Skin ADV
Venerdì 13 Dicembre 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Tra le nubi

Tra le nubi

di Riccardo Podavini



12.12.2019 Gavardo Valsabbia

12.12.2019 Garda

11.12.2019 Preseglie

11.12.2019 Vobarno

12.12.2019 Pertica Alta

11.12.2019 Paitone

12.12.2019 Vobarno Gavardo Prevalle Salò Provincia

11.12.2019 Bagolino

11.12.2019 Provincia

11.12.2019 Vobarno






03 Luglio 2019, 06.54
Anfo Valsabbia
Lettere

La ciclabile del Baremone

di Gianfranco Seccamani
Si fa tanto parlare della ciclabile attorno al lago d'Idro come attrattiva turistica per rilanciare l'area. In realtà, così scrive Gianfranco Seccamani, una ciclabile da queste parti c'è già, bella che pronta

E’ ormai da anni che si parla e si scrive della futura ciclabile del lago d’Idro. Non entro nel merito della questione, non è il mio intento.

Assiduo frequentatore della zona di Baremone, da anni noto un incremento di presenze da parte dei ciclisti, sia con la bici da corsa – mountain bike e ultimamente con la E-bike.
Da Primavera ad autunno inoltrato. Anche con la neve presente su alcuni tratti, specie la parte alta.

Evidentemente è un percorso molto apprezzato, e le testimonianze sono molteplici.
Naturalmente la strada non finisce in Baremone, ma prosegue fino al Maniva e oltre. Nata come strada militare nel periodo della Prima guerra mondiale, ha via via perso importanza sotto questo aspetto.

Vista la crescente richiesta di percorsi ciclabili, la strada in oggetto ha tutte le potenzialità per essere inserita a buon diritto nel novero dei percorsi più “nobili“ anche dal punto di vista paesaggistico.
Il massimo dell’attrattività si raggiunge in autunno. Colori meravigliosi e accesi accompagnano chi affronta la salita.

A quanto mi risulta la strada è tuttora “intestata“ al Demanio militare.
Questo non ha impedito nel corso degli anni di intervenire con opere mirate al miglioramento della percorribilità. Una su tutte l’asfaltatura dell’intero tratto compreso nel comune di Anfo.

I veri problemi sono la difficoltà ad operare sulla manutenzione ordinaria, in modo particolare ai lati del percorso.
La vegetazione è via via riuscita ad impadronirsi del terreno adiacente, causando non pochi danni. Anche la periodica caduta di sassi, alcuni di grosse dimensioni, ne rendono difficoltosa la rimozione. Annualmente, si opera una manutenzione, affidata perlopiù a Volontari.
Pur con tutta la buona volontà ciò non è sufficiente. Calcolando il kilometraggio compreso nel territorio di Anfo, e moltiplicando per due, stiamo parlando di 28 km circa.

Essendo stato io stesso amministratore, conosco bene le difficoltà che incontra il comune.
La costante e frustrante carenza di fondi, costringe a mettere la “pezza”. Anziché intervenire in modo radicale ; certamente non risolutivo, ma con una prospettiva non più stagionale.

Anche il tratto da Baremone a malga Spina è in continuo restringimento, dovuto all’avanzare della vegetazione.
Il tutto causa danni al manto stradale, e non secondario è il problema sicurezza, dovuto alla sempre più scarsa visibilità, specie in periodo vegetativo.

Come accennato, la strada ha enormi potenzialità sotto l’aspetto “ciclabile“. E turistico.
Non è ipotizzabile che il solo comune di Anfo si faccia carico delle varie problematiche che affliggono la strada. In generale è comunque la pubblica amministrazione, a vari livelli, che andrebbe coinvolta -questo sì- dal comune di Anfo.

La proposta, dunque, è un invito all’amministrazione locale, in prima battuta di convocare una pubblica riunione per la trattazione del tema. Che coinvolga, almeno all’inizio anche la comunità montana.
Non dimenticando di coinvolgere gli operatori turistici, le associazioni e gli appassionati ciclisti. Non facendo parte di nessuna categoria elencata, sarei comunque in prima fila, non solo da spettatore.

Gianfranco Seccamani

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID81009 - 03/07/2019 10:28:06 (pierdo53) ANFO-BAREMONE-MANIVA
Sono pienamente d'accordo con Gianfranco. Il nuovo è bello se si può, ma mantenere quello che c'è in buono stato, è un dovere che abbiamo anche verso chi ha fatto enormi sacrifici per costruirla. Pensiamo agli uomini del Genio militare che hanno lasciato un tesoro enorme al nostro paese (non solo ad Anfo, naturalmente)


ID81011 - 03/07/2019 11:25:24 (Tc) ...
Quindi se passasse come ciclabile,non si potrebbe andar piu' con le auto,moto,eccetto proprietari?...Gli introiti cambierebbero per il rif.Rosa Baremone...che abbia bisogno di una ripulita e' vero,ma lo dovrebbe fare il vero proprietario...non so quanto potra' essere usata come ciclabile,e' solo ed esclusivamente tutta salita e anche impegnativa,fino in Maniva, senza un vero e proprio giro,chi sale qui,non e' un ciclista della Domenica,il problema e' che con questi nuovi motorini elettrici si corre il rischio di veder frotte di questi ''ciclisti'' della Domenica,con ripercussioni non indifferenti anche sul traffico,lo si e' gia' visto anche nel vicino Trentino e prima che nascano problemi e o divieti,forse e' meglio ponderare bene la cosa.


ID81014 - 03/07/2019 15:50:38 (ubaldo) E' ovvio che...
Non potrebbe essere una "pista ciclabile" in senso pieno. Non credo infatti sia possibile chiudere al traffico quella strada. Semmai un percorso ciclabile, da segnalare come tale.


ID81016 - 03/07/2019 18:10:37 (Tc) ...
allora non ce n'e' bisogno...ciclisti che lo frequentano ci sono e' abbastanza conosciuto anche dagli stranieri,e' sui vari libretti di Damiano Bontempi come percorsi da fare in bici,lo faccio tutti gli anni ed e' proprio bello cosi,perche' e' selettivo e poco frequentato...troppa risonanza e finirebbe come altre parti...Trentino docet.


ID81017 - 03/07/2019 18:20:28 (g.v.p@libero.it) Precisazione
A scanso di equivoci : la strada rimarrebbe fruibile a chiunque . Ciclabile in senso lato . Vero che è già conosciuta e molto frequentata dai ciclisti ; l'eventuale proposta , qualora fosse accolta e sviluppata è di intervenire con una " radicale manutenzione " . Non è questione di troppa risonanza o meno . Non ne ha bisogno . Ma serve una cura drastica , per non correre il rischio di un ulteriore peggioramento della situazione . Spero di aver chiarito il concetto . Gianfranco


ID81018 - 03/07/2019 20:02:54 (Tc) Ok Gianfranco
cosi suona diversamente...;-)



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/07/2016 07:42:00
Una ciclabile per il lago Un Ordine del giorno proposto dai 5 Stelle impegna la Provincia autonoma di Trento a valutare, ai fini del finanziamento con fondi Odi, i progetti valsabbini per una ciclabile in riva occidentale dell'Eridio


30/07/2016 07:10:00
Più vicina la ciclabile del lago Coglie subito la palla al balzo della dispobilità trentina il presidente della Comunità montana Flocchini per promuovere un incontro col nuovo sindaco di Anfo e il responsabile di A2A Ciclo Idrico per riprendere in mano il progetto della pista ciclabile dell’Eridio sopra il collettore fognario


10/11/2017 09:17:00
Fra Idro e Anfo non era andata così Nel 2011, probabilmente per evitare di dover fare degli espropri, l'idea di realizzare contemporaneamente collettore e ciclabile non andò in porto


11/08/2017 08:00:00
«Non è un'utopia» Gianfranco Seccamani ci scrive: «Riprendo volentieri l’articolo “Assistenza ai bagnanti sul lago d’Idro” del 10/08/17 apparso su queste pagine...»

10/11/2017 09:06:00
La scommessa L'idea, ora che è stata finanziata la realizzazione del collettore fra Anfo e Ponte Caffaro, è di farci passare sopra anche la ciclabile. In 15 anni è stata "collettata" tutta la Valle




Altre da Anfo
29/11/2019

Si ribalta a Sant'Antonio

E’ andata bene ai due giovani trentini che mercoledì sera, dopo un’uscita di strada e l’impatto contro un idrante, si sono ritrovati nell’auto con le ruote all’aria

15/11/2019

Il restauro degli affreschi di S. Antonio

Sabato mattina nell'auditorium di Vestone il convegno dedicato alla presentazione dei meravigliosi affreschi della chiesa di S. Antonio in Castèr di Anfo in occasione della conclusione dell'opera di restauro

08/11/2019

Selvatici di Baremone

Una femmina di gallo forcello da osservare e una cerva da salvare. Protagonisti i selvatici nella giornata degli agenti della Provinciale

06/11/2019

Taglio del nastro in Rocca

Ad accompagnare l'inaugurazione della sistemazione della Caserma Zanardelli, in Rocca ad Anfo, anche la popolarissima trasmissione televisiva In piazza non noi


30/10/2019

Gran finale stellato in Rocca

Questa domenica, 3 novembre, un evento speciale per la chiusura della straordinaria stagione turistica in Rocca d’Anfo. In programma tour guidati, degustazioni e molto altro


28/10/2019

Ma chi ce lo fa fare?

In merito alle problematiche riscontrato dalla Pro loco di Bagolino per organizzare la manifestazione La Transumanza, dice la sua il presidente della Pro loco di Anfo


26/10/2019

Finale di stagione stellato

La Comunità montana di Valle Sabbia inaugura domenica 3 novembre la nuova Caserma Zanardelli e assegna il Premio “Rocca d'Anfo Je t'aime” allo chef Philippe Léveillé

13/10/2019

Scontro auto moto

L’incidente questa mattina poco prima delle 11 nei pressi della Rocca d’Anfo. Il codice, inizialmente rosso, è passato a giallo


04/10/2019

Ebbravo l'ingegnere

Congratulazioni a Giampaolo Brugnoni, di Anfo, che giovedì 3 ottobre si è brillantemente laureato al Politecnico di Milano in Ingegneria dei Materiali e delle Nanotecnologie, con una tesi sulle "deposizioni elettrochimiche del telloluro di cadmio" (1)

27/09/2019

E adesso occorre la padella giusta

Gran bella preda quella catturata di fronte al porto di casa da Giampietro Poletti, sabbiense naturalizzato ad Anfo

Eventi

<<Dicembre 2019>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia