Skin ADV
Domenica 17 Dicembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Natale a Parigi

Natale a Parigi

by Kaiser



17.12.2017 Vestone Bagolino

15.12.2017 Vestone Agnosine Casto Valsabbia

16.12.2017 Sabbio Chiese

17.12.2017 Sabbio Chiese

15.12.2017 Sabbio Chiese Prevalle

16.12.2017 Serle

16.12.2017 Vestone Valsabbia

16.12.2017 Capovalle

15.12.2017 Muscoline

15.12.2017 Vobarno






23 Agosto 2017, 10.29
Anfo
Lettere - Anfo 1

«La doppia verità»

di Gianfranco Seccamani
Ancora una lettera di Gianfranco Seccamani che ha per tema le scelte amministrative su Anfo. Comune del quale Seccamani è stato sindaco. Questa volta abbiamo chiesto al sindaco attuale di dare una risposta. Pubblichiamo anche quella

Buongiorno direttore,

prendo spunto da una lettera (28/06/2017 – prot .2272) da me inviata al vicesindaco di Anfo, e pc. ai consiglieri comunali, avente ad oggetto l’Ordinanza 446 del 12/06/2017 prot.1994 . A firma del vicesindaco .

Riguarda la rimozione delle reti di cantiere sul T.Re di Anfo e la revoca dell’Ordinanza 397 del 20/08/2015 – prot.2491.
Premetto che è con piacere che ho salutato la rimozione delle affatto esteticamente belle reti arancione.

“Ottimo lavoro! – era ora – si era ora bravi – applausi – finalmente, se non fosse per questa amministrazione le cose sarebbero rimaste tali e quali, anzi benissimo ora il nostro paese può ricominciare“. E via discorrendo, come alcuni “distratti frequentatori dei social" hanno salutato l’evento.

Ho imparato a non fermarmi in superficie, ma a leggerli attentamente, i documenti.
Nella Ordinanza 397 leggo testualmente: “il presente divieto rimarrà valido fino al completamento dei lavori di messa in sicurezza del fiume, lavori già finanziati dalla Regione Lombardia e in attesa della fine dell’iter burocratico“.

Nella Ordinanza 446 del 12-06-2017 testualmente si legge:
vista l’Ordinanza n° 397 in data 20/08/2015 con la quale si ordina il divieto assoluto di utilizzo delle sponde e del passaggio lungo il T.Re come da documento tecnico allegato alla stessa Ordinanza;
Considerato che tale Ordinanza vigeva fino alla sua revoca dopo i lavori di messa in sicurezza;
Visto che i lavori di messa in sicurezza del T.Re di Anfo finanziati da Regione Lombardia sono stati conclusi e che pertanto vengono a cessare le condizioni del divieto temporaneo;
                                                                          ORDINA 
È ordinato il divieto di transito sia con mezzi motorizzati, sia con mezzi ciclabili e a piedi nell’area demaniale adiacente al T.Re di Anfo, sia in destra che sinistra idraulica come da cartelli segnaletici, che verranno installati in prossimità del T.Re.”

I cartelli segnaletici posati così recitano: “strada riservata ai mezzi di servizio e agli autorizzati. Il transito ciclopedonale è tollerato a rischio del passante“. ?????

Pur non in possesso di altisonanti titoli accademici, senza tema di smentita si può affermare che tuttora vige il divieto di transito ciclopedonale!
Però i cartelli segnaletici ne “tollerano“ il passaggio!
L’area demaniale citata, rappresentata dai mappali 1941 (sx) e 1951 (dx) sono in concessione al Comune di Anfo.
Nei mappali vi è compreso anche il ponticello azzurro che attraversa il T.Re all’altezza del campeggio.

Se l’Ordinanza vieta tuttora il transito sull’area demaniale, come è possibile attraversarlo?
La questione non si esaurisce con l’Ordinanza: di quali LAVORI CONCLUSI  trattasi?
E’ sicuro il sig. vicesindaco  che ha firmato l’Ordinanza, di ciò che è affermato nella stessa?

Facciamo un passo indietro e precisamente al 20/04/2017 .
Ore 9,00 – Ufficio Territoriale Regionale di Brescia – Riunione della Segreteria tecnica relativa all’Accordo di Programma per la realizzazione delle opere di valorizzazione del lago d’Idro .

Per il comune di Anfo sono presenti il Sindaco Bondoni Umberto e il vice Zanardi Franco Oscar
Odg :
1- Verifica stato di avanzamento del progetto “Valorizzazione ambientale e interventi per la fruizione del Lago d’Idro del comune di Anfo"
2- Valutazione in merito alla richiesta del comune di Anfo di destinare il contributo per il progetto “Riqualificazione del nucleo antico di Anfo alla realizzazione di pista ciclabile di collegamento di anfo con la rete ciclabile del Trentino“.

“Sul primo punto l’arch.Terruzzi spiega in primis che la riunione è stata convocata a seguito della richiesta (agli atti prot.Regionale Z1.2017.0000790 del 03-03-2017) inoltrata al Presidente del Collegio di Vigilanza dell’Accordo di Programma da parte del comune di Anfo di destinare il contributo per il progetto “Riqualificzione del nucleo antico di Anfo alla realizzazione di pista ciclabile di collegamento di Anfo con la rete ciclabile del Trentino"; l’incontro rappresenta anche l’occasione per aggiornare la segreteria tecnica circa lo stato di attuazione dei progetti . Viene pertanto invertita la discussione degli argomenti all’ordine del giorno.
Al riguardo Terruzzi specifica in primis che gli approfondimenti giuridico-amministrativi svolti rilevano alcune criticità legate a vincoli normativi e a condizioni specifiche incluse nell’Accordo di Programma sottoscritto il 19 Giugno 2014 e approvato con D.a.r 6902 il 18 Luglio 2014;
precisamente:
- Ai sensi del D.lgs. 267/2000 (art 34) decade l’efficacia della dichiarazione di pubblica utilità. indifferibilità e urgenza dell’opera se non ha avuto inizio entro tre anni dall’approvazione dell’AdP;
- In base al cronoprogramma dell’Accordo (art.4), le opere previste devono essere realizzate entro 36 mesi dalla sua sottoscrizione; non sono inoltre previste proroghe ad eccezione della possibilità di estensione indicata all’art.7 – estensione dell’Accordo.
Evidenzia pertanto che, non essendo materialmente possibile esperire tutte le procedure di modifica dell’Accordo e le fasi di progettazione, appalto e realizzazione delle opere di una nuova proposta progettuale entro i termini previsti, risulta PALESE  l’inadempienza da parte del comune di Anfo rispetto agli impegni presi con la sottoscrizione dell’Accordo; di conseguenza, in qualità di coordinatore della Segreteria tecnica, manifesta l’opportunità di chiudere l’AdP entro i termini previsti dal cronoprogramma.
Tale inevitabile scelta conduce, una volta la rendicontazione del progetto “Valorizzazione ambientale e interventi per la fruizione del Lago d’Idro“  a richiedere al comune di Anfo la restituzione dei maggiori importi anticipati rispetto al costo richiamato progetto di valorizzazione ambientale secondo le procedure previste dalla D.G. presidenza –Struttura Ragioneria.

Al riguardo Terruzzi precisa che a seguito dell’approvazione dell’impegno finanziario (Decreto dirigenziale n. 10486 del 12.11.2014 , n.d.r.) il finanziamento concesso al comune di Anfo nell’ambito dell’AdP assume carattere vincolato alla realizzazione delle opere previste; pertanto gli importi non rendicontabili o riferiti a progetti non realizzati, rappresentano una economia ed in base alle attuali norme ritornano nella disponibilità del Bilancio regionale.

Una batosta. Ma incredibilmente il Verbale è stato successivamente firmato dal Sindaco! Certificando così la inadeguatezza della propria amministrazione a gestire il “bene pubblico“ .
E pensare che era presente anche il vicesindaco, che ha firmato l’Ordinanza 446. Dichiarando che le Opere finanziate da Regione Lombardia erano concluse. Nonostante il Sindaco abbia decretato la propria “inadempienza“ a tal riguardo.

Ecco perché la “doppia verità“.
Delle due l’una; o il verbale firmato dal Sindaco è “tarocco“, oppure lo è la dichiarazione firmata dal vicesindaco: “Visto che i lavori di messa in sicurezza del T.Re di Anfo finanziati da Regione Lombardia sono stati conclusi e che pertanto vengono a cessare le condizioni del divieto temporaneo“.
Chi dirige la “baracca“ in quel di Anfo?

Gianfranco Seccamani

Ps 1. Non realizzando l’opera prevista dall’AdP, si è persa la possibilità di avere l’Info-point ad Anfo. Verrà realizzato all’interno della Rocca.
Ma non è finita; l’opera prevista dalla precedente amministrazione e MAI realizzata dall’attuale, al momento delle elezioni amministrative dello scorso anno, era pronta ad essere appaltata, con le necessarie Autorizzazioni e l’acquisto dei terreni di pertinenza. Bastava poco.
E’ stata ferocemente osteggiata, non si ha notizia del perché (!) dall’attuale amministrazione “Rinascita Anfese“, anche se come dice il vecchio adagio: “il diavolo fa le pentole, ma non i coperchi“. Infatti nel votare il bilancio consuntivo 2016 (dove era prevista l’opera) la maggioranza si è espressa favorevolmente alla sua realizzazione. A Luglio e ad Accordo scaduto!!!
Se qualche consigliere, ingenuamente, pensava che la responsabilità fosse solo del Sindaco che ha firmato il Verbale, dovrà ricredersi. La maggioranza, compatta, ha votato a favore di un’opera che essa stessa non ha voluto realizzare!!!
Complimenti vivissimi.

Ps 2 . Pare anche che il progetto “cassato“, improvvisamente sia diventato Strategico per il comune di Anfo. Sempre a Marzo. Lettera inviata alla Regione (03-03-2017). Qualcuno può confermare, o smentire?

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
14/09/2015 12:00:00
Una proposta per la Rocca d'Anfo A seguito degli articoli apparsi sui giornali, con i quali si comunicava l'apertura della Rocca d'Anfo, mi sono rivolto all'agenzia turistica della Comunità Montana Valle Sabbia, per avere ragguagli sulla partecipazione alla visita

28/11/2016 09:31:00
Tra finzione e realtà In merito alla vicenda che vede la presenza di 46 profughi al Tre Casali di Anfo riceviamo una lettera dallex amministratore Gianfranco Seccamani. Pubblichiamo volentieri

23/08/2017 10:46:00
Bondoni risponde a Seccamani Egregio Direttore facendo seguito alla sua comunicazione voglio rispondere alla lettera inviatale dall'ex sindaco Gianfranco Seccamani

28/01/2017 14:53:00
Per valorizzare il Lago e la Rocca d'Anfo
Egregio direttore, innanzitutto ci presentiamo siamo dei cittadini nativi, domiciliati e residenti ad Anfo e simpatizzanti della Rocca d’Anfo e del lago d’Idro..


21/06/2010 07:00:00
Anfo e la sua Pro Loco Paese piccolo, Anfo, ma inserito nel macrocosmo della grande storia occidentale. Davide Bondoni ci scrive e ce ne parla.



Altre da Anfo
11/12/2017

Opere in scala

L'assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo Viviana Beccalossi, ha effettuato un sopralluogo al Politecnico di Milano dove è stato messo a punto un modello "reale" in scala 1:30 delle future opere di regolazione dell'Eridio
(3)

29/11/2017

Per il rilancio delle località montane

Ci sono anche alcuni enti valsabbini tra i protagonisti dell’iniziativa nata dalla collaborazione tra pubblico e privato per rilanciare il turismo nelle località montane e migliorarne i servizi (2)

27/11/2017

Estraneo ad ogni accusa

Il geometra Pietro Bondoni, di Anfo, che allora lavorava per l'assessorato provinciale alla viabilità, era stato accusato di abuso d'ufficio e turbativa d'asta. E' stato assolto con formula piena anche in appello
(2)

16/11/2017

Avanti tutta

La stagione di visite della Rocca d'Anfo si è chiusa con il 30% di visitatori in piu' rispetto allo scorso anno

15/11/2017

Intervista al sindaco Bondoni

Il viaggio di Vallesabbianews all'interno dei Comuni valsabbini continua. Oggi siamo ad Anfo, un piccolo Comune ricco di storia e di cultura, dove il sindaco Umberto Bondoni ci ha parlato del suo primo anno di amministrazione

15/11/2017

«Preoccupazioni legittime, ma eccessive»

Sulla questione del trivellamento di un pozzo per l’acqua potabile ad Anfo, in occasione di un'intervista più ampia che pubblicheremo nelle prossime ore nella sezione Premium, il sindaco Umberto Bondoni dice la sua. Ecco un'anticipazione


11/11/2017

Trivelle anfesi

In accordo con l’amministrazione comunale a2a sta scavando ad Anfo un pozzo per uso potabile che, se l’ex sindaco, si troverebbe a ridosso di una vecchia discarica (26)

10/11/2017

Fra Idro e Anfo non era andata così

Nel 2011, probabilmente per evitare di dover fare degli espropri, l'idea di realizzare contemporaneamente collettore e ciclabile non andò in porto
(1)

10/11/2017

La scommessa

L'idea, ora che è stata finanziata la realizzazione del collettore fra Anfo e Ponte Caffaro, è di farci passare sopra anche la ciclabile. In 15 anni è stata "collettata" tutta la Valle
(4)

09/11/2017

Anfo fra Medioevo e Rinascimento

Sarà presentata questo sabato 11 novembre presso il Museo della Rocca d’Anfo la trascrizione dei documenti dell’archivio comunale di Anfo, dal 1447 al 1624, effettuata dal prof. Franco Bianchini



Eventi

<<Dicembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia