16 Agosto 2019, 05.43
Valsabbia Val del Chiese Provincia
Eridio

«L'intesa è solo per poter sfruttare la risorsa idrica»

di Alex Marini

Così il Consigliere provinciale trentino Alex Marini (5Stelle), nel fare il punto ferragostiano sullo sfruttamento idrico del Chiese e del lago d'Idro, per come è visto in sede Pat e al Pirellone


A giugno noi del M5S siamo tornati a sollecitare Istituzioni ed enti territoriali riguardo alla gestione delle acque del fiume Chiese e del lago d’Idro. Lo abbiamo fatto presentando delle interrogazioni con cui chiedevamo se ci fosse la volontà di istituire un Osservatorio interregionale sul Chiese e sull’Eridio che fosse aperto alle associazioni e agli enti locali, ipotesi che fu peraltro valutata con favore già dal Ministro dell’Ambiente nel corso della precedente legislatura.

Passati 2 mesetti e sono arrivate le risposte che, lo diciamo subito, non sono soddisfacenti. Le interrogazioni erano state presentate sia dal M5S trentino (561/XVI del 6 giugno 2019 a firma dei consiglieri provinciali Alex Marini e Filippo Degasperi) che dal M5S lombardo (2400 del 17 giugno 2019 a firma del consigliere regionale Ferdinando Alberti).

Il Direttore Generale della Direzione Generale Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni della regione Lombardia è stato il primo a rispondere.
Il 18 luglio ha messo per iscritto che non vi è intenzione alcuna di procedere all’istituzione dell’Osservatorio ma solo “la disponibilità a fornire tutte le informazioni e i dati riguardanti la gestione del bacino idrografico e a mantenere aperta ogni forma di interlocuzione con tutti gli attori, istituzionali e non, interessati a tale tematica”.

Tradotto:non siamo disponibili a mettere in campo alcun confronto concreto che ci impegni a tenere conto delle esigenze di chi vive sul territorio ma se serve a tenervi buoni vi diciamo che in linea di principio, se ci va, potremmo anche sentirvi… ma anche no, anzi, diciamo di no che poi vi montate la testa”.

In pratica siamo di fronte alla solita risposta burocratese per dire che l’acqua è “cosa nostra” e la gestione spetta esclusivamente a specifiche categorie di utilizzatori (in Lombardia, non è un mistero per nessuno, sono gli agricoltori della bassa con le loro colture idrovore e le società interessate al business idroelettrico) che la possono utilizzare a dispetto delle comunità rivierasche e degli equilibri ecologici.

A tal fine, puntualizza l’amministrazione lombarda, è stato costituito un coordinamento operativo (permanente?) per assicurare lo sfruttamento della risorsa indipendentemente dalle situazioni di contingente emergenza o criticità, cioè l’acqua vogliono poterla ottenere quando più aggrada a lor signori e questo a prescindere dal fatto che ci siano delle situazioni che giustificano prelievi maggiori del previsto.
Pensano al fiume Chiese e al lago d’Idro come serbatoi per farsi gli affari loro e manco si premurano più di nasconderlo!

Ad agosto è, invece, arrivata la risposta dall’assessore trentino competente (!), che a sua volta ha confermato come non ci sia alcuna volontà di stabilire dei modelli inclusivi e aperti di gestione del bacino dell’Eridio e delle acque del Chiese e come non ci sia l’intenzione di tutelare l’acqua come bene comune.

Appare chiaro come si ritenga di soddisfare le richieste di sfruttare le acque per finalità irrigue senza considerare le esigenze di tutela del deflusso ecologico funzionale.
Per rendere operative le misure di prelievo idrico reclamate dagli utilizzatori di valle, il vicepresidente della Provincia di Trento Tonina, nonché assessore con competenze in materia di energia, utilizzazione delle acque pubbliche e di tutela dell’ambiente, ha specificato che è stata approvata un’apposita delibera proprio nei giorni che hanno preceduto a risposta 

(Delibera della Giunta provinciale 1181 del 1° agosto 2019 “Approvazione dell’accordo amministrativo di collaborazione tra la Provincia autonoma di Trento e la Regione Lombardia finalizzato a soddisfare le esigenze idriche del territorio lombardo per la stagione irrigua 2019 nell’ambito della gestione coordinata delle risorse idriche del bacino idrografico del fiume Chiese”).

Questo atto ha di fatto riconosciuto le aspettative della controparte lombarda fissando un corrispettivo pecuniario per lo sfruttamento delle acque e mettendo in secondo piano le esigenze di salvaguardia dell’ecosistema.

Come si vede la triste realtà del Trentino a guida leghista sottomesso ai vicini lombardi e veneti trova ogni giorno nuovi e concreti riscontri.

Alex Marini


Commenti:
ID81638 - 16/08/2019 10:04:44 - (Filippo Grumi) - prego accomodatevi

e senza i fondi necessari per far partire il contratto di fiume per il Chiese (50.000 euro all'anno per 3 anni) la regione Lomabardia dichiara apertamente che il Chiese è senza alcuna difesa, i gardesani ringraziano.

Aggiungi commento:
Vedi anche
02/04/2017 08:18

Eridio e Chiese, se ne parla a Remedello Questo martedì 4 aprile, a Remedello, Legambiente ed Amici della Terra metteranno al centro dell'attenzione le condizioni del fiume Chiese e del lago d'Idro, fra qualità e quantità d'acqua che vi scorre

07/01/2017 08:05

Livelli del lago, partita ancora aperta Le precipitazioni sono scarse, il lago d'Idro riesce ad ogni modo a garantire il minimo deflusso vitale al fiume Chiese. Coi lavori per le nuove opere di regolazione al via, quella dei livelli, è una partita ancora tutta da giocare

24/09/2018 10:53

In difesa del lago e del fiume Chiese Si terrà questo martedì sera a Idro un incontro pubblico dell'Associazione Amici della Terra Lago d'Idro Valle Sabbia per aggiornare sulle novità a tutela del lago e del fiume Chiese

25/09/2018 06:42

L’acqua che unisce Appuntamento questo martedì sera a Idro con gli Amici della Terra e la consueta pubblica conferenza, per fare il punto sull’azione di salvaguardia del lago d’Idro e del fiume Chiese

22/11/2017 16:05

«Il fiume Chiese e il suo lago d'Idro» Un convegno di alto profilo quello organizzato per questo sabato, 25 novembre, a Villanuova dall’associazione “Amici della Terra” e da Legambiente Lombardia. Al centro del dibattito il fiume Chiese e il lago d’Idro



Altre da Provincia
21/09/2020

Assemblea generale in sessione privata e straordinaria

Approvato il bilancio d'esercizio 2019, che chiude con proventi a 10,2 milioni di euro e un avanzo di gestione pari a 344mila euro; le aziende associate si attestano a 1.300, crescono i dipendenti

21/09/2020

Fronte del «no», i sindaci raccolgono adesioni

In vista della riunione della Cabina di regia i sindaci dell'asta del Chiese puntano ad un ulteriore aumento delle adesioni per la convocazione della conferenza dei sindaci nell'Ufficio d'Ambito

20/09/2020

Abbiamo bisogno di adulti responsabili ed autorevoli

Mai come quest’anno la ripresa della scuola è un evento carico di significati...

19/09/2020

Nessuna sterile polemica, ma proposte costruttive

«Nessuna sterile polemica, ma proposte costruttive». Le mamme del Chiese controbattono nuovamente al presidente di Ato Aldo Boifava, col pieno sostegno delle associazioni e dei comitati che si battono per la difesa del fiume Chiese

18/09/2020

Depuratore, nuova mozione in Provincia

L'ha presentata il consigliere Marco Apostoli di “Provincia Bene Comune”, chiedendo al Consiglio provinciale di bocciare il progetto dei due nuovi depuratori a Gavardo e Montichiari. Continuano, nel frattempo, le adesioni al fronte del “no”

18/09/2020

L'assessore Magoni ad Ecomuseo: «La vostra ricchezza è il lavoro di squadra»

Meravigliata dalla ricchezza dell'enogastronomia e della cultura del nostro territorio, l'assessore regionale al Turismo Lara Magoni, in visita a Prevalle, si è complimentata con Ecomuseo del Botticino per la sinergia vincente tra i suoi Comuni

18/09/2020

Gabriella Pasotti presidente del settore Meccanica

L'assemblea conclusiva del ciclo per il rinnovo dei consigli dei settori merceologici di AIB 2020-2024 ha visto confermata alla presidenza del settore Meccanica Gabriella Pasotti

17/09/2020

Oggi l'ultimo saluto ad Angelo Ziglioli

Il grande imprenditore gavardese, impegnato per tanti anni anche nello sport, nella cultura e nel sociale, lascia un grande vuoto nella comunità di Gavardo e in quella bresciana. Oggi – giovedì – alle 16 i funerali

15/09/2020

Dalla Fondazione Comunità Bresciana contributi per 500mila euro

Due bandi per la cultura e la valorizzazione del patrimonio artistico, storico e ambientale del territorio bresciano per sostenere gli enti no profit in progetti di utilità sociale. Scadenza per entrambi il prossimo 6 novembre

15/09/2020

Slitta la Cabina di regia

La riunione sul maxi depuratore, indetta in videoconferenza per oggi, è stata rimandata a martedì prossimo. Sindaci del Chiese e Comitati ambientalisti continuano a lottare per avere risposte concrete e per la valutazione di un progetto alternativo