione Provincia

23.04.2019 Pertica Bassa

24.04.2019 Paitone

23.04.2019 Val del Chiese

24.04.2019 Val del Chiese

23.04.2019 Storo

25.04.2019 Sabbio Chiese Villanuova s/C






06 Novembre 2018, 11.40
Bagolino
Maltempo

Bagolino si riprende, ma restano molti problemi

di Marisa Viviani
È cessata l'emergenza a Bagolino, ma restano pesanti problemi che potranno essere risolti in tempi medio-lunghi e con investimenti consistenti. Pericolo per i fili elettrici a terra

Si cominciano a definire i danni subiti dai privati, che nei giorni scorsi sono riusciti a raggiungere le proprietà in montagna per constatare le conseguenze del ciclone che ha investito la Valle del Caffaro. Risultano danneggiate varie cascine e malghe, come malga Mignolo completamente scoperchiata, anche con crolli di muri; danni alle cascine anche in località Colégnä. La zona di Istü´ non è tuttora raggiungibile con automezzi attraverso la strada consorziale, inagibile per crollo di alberi, e difficilmente percorribili sono anche i sentieri ostruiti da piante e rami caduti. La strada per il Maniva è interrotta a livello del Baràrd per smottamenti.

In paese non si sono verificati danni rilevanti; una casa in via Siano è interessata invece da un cedimento del terreno a livello del basamento, con rischio per la statica e di caduta materiale sulla sottostante strada di accesso al paese, che è in quel punto interrotta dalla posa di new jersey, ma comunque ancora ostruita dagli alberi caduti e solo in parte rimossi.

Come constatato immediatamente dopo il passaggio del ciclone, la zona più colpita è stata la località Cerreto, dove molte abetaie e boschi misti sono stati rasi al suolo o completamente capitozzati, conferendo al paesaggio un aspetto spettrale. Molto preoccupanti sono le condizioni della strada che da via Siano porta a Cerreto, dove si sono verificati vari cedimenti dei margini stradali, causati dalle piante estirpate dal vento fin dalla ceppaia, che ha lasciato buche nel terreno. La strada è percorribile con cautela anche dagli automezzi, ma dovrà essere messa in sicurezza, soprattutto in vista dell'inverno, che accentuerà lo sbriciolamento e il dilavamento del terreno con gli smottamenti conseguenti.

Pone anche una forte preoccupazione la condizione della strada che da Cerreto porta a Riccomassimo, tuttora chiusa all'altezza del Dos dèlä Pòrtolä; questa strada, che già in condizioni normali poneva problemi di sicurezza, presenta oggi solchi e buche causate dallo sradicamento delle piante e pericolo di smottamenti a monte e a valle, e non è percorribile. Con la chiusura di questa strada Bagolino perde una via accessoria importantissima per la Val Sabbia e per la Valle del Chiese in caso di emergenza viaria sulla strada principale, che collega il paese con San Antonio e la statale per Brescia e Trento.

Era già accaduto in passato che, essendo interrotta la provinciale per frane, il traffico veicolare venisse dirottato su questa strada stretta e priva di barriere efficaci nei numerosi punti esposti, con disagi e apprensioni nell'incrocio tra due o più mezzi, peggio se con il buio. È incontestabile che questa strada rappresenti una via di accesso al paese in caso di emergenza, ma proprio perché vitale per tutta la comunità dovrà essere posta al centro dell'attenzione delle amministrazioni coinvolte, di Bagolino e Storo, ma anche della Comunità Montana di Valle Sabbia e della Provincia di Brescia, perché i fondi per una sistemazione decente e soprattutto per la messa in sicurezza dovranno essere assolutamente reperiti.

Prescindendo da situazioni di eccezionalità, come nel caso dei giorni scorsi, che hanno investito tutta l'area e tutte le strade disponibili, la collocazione geografica di Bagolino impone la presenza almeno di due vie di comunicazione, per evitare l'isolamento del paese in situazioni di inagibilità della provinciale.

I danni provocati dal maltempo hanno interessato in modo particolare la rete elettrica; gli interventi per il ripristino della corrente sono stati tempestivi e oggi una ventina di generatori a gasolio garantiscono il mantenimento di un livello accettabile di servizio elettrico. La sistemazione definitiva della rete comporterà però tempi più lunghi, perché oltre ai tralicci spezzati e ai pali crollati, ci sono chilometri di fili elettrici a terra, aggrovigliati tra i rami degli alberi, che vanno recuperati e riportati nelle posizioni di sicurezza.

A questo proposito c'è un avviso emesso dai Vigili del Fuoco di Bagolino per avvertire la popolazione del pericolo rappresentato dai fili elettrici a terra; tali fili non vanno toccati, né tanto meno rotti, ad esempio nel corso di lavori di taglio con le motoseghe. Alleghiamo questo comunicato, che è già apparso in rete, ma è bene che l'attenzione su tale grave pericolo venga tenuta sempre viva.

L'emergenza dei giorni scorsi ha mobilitato la popolazione di Bagolino, che si è mossa a subito per sgomberare le strade, per tamponare i danni ai tetti, per garantire le attività quotidiane e i lavori; tutti i mezzi meccanici utili alla rimozione dei detriti e delle piante sono stati messi a disposizione e crediamo che la presenza nel paese di tante aziende agricole, e quindi di trattori, carri, pale, per non dire dello spirito montanaro e l'abitudine ad affrontare le difficoltà dell'ambiente, abbia consentito la tempestività degli interventi più urgenti e necessari.

Si ringraziano quindi tutti coloro che hanno lavorato per la comunità, sia la Protezione Civile, che ditte, privati e volontari. Un ringraziamento particolare ai Vigili del Fuoco di Bagolino, che sono intervenuti prontamente in una situazione di totale isolamento dalla centrale di Brescia, poiché i telefoni non funzionavano per comunicare e coordinarsi con gli altri distaccamenti e centri di soccorso; ma soprattutto non funzionavano i ponti-radio interni, fatto non nuovo, ma certamente grave in una situazione di estesa emergenza come quella verificatasi nei giorni scorsi.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78180 - 06/11/2018 16:55:52 (MORETTI.1975) Natura matrigna...
ma i Bagossi sono gente fantastica. Saprete riprendervi, ne sono certa ed io come tanti, saremo presto e ancora, ha godere del vostro splendido paese.


ID78187 - 07/11/2018 08:43:13 (Giacomino) Ogni volta che Bagolino
vede incombere il pericolo di rimanere isolato il pensiero corre alla opportunità di una galleria che dal ponte di Prada bypassi la strada nelle vicinanze dell'ossario del Montesuello. sarebbe la soluzione definitiva e neanche impossibile se pensiamo ai costi affrontati e da affrontare sulla attuale sp 669.


ID78201 - 07/11/2018 12:23:20 (lomedane)
E per fortuna che la luna era buona (non cattiva come qualcuno ha scritto )almeno il legname avrà un po di valore ,



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/10/2018 09:40:00
Ancora danni Tra lunedì e martedì il maltempo ha flagellato pesantemente anche la Valle del Chiese, con capannoni divelti, raccolti distrutti e numerosi interventi da parte dei Vigili del Fuoco di Condino. Soccorsa anche una donna 

09/11/2018 08:15:00
Bagolino: danni per sette milioni Cinquecento ettari di bosco raso al suolo, smottamenti, strade ancora chiuse... La città della montagna bresciana fa il conto dei danni subiti a causa del maltempo in soli due giorni


31/10/2018 07:54:00
Gravi danni per il maltempo a Bagolino Sottovalutata la gravità della situazione causata dal maltempo a Bagolino, considerando la scarsa (nulla?) attenzione riservata dai media a questa zona

08/07/2014 18:55:00
Tanta acqua, pochi danni Il temporale che si è riversato sulla media Valsabbia questo martedì pomeriggio ha messo in crisi gli scarichi delle strade per alcune ore. Un solo intervento però per i Vigili del Fuoco, a Gazzane di Preseglie


14/07/2018 07:45:00
Povera vecchia Guzzi E’ andata a fuoco dopo la caduta. Per fortuna pochi danni fisici per la donna che era alla guida della motocicletta



Altre da Bagolino
21/04/2019

Indagine esplorativa in municipio

Ha fatto un certo scalpore a Bagolino, nei giorni scorsi, la presenza della Guardia di Finanza negli uffici comunali

19/04/2019

Bagolino onora Peter Brack

L'amministrazione comunale di Bagolino conferirà la cittadinanza onoraria al prof. Peter Brack, scopritore del Sito Geologico del Chiodo d'Oro di Romanterra. Venerdì 26 aprile la cerimonia in municipio (3)

12/04/2019

«Patto per Bagolino Ponte Caffaro» si presenta

La lista “Patto per Bagolino Ponte Caffaro” candida come sindaco Paolo Zangarini e organizza due serate di presentazione dei candidati alle associazioni lunedì 15 aprile a Ponte Caffaro e mercoledì 17 a Bagolino

11/04/2019

104 candeline per nonna Rita

Tanti auguri a Rita Fusi, decana di Ponte Caffaro, che oggi, 11 aprile, raggiunge la 104 primavere


08/04/2019

Pulizie di primavera

Una quindicina di Penne nere al lavoro sabato mattina a Ponte Caffaro per ripulire il parco antistante la loro sede

06/04/2019

Fra neve e fango

Neve oltre i milledue e tanta acqua al di sotto. E Bagolino che accusa guai. Con piante e fango sulla “vecchia” Sp 669 fra Ponte Prada ed il paese, dove nonostante la strada fosse chiusa c’è rimasta sotto anche un’auto in transito (7)

05/04/2019

Con le dita nel tritacarne

L’infortunio ad una 18 enne stagista di Storo, impegnata in una macelleria a Ponte Caffaro (1)


05/04/2019

Slavina al Gaver

E’ quella conosciuta come “canal rot”, a metà strada fra Valle Dorizzo e la Piana del Gaver. L’allarme è stato dato con buon anticipo da Federico Rota, il nivologo incaricato dalla Provincia (6)

03/04/2019

I sapori vincenti della Valle

Intervista a Sara Scalvini, vincitrice di “Cuochi d’Italia” e direttrice del ristorante e trattoria “del Viandante"

01/04/2019

Finito un ciclo se ne apre un altro

Desolanti le immagini che ci arrivano da Bagolino. Speriamo che si tratti di un momento di transizione
(13)

Eventi

<<Aprile 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia