Skin ADV
Venerdì 19 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Limonaia a Torri del Benaco

Limonaia a Torri del Benaco

di Paolo Capelli





07 Novembre 2018, 14.30
Anfo Valsabbia
Lettere

Un calcio al razzismo

di Lettera firmata
È l'idea di un gruppo di giovani che, dalle Pertiche alla val del Chiese, hanno deciso di trovarsi il secondo e quinto sabato pomeriggio di ogni mese al campetto da calcio di Anfo per una partita di calcio con i ragazzi ospiti della comunità Tre Casali.

Un calcio al razzismo è l'idea di un gruppo di giovani che, dalle Pertiche alla val del Chiese, hanno deciso di trovarsi il secondo e quinto sabato pomeriggio di ogni mese al campetto da calcio di Anfo per una partita di calcio con i ragazzi ospiti della comunità Tre Casali.

L'idea è nata per abbattere quel muro di ignoranza che fa odiare e diffidare del diverso, per sfatare certi pregiudizi e certe leggende derivanti da una continua e costante campagna di odio, per conoscere i ragazzi ospiti, per creare aggregazione e non ultimo per fare del sano sport.

Abbattere quel muro di ignoranza
che fa odiare e diffidare del diverso sfatando certi luoghi comuni.

Avete mai provato a guardare negli occhi quello che potete considerare diverso?

Beh vi potete solo specchiare, e così accade che quel razzista che dice: "io non voglio immigrati a casa mia" (che poi qui anche loro hanno casa) quando poi ci lavora fianco a fianco in fabbrica spesso dica "a chèl le l'è n brao gnàro".

Per sfatare certi pregiudizi e certe leggende come quella dei 35€ al giorno dati direttamente ai migranti. Chiaramente non è così, il carnet giornaliero che viene dato ai migranti in attesa del riconoscimento è di 2/3€ al giorno e che utilizzano per il sostentamento visto che gli è impedito di lavorare in questo lasso di tempo. Provate voi ad avere una vita dignitosa con questa cifra.

È certo che nella gestione di questi fondi diverse persone nostrane (di qualsiasi colore politico, vedasi la vicenda di Mafia Capitale per citare forse la più famosa) hanno fatto affari sottraendo soldi a chi ne aveva bisogno, ma questo magna magna è un problema classico del paese.

Detto ciò, come è risaputo, vengono stanziati annualmente qualche miliardo di euro (con tutte le incertezze per il futuro dettate dall'ultima tornata elettorale) dall'Europa all'Italia per gestire ed integrare le persone in fuga (i famosi 30-35€ euro al giorno).

Ma a chi vanno questi soldi? Ad esempio, a gente italiana laureata o disoccupata che li trova impiego, a ditte che lavoravano per le sistemazioni varie, a negozi nostrani di alimentari, e a tanti piccoli esercenti ossia questi miliardi provenienti dall'estero entrano in circolo nell'economia italiana.

Per sfatare il luogo comune del non fanno niente. "Avete mai chiesto loro se vogliono lavorare?" la risposta è assai banale, ovvio che vogliono lavorare per costruirsi un futuro. E continuiamo: "ma le leggi che li obbligano a stare in Italia non permettono loro di lavorare?". Ovvio che no, altrimenti le fabbriche della nostra valle ne sarebbero piene visto che hanno prosperato finora anche grazie alla manodopera di chi ha avuto solo la possibilità o la fortuna di emigrare in tempi diversi.

Qua una volta o si andava in fabbrica o si emigrava, l'assurdo è che loro sono emigrati qui ma neanche in fabbrica non possono legalmente lavorare.

Loro non lavorano perché le leggi in materia di immigrazione e di richiesta d'asilo sono pensate per non risolvere il problema in tempi brevi ma per lasciarlo lì, in sospeso, probabilmente per fare arricchire chi dell'accoglienza ne vuole fare business e per far procedere all'incasso chi su questo tema ci basa intere campagne elettorali altrimenti vuote di qualsiasi proposta.

Questa retorica ci vuol far dimenticare che dietro non ci sono bestie ma profonde storie umane.

La retorica attuale arriva ad accusare di "buonismo" chi tende la mano.

Ma come può essere definito l'opposto di buonismo?

Dobbiamo anche sapere che buona parte di loro, se non tutti, non hanno il desiderio di fermarsi in Italia, ma vogliono andare verso il nord Europa per ricongiungersi a famigliari o amici o dove le condizioni sociali possono garantire loro condizioni di vita migliori.

Stesse condizioni riportate su di un articolo letto pochi giorni fa con a tema l'emigrazione dei cittadini bresciani.

Articolo che citando numeri ufficiali parlava, nel 2018, di un aumento di circa 3.000 bresciani iscritti all'A.i.r.e. (anagrafe italiani residenti estero) su un totale di 45.000 iscritti e che, senza contare i tanti giovani non iscritti, stanno svuotando le nostre valli e le nostre vite di affetti, idee e forse futuro.

Questo non ci può non far riflettere e far porre tanti quesiti, forse il più semplice e banale "che differenza c'è tra questi bresciani emigranti e chi scappa da guerre, fame, discriminazione o miseria?". Non stanno entrambe cercando un futuro migliore?

Forse parlare direttamente con chi sta emigrando per conoscere le storie, capire le loro ambizioni e acquisire la consapevolezza che nessuno nasce illegale, può permetterci di reinventare un futuro, che ora, non sembra portare a nulla di buono.

Quando capiremo che chi ha la sola colpa di muoversi e di cercare un futuro migliore, capiremo che aiutarsi conviene a tutti, capiremo che il nemico non è chi ha la nostra stessa fame di dignità ma chi ci affama.

Ci si vede alle 14.30 sul tappeto verde, il secondo e quinto (quando c'è) sabato di ogni mese ad Anfo.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID78209 - 07/11/2018 18:32:12 (pierdo53) D'ACCORDO
Su tutto, ottima idea. Se però utilizzaste dieci minuti di partita, sia Voi che gli ospiti stranieri, per tenere tagliata l'erba e per fare piccole manutenzioni al campetto che VI OSPITA (per esempio pitturare di bianco i pali delle porte che sono arrugginiti, prima che cadano in testa a qualcuno), sarebbe una integrazione ancora migliore per voi e per loro. Grazie.Pierdomenico Taramelli


ID78212 - 08/11/2018 07:02:56 (Beppe60)
Bravi a questi ragazzi. Del resto, ascoltare l'altro e la sua storia comporta uno sforzo che non tutti sanno fare. Più facile sentirsi minacciato da colui che arriva da lontano e che, di sicuro, è venuto qui per rubarti di qualcosa. Bravi invece perché provate che l'uomo è uno solo. I suoi desideri e le sue paure sono gli stessi ovunque. E basta un pallone per mettere tutti d'accordo


ID78232 - 08/11/2018 15:55:56 (bernardofreddi)
Questa lettera andrebbe incorniciata: è un concentrato di luoghi comuni sull'immigrazione da parte di chi i problemi proprio non li vuole vedere (e accusa di razzismo chi li vede). Anime felici! Spero solo che la vita non si incarichi di svegliarli troppo bruscamente.


ID78264 - 10/11/2018 14:30:15 (gioica) Spiegati meglio....
di cosa hai paura? cosa ti è successo per farti dire queste cose?In ogni caso, i luoghi comuni nascono sempre da verità di base...



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/10/2014 17:39:00
No a violenza e razzismo sui campi Il monito del Csi Brescia a tutte le società sportive dopo alcuni fatti incresciosi accaduti sui campi di calcio della provincia

05/02/2018 09:20:00
Anche io sono razzista È mai possibile che nel 2018 si parli ancora di razzismo e xenofobia? In un mondo multietnico e multiculturale com’è il nostro, fa ridere sul serio sentire ancora la parola “razzismo” 

12/01/2018 05:28:00
Accoglienza ad Anfo Da un anno circa ad Anfo sono arrivati richiedenti asilo di diverse etnie: libanesi, senegalesi, nigeriani, sauditi, pakistani e congolesi

20/04/2010 07:00:00
NoiAltri, per dire no al razzismo Razzismo, ritardo culturale o analfabetismo di ritorno? Su proposta della Cisl provinciale, per discutere di immigrazione, Vobarno ci prova con gli occhiali dell'antropologia culturale.

22/04/2010 07:00:00
Dal dire al fare Ecco la «piccola storia» di Afzal, che abita in via Copponi, una di quelle comprese nell'ordinanza gavardese.



Altre da Valsabbia
18/07/2019

«Wer Bist du (chi sei tu)?»

E' stato presentato nei giorni scorsi a Casto il libro di Bruno Garzoni, comercialista valsabbino di Roè Volciano, che per una volta ai numeri ha sostituito le lettere, per indagare l'eterno tema umano: l'innamoramento
(1)

18/07/2019

Energia dall'acquedotto

Politecnico di Milano ed A2A insieme nello sperimentare una speciale valvola che promette le gestione in tempo reale dei flussi idrici e anche il recupero di energia. Il primo impianto è stato piazzato a Vestone
(1)

18/07/2019

Due valsabbini da Lavenone a Venezia

La ricerca sulla straordinaria vicenda dei fratelli Bontempelli Dal Calice è l’oggetto del libro di Giuseppe Biati che verrà presentato questo venerdì, 19 luglio, a Lavenone 

18/07/2019

Lettera aperta al nuovo presidente

Questo venerdì alle 18 ci sarà l'Assemblea che affiderà i nuovi incarichi di governo in Comunità montana. Le associaizoni contrarie alla costruzione del depuratore del Garda a Gavardo e Montichiari, anticipano le loro richieste
(5)

17/07/2019

Laboratorio Gastronomico per valorizzare i prodotti locali

Lunedì 22 e 29 luglio al via i momenti formativi per elaborare il Menù delle Valli Resilienti creando una sinergia tra ristoratori e produttori agricoli locali

16/07/2019

Da Bruna con Carletto

Inaugurazione col botto per lo storico “Da Bruna” di Odolo. La ristorazione si arricchisce del forno a legna per le pizze e c’è anche l’area bimbi, mentre l’albergo guadagna una stella

16/07/2019

Stampa estera in valle

Le bellezze e i sapori della Valle Sabbia e del lago d’Idro sono stati apprezzati dai cinque giornalisti danesi e polacchi invitati da Visit Brescia - Bresciatourism a un tour promozionale (1)

15/07/2019

Un valsabbino ai vertici Lions

La Valle Sabbia ai vertici del servizio alla comunità con Lions Clubs International. Eletto Governatore del Distretto di Brescia -Bergamo - Mantova il gavardese Filippo Manelli


12/07/2019

Abbasso o rialzo delle tasse?

Quando calerà il sipario sull’argomento di distrazione di massa qual’è l’immigrazione e si dipanerà il mistero dei rapporti con la Russia, a Salvini e di Maio resterà di rispondere alle mirabolanti promesse sulla riduzione delle tasse. (9)

12/07/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Ci attende un altro fantastico weekend di musica e teatro tra Valle Sabbia, Garda e Provincia

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia